Posts

Marrazzo ancora il “Chicco” di Sora.

, ,

Una rosa giovane e dalle grandi potenzialità, lo sguardo rivolto al “domani”, coach Mario Barbiero che sa bene come gestire tanti ragazzi indirizzandoli verso una maturazione professionale di altissimo livello: questo è il progetto che va definendosi a Sora. E in questa squisita amalgama non poteva certamente mancare un ingrediente come Federico Marrazzo, palleggiatore classe ’94 alla sua terza volta in maglia bianconera. Si conferma così in cabina di regia l’atleta romano che proprio nella città lirense ha conosciuto il professionismo – nel 2015/2016 in A2 -, ha vissuto la storica promozione in SuperLega e con i colori della Biosì Indexa Sora ha esordito proprio nella massima serie nazionale.

“In questo momento il pensiero è dominato solo da sensazioni positive: sono sicuramente felice e orgoglioso di far ancora parte di questo gruppo e di avere la stima della proprietà e dello staff che, mai come quest’anno, hanno deciso di puntare molto sui giovani. Con la società il legame è forte e leale, con il territorio altrettanto; qui sto bene, sono trattato come un figlio, un amico, da tutti i sorani. Sono oramai di casa dopo due anni in cui ho vissuto in una città come questa, che subito mi ha accolto meravigliosamente e fatto sentire a mio completo agio!” – commenta così la propria conferma Marrazzo.

La passata stagione gli è servita molto per comprendere i meccanismi, le difficoltà di una A1 e le differenze in campo e in palestra rispetto alla cadetteria:

“Grazie all’esperienza dello scorso anno, ho certamente affinato il mio gioco, ma altrettanto indubbiamente c’è ancora tanto da lavorare per migliorarsi – prosegue Federico. Sento di aver fatto un grosso passo in avanti sia tecnicamente che tatticamente, ma voglio arrivare al massimo delle mie capacità, giocarmi ogni chance, farmi trovare sempre pronto a fare il meglio possibile in partita e in allenamento”.

Alla domanda su cosa si aspetta per il campionato futuro, Federico conclude così:

“Ovviamente il livello della competizione è molto più alto in confronto all’A2; lo sapevamo, ma nei mesi passati lo abbiamo testato sulla nostra pelle, cercando di farci un quadro della situazione il più chiaro possibile. Il rodaggio ci è servito e i giocatori rimasti in formazione dal nostro ingresso in SuperLega hanno dalla loro parte quel po’ di esperienza che potrà servire a guidare i più giovani, a conservare la lucidità in ogni momento dell’anno, dal frangente più difficile al momento più favorevole e galvanizzante. Ciò che mi aspetto è una squadra giovane ma altrettanto competitiva e che sarà protagonista di ottime gare. Abbiamo voglia di stupire tutti, come fatto l’anno passato, quando dovevamo essere la cenerentola di turno e abbiamo invece dimostrato di poter dire la nostra. Da parte mia, ci saranno il massimo impegno e la massima umiltà: sarò a disposizione, come ho sempre fatto nel corso del tempo trascorso in questo club, e voglio dare il mio contributo alla nuova avventura che attende la Biosì Indexa Sora”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Oasi dei Sapori Volley Cup: “Questo progetto riesce a divertire ogni singolo partecipante in maniera educativa e sana”

, ,

Tanto movimento in casa Argos Volley, ora concentratissima sulla competizione che sta tenendo banco al PalaGlobo “Luca Polsinelli”, ovvero il torneo interscolastico “Oasi dei Sapori Volley Cup”, giunto alla sua quarta edizione.

Questa seconda fase è particolarmente intensa e coinvolgente non solo per i ragazzi partecipanti, i loro insegnanti e le scuole implicate, ma anche per tutto lo staff bianconero e gli atleti della Biosì Indexa Sora, sempre presenti in vesti ora di coach, ora di giudici di gara.

La terza giornata ha visto protagoniste le classi seconde delle scuole superiori, nello specifico la II^ M del del Polo Tecnico “C. Baronio”, la II^ C dell’ITAS “Nicolucci-Reggio” (Biologico) e la II^ A del Liceo Classico “V. Simoncelli”: i tre istituti si sono sfidati in un girone all’italiana, tutti contro tutti, coadiuvati dai giocatori della SuperLega. A guidare il sestetto del liceo il palleggiatore Federico Marrazzo, a presiedere la panchina dell’ITAS lo schiacciatore Marco Lucarelli mentre le redini del Baronio sono andate al martello Denis Kalinin.

