Davide Zappacosta, tra Chelsea e Nazionale: gli auguri dell’Argos Volley

, ,

Figlio d’arte, barlume di speranza per i suoi “fratelli” bianconeri, eccellenza sportiva, grandissimo esempio di umiltà, atleta tenace: Davide Zappacosta ce l’ha fatta a volare in alto e tutto grazie alle proprie doti, allo spiccato talento, alla passione e al sacrificio che, proprio come in una di quelle frasi che sembrano pura e arida retorica e che invece a volte nascondono verità tautologiche, ripagano. Si, ripaga allenarsi con zelo, giocare con la testa oltre che con il fisico; ripaga concentrarsi su un obiettivo e dover rinunciare a piccole e grandi cose che però, negli anni della giovinezza, sembrano insormontabili.

Quante serate con gli amici saltate, quante vacanze, quante giornate passate sotto la pioggia o magari sotto un sole cocente a rincorrere palloni e sogni su un campo verde? Ed ora Sora può vantarsi del fatto che un suo figlio ha raggiunto la vetta, l’olimpo del calcio, che è diventato “grande tra i grandi”.

E Davide ha sempre dato un contributo alla sua città mostrandosi disponibile, incentivando le note positive del territorio volsco, sponsorizzando le realtà più feconde, proprio come la scorsa estate fece con l’Argos Volley: al suo primo anno di SuperLega, fu il volto del terzino sorano a invitare i suoi concittadini a stringersi attorno al mondo della pallavolo, a recarsi al PalaGlobo per prenotare il proprio posto e tifare la Biosì. Lui stesso, dopo il video, si recò al palasport a conoscere la società, a immortalare con una fotografia il sostegno alla causa pallavolistica. Un’eccellenza in collaborazione con un’altra, a dimostrare che tra simili ci si riconosce e che la passione per lo sport può fare molto per un territorio, che non è importante come si colpisca un pallone, se con le mani, con i piedi, ma dove può arrivare quel pallone. In entrambi i casi, la sfera è entrata negli almanacchi della serie A. L’Argos Volley non può dunque fare a meno di esprimere a Zappacosta la gratitudine per essere stato al suo fianco nonché i migliori auguri possibili per una carriera che sta subendo un’evoluzione d’oro.

Il passato tra il Tomei e il Nazareth, la maturazione professionale tra le fila di Atalanta e Avellino, il passaggio dal Torino al Chelsea, dalla casacca granata a quella blues, la convocazione e le presenze in nazionale: vedere un sorano in Champions League, un sorano calcare il campo dello Stamford Bridge, un sorano che domani potrà disputare, con la maglia azzurra, la delicata sfida di qualificazione mondiale contro Israele a Reggio Emilia, riempie di orgoglio e di gioia il club di patron Giannetti al completo. A Davide il più grosso e meritato in bocca al lupo; a 24 anni, queste soddisfazioni sono lo specchio di un talento sopraffino e di un’etica che, siamo certi, lo contraddistingueranno per il resto della vita.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *