Le voci dei protagonisti della Finale del Trofeo Zeus

, ,

Si conclude con il secondo posto, l’avventura campana della Biosì Indexa Sora impegnata nella prima edizione del “Trofeo Zeus”. Con un netto 3-0, la Top Volley Latina supera i bianconeri e si aggiudica il torneo; bronzo all’Exprivia Molfetta che batte la società organizzatrice della Sigma Aversa, medaglia di legno.

Sora lascia dunque il parquet del PalaJacazzi con un po’ di amarezza, ma anche con la consapevolezza di poter andare a lavorare con serenità sui “punti deboli”, fissando l’obiettivo della crescita generale di un gruppo con molti giovani e tanto potenziale. Questo il punto di vista di coach Bagnoli:
“La nostra squadra in questo momento non è attrezzata per giocare due partite consecutive, come è già successo la scorsa settimana durante il “Trofeo Nonno Gino”. Anche in quell’occasione, abbiamo disputato una gara buona e una meno buona. Siamo partiti bene nel primo set con un’ottima battuta, abbiamo messo sotto Latina, poi, purtroppo, una serie di servizi di Maruotti ci ha messo in grossa difficoltà: ha fatto 5 ace, molto bravo lui, e noi non abbiamo gestito al meglio alcune situazioni di palla alta, dove avremmo potuto, allungando lo scambio, fare un pochino prima il cambio palla. E’ stata una disputa tutta in salita e nonostante i cambi – ho messo dentro Tiozzo e Sperandio – non siamo riusciti a ribaltare l’inerzia del match. Al servizio abbiamo fatto un po’ fatica e questo non ci ha consentito di piazzare bene il muro, infatti ne abbiamo presi solo 3. Sottile, dall’altra parte della rete, è stato molto bravo e ha gestito davvero bene i suoi centrali, sia Gitto che Qunitana a oltre il 70%, e questo ha consentito all’opposto mancino Strugar di fare una bellissima partita. Sicuramente è un test che ci servirà per il futuro e che ci mostra tutti gli spazi di miglioramento che abbiamo, soprattutto nella continuità di cambio palle che dobbiamo arrivare a sviluppare ulteriormente. Speriamo che l’opposto Miskevich, mercoledì, possa dare un punto di riferimento in più al palleggiatore e alla rosa in generale per quanto concerne la situazione d’attacco”.

A commentare la sconfitta anche il capitano volsco, il martello Mattia Rosso:

“Nel match di oggi c’è sicuramente un peggioramento rispetto a quanto abbiamo fatto vedere ieri. Avevamo di fronte una compagine più quadrata rispetto a Molfetta, più rodata, con delle sicurezze in più e gestita da un palleggiatore esperto che ha saputo metterci in difficoltà. Noi, dal canto nostro, abbiamo peccato nella fluidità di gioco contro chi ha saputo mettere in campo una performance ordinata. Certamente ci dispiace per il risultato finale, ma cercheremo di andare correggere il tiro proprio dove abbiamo mostrato lacune, puntando ad ottenere il miglioramento cui aspiriamo”.

Nota positiva di giornata il riconoscimento andato a Marco Santucci, come miglior libero del torneo:

“Sono molto contento di aver ricevuto questo premio ma molto meno per l’esito della finale; sono stati due giorni davvero importanti in vista dell’inizio di campionato. Nella partita contro Molfetta siamo stati più ordinati e abbiamo commesso meno errori, oggi purtroppo c’è stato un po’ di scoramento dopo un buon inizio, dove promettevamo una prestazione migliore rispetto a quella che poi abbiamo portato in campo. Questo però ci servirà da lezione per affrontare le tante situazioni difficili che andremo a fronteggiare durante la stagione. C’è tanto da lavorare, ma ciò non ci spaventa perché abbiamo solo un obiettivo: quello di migliorarci il più possibile e lo faremo”.

Per i cugini pontini, risponde mister Nacci con la sua disamina del derby laziale:

“Questa settimana è stata in realtà un po’ problematica tra qualche influenza e qualche infortunio, fortunatamente non grave. Dunque, questa vittoria vale doppio, in virtù di un sestetto non al completo; i ragazzi hanno dovuto fare un sacrifico maggiore: gli è stato chiesto di rischiare su alcuni fondamentali e, ad esempio, al servizio si sono comportati molto bene, dove ci ha facilitato la fase break. Anche sul cambio palla, nonostante abbiamo ricevuto in maniera differente da come faremo durante il campionato, abbiamo dato molto. Credo che la nostra formazione possa dare delle belle soddisfazioni a tutti, in primis agli atleti stessi, alla società, allo staff e ai tifosi. Abbiamo un presidente che si prodiga molto per noi e dunque cercheremo di ricompensare la fiducia, giocando al meglio”.

Latina alza il “Trofeo Zeus”

, ,

La BioSì Indexa Sora si arrende alla Top Volley Latina che con la vittoria della finalissima si aggiudica la prima edizione del Trofeo Zeus.

Battendo ieri per 3-1 l’Exprivia Molfetta, Rosso e compagni hanno staccato il pass per disputare la gara decisiva del quadrangolare dedicato alle squadre che vantano la “Zeus” come sponsor tecnico, ma oggi cedendo il passo a Latina per 3-0, salgono sul secondo gradino del podio.
Al PalaJacazzi di Aversa dunque la Top Volley Latina festeggia il meritato Trofeo Zeus mentre coach Bagnoli e i suoi ragazzi domani lavoreranno su quanto emerso tecnicamente nel torneo.
Applausi e ringraziamenti ai padroni di casa della Sigma del Presidente Di Meo per l’impeccabile organizzazione e ospitalità.

Il primo premio Trofeo Zeus è stato consegnato alla Top Volley Latina Salvatore Cirillo, patron di Zeus.
A premiare la Biosì Indexa Sora invece il presidente della Sigma Aversa Sergio Di Meo.
Premio come Miglior Atleta del Torneo Zeus a Daniele Sottile palleggiatore Top Volley Latina, premiato da Ernesto Boccia, presidente Fipav Campania;
Miglior Palleggiatore Pedro Luiz Putini della Sigma Aversa; Miglior Centrale Danger Quintana della Top Volley Latina; Miglior Schiacciatore Gabriele Maruotti, Top Volley Latina; Miglior Libero del Torneo Zeus Marco Santucci.

I ragazzi di coach Bagnoli hanno aperto il match doppiando nel punteggio gli avversari, 12-7, ma un turno lungo 9 battute e 5 ace di Maruotti segna il sorpasso del 14-18 e il 21-25 della vittoria del set. Il game è proseguito con un dominio pontino che non ha mai fatto avvicinare nel punteggio Sora, che si trova così sotto di 2 set a 0. Ultima chiamata per Rosso e compagni ma la reazione attesa non arriva così la Top Volley Latina vince set e match.

“La nostra squadra in questo momento non è attrezzata per giocare due partite consecutive, come è già successo la scorsa settimana durante il Trofeo Nonno Gino – spiega coach Bagnoli. Anche in quell’occasione, abbiamo disputato una gara buona e una meno. Siamo partiti bene nel primo set con un’ottima battuta, abbiamo messo sotto Latina, poi purtroppo, una serie di servizi di Maruotti ci ha messo in grossa difficoltà: ha fatto 5 ace, molto bravo lui, e noi non abbiamo gestito al meglio alcune situazioni di palla alta, dove avremmo potuto, allungando lo scambio, fare un pochino prima il cambio palla. E’ stata una disputa tutta in salita e nonostante i cambi – ho messo dentro Tiozzo e Sperandio – non siamo riusciti a ribaltare l’inerzia del match. Al servizio abbiamo fatto un po’ fatica e questo non ci ha consentito di piazzare bene il muro, infatti ne abbiamo presi solo 3. Sottile, dall’altra parte della rete, è stato molto bravo e ha gestito davvero bene i suoi centrali, sia Gitto che Qunitana a oltre il 70%, e questo ha consentito all’opposto mancino Strugar di fare una bellissima partita. Sicuramente è un test che ci servirà per il futuro e che ci mostra tutti gli spazi di miglioramento che abbiamo, soprattutto nella continuità di cambio palle che dobbiamo arrivare a sviluppare ulteriormente. Speriamo che l’opposto Miskevich, mercoledì, possa dare un punto di riferimento in più al palleggiatore e alla rosa in generale per quanto concerne la situazione d’attacco”.

“Questa settimana è stata in realtà un po’ problematica tra qualche influenza e qualche infortunio, fortunatamente non grave – dice invece coach Nacci. Dunque questa vittoria vale doppio in virtù di un sestetto non al completo; i ragazzi hanno dovuto fare un sacrifico maggiore: gli è stato chiesto di rischiare su alcuni fondamentali e, ad esempio, al servizio si sono comportati molto bene facilitando la fase break. Anche sul cambio palla, nonostante abbiamo ricevuto in maniera differente da come faremo durante il campionato, abbiamo dato molto. Credo che la nostra formazione possa dare delle belle soddisfazioni a tutti, in primis agli atleti stessi, alla società, allo staff e ai tifosi. Abbiamo un presidente che si prodiga molto per noi e dunque cercheremo di ricompensare la fiducia, giocando al meglio”.

Allo starting players coach Bruno Bagnoli schiera lo stesso sestetto di ieri, quello con Seganov opposto ad Argilagos, Mattei e Gotsev al centro della rete, Rosso e Kalinin in posto 4 e Santucci libero. Mister Vincenzo Nacci risponde con Sottile al palleggio opposto a Strugar, Gitto e Quintana in posto 3, la coppia di martelli Maruotti e Storeiko, e Fanuli libero.

Avvio di gara targato BioSì Indexa con Gotsev e Argilagos a far segnare sul tabellone il 6-3 e poi l’8-4 con l’ace dell’opposto cubano. Ferma il gioco coach Nacci ma al rientro in campo la mattanza sorana continua imperterrita con il muro di Mattei ai danni di Maruotti per il 9-5 e, dopo i tentativi di aggancio di Strugar e Quintana, il 12-7 figlio dell’ace dello stesso centrale romano. I ragazzi di coach Bagnoli mantengono le 5 lunghezze di vantaggio fino al 14-9 quando, dopo il secondo time out discrezionale richiesto dalla guida pontina, Maruotti ottiene il cambio palla che lo fa girare in zona 1. Dai nove metri lo schiacciatore crea disastri nella metà campo avversaria, mirando infatti indistintamente su tutti i ricettori sorani inanella ben 5 ace che dopo un turno al servizio lungo 9 turni, trasforma il punteggio nel 14-18. Si spegne la luce dunque nel quadrato da gioco volsco e Latina ne approfitta per ricucire lo strappo, pareggiare i conti e sorpassare fermandosi sulla distanza di sicurezza del +4. Gotsev e Rosso aprono un punto a punto solo contenitivo ma con Argilagos e qualche errore pontino il set sembra tutto ancora da scrivere sul 20-22. Gitto e Strugar portano subito i loro compagni al set ball, Seganov annulla la prima possibilità di chiusura ma il solito centrale ritornato a Latina ha già deciso il finale del parziale che si archivia 21-25.

Il secondo game si apre con una battuta sbagliata per parte e con lo stesso copione del precedente ma a parti inverse per il 3-6 e 5-9 della Top Volley. Attori protagonisti tutte le bocche da fuoco pontine e il palleggiatore a muro. Prova a rientrare la BioSì lavorando bene nella fase cambio palla ma purtroppo non trova il break, così Latina viaggia con il suo vantaggio fino al 12-15. Quintana trova l’ace del rassicurante 13-19 e coach Bagnoli ferma il gioco per parlare con i suoi ragazzi che al rientro in campo rosicchiano punticini importanti ma commettono anche qualche errore di troppo che non permette loro di uscire dal brutto tunnel che hanno imboccato per il 17-23. Sperandio, appena subentrato a Mattei, gioca la sua palla migliore dal centro della rete ma è l’ultimo punto di Sora prima che Maruotti mandi a referto il secondo set 18-25.

Ultima chiamata per la BioSì Indexa che torna in campo con Sperandio al posto di Mattei e Tiozzo per Kalinin con i quali va avanti 4-2 ma che subito viene riagganciata dall’avversario di giornata 4-5. Gotsev mura le intenzioni di Skoreiko e Tiozzo attacca la tesa che vale il +2 del 9-7 ma diventa troppo fallosa Sora regalando l’aggancio alla Top Volley che ne approfitta e con un break positivo di 6-0, figlio del velenoso servizio di Maruotti, è avanti 11-17. Utilizza entrambi i time out discrezionali a sua disposizione coach Bagnoli e poi inserisce Kalinin al posto di Rosso, ma la reazione attesa non arriva. Ultimi colpi positivi per Tiozzo e ancora Gotsev a muro questa volta su Quintana per il 15-20, ma finisce qui la gara della BioSì Indexa Sora che cede il passo alla Top Volley per 15-25 nel set e 3-0 nel match.

BIOSÌ INDEXA SORA – TOP VOLLEY LATINA 0-3

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 2, Argilagos 10, Kalinin, Rosso 6, Gotsev 10, Mattei 2, Santucci (L), Marrazzo n.e., Tiozzo 5, Sperandio 1, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 2; B/P 10; Muro 3.

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 1, Strugar 15, Gitto 12, Quintana Guerra 12, Maruotti 12, Skoreiko 6, Fanuli (L), Pistolesi 1, Rossi n.e., Fei n.e., Klinkenberg n.e., n.e.. I All. Vincenzo Nacci; II All. Marco Franchi. B/V 10, B/P 11, muri 9.

PARZIALI: 21-25 (’24); 18-25 (’222); 15-25 (’20).

Sora vs Molefetta, le voci dei protagonisti

, ,

Dopo una buona prestazione del gruppo, la BioSì Indexa Sora conquista un posto per la finale del “Trofeo Zeus” alla sua prima edizione.

Gli uomini di coach Bagnoli hanno ritrovato dopo 4 anni la compagine pugliese dell’Exprivia Molfetta, e nella prima gara di sabato s’impongono per 3 set a 1 validi a mettere nero su bianco un giudizio positivo sullo stato di forma della squadra.
A commentare il match, il centrale bianconero Andrea Mattei, tra i migliori per i suoi:

“L’esito della partita chiarisce certamente la positività di molti aspetti, anche se possiamo e dobbiamo limare alcune imperfezioni. Sono molto contento del gioco di squadra e di quello che abbiamo mostrato. Abbiamo saputo mettere a frutto le individualità al servizio di una performance corale, sebbene in alcuni momenti, come proprio nel terzo game, abbiamo lasciato che gli avversari approfittassero di alcune distrazioni. Il risultato ci porta in finale e ora abbiamo il dovere di mettercela tutta: faremo del nostro meglio per aggiudicarci il primo posto, non sottraendoci in nessuna situazione”.

La valutazione tecnica spetta dunque alla guida tecnica dei volsci, mister Bagnoli che spiega:

“Una bella vittoria che ci aiuta sia dal punto di vista tecnico che per il morale. I ragazzi sono stati molto bravi nella fase punto, siamo riusciti, grazie ad una buona battuta, a fare 44 break point e questo la dice lunga sulla qualità di tale fase. Sicuramente Mattei è spiccato al servizio, sulla cui rotazione ci ha permesso di fare tantissimi break point e ha messo a segno ben 5 ace, con soli 4 errori, molto bravo. Un altro giocatore che si è distinto è stato sicuramente Argilagos che stasera ha raggiunto percentuali molto importanti in attacco – 68% -, ha fatto 4 muri e 2 ace, e secondo me è stato sicuramente l’Mvp della sfida. Abbiamo avuto qualche difficoltà sul finale del terzo set, quando avremmo potuto chiudere la disputa sul 3 a 0, ma abbiamo peccato di inesperienza. Sono comunque contento perché sono situazioni che riusciremo a migliorare in breve tempo, inezie a cui i ragazzi potranno sopperire velocemente, grazie all’impegno che mostrano ogni giorno. Sicuramente una buona performance, di carattere, contro una formazione che aveva qualche problemino – non ha infatti schierato il palleggiatore titolare – ma che potrà crescere”.

Conclude per il Sora, la voce del martello Mattia Rosso:

“E’ stata una partita, secondo il mio punto di vista, non di altissimo livello, con qualche errore di troppo da parte di entrambi i sestetti. Entrambe le squadre sono un pochino in ritardo come fluidità di gioco, quindi avevamo bisogno di giocare e alla fine è venuta fuori una gara molto combattuta a dispetto dell’inizio teso e balbettante. Noi ci siamo sciolti e abbiamo preso in mano le redini del gioco; senza troppe disattenzioni avremmo potuto chiudere sul 3 a 0, perché una volta avanti di due parziali la partita era oramai incanalata sui giusti binari. Qualche distrazione sul finale del terzo periodo ci è costato l’allungo del match, ma siamo stati bravi a tornare subito in carreggiata e a portare a casa il risultato favorevole. Siamo contenti anche se c’è sempre da migliorare, ma una semifinale vinta non può che fare morale, e ora metteremo testa e gambe al servizio dello scontro decisivo, quello per il primo posto”.

Dal versante pugliese arriva anche il punto di vista di coach Di Pinto:

“Voglio fare una premessa: noi siamo molto in ritardo per il campionato, causa assenze importanti e qualche infortunio. Questa è una premessa, ma di certo non un alibi per la sconfitta odierna. Tale condizione, purtroppo, sta influenzando negativamente il gioco di squadra che ha perso un po’ di smalto e agonismo, stentando a ritrovare il giusto atteggiamento. Veniamo da due anni strepitosi, in cui eravamo la rivelazione del campionato, attualmente siamo stati perlomeno dignitosi, ma ci siamo persi, anche a causa dell’inesperienza dei tanti giovani in campo, eccezione fatta per il veterano Sabbi”.

Sora è la prima finalista del Trofeo Zeus

, ,

La BioSì Indexa Sora vince la prima semifinale in programma al Trofeo Zeus e stacca il pass per la finale.

Battendo l’Exprivia Molfetta in quattro set infatti, domani alle ore 18.30 scenderà di nuovo sul campo del PalaJacazzi di Aversa per sfidare la vincente dell’altra semifinale, una tra la Top Volley Latina e la Sigma Aversa. Le due perdenti invece, sempre domani a partire dalle ore 16.30, giocheranno per aggiudicarsi il terzo gradino del podio.
Gara entusiasmante con il primo set che si avvia con conduzione Molfetta e che vede Sora invece sempre a rincorrere e lottare per rimettere il punteggio in equilibrio. Nel momento decisivo però, è la BioSì Indexa a sferrare la stoccata finale. Il secondo game si avvia come il precedente ma sotto 8-13 Sora infligge al suo avversario un break positivo di 12-0 che farà soccombere Molfetta 25-17. Riaprono la gara i pugliesi ma solo con un eloquente 27-29 che vale il 2-1 in fatto di conteggio set; subito dopo però devono capitolare 25-21.