I primi a scendere sul rettangolo di gioco sono stati gli alunni del Polo Tecinico contro i loro pari del Biologico, sui quali si sono imposti per 2 a 0 (25-13, 25-18 i parziali); a seguire, gli sconfitti della prima sfida hanno incontrato il Liceo Classico a cui si sono dovuti arrendere per 2 a 0 (25-6, 25-18); chiude la giornata lo scontro tra i vincitori del secondo match e quelli del primo: ancora una volta sono stati gli studenti del Simoncelli a spuntarla per 2-0 dopo una gara dai ritmi molto vivaci (25-20, 25-22).

“Al di là di chi vinca e chi perda, questo progetto riesce a divertire ogni singolo partecipante in maniera educativa e sana – commenta Federico Marrazzo. Tutti i ragazzi sono scesi in campo decisi a fare il loro meglio e hanno giocato con grande grinta e ardore. Per noi che ci cimentiamo nel ruolo di allenatore è molto soddisfacente vedere questi giovanissimi che ci chiedono consigli, ci ascoltano e cercano di mettere in pratica il più possibile di quanto noi gli diamo in chiave teorica. Questo è anche un momento di grande aggregazione e nel suo spirito ludico avvicina molti alunni alla pratica motoria che sicuramente inizia tra i banchi della scuola, ma che è importante portare avanti anche al di fuori di essa e con altri strumenti. Ogni anno vedo un numero sempre maggiore di coinvolti oltre i visi già noti dell’anno precedente, segnale evidente che gli stessi istituti restano soddisfatti di questa attività a loro dedicata e tornano volentieri nel nostro palasport l’anno successivo”.

Dalla controparte scolastica giungono invece le parole del docente Carlo Cupini, professore del liceo vincitore della giornata:

“Noi siamo sempre molto felici di partecipare a questa attività organizzata per la realtà scolastica territoriale dall’Argos Volley, che ringraziamo per l’opportunità che da ai nostri alunni di partecipare ad un torneo ad hoc con presupposti e finalità condivisi appieno dalla scuola. Oltre la disciplina sportiva, questi giovanissimi possono far tesoro di un’esperienza di gruppo che ne formi il carattere in virtù di un forte spirito di collaborazione materialmente vissuto sul campo, nonché di rispetto delle regole e dell’avversario. Inoltre, il fatto di impegnarsi fisicamente e mentalmente nella preparazione di queste partite, non solo aiuta gli scolari a socializzare tra loro ma fa si che impieghino il loro tempo in modo costruttivo. Ci auguriamo di proseguire questo comune cammino anche nei prossimi anni. Sono contento che la mia formazione abbia vinto, ma soprattutto sono soddisfatto di questo progetto e dei risultati positivi che sempre ne derivano”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Marrazzo e Mattei i volti dei corsi di caffetteria targati Real Caffè.

, ,

Ha avuto inizio l’estate scorsa la collaborazione tra la realtà del Real Caffè Moka Sir’s e la Biosì Indexa Sora: la storica torrefazione associò pubblicamente il proprio prestigio e il proprio brand alla società di patron Giannetti per il suo primo anno di SuperLega, e il club volsco ripaga questa fiducia promuovendo attivamente i progetti del proprio partner commerciale. Difatti, Real Caffé organizza presso la propria sede di Frosinone seminari di Latte Art, Caffetteria base e Coffee experience. I partecipanti hanno l’opportunità di apprendere da esperti docenti le varie tecniche per ottenere una perfetta montatura del latte, per produrre ottimi caffè e specialità con il “nero nettare”. E così, nei locali frusinati dello sponsor, in via Selci 47, il palleggiatore Federico Marrazzo e il centrale Andrea Mattei hanno prestato i loro volti come speciali “padrini” dei corsi targati Real Caffè.
I due giovani atleti bianconeri sono stati protagonisti di una mattinata in compagnia degli allievi della caffetteria e, grazie al supporto dei docenti presenti in loco, hanno realizzato caffè, versioni alternative con panna, schiuma di latte, cacao e deliziosi cappuccini. Per i giocatori della serie A è stato divertente cimentarsi con i macchinari a loro disposizione, creare gustose bevande e assaporarle con staff e studenti, i quali, attraverso le capacità dei loro tutor potranno anche apprenderanno le tecniche per eseguire decorazioni su cappuccini, nonché manutenzione delle attrezzature.
I corsi di Latte Art sono tenuti da insegnanti qualificati, in collaborazione con i Laboratori del Gusto e la Planet One, come spiega il consigliere delegato Paolo Reali:

“Questi sono corsi aperti prevalentemente a chi si approccia a questo lavoro per la prima volta, per quanto riguarda la caffetteria base. Ci sono poi anche percorsi di miglioramento, come il latte art, per chi già svolge questa professione da tempo e vuole affinarsi ed offrire maggiore scelta ai clienti con prodotti caldi, panna, topping o altro ancora. Chi vuole iniziare questo mestiere deve passare per una caffetteria base, per i veterani invece ci sono vari livelli. C’è il latte art, ci sono i cocktail a base di caffè, frutta e quant’altro, e poi ci sono anche corsi di bar manager in collaborazione con la Planet One di Sora. E’ il primo anno che collaboriamo con l’Argos Volley, ma siamo felici di aiutare la famiglia Giannetti, che oltre ad essere il patron della società è anche imprenditore del territorio. Anche il prossimo anno, sicuramente, vedrà i nostri colori legati a quelli del club pallavolistico, in virtù di un proficuo viaggio assieme di cui entrambi stiamo assaggiando i frutti e che cercheremo, dispiegando tutte le nostre forze, di rendere ancora più interessante”.

Real Caffè Moka Sir’s è sempre stata una società attenta allo sport: negli anni si è occupata di basket, calcio, motociclismo, boxe e quest’anno ha fatto il suo grande ingresso nel mondo della pallavolo, rendendo orgogliosa la famiglia della Biosì Indexa di una partnership così importante e che, con la propria presenza a sostegno visivo per i suoi seminari, spera di onorare, pensando già al futuro più prossimo.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Anche l’Istituto Comprensivo di Isola del Liri gioca a pallavolo con l’Argos Volley

, ,

Doppio appuntamento scolastico per la Biosì Indexa Sora che stavolta va a far visita ai ragazzi delle medie dell’Istituto Comprensivo di Isola del Liri, polo didattico ex Dante Alighieri. La mattinata degli alunni acquista un sapore diverso grazie alla presenza del centrale Andrea Mattei, del palleggiatore Federico Marrazzo e dello schiacciatore Pierpaolo Mauti, capitanati, come sempre, da coach Colucci.

Tanti gli scolari del plesso, divisi in due gruppi per meglio recepire tutte le informazioni che gli atleti professionisti dell’Argos Volley sono in grado di dare, sia a livello umano che tecnico. Difatti, dopo le presentazioni di rito, quello che si è instaurato tra i giovanissimi e i pallavolisti bianconeri è stato un proficuo dialogo imperniato sui valori intrisici a questa disciplina per poi estendersi al fattore tecnico, soprattutto in virtù della competizione che vede gli scolari protagonisti. Il torneo “Oasi dei Sapori Volley Cup” è nel vivo della prima fase, dove le classi di ogni scuola si sfidano con le loro pari interne al fine di aggiudicarsi il passaggio al secondo step, quello che le vedrà calcare il taraflex del PalaGlobo “Luca Polsinelli”, avvalendosi di un tutor della SuperLega e sognare le finali di maggio.

Dopo la teoria si passa alla pratica: bagher, schiacciata, palleggio, per affinare il più possibile la tecnica e scaldare le braccia per le gare che aspettano gli studenti. E’ sempre questo il momento più atteso, dove l’allenamento va a braccetto con il divertimento, quello sano, quello che piace tanto all’Argos e che cerca di veicolare il più possibile tra le verdi leve del comprensorio. Apprezzatissimo l’impegno del trio targato Biosì, come spiega la docente Maria Leonetti:

“Ho trovato i nostri ragazzi molto interessati a questa attività, merito soprattutto della disponibilità dei giocatori dell’A1, sempre molto gentili e attenti alle esigenze dei nostri scolari. Non è la prima volta che il nostro istituto partecipa al torneo organizzato dall’Argos Volley Sora e difatti questo incontro è stato davvero atteso con ansia dagli alunni. L’educazione al gruppo, al gioco di squadra, cerchiamo di infonderla ogni giorno, ma poter vedere dal vico, con i propri occhi, coloro che la applicano quotidianamente per lavoro, oltre che indole, è certamente una spinta maggiore di qualsiasi nozione teorica. Il lavoro che la società volsca fa per il territorio è notevole e noi siamo fieri di partecipare ad un progetto sportivo, educativo, ma anche ricreativo che non può far altro che apportare grossi vantaggi alla crescita personale dei giovani nonché alla società che viviamo, sempre più bisognosa di esempi positivi e puliti”.

La mattinata ha trovato poi degna conclusione tra foto, autografi e qualche domanda di “rifinitura” post allenamento, per meglio comprendere quei dettagli che possono fare la differenza nel gioco. La stretta di mano finale ha dunque sancito ancora una volta, qualora ce ne fosse stato il bisogno, che la collaborazione tra il club sorano e l’ente scolastico è sempre più forte e rappresenta, per l’Argos, l’attività faro, pezzo irrinunciabile del proprio planning settimanale.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Marrazzo, Tiozzo e Gotsev in visita al Liceo Classico “Simoncelli”

, ,

Ha iniziato la settimana tornando a scuola di lunedì mattina l’Argos Volley, proprio come la più diligente delle scolare, e lo fa entrando nella palestra del liceo classico “Vincenzo Simoncelli” di Sora.

