Articoli

Gara complicata per Sora che si arrende alla Revivre Milano

, , ,

Vince la Revivre Milano al PalaGlobo “Luca Polsinelli” con uno 0-3 sulla BioSì Indexa Sora che archivia la nona giornata del girone di ritorno.

Sulle ali dell’entusiasmo della vittoria con Modena e con in testa l’obiettivo di allungare la striscia positiva per tenere il passo play off, la Revivre porta il risultato a casa dimostrandosi anche sul campo sorano, una squadra compatta e solida. Il lavoro della BioSì Indexa è stato reso più difficile dal ritmo alto che Milano ha tenuto in tutti i fondamentali, ma lo spettacolo della grande pallavolo andata in scena al PalaGlobo era partito proprio da qui, da una Sora che contrasta l’avversario prestando tanta attenzione e restando sempre concentrata sul ritmo del gioco senza distrarsi e dunque non permettendo all’avversario di scappare via neanche per piccole distanze. Questo però è accaduto solo nel primo set.
Gara complicata dunque per la BioSì Indexa che oggi non è riuscita a reinventarsi per cercare di raggiungere l’obiettivo che purtroppo continua a lasciargli l’amaro in bocca.

Grande assente di giornata l’opposto Nimir Abdel-Aziz in infermeria ormai da un mese a causa di una lesione addominale: è in via di guarigione ma mister Giani non è riuscito a recuperarlo a pieno o non ha voluto rischiarlo per questo match. La sfida nella sfida dunque non è andata in scena ma il risultato è stato comunque che Dusan Petkovic ha operato il sorpasso nella classifica realizzatori della SuperLega. La distanza che lo separava i due opposti era di 3 lunghezze e con i 13 totali realizzati il posto 2 sorano soffia lo scettro in vetta a Nimir.

“Abbiamo giocato una brutta partita – afferma coach Mario Barbiero. Abbiamo solo provato nel primo set, stando al ritmo del loro cambio palla. Siamo partiti bene ma poi ci siamo persi, forse comincia a serpeggiare un po’ di sfiducia, altrimenti non si spiegherebbe la quantità di palloni che non siamo stati in grado di rigiocare. Ora ci prepariamo alla prossima partita, cercando di giocarla meglio di oggi”.

“Avevamo bisogno di fare i tre punti in chiave classifica, e ci siamo riusciti – dice soddisfatto mister Andrea Giani. Abbiamo giocato con un buono approccio. Tecnicamente ci abbiamo messo un po’ ad esprimere il nostro potenziale e infatti mi sono anche arrabbiato parecchio, nonostante quello che fosse il punteggio. Siamo stati bravi a partire subito con la qualità. Dovevamo sapere che Sora è una squadra che gioca bene e che ha una buona battuta. Abbiamo gestito bene la partita”.

Allo starting players coach Barbiero parte confermando Mauti libero, la diagonale è quella Seganov-Petkovic, i centrali Caneschi e Mattei, i martelli Nielsen e Fey.
Mister Giangio risponde con Sbertoli al palleggio opposto a Tondo, Klinkenberg e Cebulj in posto 4, Averill e Piano al centro della rete, e Fanuli libero.

Il servizio di Sbertoli apre il match che si avvia sul filo dell’equilibrio: palla su palla fino al 7-7 quando Sora, con la prima intenzione di Nielsen, si concede per prima un break di vantaggio trasformato dallo stesso schiacciatore nel +3 del 12-9. Richiama i suoi ragazzi mister Giani e alla ripresa del gioco, dopo il cambio palla guadagnato da Klinkenberg, un turno positivo dai nove metri di Piano assieme all’ottimo muro di Averill, rimette tutto in parità. Gli ace di Seganov e Sbertoli mantengono il galleggiamento, e con il quarto punto messo a segno nel match da Petkovic oltre al 16-16 è anche il sorpasso personale nella classifica realizzatori della SuperLega con l’opposto sorano che sale al primo posto retrocedendo proprio il milanese Nimir Abdel-Aziz. Il video check inverte la decisione arbitrale decretando out l’attacco di Tondo il quale però si riscatta subito, prima murando Nielsen e poi con l’attacco che segna sul tabellone il 19-21. Il capovolgimento di fronte viene tenuto saldo da Cebilj per il 20-23. Seganov mura Klinkenberg e riapre i giochi volsci, ma Piano, altissimo dal centro della rete, regala ai suoi 3 palle set. Ci pensa lo schiacciatore belga a mandare tutti al cambio campo sul 22-25 che porta in vantaggio gli ospiti.

Apre il gas la Revivre per l’1-4 che la BioSì Indexa recupera in fretta, al 5-6 con l’ex di giornata Nielsen. Si equivalgono ora i sestetti in campo che fino all’11-11 lavorano bene per il cambio palla. A smuovere la situazione è Tondo con un turno al servizio pesante chiuso con ben 3 ace che si traducono nel +5 dell’11-16. Coach Barbiero opta per il cambio Lucarelli-Fey ma, nonostante il giovane sorano doc si stia comportando davvero bene, al 16-21 la situazione è sempre la stessa e allora fa il suo ingresso in campo anche il capitano Mattia Rosso. Petkovic realizza e rosicchia qualche lunghezza, e con il muro a bloccare le intenzioni di Cebulj è 20-22. Ci mette il suo tocco di esperienza anche il capitano annullando la prima possibilità di chiusura set degli avversari ma Sbertoli si affida alle leve di Piano per assicurare ai suoi almeno un punto in terra volsca, e così è, con il 22-25 che segna lo 0-2 in fatto di conteggio set.

Sembrano rientrare in gara i ragazzi di coach Barbiero ma dopo una interessante partenza nel terzo set con il 5-3 di Petkovic, e una buona parte centrale dove si è tenuta attaccata al punteggio fino al 13-14, si perdono facendo guadagnare il largo alla Revivre. Con due parziali positivi i meneghini volano sul +7 del 15-22 e alla BioSì Indexa non resta altro che prenderne atto e complimentarsi con l’avversario che chiude il set 16-25 e il match per 3-0.

BIOSÌ INDEXA SORA – REVIVRE MILANO 0-3

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 4, Petkovic 13, Nielsen 8, Rosso 2, Mattei 3, Caneschi 3, Mauti (L), Marrazzo, Penning n.e., Fey 1, Duncan Thibault n.e., Lucarelli 2, Santucci (L). I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 1; B/P 8; muri: 2.

REVIVRE MILANO: Sbertoli 5, Tondo 14, Averill 8, Piano 5, Cebulj 17, Klinkenberg 9, Fanuli (L); Piccinelli (L) n.e.; Perez Rivera n.e., Schott n.e., Preti n.e., Galassi,. I All. Andrea Giani; II All. Matteo De Cecco. B/V 9; B/P 20; muri: 9.

PARZIALI: 22-25 (‘30); 22-25 (‘27); 16-25 (‘21).

MVP: Klemen Cebulj.

SPETTATORI: 1.603.

ARBITRI: Santi Simone, Saltalippi Luca.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Sora vs Milano, Petkovic vs Abdel-Aziz: la sfida nella sfida

, ,

Solo giovedì sera si è archiviata l’ottava giornata del girone di ritorno di SuperLega e già tutte le contendenti si preparano per la nona.
La BioSì Indexa Sora lo fa con l’ospitalità che la contraddistingue, aprendo le porte del PalaGlobo “Luca Polsinelli” alla Revivre Milano, attrice protagonista assieme al team volsco dell’evento sportivo che chiude un altro mini-ciclo da tre gare in una settimana, ma anche al “Carnevale del Liri” che per la prima volta sbarca nel palazzo bianconero della città creando un momento unico di sana aggregazione e divertimento. Il tutto è presentato da un grandissimo partner, ormai da quasi un decennio al fianco della società Argos Volley in piena condivisione di ideali e progettazione, la Banca Popolare del Frusinate.

Domenica alle ore 18:00 dunque la BioSì Indexa Sora e la Revivre Milano in campo per un’altra giornata di cartello che promette grande pallavolo e grandi ospiti. Per la prima volta infatti Andrea Giani, ora coach dei milanesi, entrerà al PalaGlobo da protagonista dopo che le varie vicissitudini sportive hanno deviato e diviso le strade tra i due almeno in un paio di occasioni quando si sarebbero dovute incontrare. A mancare invece potrebbe essere l’opposto Nimir Abdel-Aziz in via di guarigione, ma comunque in forte dubbio, da una lesione ai muscoli addominali accusata durante la sfida di circa un mese fa contro la Bunge Ravenna.
Così fino all’ultimo minuto non si saprà se in campo ci sarà la sfida nella sfida, quella appunto tra il capocannoniere della SuperLega Nimir Abdel-Aziz (431 punti totali realizzati in 68 set disputati, di cui 58 ace e 27 muri) e il suo vice Dusan Petkovic (410 pt/tot in 76 set, di cui 24 ace e 14 muri, ma soprattutto 372 attacchi punto contro i 328 di Nimir) che proprio in questa occasione potrebbe operare il sorpasso in vetta.

“Milano è una squadra compatta, solida, difficile da incontrare – analizza coach Mario Barbiero -. La sua struttura è molto solida e in campo tiene un ritmo abbastanza alto in tutti i fondamentali, quindi giocare contro di loro è complicato come dimostrano i risultati importanti che hanno raggiunto durante l’arco della stagione, l’ultimo aver battuto Modena nel turno infrasettimanale.
Mi auguro possa essere una bella partita perché giocare alla pari con loro significherebbe esser cresciuti ancora. Per cui vorrei vedere i miei ragazzi scendere in campo come hanno fatto a Verona, con attenzione, acume tattico e grande motivazione. Per farlo bisogna tenere un ritmo alto e soprattutto mantenerlo, altrimenti scappano via. Mi aspetto dunque una partita combattuta come ormai da nostro solito, ma anche un bel risultato perché è tanto che lo cerchiamo”.

Nel girone di ritorno la Revivre ha messo in cassa ben 13 punti classifica accumulando a oggi un bottino paria a 34. Cedendo nettamente il match a Perugia e a Civitanova, con tutte le altre è andata a punti anche nei tie break, quello vinto mercoledì scorso con Modena, e quelli persi con Trento e Piacenza.
Ma nonostante questo il coach meneghino, Andrea Giani dichiara:

“Una partita complicata, da non sottovalutare assolutamente perché Sora sta giocando bene ultimamente, nonostante le poche vittorie. Una squadra in crescita con giocatori che hanno aumentato il loro livello di gioco e a cui bisogna fare molta attenzione. Petkovic dà molta sicurezza al loro palleggiatore, il reparto schiacciatori ha la capacità di uscire da situazioni difficili e nell’insieme Sora è una formazione fisicamente forte e che al di là della classifica gioca sempre con tanto carattere. Sono in palio, in particolare per noi, punti importanti per la classifica e per continuare ad inseguire il traguardo dei Play Off: punteremo a giocare al massimo non solo tecnicamente ma anche a livello caratteriale dovendo affrontare una gara impegnativa in un campo molto difficile”.

La BioSì Indexa infatti vive da sempre una situazione particolare ma soprattutto in questo momento, e coach Barbiero è capace di spiegarla lucidamente:

“La partita di Verona è stata un po’ la conferma del nostro campionato: in ogni set, in ogni momento della gara, abbiamo lottato palla su palla, spesso conducendo nel punteggio, ma il risultato finale è sempre lo stesso. Confermiamo il bel gioco, confermiamo la buona attitudine dalla squadra a tenere un buon ritmo, ma nei momenti che contano, purtroppo perdiamo qualcosa. Devo dire però che contro la Calzedonia nei momenti che contano siamo stati più tenaci perché abbiamo combattuto palla su palla anche quando eravamo nella parte finale del set, tanto che in due ci hanno dovuto portare ai vantaggi e andare abbastanza lunghi per chiuderli. Verona è una squadra compatta, solida, Grbic ha messo in campo i migliori giocatori ma ha dovuto alternare tutta la sua rosa in quanto ha effettivamente trovato un Sora che ha giocato una buona pallavolo. Sono molto contento del comportamento dei miei atleti, si allenano e giocano a buoni ritmi. Nonostante le sconfitte vedo le facce giuste ed è sinonimo di motivazione e di volontà, e di questo dobbiamo essere, sia lo staff tecnico che la società, assolutamente soddisfatti. E’ una stagione amara di risultati ma con segnali importanti”.

“Ora tocca a Milano. E’ una squadra che ha un ottimo palleggiatore e un opposto il quale insieme a Petkovic sta dominando il campionato, centrali importanti, e schiacciatori molto regolari. Per noi sarà un’altra battaglia. Rispetto al girone di andata la Revivre non ha cambiato molto, ha dovuto alternare durante il campionato i due palleggiatori, ma il risultato non è cambiato molto, la sostanza è la stessa. La loro è una struttura molto solida, che tiene un ritmo abbastanza alto in tutti i fondamentali, quindi giocare contro di loro è complicato.
Mi aspetto una partita combattuta ma anche un bel risultato, perchè è tanto che lo cerchiamo. Lo cerchiamo in ogni partita e sono convinto che prima o poi ne faremo anche qualcuno di importante, quindi perché non pensare che la partita contro Milano possa regalarci bei sorrisi?
Il tempo per prepararci al match non è stato tanto visto il turno infrasettimanale. Abbiamo dovuto smaltire i postumi del match di Verona e della trasferta, quindi il riposo prima di tutto, poi abbiamo ripreso il lavoro su quello che può essere il sestetto e la struttura di gioco più necessaria per Milano. Cercheremo di far scendere in campo il sestetto più competitivo, la squadra più idonea alle finalità del gioco. Tutto l’organico che ho a disposizione si sta dimostrando molto competitivo perché spesso completiamo il set con 4 o 5 sostituzioni, non dovute alla variabilità del rendimento dei giocatori ma al fatto che, a mano a mano, tutti stanno crescendo e fanno vedere le qualità che hanno, quindi cerchiamo di metterle a disposizione del gruppo e, come fatto a Verona, nell’arco della gara abbiamo bisogno di tutti i giocatori a disposizione. Questo secondo me è un grande passo avanti, sintomo di maturità da parte degli atleti, ma anche risultato del lavoro che, quotidianamente, facciamo in palestra”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Rosso: “I Campioni d’Italia si sono dimostrati campionissimi”

, ,

E’ terminata 0-3 al PalaGlobo, i punti sono stati portati via tutti dalla Cucine Lube Civitanova, mentre a Sora resta la postilla di una lezione imparata: affrontare tutti a viso aperto, perché senza paure reverenziali è capace di creare grattacapi anche alle big. La Biosì Indexa Sora si è resa infatti protagonista di una gara dalla doppia lettura: l’avvio stentato,  intimorita dalla grandezza dell’avversario, poi la “rinascita”, accompagnata dalla serenità del “non avere nulla da perdere”. La ritrovata concentrazione non è però bastata a racimolare lunghezze – non che fosse questa la partita da vincere -, ma ha lasciato l’immagine di una squadra battagliera e di un bel pomeriggio di sano sport in una struttura gremita, che non voleva perdersi il fuoriclasse Juantorena, ma soprattutto che non voleva lasciare i bianconeri orfani del solito, caloroso e fragoroso tifo.

Per i padroni di casa, analizza la sconfitta coach Barbiero:

“Faccio un po’ fatica a trovare gli aspetti positivi di questo match, perché abbiamo giocato contro una squadra che ci ha lasciato veramente poco. Solo in alcuni momenti ci ha consentito di rientrare in gara, ma poi ha accelerato il gioco e noi non riusciamo a reggere quel livello. Comunque abbiamo combattuto e non abbiamo perso quella verve che ci ha sempre contraddistinto in tutta la stagione. Auguro a Civitanova un grosso in bocca al lupo, perché è una squadra che merita di andare avanti in tutti i suoi obiettivi. Noi speriamo di continuare a mantenere il piglio giusto, perché abbiamo la fase finale del girone di ritorno, dove potremo giocare al pari di altre squadre che ci sono davanti. Non finirò mai di ringraziare il pubblico che ci segue sempre con simpatia, con voce e con tanto entusiasmo nonostante questa stagione difficile. Speriamo che i tifosi saranno sempre con noi anche nelle prossime partite perché ne abbiamo veramente bisogno, ma ne sono certo.”

Rimbalza il suo mister capitan Mattia Rosso, che dice:

“Stasera è stata una partita difficile contro i campioni d’Italia, che oggi si sono dimostrati “campionissimi”. Qualcuno si aspettava che potessero arrivare qua stanchi, ma così non è stato ed hanno dettato il ritmo partita dall’inizio alla fine. Noi siamo rimasti compatti grazie a Petkovic, che ha fatto dei bei turni in battuta nel secondo e terzo set, ma per il resto abbiamo faticato molto in quasi tutti i fondamentali. Il divario è stato ampio. Chiaramente questi incontri li prendiamo sempre per fare volume di gioco, quantità, esperienza per poi arrivare a partite più abbordabili sulla carta dove ci auspichiamo di fare punti per muovere la classifica. Anche stasera il PalaGlobo era pieno, ed è molto bello giocare qua. Ci dispiace non aver ancora regalato una gioia al nostro pubblico, ma sono convinto e sicuro che presto arriverà, con sfide molto più abbordabili di quelle di stasera. In generale siamo in un periodo di crescita, quindi arriveremo ai prossimi appuntamenti pronti a provare a vincere”.

Per i vittoriosi cucinieri, esamina lo scontro il palleggiatore Christenson:

“Abbiamo giocato molto bene, soprattutto in battuta. Stasera abbiamo sentito parecchio la difficoltà di giocare in questo palazzetto, ma siamo stati bravi a metterli in difficoltà. Sicuramente è stato un buon match per noi. Per me è sempre un piacere giocare contro mio cugino Fey, siamo quasi fratelli. Quando eravamo giovanissimi siamo stati sempre insieme, abbiamo giocato insieme a pallavolo ed anche a basket. Lui ha disputato una buona gara ed ha ricevuto benissimo contro tutti i nostri giocatori. Ha fatto anche qualche punto contro di me quando ero a muro. Non sono contentissimo per questo, ma complimenti a lui”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Sora tarda a entrare in gara e Lube saluta il PalaGlobo in tre set

, ,

In poco più di un’ora di gioco la Cucine Lube Civitanova espugna il PalaGlobo “Luca Polsinelli” non concedendo alla BioSì Indexa Sora nulla oltre i tre set utili all’incasso del bottino pieno.

La pressione della gara doveva pesare tutta in capo ai Campioni d’Italia che avevano bisogno a tutti i costi della vittoria piena per riprendere la corsa in campionato e dunque per non mollare la scalata verso la vetta della classe abitata da Perugia ma anche per non fa avvicinare troppo al suo secondo posto Modena, mentre da Sora ci si aspettava braccio sciolto e testa libera di chi non ha nulla da perdere ma tutto da guadagnare.
E invece i padroni di casa hanno tardato a entrare in gara facendosi vedere bene solo nel secondo set entrando nel ritmo gara imposto dai marchigiani con un buon gioco che gli ha permesso di tenere il punteggio fino al 20-20 per poi subire l’accelerata dei cucinieri. Gli ospiti hanno chiuso la gara con 10 ace contro i 7 di Sora, e con la vera differenza in campo segnata dagli 8 muri e dal 61% in attacco con Sander best scorer con 15 punti totali realizzati di cui 13 attacchi, festeggiando l’MVP Osmany Juantorena.

“E’ stata una partita complicata perché Civitanova è venuta qui giocando veramente un’ottima pallavolo – commenta a caldo coach Mario Barbiero -. Anche se con una formazione diversa dal solito, comunque in campo giocatori di alto livello quindi giocare contro un sestetto così per noi è complicato. Abbiamo provato nel secondo set a tornare in partita ma non ce l’hanno concesso. Complimenti a loro”.

“Ovviamente sono soddisfatto perché questo è un campo difficile dove hanno sofferto in molti – dice invece mister Giampaolo Medei -. Sora poi ha forzato molto al servizio, soprattutto nel secondo set con l’opposto mettendoci in difficoltà. Abbiamo giocato con un assetto nuovo quindi certi meccanismi non erano al 100% ma i ragazzi si sono adattati e siamo molto contenti dei tre punti”.

Con un calendario fitto di appuntamenti che le propone gare ogni tre giorni tra SuperLega e Champions League, la Lube per affrontare il suo impegno sorano ha fatto ricorso a tutte le sue risorse con coach Medei a trovare soluzioni alternative utilizzando tutto il roster a sua disposizione. Così allo starting player il tecnico dei marchigiani, non mette a riposo il centrale e capitano Stankovic schierandolo in posto 3 con l’italiano Cester, per la diagonale di posto 4 sceglie Juantorena, MVP del match, e Sander, mentre per quella palleggiatore opposto Christenson e Kovar con Grebennikov libero.
Nessuna variazione invece per coach Mario Barbiero che si affida al suo ormai rodato 6+1, quello formato dalla regia di Seganov opposto a Petkovic, dagli schiacciatori-ricettori Rosso e Nielsen, dai centrali Caneschi e Mattei, e il rientrato Santucci libero, mentre in corso d’opera spazio a Fey e a Mauti utilizzato nel terzo set nella fase di difesa.

In avvio di gara i padroni di casa tardano a entrare nel set facendosi vedere solo sul 4-14 con un break positivo che è riuscito ad accorciare le distanze fino però al 9-14 prima che Juantorena scavasse il solco definitivo al set con una battuta ficcante e proibitiva per la ricezione sorana, per l’11-23 che alla conclusione è diventato 13-25.

Il secondo set invece si apre con Sora per la prima volta in vantaggio con un break di 5-0 autografato da Petkovic al servizio che con ben 4 ace consecutivi porta i suoi sull’11-8. La Lube aggancia e accelerare ma un altro turno al servizio dell’opposto bianconero rimette la contesa in parità 20-20. Lube al cambio palla e Christenson a rispondere con la stessa moneta per gli ace del 20-24 che aprono la strada a Kovar per l’attacco che vale il 20-25 e lo 0-2 in fatto di conteggio set.

La terza e ultima frazione di gioco si avvia come la precedente, con il 4-3 sorano trasformato dagli ospiti nel +4 dell’8-12 grazie a due mini break positivi guidati da Sander. I cucinieri al break point rosicchiano qualche altra lunghezza di vantaggio, la BioSì Indexa prova a resistere come può ma sul 19-25 non le resta che applaudire un avversario di altissimo livello.

BIOSÌ INDEXA SORA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 2, Petkovic 12, Rosso 3, Nielsen 6, Mattei 1, Caneschi 4, Santucci (L), Marrazzo, Duncan Thibault 1, Lucarelli n.e., Fey 3, Penning, Mauti (L). I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 7; B/P 8; muri: 1.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Christenson 10, Sokolov n.e., Sander 15, Juantorena 13, Cester 4, Candellaro n.e., Grebennikov (L), Zhukouski n.e., Stankovic 10, Kovar 7, Casadei n.e., Milan 2, Marchisio (L) n.e.. I All. Giampaolo Medei; II All. Marco Camperi. B/V 10; B/P 13; muri: 8.

PARZIALI: 13-25 (‘20); 20-25 (‘23); 19-25 (‘26).

MVP: Osmany Juantorena.

ARBITRI: Giuliano Venturi e Fabrizio Saltalippi.

SPETTATORI: 1.711.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora
Foto: Komunicare

Rosso: “Credevamo nella vittoria e meritavamo il tie break”

, ,

E’ stata davvero una sfida tribolata quella tra la Biosì Indexa Sora e la Kioene Padova, ma alla fine la spuntano i veneti che chiudono la bagarre sull’1-3. I set sono stati tiratissimi, come evidenziano i risultati parziali, purtroppo per i volsci, i patavini hanno allungato il passo emergendo di “testa”, complice l’ottima regia di Travica:

“La colonna sonora è sempre la stessa. Combattiamo nel primo set perdendolo ai vantaggi, così come nel secondo – spiega il coach locale Mario Barbiero. Queste sono situazioni che generano un dispendio di energie enorme, nello stare sempre a inseguire e a lottare su ogni pallone e poi non essere premiati, soprattutto per inesperienza. Noi finora ce la stiamo mettendo tutta e continueremo a farlo perché abbiamo ancora tante giornate davanti e strada da percorrere. Il gruppo risponde, si allena bene, e più di così a questi ragazzi non me la sento di chiedere; in ogni partita stanno dando il meglio di loro stessi. Oggi al posto di Santucci ha giocato Mauti che ha fatto molto bene il suo dovere, e pertanto non abbiamo patito in quel ruolo. Come al solito utilizziamo 7/8/9 giocatori perché questa formazione ha bisogno di utilizzare tutti i giocatori, nelle varie pieghe dei set abbiamo la necessità di cambiare qualcosa, quindi complimenti anche a chi è subentrato, come Mattia Rosso, in campo a metà del primo periodo. Il capitano ha giocato una buona partita, ed è anche questo lo specchio del lavoro che si sta facendo. Per noi tanti avversari sono di livello più alto, ma nel complesso, non nei singoli. Siamo abituati a fronteggiare squadre che giocano una pallavolo con un’intensità diversa rispetto a noi”.

Il verdetto, che non ha premiato i sacrifici sul taraflex dei casalinghi, ha lasciato un po’ di amarezza a capitan Rosso, che in questa vittoria ci sperava davvero, come asserisce in intervista:

“Questa è stata una partita molto equilibrata, credevo molto nella vittoria perché stavamo venendo da un buon periodo, e per noi lo è ancora, forse non tanto per loro. Sapevamo di avere un po’ di problemi fuori casa a livello di prestazione, quindi ci speravamo in questa chance. Forse nel primo set siamo stati un po’ contratti, e lo abbiamo regalato. Partire già con un set di svantaggio diventa dura. Poi però siamo stati bravi a rimanere attaccati al match, e sono stati dei piccoli dettagli a fare la differenza per loro. Forse con qualcosina in più da sistemare, non tantissimo, avremmo meritato il tie break. Quando si arriva a giocare in tempi molto tirati ci vuole un po’ di grinta, e questa dovremo imparare a tirarla fuori al momento giusto, quello che hanno fatto loro. Vincendo quel game hanno incanalato la gara”.