“Una bella vittoria – dice coach Bagnoli al termine della gara – che ci aiuta sia dal punto di vista tecnico che per il morale. I ragazzi sono stati molto bravi nella fase punto, siamo riusciti, grazie a una buona battuta, a fare 44 break point e questo la dice lunga sulla qualità di tale fase. Sicuramente Mattei è spiccato al servizio, sulla cui rotazione ci ha permesso di fare tantissimi break point e ha messo a segno ben 5 ace, con soli 4 errori, molto bravo. Un altro giocatore che si è distinto è stato sicuramente Argilagos che stasera ha raggiunto percentuali molto importanti in attacco – 68% -, ha fatto 4 muri e 2 ace, e secondo me è stato sicuramente l’Mvp della sfida. Abbiamo avuto qualche difficoltà sul finale del terzo set, quando avremmo potuto chiudere la disputa sul 3 a 0, ma abbiamo peccato di inesperienza. Sono comunque contento perché sono situazioni che riusciremo a migliorare in breve tempo, inezie a cui i ragazzi potranno sopperire velocemente, grazie all’impegno che mostrano ogni giorno. Sicuramente una buona performance, di carattere, contro una formazione che aveva qualche problemino – non ha infatti schierato il palleggiatore titolare – ma che potrà crescere”.

“Bisogna fare una premessa – spiega l’allenatore Exprivia Molfetta, Vincenzo di Pinto -, che non è un alibi ma una premessa: siamo un po’ in ritardo per il campionato a causa sia di assenze dovute alle nazionali sia per piccoli infortuni patiti dai nostri. Questo ci porta a calare un po’ il ritmo in campo, a non lottare, a non mettere il giusto agonismo. In ottica campionato dobbiamo sempre e comunque lavorare; gli ultimi due anni sono stati strepitosi ma abbiamo anche cambiato molti elementi. Vedremo domani sera con chi disputeremo la finale e ce la giocheremo al meglio delle nostre possibilità”.

Allo starting players coach Bruno Bagnoli schiera Seganov opposto ad Argilagos, Mattei e Gotsev al centro della rete, Rosso e Kalinin in posto 4 e Santucci libero.
Mister Di Pinto risponde con la diagonale Partenio-Sabbi, i martelli Del Vecchio e De Barros Ferreira recuperato dall’affaticamento, i centrali Polo e Vitelli, e De Pandis libero.
Mostra subito i denti l’Exprivia Molfetta che, con Partenio al servizio e i tre attaccanti di prima linea, fa segnare sul tabellone lo 0-4. Rosso spezza il break e manda in battuta Seganov per l’ace del 2-4 ma i pugliesi corrono dritti per la loro strada per il 2-7 che costringe coach Bagnoli a richiedere uno dei due time out discrezionali a sua disposizione. Alla ripresa del gioco Gotsev e compagni cominciano a incidere ma solo per un punto a punto che al suono della sirena dello stop obbligatorio li vede ancora sotto di 4 lunghezze, 8-12. Il centrale bulgaro sorano lavora bene per il cambio palla dell’11-14 e Argilagos, prima a muro su De Barros Ferreira e poi in attacco scardinando la difesa di De Pandis, mette per la prima volta il match in parità 14-14. La BioSì tiene il punteggio fino al 17-18 quando sale in cattedra Sabbi per il +3 del 17-20 e 18-21. Dall’altra parte del campo però, a dominare sulla rete c’è sempre Gotsev che in veloce e con un block granitico ai danni del suo pari ruolo Polo, ottiene il break point dell’aggancio 20-21. Argilagos mette tutto in parità 23-23 ma Vitelli, dal centro avversario, porta i suoi al set ball. Annulla prontamente l’opposto cubano attaccando dritto su Sabbi, e poi ribalta la situazione con un servizio velenoso non tenuto dal libero avversario. Si chiude con un errore dell’opposto pugliese il set in favore di Sora, 26-24.
Il secondo game si avvia come il precedente con Molfetta avanti 2-6, ma stavolta i volsci rincorrono subito e bene per il 5-6 a firma dei soliti Gotsev e Argilagos. Allora ricomincia tutto da capo l’Exprivia che, sotto di un set a zero, vuole alzare la testa e condurre il parziale e nella parte centrale ci riesce. Dal 7-8 infatti Partenio e compagni volano fino all’8-13. Ma Sora non si spaventa, e dopo l’attacco vincente del suo palleggiatore su ricezione lunga del pari ruolo avversario, manda al servizio Andrea Mattei dove resterà per ben 12 turni durante i quali autograferà anche 3 ace oltre ovviamente a far saltare qualsiasi schema difensivo studiato o suggerito da coach Di Pinto per i suoi ricevitori. Così, con tutte le bocche da fuoco a sparare da ogni metro del campo, la BioSì Indexa tocca quota 20-13 con un parziale positivo messo a segno di 12-0. Prova a fare quello che può ora Molfetta vittima di una indiavolata Sora che però, con un’altra battuta vincente questa volta partita dal braccio di Argilagos, archivia positivamente anche il secondo set 25-17.
Al fischio d’inizio è sempre l’Exprivia, che torna in campo con Hendriks al posto del brasiliano De Barros Ferreira, a far girare il tabellone segna punti per prima con il 3-7 rimesso subito in parità 7-7 dal block di Mattei sulle intenzioni di Sabbi. Si avvia un punto a punto con Tiozzo in gioco al posto di Kalinin, che accompagnerà il set fino al 15-14 quando Sora dal centro mette una distanza di 3 lunghezze recuperate però allo stesso modo dagli avversari per il 18-18. 19-20 e Mattei attacca per il cambio palla e poi va in zona 1 per l’ace del 21-20 e quello del 23-20. Polo e l’ex di giornata Hendriks rimettono il game in equilibrio, Argilagos lo porta al set ball e la battuta out di Seganov ai vantaggi. Argilagos sulla rete e Sabbi dai nove metri scrivono il 27-27 ma stavolta è il muro di Del Vecchio a mandare il set a referto con un 27-29 in favore dei suoi.
Riapre così il match l’Exprivia che nel quarto game, dopo l’apparente equilibrio del 6-7, fatica a tenere testa ai sorani. Con Rosso e Argilagos sugli scudi la BioSì va avanti 11-7 nonostante l’interruzione del gioco richiesta dalla guida tecnica Di Pinto. Sora tiene stretta le sue 4 lunghezze di vantaggio e Molfetta non riesce a ricucire il gap, intanto il tabellone gira sul 14-10, 17-12 e 21-16. Con qualche errore di troppo si arriva al 23-17, Sabbi suona la carica cercando di scuotere i compagni. Vitelli risponde presente ma oramai nulla può più contro una BioSì Indexa Sora che punta dritta alla meta e ci arriva con un 25-21 che si traduce nella vittoria per 3-1.

BIOSÌ INDEXA SORA – EXPRIVIA MOLFETTA 3-1
BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 5, Argilagos 29, Kalinin, Rosso 12, Gotsev 13, Mattei 13, Santucci (L), Marrazzo n.e., Sperandio, Tiozzo 2, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 10; B/P 13; Muro 9.
EXPRIVIA MOLFETTA: Partenio 3, Sabbi 24, Del Vecchio 9, De Barros Ferreira 3, Polo 11, Vitelli 10, De Pandis (L), Pontes Veloso, Hendriks 5, Di Martino n.e., Cormio n.e., Porcelli (L), Di Gennaro n.e., I All. Vincenzo Di Pinto; II All. Leonardo Castellaneta. B/V 5; B/P 12; Muro 12.
PARZIALI: 26-24 (’29); 25-17 (’24); 27-29 (’33); 25-21 (‘26)

Banca Popolare del Frusinate e Argos Volley, ancora un binomio vincente

, ,

Per il nono anno consecutivo la Banca Popolare del Frusinate rinnova la storica partnership con l’Argos Volley, per un binomio vincente e oramai consolidato. I festeggiamenti per la fruttuosa collaborazione e la presentazione della nuova felice stagione che vede la BioSì Indexa Sora al vertice della pallavolo italiana, alla sua prima volta in SuperLega, e un nuovo accordo con il main sponsor della banca, si sono tenuti nella sala di rappresentanza Boimond, presso la filiale di Isola del Liri.

Alla conferenza stampa in veste di relatori, erano presenti i vertici della società bianconera – nelle persone dei patron Ivan e Gino Giannetti, e l’imprenditore Michele Mancini dell’Indexa Group, title sponsor del volley volsco – oltre ovviamente ai padroni di casa, il Presidente dr. Domenico Polselli, il Responsabile della Commissione Pubblicità dr. Luigi Conti e il Direttore di Filiale dr. Manfredo Tomassi, che ha aperto l’evento accogliendo stampa e pubblico.

A spiegare i motivi che hanno portato le due realtà a incrociare ancora per una volta i loro destini è il dr. Polselli:

“Sono molto orgoglioso di rinnovare l’impegno assunto nove anni fa, quando il patron Giannetti pensò di gettare un seme e noi fummo quelli che, immediatamente, fornirono l’humus sposando quel progetto che a poco a poco ci avrebbe portato ad affiancare una squadra che milita in SuperLega. Ricordo quando abbiamo festeggiato l’obiettivo raggiunto con molta felicità, e oggi mi preme confermare quell’entusiasmo perché vedo parte dei giocatori che hanno raggiunto quest’obiettivo essere tutt’ora presenti nel roster, insieme ad altri altrettanto validi, anche di provenienza internazionale.

Ci sono istituti locali nati molto prima di noi, ma nessuno di essi aveva mai pensato allo sport, ai ragazzi che lo praticano. Noi invece, ci abbiamo creduto,  in particolare nel progetto di Gino Giannetti che, ad oggi, cura anche una scuola volley davvero importante, con mister Colucci presente in moltissimi istituti di formazione per far si che ogni giovane abbia la possibilità di avvicinarsi allo sport. E’ molto importante questo progetto per Gino, e noi come Banca Popolare del Frusinate, diamo delle borse di studio a tutti quei giovani che si sono contraddistinti nello sport, affinché continuino a coltivare l’entusiasmo nella loro disciplina. I ringraziamenti vanno soprattutto a coach Colucci, che profonde tutto il suo impegno per la causa, ma anche ad Adi Lami, direttore generale dell’Argos Volley e  al nuovo coach, Bruno Bagnoli, che sicuramente porterà ai massimi livelli questa squadra”.

Parola dunque all’imprenditore Michele Mancini:

“Proprio come la Banca, anche noi dell’Indexa Group siamo sempre stati vicini all’Argos Volley e alla famiglia Giannetti. Quest’anno poi, abbiamo deciso di cogliere al volo l’occasione di una vetrina così importante per affiancare il nome della nostra società al club in quello che è il campionato più bello del mondo. Mi fa tanto piacere sapere che Santucci, dal 2007, nonostante abbia poi trascorso qualche anno fuori, sia ancora qui. Questo a dimostrazione del fatto che qualcosa di buono e concreto c’è alla base di questa squadra, e questo non può che essere da incentivo a tutti per fare bene”.

Profondamente orgoglioso patron Gino Giannetti, che spiega:

“E’ sicuramente una gioia poter affrontare questo nuovo campionato. Ci arriviamo insieme a una serie di attività che collateralmente abbiamo preparato, e grazie alle quali facciamo leva sui nostri sponsor più importanti. Questi ultimi non possono che fare da volano per le altre attività commerciali così da arrivare ad avere dei servizi particolari sui quali noi abbiamo sempre scommesso. Devo dire che la Banca si è sempre distinta per essersi interessata a tutto ciò che ruota attorno alla società, sia dalla parte del ragazzino che della famiglia, sia dalla parte del commerciale. E’ una cosa su cui noi puntiamo tantissimo e che implementeremo con delle attività ad hoc. La prossima settimana presenteremo un innovativo progetto in camera di commercio che tende a fare rete e portare in modo stabile l’appassionato, che crediamo possa venire in questi territori in occasione delle partite. Per la prima volta siamo riusciti a mettere a sistema una sorta di accoglienza condivisa tra attività ed evento-gara. E’ un progetto che vedrà sicuramente la possibilità di mettere in rete servizi bancari e l’opportunità, da parte di una struttura alberghiera o ristorativa, di poter ospitare un tifoso di pallavolo”.

Fa eco al fratello, Ivan Giannetti:

“Come società siamo contentissimi che la banca abbia voluto continuare ad affiancarci. Allo stesso tempo la nostra squadra, punta di diamante della società, è composta da atleti che, prima di tutto, sono uomini con dei valori e che vanno all’interno delle scuole portando avanti progetti attraverso i quali, la banca e la società stessa, hanno la possibilità di esplicitare i propri servizi. Stiamo avendo moltissime adesione, per cui quest’anno il progetto-scuole sarà di notevole importanza. So che la banca ci tiene molto, tanto quanto noi, essendo ciò che farà crescere il nostro territorio e i nostri ragazzi”.

Si accoda come filosofia ai Giannetti, coach Bagnoli, che dice:

“Siamo estremamente fieri di portare l’immagine di questo territorio e di questa gente in giro per l’Italia nel campionato più difficile e bello del mondo, visibile su Rai Sport in molti stati, anche all’estero. Cercheremo di mettercela tutta per dare il meglio di noi stessi, consapevoli di essere da esempio soprattutto per giovani e famiglie che vorranno sicuramente vedere un bello spettacolo ma anche avere modelli positivi. Il fatto di avere queste aziende alle spalle ci da molta serenità e ciò ci aiuta anche ad allenarci al meglio per ottenere bei risultati”.

Chiude con un’importante novità il direttore di filiale, dr. Manfredo Tomassi:

“Come banca vogliamo essere sempre più vicini al territorio e fare operazioni a tasso zero per dare la possibilità al pubblico di accedere agli abbonamenti.  Abbiamo confezionato un finanziamento al 100% di tutti i titoli stagionali a cui si accede a tasso zero, rimborsabile in 6 rate senza costi aggiuntivi. Non ci sono ricariche, commissioni, l’unica necessità è l’associazione a un conto corrente nella presente banca, conto che avrà anch’esso costo zero fino al 30 Giugno 2017. Questo penso sia un segnale forte della vicinanza della banca alla società Argos Volley, al fine di rafforzare questa incredibile sinergia”.

Cristina Lucarelli – BioSì Indexa Sora

“In-Out” ai nastri di partenza

, ,

L’Argos Volley Sora è lieta di dare ufficialmente vita a un progetto maturato in estate e che coinvolgerà le attività ricettive del territorio: “In-Out”.

Il prossimo lunedì 26 settembre, alle ore 12.00, presso la sala conferenze della Camera di Commercio in viale Roma a Frosinone, la proposta formulata da Pietro Di Alessandri e denominata “In-Out” vedrà la luce. Si tratta di una innovativa e originale idea di tipo turistico-gastronomico che, partendo dall’evento-partita della BioSì Indexa Sora, dà contestualmente la possibilità di legare la visione del match a un’attività a scelta, dalla degustazione di prodotti tipici, a un soggiorno alla scoperta della tradizione, oppure l’immersione tra l’incontaminata natura tra la bellezza e l’arte del nostro territorio.
All’utente che deciderà di trasformare lo spettacolo sport in un esclusivo pacchetto, l’Argos Volley riserva un settore della tribuna e biglietti particolari componibili e acquistabili sul circuito www.liveticket.it.

Attraverso le parole dei relatori in conferenza, il progetto “In-Out” vedrà finalmente la luce: il patron della BioSì Indexa Sora, Gino Giannetti e il Presidente della Camera di Commercio, Marcello Pigliacelli, saranno loro a far conoscere al pubblico informazioni, funzioni e modalità di accesso.

Chiunque volesse entrare nel vivo della presentazione, curiosare e ascoltare le argomentazioni in proposito, è invitato a partecipare alla conferenza che si terrà il prossimo lunedì 26 settembre alle ore 12.00, presso la sala conferenze della Camera di Commercio in viale Roma a Frosinone.

Week and ad Aversa per il “Trofeo Zeus”

, ,

Ultimo banco di prova per la Biosì Indexa Sora che questo weekend parteciperà al primo “Trofeo Zeus”.

In vista del debutto in SuperLega oramai vicinissimo, l’ultimo test pre-campionato sarà, come successo lo scorso fine settimana, un mini torneo di due giorni, il “Trofeo Zeus” di scena al PalaJacazzi di Aversa i prossimi sabato 24 e domenica 25 settembre.

Quattro le formazioni partecipanti: Sora, i padroni di casa della Sigma Aversa (A2), l’Exprivia Molfetta e la Top Volley Latina, entrambe pari serie dei volsci. La competizione prevede due sfide al sabato a partire dalle ore 17.00 con il match Molfetta – Sora, e a seguire Aversa – Latina. Il giorno seguente ci saranno le finali, alle ore 16.30 quella valevole per il 3° e 4° posto, e subito dopo, indicativamente attorno alle 18.30, la partita che determinerà la vincitrice.

L’idea di organizzare un’apripista stagionale nasce dall’incontro dei presidenti dei quattro club, quattro squadre che vantano la “Zeus” come sponsor tecnico, e premiarne così la vicinanza, il sostegno e la qualità del partner con un Trofeo appositamente dedicato. Volontà del Presidente di Aversa, signor Di Meo, è anche quella di riportare oltre la serie A2, proprio il grande volley ad Aversa e dare proseguo a un progetto che vede quella normanna candidarsi a Città del Volley. In questo spirito la società ha deciso di rendere gratuito l’ingresso alla due giorni affinché appunto, possa essere una festa del volley ma anche per permettere a coloro che assisteranno all’evento di donare volontariamente un contributo per le popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto.

Al termine della manifestazione saranno assegnati oltre alle targhe di ringraziamento per la partecipazione, anche i premi individuali quali MVP, miglior palleggiatore, miglior schiacciatore, miglior centrale e miglior libero.

Il match d’apertura della kermesse vedrà Sora affrontare un nuovo rivale rispetto all’Aversa e al Latina già incontrate in questo pre campionato.
I pugliesi sono alla loro quarta partecipazione consecutiva in SuperLega UnipolSai e per questa nuova avventura riparte affidando la panchina a coach Vincenzo Di Pinto. Linea verde nel mercato per la società del presidente Antonaci, una linea che ha riscosso successo in questi anni. Al palleggio è arrivato il brasiliano Thiaguinho; l’opposto, Giulio Sabbi è un ritorno visto che l’atleta romano aveva schiacciato al PalaPoli già due stagioni fa. In banda c’è Joao Rafael alla sua seconda presenza, insieme all’esperienza di Bogdan Olteanu, rumeno classe ‘81. Vive il settimo anno in maglia biancorossa invece Francesco Del Vecchio, capitano della squadra e punto fisso anche dei tifosi. Al centro sono arrivati tre giovanissimi, sessant’anni in tre: Alberto Polo, Marco Vitelli e Gabriele di Martino. Il libero, Daniele De Pandis, è una conferma, oltreché una certezza. Pronti a subentrare a gioco in svolgimento ci sono Pier Paolo Partenio al palleggio, Alessandro Porcelli a difendere palloni e il mancino Niki Hendriks ex Sora stagione 2012/2013.

Real Caffè, Realmente Buono!

, ,

Ha ufficialmente inizio per la BioSì Indexa Sora un nuovo viaggio nell’energico mondo del marketing: martedì, nei locali frusinati della Real Caffè Moka Sir’s è stato presentato un nuovo e importante accordo commerciale che accompagnerà il primo anno di SuperLega del club sorano. La storica torrefazione ha pubblicamente associato il proprio prestigio e il proprio brand alla società di patron Giannetti per una partnership che entrambi gli attori in causa valutano fruttuosa e futuribile.

A spiegare ai presenti della sala di Via Selci 47 la realtà del nuovo sponsor è l’amministratore delegato Real Caffè Moka Sir’s, Neils Migliorini:

“Quella della Real Caffè è una realtà che nasce a Frosinone mentre, la nostra azienda Moka Sir’s, con sede a Pavia, inizia la sua storia nel lontano 1954. Real Caffè è un marchio storico di questa provincia, da sempre vicino alle realtà sportive e che, per quest’anno, ha deciso di fare un salto nel mondo della pallavolo, uno sport emergente che sta acquistando sensibilità col passare degli anni merito del suo essere pulito e giovane. E’ uno sport ancora in crescendo in Italia, ma credo che la massima serie Italiana sia la prima a livello mondiale, con giocatori di un certo calibro. L’idea di affiancare quindi, i nostri marchi a questo sport ci ha solleticato molto, spingendoci ad aprire una parentesi distaccata da quella del mondo del calcio. Vogliamo dare spazio e contributo a questa squadra, abbiamo trovato feeling con gli altri sponsor, e un buon rapporto con la società stessa e la direzione, ragion per cui vogliamo dare il nostro piccolo supporto a una squadra che milita in un campionato di tutto rispetto. Voglio fare i migliori auguri a tutto lo staff che, in fondo, è quello che fa il lavoro più grande di tutti. La speranza poi, è quella di ottenere buoni risultati in campionato, come merita”.

Prosegue, dunque, il consigliere delegato Paolo Reali, che dice:

“Real Caffè Moka Sir’s è sempre stata una società attenta allo sport. Negli anni ci siamo occupati di basket, calcio, motociclismo, boxe, e infatti le nostre sponsorizzazioni spesso recitavano “Cuore sportivo”, ed è un qualcosa che vorremmo poi replicare all’interno del PalaGlobo. Con il patron Giannetti ci siamo conosciuti e studiati qualche anno fa, e oggi che i tempi sono maturi sono contento di aiutare una realtà così importante, tanto imprenditoriale quanto sportiva. L’augurio è quello di raggiungere traguardi importanti perché sarebbero più che meritati, tanto da parte degli atleti quanto da parte della famiglia del Patron Giannetti che, da anni, investe nella pallavolo. Finalmente saranno nell’Olimpo del Volley e noi ne siamo veramente felici. Vi faccio un sincero in bocca al lupo con la speranza di poter gioire insieme delle vostre vittorie”.

Presente anche il patron Argos Ivan Giannetti, che spiega come è nato il sinergico accordo:

“Questa partnership è nata all’inizio con Gino, poi abbiamo avuto un incontro un paio di mesi fa durante il quale abbiamo illustrato le nostre idee e tutte le attività sportive che la Biosì Indexa Sora può offrire a questa azienda, disputando il miglior campionato del mondo ed affrontando campioni olimpici, mondiali ed europei. Per quanto riguarda la Globo, società che noi rappresentiamo come famiglia, abbiamo già avuto modo di vedere le schede tecniche dell’azienda e ci siamo messi all’opera per poter divulgare al massimo questo nuovo articolo che potrebbe essere interessante anche per noi. Siamo molto contenti per quanto riguarda la società, che abbiamo visto essere anche nazionale, togliendo quel pizzico di campanilismo che non fa male. Cercheremo di far bene noi per quanto riguarda l’ambito sportivo per portare alto anche il valore della Real Caffè”.

Dichiarazione di estremo orgoglio anche per il General Manager Biosì Indexa Sora, Adi Lami:

“Oggi le aziende vincenti nell’imprenditoria associano il proprio nome ad una società che rappresenta il territorio nel massimo campionato italiano. Ovviamente per noi sarà un anno, a livello agonistico, tutto da scoprire. Andremo a confrontarci con realtà che partecipano da anni a questo campionato, solide e ben organizzate. Quindi, il binomio che entra a far parte della famiglia Argos è importante per il territorio, ma ovviamente noi dobbiamo ampliare quel cono visivo fino a portarlo a livello nazionale. Il nostro obiettivo è quello di essere presente nella provincia in maniera fisica e poi di allargarci, piano piano, a tutta la regione ed a tutto il Paese anche per via mediatica. Abbiamo già fatto alcune presenze quale quella di Isola del Liri, dove abbiamo portato le quattro squadre del Nonno Gino. Dovremo approcciarci ad un campionato difficile ma sicuramente come squadra daremo il massimo in ogni partita sia per presentare al meglio l’Argos Volley che per far ben figurare il nome di tutte quelle aziende che associano il proprio brand alla nostra società”. Conclude con un excursus sulla competizione alle porte il coach Bruno Bagnoli: “Il nostro sarà un campionato tanto difficile quanto entusiasmante. Il fatto di poter incontrare tutti i giocatori più forti del mondo rappresenta per noi uno stimolo ad allenarci duramente, giorno dopo giorno e con la massima intensità. E’ chiaro che il nostro obiettivo quest’anno è quello di prendere coscienza di quelle che sono le nostre avversarie e fare passi in avanti sia dal punto di vista della squadra che dal punto di vista societario, per avvicinarci alle realtà che in questo momento stanno primeggiano in Europa e nel mondo, società italiane che si sono strutturate col passare del tempo, con impegno e dedizione. Stiamo aspettando un ragazzo molto interessante che sta facendo bene con la propria nazionale durante le qualificazioni per il prossimo campionato europeo e poi vedremo se sarà il caso di integrare ulteriormente. Sicuramente abbiamo posto le basi per i prossimi due campionati perchè parecchi giocatori sono giovani e tutti potranno essere confermati il prossimo anno, quindi chi si comporterà bene sarà il benvenuto anche in futuro, a dimostrazione del fatto che abbiamo tra le mani un terreno fertile e siamo pronti a seminare da una parte e raccogliere dall’altra”.

Sora vs Trento, aperta la vendita dei biglietti

, ,

Biosì Indexa Sora vs Diatec Trentino: questo il destino ormai scritto per il debutto casalingo dell’Argos Volley in SuperLega, e da oggi è aperta la vendita dei ticket d’ingresso per la singola gara in programma domenica 9 ottobre alle ore 18.00 al PalaGlobo “Luca Polsinelli” al costo di €25.

Con il campionato alle porte la Biosì Indexa Sora prepara il terreno per accogliere i suoi numerosi tifosi e permettere loro di non perdersi neanche un match targato SuperLega. Lo start è previsto con la difficile trasferta a Modena, il prossimo 2 ottobre contro i campioni d’Italia, mentre l’attesa cresce spasmodicamente per la prima casalinga. Il debutto tra le mura amiche del PalaGlobo è fissato per il 9 di ottobre contro la forte compagine della Diatec Trentino e per far si che ogni singolo tifoso e appassionato possa godere dello spettacolo che si prospetta, l’Argos Volley annuncia la messa in vendita del biglietto singolo. Difatti, oltre agli abbonati che hanno già avuto modo di sottoscrivere la loro presenza, per chiunque non fosse in possesso della card stagionale è possibile acquistare presso la biglietteria del PalaGlobo “Luca Polsinelli” in via Ruscitto, Sora – Carnello, l’ingresso singolo alla gara Sora vs Trento, al costo di €25, senza riduzioni.
Come per gli abbonamenti, anche il singolo titolo può essere reperito attraverso il circuito www.liveticket.it, per cui diverse sono le modalità per assicurarsi un posto al PalaGlobo per la partita apripista di una competizione che riserva tantissime novità.
Nel frattempo è stato ufficializzato anche il primo calendario delle dirette Tv della SuperLega UnipolSai su RAI Sport, a partire dal primo evento della stagione con la finale della Del Monte® Supercoppa da Modena. Le partite saranno trasmesse su RAI Sport 1 (canale 57, disponibile anche su SKY al canale 227) e saranno visibili in HD sul canale 557 dei televisori predisposti per l’alta definizione.
Sempre sugli stessi canali, il 26 settembre prenderà il via “Oltre la rete”, la rubrica condotta da Maurizio Colantoni che ogni lunedì alle 18.45 racconterà le storie e i personaggi della grande pallavolo di Serie A.
I match in diretta RAI saranno gli stessi trasmessi anche all’estero, mentre tutte le altre gare saranno visibili in diretta su Lega Volley Channel, disponibile su Sportube.tv o direttamente sul sito Legavolley.it, che da quest’anno diventa streaming in abbonamento. Parte proprio in queste ore la campagna di promozione per gli appassionati che terminerà il 30 novembre. Tutte le info a partire dalla prossima settimana su www.sportube.tv.
Supercoppa a parte, sarà proprio Azimut Modena – BioSì Indexa Sora la prima gara a essere trasmessa in diretta da mamma Rai domenica 2 ottobre alle ore 18. La successiva sarà il derby con la Top Volley Latina del PalaBianchini in programma nella 9a giornata di SuperLega UnipolSai giovedì 10 novembre alle ore 20.30. Domenica 20 novembre alle ore 18.00 le telecamere Rai trasmetteranno Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Biosì Indexa Sora; arriveranno invece per la prima volta al PalaGlobo in occasione della 12a giornata, venerdì 25 novembre ore 20.30 per Biosì Indexa Sora – Kioene Padova.
E dunque, mentre aumenta l’attenzione di ogni genere di mass media attorno al fenomeno pallavolo, la Biosì Indexa Sora ricorda ai propri sostenitori che il loro posto al PalaGlobo li aspetta. I ragazzi dei coach Bagnoli e Colucci, per figurare al meglio contro i mostri sacri internazionali che sfideranno ogni domenica, hanno bisogno del “settimo uomo” che dagli spalti faccia sentire la propria voce e il proprio amore. Perché aspettare? #Superlegati!

La BioSì Indexa Sora ospite presso la Banca Popolare del Frusinate

, ,

Il CdA della Banca Popolare del Frusinate assieme a quello dell’Argos Volley festeggiano il nono anno consecutivo di felice e proficua collaborazione, e lo fanno in una conferenza stampa nella quale spiegheranno l’evoluzione della partnership per questa stagione di militanza in SuperLega.

Il Direttore della filiale di Isola del Liri, Manfredo Tomassi, aprirà le porte della sala di rappresentanza Boimond dove, a nome del suo istituto di credito, è lieto di ospitare la società Argos Volley, la BioSì Indexa Sora, e tutti quanti vorranno intervenire giovedì a partire dalle ore 11:30.

Le motivazioni alla base della partnership sono ben radicate negli obiettivi della Banca Popolare del Frusinate i quali confluiscono in quelli societari. Per questo anche quest’anno il Cda dell’istituto sarà al fianco della BioSì Indexa Sora

“perché sappiamo di puntare su una serietà dirigenziale e serietà sportiva che a livello provinciale e forse anche nazionale è difficile trovare. Abbiniamo la nostra Banca a questa serietà, a questa correttezza, a questa voglia di fare e di dare, e ridare qualcosa al nostro territorio; per questi motivi la Banca continuerà ad essere partner della società sportiva”.

L’Argos Volley dunque, è lieta di invitarvi a presenziare all’evento in programma domani giovedì 22 settembre alle ore 11.30 presso la filiale della Banca Popolare del Frusinate in via Borgo San Domenico 186, a Isola del Liri.