L’ora di educazione fisica si trasforma in socializzazione, apprendimento di nuove nozioni, sportive e non, conservandone la natura motoria ma arricchendola con stimoli diversi. I ragazzi del biennio hanno dunque avuto modo di confrontarsi con la realtà di quel professionismo che tiene alto il nome della loro città in giro per l’Italia e che si chiama Biosì Indexa Sora. I colori bianconeri della SuperLega sono stati rappresentati, nel corso di quest’incontro, dal palleggiatore Federico Marrazzo, dallo schiacciatore Nicola Tiozzo e dal centrale Svetoslav Gotsev, accompagnati sempre dal coordinatore tecnico del progetto, coach Maurizio Colucci.
Il tempo è trascorso davvero in fretta tra le mura dell’istituto sorano, dove i ragazzi hanno alternato domande inerenti la quotidianità di un professionista a quelle più specifiche nello sportivo, magari entrando nel merito di situazioni tecniche, in virtù del torneo che li sta vedendo ora protagonisti nella loro stessa scuola per poi accedere alla seconda fase presso il tempio del volley volsco, il PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Gli alunni del classico, difatti, stanno svolgendo lo step interno della competizione “Oasi dei Sapori Volley Cup”, organizzata dalla società di Enrico Vicini per la quarta volta consecutiva e che continua a riscuotere consensi e a mostrarsi fruttuosa per l’avvicinamento delle giovani leve alla cultura dello sport e del benessere psico-fisico. Gli stessi atleti della serie A, che in questa fase fanno visita ai giovani del comprensorio, nella seconda vestiranno i panni del mister, allenando gli studenti e preparandoli alle gare che li attendono sul parquet di via Ruscitto.
Fischietto alla bocca e pallone in mano, si è poi passati alla parte pratica: palleggio, bagher, schiacciata, prove di attacco-difesa tra gli alunni del liceo, che hanno mostrato davvero molta voglia di fare, di migliorarsi, nonché passione pura per questa disciplina che fa del gruppo la sua forza. Lo ribadisce anche il docente di scienze motorie Carlo Cupini:

“E’ senz’altro positivo dare la possibilità ai ragazzi di incontrare dei professionisti come quelli della Biosì Indexa, rappresentanti della pallavolo di massima categoria nazionale. Il confronto è sempre soddisfacente, non solo dal punto di vista sportivo, ma anche per lo stile di vita stesso di questi giovani, bisognosi di modelli esemplari, sani, proprio come lo sono i giocatori che vestono la maglia del Sora: figure che rappresentano al meglio una serie di valori imprescindibili, come quello del gruppo e della condivisione. Come ogni anno siamo entusiasti, felici di partecipare a questo torneo e speriamo davvero di continuare a farlo in futuro. L’apporto dell’Argos all’ambiente scolastico aumenta di anno in anno e non possiamo che dire grazie ad una società che fa tutto questo per i nostri ragazzi, indirizzandoli verso uno sviluppo corretto dell’individuo”.
Un paio d’ore che si concludono come da tradizione, con foto, sorrisi e l’arrivederci sugli spalti del palasport per il prossimo match casalingo.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

A Molfetta di gran carattere

, ,

Per la prima volta nella stagione la BioSì Indexa Sora punta verso sud, direzione Molfetta dove al PalaPoli l’attende l’Exprivia per l’ottavo turno di SuperLega. Continua in Puglia dunque il tour de force arrivato alla terza gara in una settimana e che proseguirà mercoledì con il derby in terra pontina per poi concludersi domenica 13 tra le mura amiche del PalaGlobo con la sfida con Milano.

L’avversario di giornata, l’Exprivia Molfetta, non vive un momento sportivo felice, dopo la vittoria a Vibo Valentia e il tie break perso con Piacenza infatti, è a secco di punti da tre giornate, quelle che l’hanno vista arrendersi al cospetto di Padova, Ravenna e Latina.
Undicesima della classe a quota 4 punti dunque, il cammino fin qui condotto ha portato al saluto della guida tecnica Vincenzo Di Pinto sostituito da Flavio Gulinelli, il quale è stato già titolare della panchina bianco-rossa all’inizio della scorsa stagione prima di accettare l’incarico come allenatore della Nazionale Egiziana. In quel periodo, con lui alla guida, l’Exprivia realizzò 13 punti in 7 gare, conquistando quel sesto posto che poi è stato mantenuto e consolidato nel corso della stagione.

Va a caccia di un successo dunque Molfetta e, anche se il neo allenatore avrà poco tempo a disposizione per instaurare un rapporto di lavoro con i proprio ragazzi, punterà moltissimo sul fattore campo e quel pizzico di esperienza in più che ha della categoria.

“Stiamo crescendo e gara dopo gara trovando la nostra dimensione – dice Federico Marrazzo sul versante sorano-. Siamo giovani e il carattere di certo non ci manca.
Anche Molfetta ha tra le sue caratteristiche la giovane età, ha due ragazzi molto promettenti al centro della rete come anche il palleggiatore, e soprattutto un opposto di livello come Sabbi. In casa loro sarà difficile non solo a livello tecnico ma anche sotto il profilo emotivo per via del calore del pubblico, ma scenderemo sul rettangolo da gioco del PalaPoli agguerriti per cercare di portare qualcosa di buono a casa. Punti deboli in Molfetta ne vedo pochi, quasi nessuno. Sono una squadra molto equilibrata e molto brava. Dal canto nostro dovremo provare a mantenere la continuità che ci ha fatto vincere con Monza e che ci ha portato a lottare con tutte le altre squadre, per cercare di vincere la gara”.

L’Exprivia è alla sua quarta partecipazione consecutiva in SuperLega UnipolSai. Linea verde nel mercato per la società del presidente Antonaci: al palleggio è arrivato dal Sesi San Paulo il brasiliano Thiaguinho e con lui in diagonale Giulio Sabbi che torna in biancorosso dopo le esperienze estere e con la Lube.
In banda il confermato Joao Rafael insieme all’esperienza di Bogdan Olteanu, rumeno classe ’81 già in Italia tra il 2004 e il 2008. Al centro tre giovanissimi, sessant’anni in tre, Alberto Polo, Marco Vitelli e Gabriele Di Martino. Il libero classe ‘84 Daniele de Pandis, è una conferma oltre che una certezza.
Vive il settimo anno in maglia biancorossa invece Francesco Del Vecchio, capitano della squadra e punto fermo della tifoseria. Pronti a subentrare a gioco in svolgimento ci sono Pier Paolo Partenio al palleggio (ex Potenza Picena), Alessandro Porcelli a difendere palloni e il mancino Niki Hendriks per far rifiatare Giulio Sabbi. Proprio l’opposto di Prato è l’unico ex sorano del match, in maglia Globo nella stagione 2012/2013. A parti inverse invece, a vestire i colori pugliesi Francesco De Marchi nel 2013/2014 e Andrea Mattei durante l’anno precedente.

Sora e Molfetta si sono già incontrate diverse volte in Serie A2 tra il 2011 e il 2012 archiviando due vittorie nette per parte, e domenica si affronteranno nuovamente determinate a fare punti per sbloccare le loro posizioni.
Il match sarà interessantissimo e regalerà grandi emozioni e bellissima pallavolo. Appuntamento dunque domenica alle ore 18,00 presso il PalaPoli di Molfetta.

Riparte dalla “Evan Gorga” il progetto scuola dell’Argos Volley

, ,

Dopo la conferenza stampa dello scorso giovedì di presentazione del progetto-scuole dell’Argos Volley, si parte a pieno ritmo con la realizzazione pratica delle attività sociali del club volsco.
Nella giornata di martedì, il coordinatore tecnico dell’iniziativa, coach Maurizio Colucci, ha fatto il suo ingresso nel primo plesso coinvolto, l’Istituto Comprensivo di Broccostella “Evan Gorga”. Doppio appuntamento per iniziare con determinazione gli incontri che caratterizzeranno tutta la stagione sportiva della società bianconera: da una parte gli atleti della SuperLega, targati Biosì Indexa Sora, dall’altra gli alunni della primaria divisi in due gruppi. I primi, dunque, a varcare l’ingresso della palestra e a mettersi a servizio dei circa 200 giovanissimi di Broccostella sono stati il centrale Matteo Sperandio, il palleggiatore Federico Marrazzo e lo schiacciatore Marco Lucarelli. I campioni della serie A si sono fatti conoscere ai loro ospiti, spiegando le ragioni che li hanno spinti a scegliere la strada dello sport e come si dispiega la vita di un professionista, divisa tra allenamento, vita sociale e privata e studio, senza mai perdere di vista l’importanza di una dieta corretta, ausilio determinante per la crescita e lo sviluppo individuale.

Enorme soddisfazione del corpo docente, come afferma l’insegnante responsabile Patrizia Martucci:

“L’attività dell’Argos Volley all’interno delle scuole è significativa e il riscontro dopo il primo incontro è già notevole, anche in virtù di una collaborazione oramai più che consolidata. Molti dei nostri bambini delle elementari si sono avvicinati ai corsi di minivolley ed ora sono certa di un forte incremento. La pallavolo è sicuramente una disciplina perfetta per i giovani, per due motivi sostanziali, a mio avviso: in primis è uno sport di squadra, in cui ognuno è chiamato a dare il proprio contributo e ad aiutare i compagni; inoltre accresce il gusto della condivisione, dello stare insieme, cosa che oggi accade sempre più di rado, con i giovani troppo coinvolti dai videogame o dal mondo virtuale. Un secondo motivo è certamente l’educazione alla motoria, la consapevolezza del proprio corpo all’interno di uno spazio. La cosa però più bella è che tutto ciò avvenga all’interno della scuola, un ambiente che appartiene ad ogni alunno e che vive intensamente durante la settimana, passando così dall’attività propriamente didattica al momento ludico-sportivo”.

Dopo le naturali spiegazioni e la fase dei quesiti ai rappresentanti dell’A1, quesiti che andavano dalle regole di gioco a curiosità sugli allenamenti, sulla vita personale, sull’alimentazione, i ragazzi si sono quindi cimentati nei fondamentali della pallavolo, divertendosi con Sperandio, Marrazzo e Lucarelli. Palleggio, bagher e schiacciata per i piccoli alunni dell’Evan Gorga, coinvolti e compiaciuti dal dialogo con i beniamini SuperLega.

“E’ stato bello rapportarsi ai giovanissimi, così acuti, così vivaci e carichi di curiosità – spiega il sorano doc Marco Lucarelli. Ovviamente il momento più atteso è stato quello pratico e mi auguro possano appassionarsi così com’è accaduto a me e ai miei colleghi”.

Parere condiviso anche da Marrazzo:

“Mi ha fatto molto piacere che ci abbiano rivolto tante domande soprattutto sul nostro stile di vita, perché è importante, soprattutto a quell’età, scoprire il mondo dello sport e di cosa si ha bisogno per praticarlo al meglio e condurre uno stile di vita sano, anche sotto il profilo alimentare”.

Aggiunge il proprio contributo Matteo Sperandio:

“Sono molto soddisfatto di questo primo incontro nelle scuole. Per me è il terzo anno a Sora e il progetto che ci vede entrare nelle scuole e interloquire con i ragazzini per indirizzarli allo sport e a delle sane abitudini è di estrema importanza. Sono felice di farne parte, di incontrare i giovani della città e delle zone limitrofe perché credo fermamente nel valore sociale del volley. Parlo un po’ a nome di tutta la squadra, quando asserisco che noi ce la metteremo tutta per rendere il più piacevole e appassionante possibile ogni singolo appuntamento negli istituti”.

Visita alla “R. Gulia”, la preside Pietroluongo: “La presenza degli atleti ha un fascino innegabile sui ragazzi, stimolandone curiosità, sogni e voglia di cimentarsi”.

,

L’Argos Volley torna nuovamente a far visita all’istituto secondo comprensivo di Sora ma stavolta però ad attendere i giocatori c’erano gli alunni della scuola media “Riccardo Gulia”, dopo che nelle scorse settimane i campioni della serie A avevano incontrato i più piccini delle elementari.

Nella mattinata di sabato, Coach Maurizio Colucci alla testa di un tridente da applausi composto dal palleggiatore Federico Marrazzo, il centrale Emiliano Giglioli e dall’opposto Sjoerd Hoogendoorn, è riuscito anche stavolta a strappare consenso e a far conoscere l’attività di punta della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Promuovere la pallavolo nel territorio del sorano e limitrofi e far capire ai giovanissimi che attraverso la pratica di una disciplina come il volley si può giungere alla comprensione di valori universali quali promuovere l’educazione fisica e sportiva nel rispetto dei ragazzi e dei suoi ritmi evolutivi, valorizzando le competenze individuali orientate alla promozione di corretti e attivi stili di vita; sviluppare un senso di maggior rispetto delle regole e delle istituzioni; aumentare il senso di coesione sociale attraverso lo sport; accrescere il senso di responsabilità negli studenti attraverso la comprensione delle regole sociali e civili e quindi al rispetto della legalità; mangiare bene per muoversi meglio e ancora tanto altro.

Come per ogni precedente appuntamento, gli atleti sono stati dapprima a disposizione dei ragazzi per soddisfare ogni tipo di curiosità e rispondere alle domande più disparate, successivamente hanno invece avviato il discorso della “pratica”, mostrando i fondamentali della pallavolo e intavolando divertenti giochi con il pallone.
Nel corso della mattinata è stato presentato anche il progetto “Oasi dei sapori volley cup” giunto alla sua terza edizione, ossia il torneo interscolastico organizzato dall’omonimo agriturismo in collaborazione con l’Argos Volley e la Globo e che vede coinvolte tutte le scuole medie e i bienni delle superiori del territorio. La competizione, che si sviluppa nella sua fase iniziale tra le mura scolastiche, si trasferisce poi all’interno del “tempio”, il palazzetto di via Ruscitto, dove le classi meglio classificate si sfideranno nella seconda fase del torneo, guidate proprio da un testimonial della serie A che condurrà i ragazzi fino alla terza e ultima fase, le agognate finali con relative premiazioni.
Nello scorso anno il successo dell’iniziativa è stato acclarato con tanta soddisfazione in casa Argos e ora non si può che replicare quanto di positivo è stato seminato nei mesi passati.
Molto interessati gli studenti che hanno chiesto tutte le informazioni del caso riguardo la competizione e il settore giovanile societario ai loro beniamini.
A esprimere quanto emerso dal “date” mattutino il giovanissimo Marrazzo:

“Rapportarsi con i ragazzini è sempre molto bello ma anche molto difficile. Noi ci poniamo come degli “insegnanti per un giorno” cercando di attirare la loro attenzione e coinvolgerli con i nostri racconti di vita professionale, con la nostra esperienza, con i nostri consigli, cercando di farlo senza annoiarli ovviamente.
Fino a pochi anni fa io ero uno di loro per cui so come ci si sente, cosa diverte di più, cosa affascina maggiormente. Da loro ho avuto indietro tanta positività per cui mi aspetto che seguano quanto affermato e promesso durante l’incontro e spero di avergli fatto passare delle ore piacevoli assieme ai miei compagni”.

Anche la preside dell’istituto, signora Licia Pietroluongo, spende parole felici attorno all’attività Argos:

“Sicuramente lo sport è un momento fondamentale nella vita dei ragazzi, soprattutto in questa età. La possibilità poi, di avere una società di volley che disputa il campionato di serie A ha un fascino innegabile su di loro, stimolandone curiosità, sogni e voglia di cimentarsi. Essendo la pallavolo uno sport di squadra e conoscendolo perché praticato anche tra le mura scolastiche, questo genere di incontri non può che spronare i giovani a condurre uno stile di vita sano, sano come è il mondo del volley. La società Argos Volley è sempre molto presente nella realtà scolastica e giovanile, rappresentando sicuramente una risorsa di spessore per il nostro territorio”.

Immancabili, dunque, i saluti di rito con tanti autografi e chiacchiere con gli atleti al sapore di una buona merenda biologica offerta dall’azienda Biosì.

Scuola e Volley, di scena l’istituto “G. Baisi”

,

Prosegue con successo il cammino promozionale della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora tra le scuole della Media Valle del Liri.
Lo scorso mercoledì la società di patron Giannetti si è recata a Isola del Liri presso l’Istituto Secondario di primo grado “G. Baisi” dove, ad attendere staff tecnico e atleti della serie A, c’era un nutrito numero di ragazzi curiosi.

Il coordinatore del progetto, coach Maurizio Colucci, è stato accompagnato nel suo viaggio educativo-sportivo dagli schiacciatori Pierlorenzo Buzzelli e Daniel Bacca, e dall’alzatore Federico Marrazzo che sono stati accolti con entusiasmo dalla giovane platea.

L’incontro ha coinvolto gli alunni e gli insegnati in tre intensi momenti. Prima una parte “teorica” in cui è stata spiegata ai più giovani l’importanza di un corretto stile di vita di cui sana alimentazione e sport sono fondamentali per lo sviluppo personale, e durante la quale sono state anche illustrate le attività faro della società Argos Volley e quindi la rilevanza del settore giovanile e del torneo interscolastico “Oasi dei Sapori Volley Cup”, competizione organizzata in collaborazione con l’omonimo agriturismo e giunta alla terza edizione.
In un secondo momento la parola è passata agli stessi giocatori che hanno potuto raccontare le loro esperienze nel mondo del professionismo, la preparazione che hanno portato avanti negli anni, la passione per la pallavolo e le loro stesse vite. I giovani studenti, molto interessati, sono stati parte attiva della discussione chiedendo ogni tipo di informazione e sviscerando le loro curiosità attorno al dorato mondo dello sport.
Non poteva poi mancare un momento ludico-didattico in cui le giovani leve, divise in tre gruppi, si sono divertite con i loro beniamini giocando e soprattutto imparando qualche fondamentale del pallavolo. Tanto affetto e ammirazione per gli atleti della Globo i quali, prima di salutare i nuovi piccoli amici per tornare alla fatica del parquet, si sono prestati a foto e autografi.

Stima anche da parte del corpo docente che, nella persona di Anna Grazia Bengazi, ha dichiarato:

“Sono molto contenta e soddisfatta dell’incontro odierno. E’ stato stimolante per i miei alunni avere un dialogo con chi ha fatto dello sport un lavoro. Da insegnante di educazione fisica sono orgogliosa di aver ascoltato parole che valorizzino la professione sportiva e che la indichino come una strada che non esula dallo studio, anzi, che si può e deve accompagnare ad esso, come dimostrano i vostri stessi atleti laureati o che stanno completando gli studi universitari nonostante giochino in serie A. I piccoli sono stati molto partecipi, esternando la loro necessità di capire, comprendere, come vive un atleta professionista con tutte le problematiche che tale posizione comporta. I giocatori dal loro canto, sono stati gentilissimi ed esaustivi, hanno invogliato sicuramente i miei alunni a conoscere la pallavolo e a mettersi in gioco”.

Un altro passo nella giusta direzione, un incentivo per i più giovani a vivere una realtà in cui se da una parte lo spirito di sacrificio e la passione sono puntelli indispensabili, dall’altra si è ripagati attraverso la gratificazione, la soddisfazione e perché no, il divertimento che solo lo sport può dare.

Sperandio, Marrazzo e Lucarelli tornano a scuola.

Con l’avvicinarsi del fischio d’inizio del nuovo campionato di Serie A2 e dei campionati giovanili, la società Argos Volley (www.argosvolley.it) riprende il proprio cammino promozionale nelle scuole del territorio.

Lo scorso martedì il coordinatore del progetto, Coach Maurizio Colucci, assieme ad alcuni dei suoi ragazzi della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, hanno dato inizio al tour che vedrà i campioni di corso Volsci entrare negli istituti scolastici di Sora e dintorni per parlare di sport e sana alimentazione agli alunni, ma anche per giocare con loro a pallavolo. Testimonial di questa prima giornata sono stati Marco Lucarelli, Federico Marrazzo e Matteo Sperandio che assieme al loro mister hanno fatto visita ai bimbi della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella.

Gli alunni sono stati divisi in tre gruppi per permettere a ognuno di loro di stare a stretto contatto con gli atleti della Globo e per far si che tutte le loro curiosità venissero soddisfatte.

L’incontro è stato aperto dalle parole di Coach Colucci attraverso le quali si è cercato di far conoscere la realtà dell’Argos Volley e tutte le attività che è possibile svolgere presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli”, ma anche quelle che la società svolgerà all’interno dell’istituto.
La palla poi è passata agli atleti che hanno raccontato alla piccola platea la loro storia di vita e di pallavolo mettendosi poi a disposizione per le domande dei più curiosi.
Non poteva di certo mancare il tanto atteso momento della pratica durante il quale tutti i bambini hanno avuto la possibilità di giocare con i propri beniamini e imparare da loro qualche fondamentale della pallavolo.
Prima di congedarsi per tornare a sudare in palestra, gli atleti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si sono divertita e prestati a fare foto e a firmare autografi.

Gli occhi dei piccoli alunni erano colmi di ammirazione e stima nei confronti dei ragazzi e a notarlo è stata anche la loro docente, la signora Patrizia Martucci responsabile del progetto all’interno dell’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella.

“Credo che avviare gli alunni della scuola primaria a uno sport di squadra sia molto utile per una crescita alla corresponsabilità – afferma soddisfatta l’insegnate -, e dunque l’incontro di oggi è sicuramente positivo in tale senso.
Incontrare ragazzi che stanno realizzando il loro sogno di giocare a un così alto livello non può che essere un incentivo per i piccoli della scuola. Ho visto tutti i miei alunni molto entusiasti e pieni di voglia di fare, mettersi in gioco e misurarsi con delle attività per lo più di squadra caratterizzate anche da un sano spirito di competizione.
Credo che ci sarà una buona risposta anche per i corsi pomeridiani di pallavolo che proprio per i nostri alunni si terranno nella palestra della loro scuola, un buono stimolo a rimanere nel luogo dove trascorrono già gran parte della loro giornata. Spero quindi in un riscontro positivo e chissà che magari attraverso questi corsi i ragazzi non riescano a dar vita, passo dopo passo, anche a una squadra d’istituto”.

Anche il palleggiatore Federico Marrazzo, trovatosi a vivere una situazione a lui nuova, ha dichiarato:

“Credo che un’esperienza come quella di oggi sia molto stimolante per dei bambini di quest’età al fine di indirizzarli verso lo sport di squadra e in particolare verso la pallavolo. Sicuramente l’attività che abbiamo svolto insieme oggi li ha fatti divertire e penso abbia lasciato loro qualcosa di buono. A dire la verità ci siamo divertiti anche noi nel vedere questi ragazzini pieni di entusiasmo, e poi ci hanno permesso di tornare un po’ indietro con la mente fino ai nostri inizi, ed il bello di questo sport è anche questo”.

Insomma, un vero e proprio pomeriggio all’insegna della pallavolo per gli alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella, e chissà che non sia solo l’inizio per qualcuno di loro.