Per gli ospiti è il martello Randazzo a dare la sua lettura dell’incontro:

“Questa per noi era una partita fondamentale perché servivano punti. Giocare a Sora è tortuoso, c’è un tifo molto caloroso. La Biosì Indexa, in casa, gioca molto bene. Il nostro obiettivo era fare 3 punti e ci siamo riusciti. C’era il CT della nazionale Blengini ad osservarci, sta girando molto per i campi, e poi farà le sue scelte. Questo naturalmente è uno stimolo in più. Tutti stiamo correndo ed è giusto che corra anch’io”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Sora vende cara la pelle ma a Padova passa il mal di trasferta

, ,

Al PalaGlobo “Luca Polsinelli” si chiude 1-3 il combattuto match tra la Biosì Indexa Sora e la Kioene Padova giocato sotto lo sguardo attendo del commissario tecnico della Nazionale Italia Gianlorenzo Blengini. A dispetto del verdetto finale, i quattro set sono stati molto battagliati e con repentini cambi di fronte, sorpassi e agganci a opera di entrambe le formazioni in campo, a esclusione dell’ultimo.
Complicata e difficile sono gli aggettivi che i coach hanno utilizzato per descrive una gara che ha visto i primi due set decisi da un paio di palloni con Padova a mostrare qualcosa in più e la reazione sorana che non è tardata ad arrivare con una positivissima frazione di gioco che ha riaperto il match nel quale buono è stato l’atteggiamento e la voglia di vincere di entrambe le squadre. Nel quarto però l’esperienza della Kione ha avuto la meglio confermando a gran voce che Padova non ha il mal di trasferta e vuole puntare dritta al suo obiettivo play off.
Nel suo lato di campo, Sora ha venduto cara la pelle, e anche quando Padova l’ha messa sotto, ha cercato e trovato il suo punto di ripartenza riuscendo a trasformare alcune occasioni in possibilità. La Kione si è trovata invece ad affrontare e a vincere una gara che le ha mostrato e fatto vivere molte più insidie di quelle che si aspettava con i padroni di casa che hanno continuato a viaggiare sui ritmi dell’ultimo turno aggiungendo qualcosa in più alla sua bella pallavolo.

“E’ stata una partita molto complicata – dichiara coach Mario Barbiero -. Noi, a tratti, abbiamo giocato bene, a tratti meno bene. Padova ha fatto una buona gara anche se ci ha dato, in alcuni momenti del match, la possibilità di rientrare in partita. Siamo stati bravi nel terzo set, meno nel quarto. Sicuramente da questa partita potevamo chiedere di più, ma è andata così quindi accettiamo il risultato del campo”.

“E’ stata una partita difficile, proprio come ce la aspettavamo – dice invece mister Valerio Baldovin. Entrambe le squadre hanno giocato molto a sprazzi e con troppi errori. Sapevamo che era una partita che si sarebbe giocata sull’aspetto tattico e così è stato”.

Allo starting players coach Mario Barbiero fa scendere in campo il 6+1 formato dal palleggiatore Seganov in diagonale con Petkovic, dalle bande Fey e Nielsen, dai centrali Caneschi e Mattei, ma con la novità Mauti libero. La guida tecnica patavina invece, Valerio Baldovin, propone la diagonale Travica-Nelli, Polo e Volpato in posto 3, i martelli Randazzo e Cirovic, e Balaso libero.

Con Petkovic i padroni di casa aprono il match 3-1, ma per un sestetto che scappa l’altro rincorre bene con break e contro break che accompagnano il primo set fino al 9-9. È la Kione ad alzare per prima la voce con Travica che si affida a Randazzo per l’11-14 che suggerisce a coach Barbiero l’interruzione del gioco con la richiesta del time out discrezionale e poi l’inserimento di capitan Rosso al posto di Fey. Nielsen di potenza rimette tutto in parità andando a segno sulla rete e dai nove metri per il 14-14. Padova vuole correre avanti ma Sora è brava sul cambio palla spezzando il gioco avversario che nel frattempo però ha portato il punteggio sul 20-22. L’opposto serbo per il 21-23 e poi, quando i veneti sembrano a un passo dalla vittoria del set, il video check inverte la decisione arbitrale mostrando l’immagine di Cirovic che a muro su Petkovic prende l’asta per il 21-24 che si trasforma nel 22-23. Entrambi i sestetti hanno la loro possibilità di portarsi in vantaggio game ma Sora, con una battuta a rete, la regala a Nelli che mette a referto il 23-25.

La BioSì Indexa torna in campo confermando il suo capitano Mattia Rosso e con poca convinzione che segna subito il distacco del 4-8 con il vantaggio ospite che in pochi minuti sale sul +6 del 6-12. Coach Barbiero richiama i suoi ragazzi a colloquio e poi opta per un cambio in regia, quello tra Marrazzo e Seganov. L’invasione patavina consegna nelle mani di Rosso la battuta, e l’esperto schiacciatore la trasforma in 3 ace che infiammano il PalaGlobo ma soprattutto nel turno dal parziale di 6-0 che si traduce nella parità del 12-12 con il rigore a porta vuota di Nielsen a chiuderlo. Mister Baldovin richiede il time out discrezionale e alla ripresa del gioco il suo sestetto rosicchia lunghezze importanti per il nuovo vantaggio del 16-20. Vende cara la pelle Sora e mattone su mattone rimette nuovamente tutto in equilibrio 21-21 con Seganov all’ace e al gioco di seconda intenzione e Rosso e Caneschi in attacco. Con un buon lavoro a muro Padova rimette il naso avanti ma come nel set precedente è il video check a negargli il 22-24 confermando out un attacco di Cirovic per il 23-23. La parallela di Nelli dà ai suoi la vera possibilità di chiusura ma la battuta a rete di Sperandio porta la contesa ai vantaggi. Mattei mura Cirovic per il 26-26 e gli errori al servizio sul 28-28. È Randazzo, in attacco e a muro, a portare i suoi sul vantaggio game di 2-0 chiudendo 28-30.

Ancora video check protagonista con coach Barbiero ad azzeccare la chiamata che inverte la decisione arbitrale per il 3-3. La diagonale Seganov-Petkovic finalizza per l’equilibrio del 7-6 mentre Nielsen spinge una lunghezza più avanti i suoi. Padova prova a reagire ma sul 13-11 Rosso incrementa il vantaggio e l’ace di Seganov lo fa salire fino al +6 del 18-12. È Nelli a tirare il carretto per i suoi con 4 attacchi vincenti consecutivi quando però il tabellone segna il 22-18. Porta la sua firma anche l’ace del 23-21 che fa richiedere a coach Barbiero l’interruzione e dell’attacco che annulla alla BioSì Indexa la prima possibilità set guadagnata con il servizio out di Randazzo. È l’esperienza di capitan Rosso, a giocare sulle mani del muro avversario, a chiudere il set in favore dei suoi e a tenere aperto il match.

La Kione, tutta d’un pezzo torna in gioco decisa a non concedere più nulla al suo rivale con il 2-5 che però Sora riaggancia subito per la parità del 5-5 e l’equilibrio del 10-11. Sono ancora i bianconeri ospiti ad andare avanti 10-13 e quelli locali, dopo i consigli della loro guida tecnica, a ricucire lo strappo alla perfezione per poi aprire il punto a punto del 16-16 con l’occhio elettronico a decretare in campo una battuta di Caneschi. Travica e compagni costruiscono ancora al meglio ma è Polo a muro a fare la differenza per l’accelerata del 17-21 costruita con Fey dall’altra parte del capo al posto di Nielsen. La BioSì Indexa non riesce ad andare oltre il cambio palla e Padova festeggia la vittoria del 25-21, del match 1-3 e il suo MVP Randazzo.

BIOSÌINDEXA SORA – KIONE PADOVA 1-3

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 6, Petkovic 21, Rosso 13, Nielsen 15, Mattei 5, Caneschi 5, Santucci (L), Marrazzo, Duncan Thibault n.e., Lucarelli n.e., Fey, Penning n.e., Mauti n.e.. I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 7; B/P 22; muri: 5.

KIONE PADOVA: Travica 3, Nelli 16, Randazzo 21, Cirovic 7, Polo 13, Volpato 8, Balaso (L), Peslac n.e., Gozzo n.e., Koprivica 1, Scanferla n.e., Premovic n.e.. I All. Valerio Baldovin; II All. Nicola Baldon. B/V 2; B/P 21; muri: 13.

PARZIALI: 23-25 (‘26); 28-30 (‘36); 25-23 (‘26); 21-25 (’25).

MVP: Luigi Randazzo.

ARBITRI: Sovrero Luca, La Micela Sandro.

SPETTATORI:1.438.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Coach Barbiero: “Sono contento per come i miei hanno saputo combattere e crederci”

, ,

Un 1-3 che ha però il sapore dolce della soddisfazione e quello forte della consapevolezza: la Biosì Indexa Sora lascia 3 lunghezze agli ospiti della Diatec Trentino nella 12esima giornata di regular season SuperLega, ma certifica lo spessore dei suoi giovani e abbraccia la bella sorpresa che le ha riservato Federico “Chicco” Marrazzo, subentrato a Seganov a gara inoltrata.
Il giovane palleggiatore si è reso protagonista di un’ottima prova, spostando gli equilibri della partita con decisione, facendo vacillare Trento e virando spesso il pendolo in favore bianconero. Non per niente è risultato il migliore in campo.

“Sono molto contento della mia prestazione, però il risultato resta – commenta a caldo l’alzatore. Purtroppo abbiamo preso 0 punti. Avrei preferito non giocare e farne 3. L’emozione sicuramente è tanta. Abbiamo fatto una buona prestazione, ci stiamo togliendo la pressione che avevamo prima della vittoria di Castellana, che sicuramente ha aiutato molto. Come dice sempre il mister, dobbiamo avere la mentalità giusta, e questa sera a tratti l’abbiamo avuta. Adesso dobbiamo lavorare con più attenzione e più duramente per prenderci quello che ci spetta. Io sono entrato per fare la mia partita ed è andata bene, i miei compagni mi hanno aiutato moltissimo”.

Ha saputo cambiare gioco quando era il momento di farlo coach Mario Barbiero che di fatto non solo ha dato la possibilità all’alzatore di esprimersi in campo, ma anche mutando pesantemente l’assetto del match:

“Oggi abbiamo giocato soltanto il terzo e il quarto set, però c’è da dire che il Trento, nel primo, ha intimorito la squadra perchè lo ha disputato in maniera perfetta – spiega la guida tecnica locale. Affrontare una formazione così è molto difficile. Ci siamo un pò impauriti, ci è voluto un pò di tempo, con qualche innesto e qualche idea nuova, per uscire fuori da una situazione abbastanza compromessa. Sono felice per come la squadra ha dimostrato di saper combattere e di crederci. Poi è chiaro che al quarto set la qualità di Trento è stata sovrana. Sono felice per Federico Marrazzo perchè ha sofferto per queste prime partite facendo dei piccoli ingressi, però oggi ha dimostrato di essere una promessa della pallavolo sorana, e secondo me anche nazionale. Sono contento per tutta la squadra che ha dimostrato carattere e ha lottato fino alla fine”.

Dal versante ospite arriva la voce del contraltare di Marrazzo, il regista azzurro Giannelli, che dice:

“Abbiamo giocato i primi due set molto bene. Siamo stati precisi ed attenti su quello che ci siamo detti in sala video. Nel terzo, poi, qualcosa è mancato perchè abbiamo commesso delle imprecisioni che ci hanno pregiudicato il parziale. Nel quarto game siamo stati bravi a stare lì e a soffrire. Abbiamo vinto e sono tre punti d’oro. A Sora abbiamo trovato una squadra che, anche se ci ha lasciati giocare, ha saputo renderci difficile la vittoria. La palla è tonda e con qualsiasi squadra si può rischiare di perdere: lo si è visto nel terzo periodo dove sono stati più bravi loro”.

All’atleta si unisce il suo general manager Bruno Da Re:

“Ci ha fatto molto piacere venire qui questa sera. So che ci sono dei problemi con questi palazzetti, se ne sta discutendo molto in Lega. Penso che Sora debba tenere duro e non mollare, e credo che con questa squadra valga davvero molto la pena lavorare. Noi abbiamo portato a casa i tre punti che ci servivano, per una classifica che è decisamente diversa da quelli che erano i nostri programmi iniziali. Adesso siamo in serie positiva da un po’ di partite, vediamo anche noi di continuare. La Biosì Indexa è una squadra molto giovane, che merita tanta attenzione perchè sta costruendo con i giovani, con i quali bisogna avere tanta pazienza. Mi ha fatto però piacere vedere questa rosa condotta da un allenatore che ha una grande esperienza nei settori giovanili, e che sta sperimentando e si sta mettendo alla prova nel massimo campionato. La società è sana e mi auguro riesca a risolvere questi problemi di impianto e che trovi una collocazione idonea, e di poterla avere nel nostro gruppo di SuperLega per tanti anni perchè il presidente, lo staff e il pubblico meritano questa questa piazza ed è giusto che rimanga ad altissimo livello”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Sora ancora in anticipo, domani sera arriva Trento

, ,

Infrasettimanale con una delle big della pallavolo italiana per la BioSì Indexa Sora che mercoledì alle ore 20:30 anticiperà il penultimo turno del girone d’andata di SuperLega UnipolSai 2017/18. Ospite del PalaSport “Città di Frosinone, e dunque avversaria di lusso di Rosso e compagni, la Diatec Trentino.  

Dopo l’anticipo dell’Immacolata e l’apertura del week end lungo spezzatino con lo scontro diretto con la BCC Nep Castellana Grotte che ha portato la prima agognata vittoria in casa Argos Volley, tocca ancora a coach Barbiero e ai suoi uomini inaugurare il turno. Data la non disponibilità del palazzo frusinate per la prossima domenica 17 dicembre a causa una di una manifestazione programmata dal Comune stesso già in estate, Sora e Trento giocheranno la loro dodicesima di cartello domani sera.

Mentre i volsci hanno avuto qualche giorno per preparare la gara, concentrarsi su un altro avversario e programmare la strategia di gioco, la Diatec continua a fare i conti con un calendario fitto di impegni, quello che appunto compete a un club blasonato come quello del Presidente Mosna, che già dallo scorso lunedì è a Frosinone arrivata direttamente dalla Calabria dopo aver espugnato in cinque set il PalaValentia. 

In questo avvio di dicembre, tra il tie break vinto in casa contro Modena il giorno 3 e quello con lo stesso risultato di Vibo Valentia di domenica 10, Lorenzetti e il suo team martedì 5 dicembre ha debuttato nella Volleyball Champions League vincendo in trasferta per 3-1 la prima gara della Pool E di 2018 CEV che l’ha vista contrapposta ai belgi del Noliko Maaseik. Calendario fittissimo di impegni in trasferta dunque che però alla fine Trento affronta nel migliore dei modi calando il poker in campionato e dunque proseguendo positiva la propria rincorsa in classifica con la quarta vittoria consecutiva che ha portato nelle casse 9 punti con i tie break vinti tra le mura amiche con Latina e Modena, quello di Vibo e il parziale netto a Piacenza.   

Giannelli e compagni sono bravi a respingere i tentativi di rimonta e di sorpasso degli avversari e a combattere contro la stanchezza delle tante trasferte e dei tanti giorni in giro in città, nazioni, alberghi e palazzetti diversi. Tutto questo si traduce nell’ottavo posto della classe a quota 16 punti con la distanza di una sola lunghezza da Padova, due da Verona e tre da Piacenza con le quali ultime due però ha perso gli scontri diretti.   

La BioSì Indexa invece è al massimo della sua espressione:

“La vittoria contro Castellana Grotte – spiega coach Mario Barbiero -, è stata il coronamento di una serie di partite giocate abbastanza bene, l’aspettavamo da tanto tempo ed è arrivata in una gara difficile, quindi il morale è abbastanza alto. Ora c’è Trento, una squadra e un club di altissimo livello e qualità. 

Noi abbiamo tanta fame dunque affronteremo il match, oltre che con l’entusiasmo, con il massimo dell’attenzione, cercando di mettere in pratica quei meccanismi sui quali stiamo lavorando alacremente. Saremo agguerriti come in campo a Castellana, non molleremo mai e, grinta, aggressività, coraggio e spirito di sacrificio, saranno gli aggettivi che ci contraddistingueranno per la lotta fino all’ultima palla”.

Vuole continuare a vedere i miglioramenti dei suoi ragazzi la guida tecnica sorana, crede molto nel grande passo che ha fatto assieme a loro, ma soprattutto che si tratti di una situazione in continua evoluzione e non assolutamente un punto di arrivo. Però dall’altra parte della rete c’è la Diatec che, dopo i tre secondi posti raccolti nella scorsa stagione  in Campionato, Coppa Italia e Coppa CEV, è ripartita da un progetto completamente nuovo ma sempre dalla certezza della sua guida tecnica, Angelo Lorenzetti. Il mercato estivo ha cambiato il volto della rosa per dieci tredicesimi, migliorandone la qualità nei fondamentali di attacco e battuta: Giannelli e Lanza rappresentano, assieme all’allenatore, gli elementi di continuità rispetto al passato, in una squadra che potrà contare sul miglior ricettore dell’ultima stagione, il libero De Pandis, ma anche sull’opposto della Nazionale, Luca Vettori, sulla voglia di vincere degli ex Verona, Kovacevic e Zingel, e sulla determinazione del campione olimpico Eder e dello sloveno Kozamernik, entrambi al debutto in SuperLega. In un organico mediamente giovane e con grandi potenzialità, un ruolo importante lo rivestono anche giocatori come Teppan, Cavuto e Hoag, visto che la Diatec Trentino è tornata a disputare, dopo un solo anno di assenza, la CEV Champions League, e almeno fino a febbraio giocherà una partita ufficiale ogni tre giorni. 

“Obiettivamente avrei preferito giocare questo match nel weekend e non a pochi giorni di distanza da quello di Vibo Valentia – ha ammesso l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti presentando la partita – ; abbiamo tempi di recupero ridottissimi, dobbiamo valutare le condizioni di De Pandis (uscito dal campo domenica scorsa già nel corso del secondo set per un risentimento al ginocchio, ndr) e oltretutto ci troveremo di fronte ad una formazione come Sora che è in buon momento di forma ed è reduce dalla prima vittoria in campionato. I nostri avversari non hanno ottenuto per caso il successo venerdì sera a Bari, stanno giocando una buona pallavolo e sono in crescita. Si tratta quindi di un match delicato e difficile”.

Carla De caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Sfida dell’Immacolata al PalaFlorio di Bari

, ,

Undicesima giornata di SuperLega spezzatino con le sfide tra le quattordici partecipanti al torneo spalmate su tutto il ponte dell’Immacolata.
Ad aprire il week and lungo proprio la scontro diretto tra la BioSì Indexa Sora e la BCC Nep Castellana Grotte che al PalaFlorio di Bari venerdì alle ore 18, oltre alla compagine volsca ospiterà anche le telecamere di RaiSport per la diretta televisiva con il commento di Marco Fantasia e Claudio Galli.
Satanassi e Boris i giudici della gara tra i fanalini di coda che si preannuncia molto combattuta, con Sora alla continua ricerca della sua prima vittoria, e Castellana Grotte, con la stessa necessità di muovere la classifica ferma da troppo tempo, a tentare l’aggancio ai corregionali di Vibo Valentia che ospiteranno Trento, prossimo avversario di Sora. Curiosità, sia la BioSì Indexa che la BCC Nep, hanno fatto punti con Latina, la prima arrendendosi al tie break nel derby laziale, l’altra battendola tra le sue mura amiche.

“Un match difficile – analizza coach Mario Barbiero -, fuori casa e contro una squadra che ha già assaporato la vittoria. Composta da giocatori di elevata qualità, Castellana è una squadra molto esperta e solida. Come noi ha delle difficoltà ad adattarsi al livello della SuperLega con la differenza però che dalla sua ha giocatori con un pizzico di esperienza in più: cercheremo di avvalerci dell’entusiasmo dei giovani per cercare di sopperire a questa carenza.
Il loro gioco di squadra è abbastanza completo, attento e di buona qualità, per cui dovremmo fare attenzione a diverse situazioni a partire dal servizio che può metterci in difficoltà, e l’attacco in quanto ci sono giocatori importanti, schiacciatori di elevato livello e centrali di esperienza. Per contrastarli dovremmo cercare di essere continui, quello che ancora ci manca infatti, è proprio la continuità e un approccio alla partita più aggressivo”.

Sulla scia della bella prestazione di domenica scorsa al PalaSport “Città di Frosinone” contro Piacenza, la BioSì Indexa ha tenuto il morale alto per tutta la settimana:

“Il parziale vinto ma anche gli altri giocati alla pari – spiga la guida tecnica volsca -, sono stati benzina per il nostro lavoro, per farlo bene e con attenzione come stiamo facendo da qualche mese. La squadra è in palestra tutta la settimana con la testa, e staff tecnico e società sono fiduciosi perché pian piano stiamo crescendo”.

Tanti segnali positivi dunque stanno venendo fuori sia dal lavoro quotidiano che dalle gare ufficiali, però a mancare è ancora la vittoria:

“E’ chiaro – continua Barbiero -, che giocare con dieci sconfitte sulle spalle non è facile perché il morale sale vertiginosamente e ricade in maniera repentina. Quello che possiamo fare è continuare a lavorare sodo e cercare di fare meglio gara dopo gara, come faremo contro Castellana Grotte e tutte le prossime che verranno. Non esistono partite abbordabili, ma partite che possono essere giocate in tanti modi differenti”.

E dunque Rosso e compagni continueranno la ricerca del loro obiettivo contro la BCC Nep Castellana Grotte, avversario mai affrontato in SuperLega con i precedenti che parlano di cinque incontri, tutti ad appannaggio dei pugliesi, andati in scena nei campionati di Serie A2 negli anni tra il 2009 e il 2012 e nei Quarti di Finale di Coppa Italia 2011/12. Unico ex di giornata Pierpaolo Mauti che ha vestito la maglia castellanese nel 2014/2015 quando la Bcc Nep militava in B2.

“Fuori casa per noi non è semplice – riprende il coach -, perché la giovane età del gruppo dà instabilità, ma sono fiducioso perché il lavoro continua a dare segnali importanti e con i giovani credo sia più importante quello che si vede in settimana in quanto, se i picchi di prestazione sono frequenti, arriveranno anche nelle partite e noi abbiamo pazienza. Aspetteremo e cercheremo di spingerli, di aiutarli a crescere per ottenere risultati migliori”.

Ai nastri di partenza della SuperLega, Castellana Grotte ha avuto le stesse problematiche di Sora in fatto di impianto di gioco, con quello cittadino nel quale ha disputato e vinto la Serie A2, che non risponde ai requisiti richiesti dal massimo campionato. Troppo piccolo il PalaGrotte e dunque club che emigra a Bari che nel suo PalaFlorio sta ospitando per la prima volta il grande volley maschile italiano.
Con la grande responsabilità di rappresentare in SuperLega il volley pugliese, orfano infatti di Molfetta che per lo stesso problema non si è iscritta al torneo, la BCC Castellana Grotte in tempo di mercato forgia un blocco di quasi tutti esordienti nel massimo campionato, compreso il pacchetto stranieri che vede oltre al duo carioca Canuto e Moreira, protagonista della promozione, il martello polacco Hebda e il centrale (sempre brasiliano) Costa. Il neo arrivo De Togni, i confermati Cazzaniga e Garnica, sono stati incaricati di fare da chioccia ai giovanissimi, l’opposto greco Tzioumakas che dopo 3 anni da seconda linea tra Perugia e Piacenza, si esprime come bocca di fuoco principale. Con la coppia di liberi Cavaccini e Pace confermata, insieme al centro Ferraro, completano il roster Rossatti e Zauli, giovani in cerca di gloria, mentre alla regia il ritorno in Italia di Matteo Paris.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Mattia Farina, dall’Oasi dei Sapori Volley al Cup alla convocazione in SuperLega

, ,

Ha vissuto una giornata tra i “grandi” il giovanissimo Mattia Farina, arrivato in estate alla corte di Mario Barbiero e formarsi come l’atleta del “domani” bianconero. Il sedicenne è stato infatti convocato in prima squadra dal suo mister in occasione dell’ultimo turno disputato dalla Biosì Indexa Sora contro la Wixo LPR Piacenza, un momento magico per il ragazzo che, fino a pochi mesi fa, non pensava gli potesse accadere tutto questo.

Si era avvicinato al mondo della pallavolo grazie al torneo interscolastico che l’Argos Volley organizza da cinque anni – l’Oasi dei Sapori Volley Cup – dove il tecnico di Velletri lo ha notato, intuendone le potenzialità. Barbiero ha quindi preso Mattia sotto la sua ala protettiva e lo ha condotto presso il centro sportivo di Bracciano, dove ha potuto conoscere uno staff tecnico qualificato e tanti altri giovani atleti provenienti da tutta Italia. Farina sta compiendo un duro lavoro da fine luglio con il club bianconero ed ora anche per lui è arrivato il momento di cogliere una grandissima soddisfazione, come lui stesso, fiero, emozionato, orgoglioso, spiega:

“Non mi aspettavo la convocazione del coach per la scorsa domenica. Quando è arrivata, nel pomeriggio di sabato, mi ha lasciato esterrefatto. Inutile dire contentissimo e lusingato di occupare un posto sulla panchina della prima squadra. La fiducia dell’allenatore è per me un motivo di orgoglio ma anche responsabilità, perché so di doverlo ripagare e continuare ad impegnarmi per diventare un vero giocatore, grazie ai suoi insegnamenti e all’esempio di sacrificio che ogni giorno ci mostra in palestra. La mia inaspettata avventura nel mondo del volley prosegue davvero bene, con un susseguirsi di sensazioni per me indescrivibili. Spero davvero di ottenere buoni risultati con la volontà e l’esercizio costante a cui non voglio sottrarmi e ritagliarmi un giorno il mio spazio in questo mondo bellissimo”.

E chissà… magari anche per Mattia potrebbe aprirsi una strada come quella che ha portato gli altri due atleti del vivaio volsco Mauti e Lucarelli dalle fila delle giovanili fino ai campi della Superlega, in giro per l’Italia. L’Argos Volley Sora se lo augura e soprattutto lo augura al ragazzo, cui vanno i complimenti di tutta la società per il primo traguardo raggiunto e che sia solo il primo di una lunga e luminosa carriera.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora