Gli impegni del Comune per la SuperLega: Sala Hospitality, Parcheggio e Curve.

, ,

Il racconto sulle verità Argos Volley continua arrivando quasi ai giorni nostri ossia, dopo aver conosciuto e capito il motivo per il quale la compagine di Patron Giannetti ha potuto tornare a giocare a Sora la sua Serie A2 e a quale prezzo, alla storica promozione nella massima categoria nazionale.

Domenica 15 maggio 2016, in un PalaValentia gremito in ogni ordine di posto (quasi tremila i presenti di cui oltre 300 sorani) la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora conquista la promozione in SuperLega UnipolSai 2016-17. Un risultato fantastico che arriva alla settima stagione di Serie A2 e che chiude il cerchio di un’annata giocata sempre ai massimi livelli tra le rincorse continue in Campionato con la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia e la disputa della Finalissima della Del Monte® Coppa Italia Serie A2 al Forum Assago, persa sempre contro i vibonesi sul filo di lana al termine di un tie break da cardiopalma.
L’arrivo di Sora in SuperLega è il bell’epilogo di una storia cominciata nel 1975: tutto nasce da una piccola società fondata da un gruppo di amici che veleggia tranquilla nelle serie provinciali e arriva in Serie C. La svolta arriva col patron attuale, Gino Giannetti e la sua azienda Globo s.p.a., prima sponsor e poi vero e proprio volano manageriale ed economico della società. Una scalata pianificata che inizia con la promozione in B2 e in tre anni, dal 2005 al 2008, la salita alla B1. La società in questa categoria ci resta un anno solo perché in quella successiva, la 2008/09, conquista la Serie A2. Alla settima partecipazione al Campionato Nazionale di Serie A2, quella 2015/16, arriva appunto la promozione sul campo in SuperLega.

Subito dopo la festa promozione a Sora si è votato per le Comunali e la nuova giunta insediata si è ritrovata tra le mani la SuperLega. A fine giugno 2016 l’Argos Volley ha presentato regolare domanda di iscrizione al Campionato di SuperLega 2016/17 e come campo da gara ha richiesto l’omologazione del PalaGlobo “Luca Polsinelli”.
Grazie alla neo nata Amministrazione del Comune di Sora che ha posto la firma sul protocollo contenente i requisiti richiesti dalla Lega Pallavolo Serie A in merito ai campi da gioco, la società è riuscita nei termini stabiliti a consegnare opportuna documentazione alla Commissione Ammissione Campionati.
Firmando tale documentazione, il Comune di Sora si è impegnato alla messa in opera degli adeguamenti necessari alla struttura di via Ruscitto affinché potesse essere omologata per il Campionato Nazionale più importante. Il Patron Gino Giannetti si dichiarò felicissimo ringraziando pubblicamente l’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Roberto De Donatis e tutto il suo entourage, per aver lavorato tanto tempestivamente da poter permettere a Sora e ai sorani di continuare a vivere il sogno conquistato un mese e mezzo prima e dunque poter disputare il primo campionato in Serie A nella città bianco-nera.

“In conferenza stampa – racconta il Patron Gino Giannetti -, il sindaco dimostrò il suo interesse e la conoscenza dei fatti dichiarando che sarebbero stati fatti dei lavori per permettere a Sora di giocare a Sora il primo campionato di SuperLega, consapevoli del fatto che si sarebbero dovuti fare ulteriori lavori nel giro di un anno per raggiungere i 3000 posti. L’impegno che si prese il comune era quello delle Curve per arrivare ai 2000 posti, della Sala Hospitality e di un parcheggio, ma da subito si capì che ci sarebbero state delle difficoltà, per questo abbiamo passato un’estate intera a cercare di capire il da farsi. Ci siamo dovuti barcamenare e ingegnare abbastanza per trovare soluzioni agli impegni non mantenuti ma anche per quelli mantenuti a metà, per i quali solo la benevolenza della Lega ha fatto in modo di non farci spostare di campo già lo scorso anno.

Per quanto concerne le tribune, il Comune ha provveduto al noleggio di due strutture già pronte e dunque non ovviamente concepite ad hoc per gli spazi del PalaGlobo, e queste durante la stagione si sono rivelate problematiche in fatto di posti con conseguenti carenze importanti.

Tutti poi ricorderanno anche la pessima figura che stavamo per fare con l’Hospitality in quanto, secondo l’amministrazione, avremmo dovuto farla in due teloni posti all’esterno del PalaGlobo. Tralasciando le condizioni fatiscenti di quelli che venivano chiamati gazebo, forse non si era capito fino in fondo il significato, il funzionamento e l’utilizzo che in SuperLega se ne fa della sala Hospitality. Così anche a questa esigenza-mancanza abbiamo dovuto sopperire con le nostre forze inventando spazi e creando bellissime opportunità con le risorse del territorio. Gli alunni e i docenti dell’IIS Cesare Baronio, nello specifico dei settori “Enogastronomia” e “Ospitalità Alberghiera”, durante ogni gara casalinga si sono occupati operosamente dell’Accoglienza-Hospitality, lavorando sodo sia nell’allestimento stesso della sala di ristoro, sia nella preparazione di deliziosi menù, senza dimenticare la grande professionalità con cui il pasto lo hanno servito e la cura nello sgomberare, a fine servizio, la stessa area. Ogni volta che la BioSì ha calcato il parquet casalingo, la sala Hospitality si è animata di giovani volenterosi di mettere alla prova le loro abilità e i talenti curati dall’Istituto Alberghiero, facendo conoscere ai loro ospiti le bontà del nostro territorio confezionando ogni piatto secondo le ricette più tipiche utilizzando prodotti della nostra terra perché l’Argos Volley è da sempre sinonimo di attaccamento e passione per le proprie origini.

Per quanto riguarda il parcheggio abbiamo invano aspettato tutto l’anno sportivo assieme ai nostri 30.000 spettatori che ricorderanno l’intera fase del periodo invernale nella quale si è preceduto alla bonifica del terreno. Ci è voluto il periodo di marzo-aprile per avere quell’area brecciata che comunque non è mai potuta essere adoperata. Forse in occasione dell’ultima partita qualcuno ha avuto il coraggio di rimanere impantanato lì dentro…
Quindi, sentirsi dire che si sono spesi dei soldi per la pallavolo per l’anno scorso, non corrisponde a verità. O meglio, a onor del vero, gli unici soldi che possono essere completamente additati alla pallavolo sono il noleggio delle due tribunette che, se non erro, sono rendicontate con una cifra pari a €24.000. Tutto il resto, o non è di competenza, o non è imputabile a noi, come il parcheggio che comunque è, e resta, patrimonio della struttura del palazzetto e dunque della città di Sora”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Sora

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *