Articoli

Test-match, Sora supera Latina 3-1

, ,

Si è alzata davvero l’asticella nei test match pre-season e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ha risposto presente vincendo 3 dei 4 set disputati al Palazzetto dello Sport di Cisterna di Latina contro la Top Volley.

Assenze importanti in entrambi i roster con Latina senza cinque nazionali e Sora in attesa del pieno recupero del suo centrale Scopelliti e del suo capitano Joao Rafael, ma confronto che è riuscito a dare a entrambi gli allenatori ottime risposte e spunti per il proseguo del lavoro.

“Rispetto alle amichevoli precedenti – analizza coach Colucci -, alcune cose sono andate meglio mentre altre un pochino meno, però in questo periodo ci può stare sia perché ieri i ragazzi hanno sostenuto un allenamento intenso, e sia perché è in fase di creazione l’intesa tra il palleggiatore e gli attaccanti soprattutto sulle rigiocate. In campo la squadra l’ho vista un po’ affaticata ma questo è un dato che ci aspettavamo, comunque nel corso del test ho avuto delle conferme alle quali tenevo molto.
È ancora tutto da migliorare e il tempo è dalla nostra parte perché manca un mese all’inizio del campionato e considerando i prossimi appuntamenti della pre season, mi riferisco soprattutto al torneo di Vibo Valentia che ci aspetta la prossima settima, cercheremo di dare il meglio e di vedere il miglior aspetto della squadra di Sora”.

Coach Colucci sceglie di aprire la gara con la diagonale Radke-Miskevich, i centrali Caneschi e Corgnale, le bande Fey e Grozdanov, e Sorgente libero. Dall’altra parte della rete mister Tubertini schiera capitan Sottile in cabina di regia opposto a Onwelo, Skoreiko e Rossato in posto 4, Elia e Rossi in posto 3 e Cavaccini libero.

Latina aggredisce subito il match sulla rete con Onwelo e dai nove metri con Skoreiko per il 6-3. Miskevich (6 pt/set) e Grozdanov fanno partire la rincorsa sorana che alla metà del set rimette i giochi in equilibrio 14-14. Con i centrali, Corgnale in attacco e Caneschi al servizio, arriva il primo allungo ospite, quello del 14-17 ma la Top Volley lavora bene per l’aggancio così sul 22-22 si preannuncia un gran finale di set. A muovere il primo passo sono i padroni di casa con l’ace dello schiacciatore Skoreiko, il suo compagno di reparto finalizza il secondo, e un errore degli avversari porta in tre mosse la vittoria del primo game nelle casse pontine 25-22.

Stesse formazioni in campo per la seconda frazione di gioco che si avvia più equilibrata con il punto a punto che fa salire il tabellone fino al 7-7. A romepere l’equilibrio questa volta è Sora con l’ace di Fey che assicura il +3 dell’8-11 e quello di Caneschi il 9-13. Richiama i suoi ragazzi coach Tubertini ma alla ripresa la Globo continua a martellare con il suo opposto che allunga fino al 9-15. Arriva la reazione di Sottile e compagni ma Sora mantiene ben stretta i suoi 5 punti di vantaggio al 12-17, 15-20 e 17-23. Il guizzo di Onwelo vorrebbe suonare la carica per i suoi ma Grozdanov va dritto al set ball e alla chiusura con il 20-25 che porta il match in parità.

1-1 e coach Tuberti cambia una carta in tavola mandando in campo Rondoni al posto di Skoreiko. Capitan Sottile cambia il suo gioco puntando, per rispondere al fuoco nemico, su i suoi centrali. Elia e Rossi non lo deludono scavando il primo solco del terzo set che, con gli attacchi di Onwelo, si traduce nel 9-4. Sora non riesce ad andare oltre il cambio palla ma finalmente sul 12-7 arriva un break positivo che ricuce lo strappo 12-10, seguito da un secondo parziale sempre di 3-0 con Miskevich in gran spolvero, che sancisce la parità del 13-13. Time out Top Volley e regista che si affida a Onwelo ma a lanciarsi in avanti è la Globo con un parziale di 6-1 autografato da Grozdanov in attacco e Caneschi a muro e all’ace che vale il 16-20. Rincorre benissimo la squadra del presidente Falivene riconquistando la parità al 21-21. L’asticella si alza e i sestetti giocano palla su palla fino ai vantaggi. Onwelo manda out la battuta, Fey invece la mette direttamente a segno per il 24-26 che porta gli ospiti in vantaggio 2 set a 1.

Coach Colucci da spazio ad altri atleti della rosa inserendo Van Tilburg in posto 2 su Miskevich e Battaglia in 4 su Grozdanov. Lo stesso fa anche mister Tubertini dando spazio a Peslac al palleggio e confermando Rondoni al posto di Skoreiko. Subito avanti di 2 punti Sora, li mantiene fino al 4-6 quando i muri di Peslac pesano su Battaglia e, assieme agli attacchi vincenti dei martelli, inverto l’andamento del quarto set con il 10-8 che dopo qualche rotazione diventa 17-13. Di seconda intenzione Radke mostra ai suoi qual è strada da seguire e con la battuta a tutto fuoco di Van Tilburg è parità 17-17. Entra Joao Rafael al posto di Battaglia e nell’azione successiva Alfieri su Radke. Globo di nuovo avanti 19-21 e poi 20-23 con Caneschi. Onwelo tieni i suoi attaccati al set e al match ma Van Tilburg (8 pt/set) decide che vuole chiuderla qui, 21-25 e 1-3 finale di match.

TOP VOLLEY LATINA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 1-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 5, Miskevich 20, Caneschi 12, Corgnale 2, Grozdanov 13, Fey 8, Sorgente (L), Alfieri, Van Tilburg 8, Battaglia, Joao Rafael, Scopelliti n.e., Mauti (L). I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 9; B/P 15; muri: 6.

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 1, Onwuelo 23, Rossi 11, Elia 7, Rossato 8, Skoreiko 7, Cavaccini (L), Peslac 2, Rondoni 4, Margagliano n.e., Oueslati n.e., Rondoni (L). I All. Lorenzo Tubertini; II All. Andrea Pozzi. B/V 5; B/P 16; muri: 10.

PARZIALI: 25-22 (‘24); 20-25 (‘22); 24-26 (‘25); 21-25 (‘22).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Domani in campo a Cisterna per il test match con la Top Volley

, ,

Si alza l’asticella nei test match pre-season, domani la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora incontrerà la Top Volley Latina alle ore 17:30 presso il Palazzetto dello Sport di Cisterna di Latina.

“Le amichevoli finora disputate – spiega coach Maurizio Colucci -, con Siena prima e Calci e Tuscania poi, sono state importanti per rompere il ghiaccio. Adesso affronteremo per la prima volta una compagine di SuperLega, anche se fortemente rimaneggiata per via dei nazionali assenti. Confontandoci appunto una squadra che sarà tra le nostri rivali in campionato, l’aspetto più importante da cogliere sarà sicuramente quello motivazionale, e per questo sarà un test più importante rispetto ai precedenti”.

Ma come sta la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora? Presenta ancora defezioni o l’infermeria si va svuotando?

“Gli infortunati sono tutti in via di guarigione grazie al lavoro instancabile di tutto lo staff medico – risponde ancora la guida tecnica sorana –, non hanno ancora raggiunto la forma ottimale ma manca poco. Nel complesso durante gli allenamenti i ragazzi migliorano di giorno in giorno e dunque quello con Latina sarà un altro test molto importante per testare la nostra condizione contro una squadra completa, con giocatori di altissimo livello in tutti i reparti”.

La Top Volley, in piena preparazione come la Globo, ha già sostenuto tre test match di cui l’ultimo proprio lo scorso lunedì con il Roma Volley Club di serie A3 vinto per 3-1, dopo i 4 set conquistati sia contro il team di Sabaudia sempre di A3, e quello di Massa Lubrense formazione di serie B.
Tutto o quasi, il lavoro fin qui svolto, Latina ha dovuto affrontarlo rinunciando ad atleti impegnati con le rispettive Nazionali o reduci dall’avventura dell’Europeo.
L’opposto Jean Patry, che con la sua Francia che ha eliminato l’Italia, è ancora impegnato nel campionato Europeo; il centrale polacco di passaporto canadese Arthur Szwarc, che ha svolto alcuni giorni di allenamento con il gruppo e martedì è partito alla volta del Giappone dove parteciperà al World Cup proprio come lo schiacciatore argentino Ezequiel Palacios. Mentre sono previsti per l’inizio della prossima settimana, gli arrivi di Moritz Karlitzek e Maarten Van Garderen a seguito dell’eliminazione di Germania e Olanda dall’Europeo.

Tra i nuovi arrivi tra le fila pontine, oltre ai già citati Van Garderen dall’Itas Trentino, Arthur Szwarc dall’Arago De Sete (Fra) come anche il sorano Grozdanov, Moritz Karlitzek dall’United Volleys Frakfurt (Ger), e l’opposto Jean Patry dal Montpellier Volley (Fra), anche il palleggiatore Milan Peslac proveniente dal Tuscania Volley (Serie A2) come l’ora bianconero Alessandro Sorgente, gli schiacciatore Samuel Onwuelo dall’Aurispa Alessano (Serie A2) e Luca Rossato promosso dal settore giovanile Top Volley, i liberi Domenico Cavaccini dalla BCC Castellana Grotte (SuperLega) – ex compagno del centrale sorano Scopelliti -, e Andrea Rondoni da Club Italia (A2), e il centrale Alberto Elia dalla Consar Ravenna (SuperLega).
Confermati il regista e capitano Daniele Sottile, il centrale Andrea Rossi, e lo schiacciatore Ezequiel Palacios, assieme allo staff tecnico composto da coach Lorenzo Tubertini e l’assistant Andrea Pozzi.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Mercoledì tutti al PalaGlobo “Luca Polsinelli”

, ,

Mercoledì tutti al PalaGlobo “Luca Polsinelli”, c’è la prima uscita stagionale della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.
Per il secondo test match, il primo tra le mura amiche, alle ore 18 arriva la Sieco Service Impavida Ortona.

“L’amichevole con Siena dello scorso venerdì – dice coach Maurizio Colucci -, è stata per i ragazzi la prima occasione di confronto dopo il lungo lavoro di preparazione del primo mese tra piscina, sabbia, palestra pesi e campo. Dopo due giorni di riposo, quelli di sabato e domenica, l’attività lavorativa è stata ripresa da dove era stata interrotta per dare spazio all’allenamento congiunto.
Quello che intendiamo fare con lo staff tecnico infatti, è dare continuità al lavoro fisico, tecnico e tattico svolto fin ora, tenendo conto ovviamente anche dei feedback ricevuti dal confronto con Siena”.

“Domani arriva Ortona per un secondo test match altrettanto utile – continua la guida tecnica sorana -, nel quale auspico un ulteriore incremento della qualità del sistema di gioco della squadra, qualità che sono sicuro crescerà di continuo all’approssimarsi della prima giornata di campionato.
Per questo ai ragazzi chiederò di continuare a lavorare con la dedizione che hanno dimostrato finora, perché sono certo che in questo modo i risultati arriveranno.
L’obiettivo al quale stiamo puntando è quello di raggiungere al più presto una condizione fisica e tecnica che ci permetta di fare bene nel prossimo campionato di SuperLega”.

Tornando al test match di domani:

“Il vertice societario di Ortona è stato molto attivo nel mercato estivo, garantendo a coach Lanci un roster di prima fascia per la categoria. Per questo è un avversario ideale per affinare ulteriormente il nostro sistema di gioco”.

Gli Impavidi infatti, che tra un mese disputeranno il campionato di Serie A2 sempre sotto la guida tecnica di coach Nunzio Lanci, presentano tante novità nel roster con una in particolare che ha visto il palleggiatore e capitano Andrea Lanci, svestire i panni d’atleta e indossare quelli di Direttore Generale.
Il mercato estivo condotto dal Direttore Sportivo Massimo D’Onofrio, ha portato tra le fila biancoblu ben otto nuovi giocatori, gli schiacciatori Matteo Bertoli (dalla Materdominivolley.it Castellana Grotte A2), Giuseppe Ottaviani (dalla Monini Spoleto A2), Matteo Pedron (dalla Geosat Geovertical Lagonegro A2), Alessandro Salsi (dalla Sir Safety Perugia B), e Francesco Astarita (dalla PAG Taviano A2); l’opposto Dario Carelli (dalla Pallavolo Andria B); il centrale Nicola Sesto (dalla Conad Reggio Emilia A2); e il palleggiatore Antonio Del Frà (Sir Safety Perugia B). Confermati invece i liberi Toscani e Pesare, lo schiacciatore Marks, il centrale Menicali, ma soprattutto l’altro posto 3 Michele Simone, diventato da quest’anno capitano biancoblu. Dopo essere nato e cresciuto con la maglia dell’Impavida vestita dalle giovanili fino alla serie A, a Simone ora la società gliene dà merito facendolo diventare l’erede naturale di Andrea Lanci.

A sole due settimane dall’inizio della preparazione atletica, gli abruzzesi hanno già disputato un primo allenamento congiunto, lo scorso sabato 14 settembre, contro BluItaly Volley Pineto, club che ha costruito un ambizioso roster per affrontare il prossimo campionato nazionale di Serie B. Il risultato ha sorriso ai ragazzi di coach Lanci che ora si preparano a fare tanta altra buona palestra al PalaGlobo “Luca Polsinelli” contro la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, domani a partire dalle ore 18.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A Siena un buon test match pieno di spunti

, ,

Interessante pomeriggio di pallavolo al PalaEstra di Siena con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e l’Emma Villas Aubay al confronto di debutto nella stagione.
Alle ore 18 le due compagini sono scese in campo per un allenamento congiunto che fin dai primi scambi ha mostrato l’essere agguerriti di entrambi i roster, che pur militando in due categorie diverse, sono infuocati dalla stessa determinazione nel puntare verso i loro obiettivi.
Il risultato del test match non fa vincere nessuno con tre dei quattro set disputati chiusi ai vantaggi, i primi due in favore dei padroni di casa e gli altri due da una bella Sora in rimonta.
La finalità dell’allenamento congiunto era sicuramente un’altra e sotto questo punto di vista moltissimi e utili sono stati i feedback e le verifiche personali, di squadra e da parte dello staff tecnico.
Per la prima volta infatti gli atleti si sono trovati in un contesto di competizione contro un avversario vero e molto valido, e coach Colucci è riuscito nel suo intento di adattare alla gara il sistema di gioco provato in allenamento nonostante ovviamente il tutto sia ancora in fase di costruzione, ma alla base c’era tanta voglia di fare bene.

“In considerazione della settima appena trascorsa, lunga e piena di lavoro – analizza Coach Maurizio Colucci -, è stata una buona partita. Nel complesso la squadra si è comportata bene, ha avuto un buon atteggiamento abbastanza aggressivo. Ciò che abbiamo messo in campo in fatto di tecnica, è stato discreto, anche se durante la settimana alcune di queste cose sembravano funzionassero meglio, ma prima del prossimo test match avremo modo di rimetterle a punto lavorandoci. Non abbiamo fatto assolutamente male, è normale che su alcune cose siamo ancora indietro, lo sapevamo e da lunedì ricominceremo ad allenarle perché certi meccanismi hanno bisogno di un pochino più di tempo”.

Al suo primo starting players coach Colucci sceglie di mettere in campo la diagonale formata dal palleggiatore Radke e l’opposto Van Tilburg, Caneschi e Scopelliti al centro della rete, Fey e Grozdanov in posto 4 e Sorgente libero. Dall’altra parte della rete mister Graziosi schiera Falaschi in cabina di regia opposto a Romanò, Milan e Mariano in banda, Gitto e Zamagni in posto 3 e Marra libero.

Entrambi i registi si affidano subito ai loro bracci armati fuorimano che danno il via al punto a punto che rompe il ghiaccio. La prima accelerata la da Sora con Radke a muro su Milan e Caneschi che non si fa intercettare da Zamagni per il +3 del 4-7. La Globo mantiene il vantaggio fino al 7-10 quando Gitto e Milan salgono sulla rete regalando ai loro l’aggancio e il sorpasso del 13-12. Arriva anche il momento dell’ex con Romolo Mariano per il 15-14 che Milan a muro trasforma nel 17-20. Time out per la guida tecnica ospite e gioco che riprende con l’offensiva dei suoi ragazzi che fa segnare sul tabellone il 22-23. Non smette di rincorrere Siena che porta la contesa ai vantaggi annullando la palla set sorana e guadagnandosi la possibilità di chiusura con l’ace di Lucconi entrato al posto di Gitto per il fondamentale. Ancora possibilità Siena sul 26-25, ma Grozdanov (6 pt/set) prova a cambiare marcia per i suoi mettendo a terra prima l’attacco che vale la parità e poi il muro ai danni di Mariano per la nuova palla set. Romanò lavora bene per il cambio palla e Mariano si vendica dai nove metri con l’ace che vale il 29-27.

Stessi sestetti in campo per il secondo game che si presenta con lo stesso copione d’avvio del precedente, con Sora a mettere il naso avanti per prima 7-5, e Siena a rincorrere e pareggiare i conti sull’8-8. Si lotta palla su palla nella parte centrale del set con Caneschi e Radke che lavorano bene a muro bloccando le intenzioni di Zamagni e Romanò, e Fey e Van Tilburg in attacco per il 16-17. L’emma Villas risponde presente e conquista un doppio passo di vantaggio che dal 19-17 tiene stretto fino alla fine del set che si chiude 25-22 con le buone intenzioni di Grozdanov al cambio palla non seguite da break point.

Sora deve trovare la reazione giusta ma nel frattempo l’Emma Villas continua a percorrere la sua strada per il 7-5 del terzo parziale di gioco che diventa 12-9. Coach Colucci richiama i suoi ragazzi e alla ripresa Fey conquista il cambio palla seguito dagli attacchi di Grozdanov e Caneschi che si riportano con il fiato sul collo degli avversari 14-13. Si prosegue un punto per parte fino a quando Fey trova due importanti giocate che rimettono tutto in parità 22-22 ma soprattutto danno speranza per la riapertura del match. Scopelliti e Zamagni allungano la contesa ai vantaggi e Radke di seconda intenzione si prende la prima possibilità di chiusura. Romanò l’annulla ma Lucconi manda out la battuta che vale la seconda possibilità per la Globo che stavolta, con Caneschi a muro a inchiodare Milan, la prende in pieno archiviando il set 25-27 e regalandosi un’altra possibilità nel match.

Gli stessi sestetti in campo continuano a darsi battaglia anche nel quarto set che però si è deciso di giocarlo nella formula tie break. Emma Villas sempre avanti al 7-5 ma il mini break positivo autografato da Scopelliti granitico a muro e Van Tilburg all’ace, inverte la rotta con il 7-8. Due attacchi consecutivi di Caneschi per l’11-12 continuano a far mantenere la distanza che però non è di sicurezza infatti i padroni di casa, approfittando di qualche errore avversario, portano il set ai vantaggi. La determinazione della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è tutta racchiusa nei due fendenti finali sferrati da Grozdanov e Radke che riportano così a casa un bel pareggio.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – EMMA VILLAS AUBAY SIENA 2-2

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Falaschi 3, Yuri Romanò 25, Milan 11, Mariano 10, Gitto 7, Zamagni 6, Marra (L), Zanni, Lucconi 1, Cappelletti n.e., Smiriglia, Volpi (L) n.e.. I All. Graziosi; II All. Pelillo. B/V 3; B/P 16; muri: 9.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 6, Van Tilburg 14, Caneschi 12, Scopelliti 8, Grozdanov 14, Fey 9, Sorgente (L), Alfieri, Battaglia, Mauti (L), Giacchetta n.e., Meglio n.e.. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 2; B/P 18; muri: 11.

PARZIALI: 29-27 (‘30); 25-22 (‘25); 25-27 (‘30); 15-17 (‘2).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Venerdì il primo test match

, ,

La quinta settimana di preparazione atletica si avvia verso la conclusione per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che continua a lavorare a vele spiegate agli ordini del suo staff tecnico in attesa del debutto nella SuperLega 2019/2020.

Dopo due blocchi importantissimi arriva il terzo step, quello che comincia a far riempire gli occhi del pubblico con i primi confronti con squadre avversarie.
Sarà l’amichevole Emma Villas Aubay Siena vs Globo Banca Popolare del Frusinate Sora il primo test match della stagione in programma venerdì 13 alle ore 18 al PalaEstra di Siena.

“L’idea – spiega coach Maurizio Colucci -, è quella di un confronto amichevole con un roster molto ben attrezzato, ma in caso di necessità siamo aperti a qualsiasi aggiustamento in termini di modalità di gioco o punteggio purché questo rispecchi le esigenze sportive e di organico di entrambe le squadre”.

Siena, che tra poco più di un mese militerà nel campionato di Serie A2, ha iniziato la preparazione atletica qualche giorno più tardi rispetto a Sora che comunque tra tutti i club della SuperLega è stata la prima ad aprire i lavori. Agli ordini di coach Graziosi, arrivato sulla panchina senese da Ravenna, un roster composto da un mix di elementi esperti e navigati e di giovani vogliosi di dimostrare le proprie qualità.

In cabina di regia Marco Falaschi e Michael Zanni; Yuri Romanò, miglior italiano Under 23 della scorsa stagione di Serie A2, e Manuele Lucconi gli opposti; Gabriele Maruotti, l’ex sorano Romolo Mariano, Sebastiano Milan e Niccolò Cappelletti gli schiacciatori; al centro Carmelo Gitto, Matteo Zamagni e Antonio Smiriglia. A difendere la seconda linea Davide Marra e il giovane Matteo Volpi.

“Sarà un test utile in primo luogo per verificare la condizione dei ragazzi in un contesto di competizione – continua la guida tecnica sorana -, inoltre avremo l’occasione di adattare alla gara il sistema di gioco provato in allenamento contro una compagine tecnicamente molto ben attrezzata.

Nelle prime quattro settimane di preparazione atletica, il lavoro fisico è stato predominante rispetto a quello tecnico, abbiamo infatti sostenuto un cospicuo numero di sedute pesi, allenamenti sulla sabbia e in piscina. In questa quinta invece si è prestata molta più attenzione al fattore tecnico, da qui l’esigenza di misurarci nella prima gara amichevole.
Ovviamente in campo vedremo una squadra ancora in fase di costruzione, ma sicuramente non mancherà la voglia di fare bene da subito, quella stessa voglia che ha caratterizzato tutto il primo mese di preparazione.
Fino a oggi infatti, il lavoro si è svolto nel miglior modo possibile. I ragazzi hanno rispecchiato in pieno le mie aspettative svolgendo ogni giorno il lavoro proposto con entusiasmo e dedizione fuori dal comune. Con questi presupposti mi aspetto miglioramenti costanti da ogni componente del gruppo”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A Ortona si giocano quattro set

, ,

Al Palazzetto dello Sport di Ortona si giocano 4 set nel return match tra la Sieco Service e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. I bianconeri vincono il primo e il terzo mentre per il quarto coach Barbiero decide di dare spazio a tutta la sua rosa anche in vista del Memorial Lobietti che disputeranno domani alle ore 17 al PalaDeAndrè di Ravenna contro la Consar.

2-2 dunque il risultato della penultima amichevole pre-season, con un Petkovic in grande spolvero, 23 punti in tre set con il 62% in attacco, 2 ace e 1 muro, una bella prestazione di Fey, e di Di Martino che a muro ha lasciato il segno (13 totali di squadra).

Allo starting players coach Mario Barbiero schiera Kedzirski al palleggio opposto a Petkovic, Fey e Nielsen in posto 4, Di Martino e Caneschi al centro, e Bonami libero. La guida tecnica locale, Lanci, propone la diagonale Lanci-Sorrenti, i martelli Dolfo e Ogurcak , i centrali Simoni e Menicali, e Toscani libero.

La prima linea volsca, formata da Di Martino, Nielsen e Petkovic, blocca subito le intenzioni d’attacco avversarie. Con 3 muri consecutivi ai danni di Simoni e Dolfo, si apre il match con l’1-4 che, un punticino per volta, Ortona rimette in parità al 7-7. Con Menicali al servizio arriva il contro break locale con i padroni di casa che guadagnano il vantaggio di +3 al 12-9. Petkovic interrompe la striscia positiva avversaria e Di Martino, ancora a muro, riporta l’equilibrio. Si gioca palla su palla fino al 19-19 quando sale in cattedra Nielsen e regala l’allungo del 19-22 ai suoi. Ferma il gioco mister Lanci ma alla ripresa il sestetto Sieco non riesca ad andare oltre il cambio palla così, il solito Nilesen (5pt/set) mette un set a referto per la Globo 22-25.

Più equilibrato l’avvio del secondo game con Sora però sempre un passo più avanti fino al 6-7 quando un paio di errori la portano al -2 del 9-7. Con Simoni e Ogurcak, la Sieco tiene stretta le sue lunghezze di vantaggio incrementandole al 14-10 che costringe coach Barbiero a richiedere il time out discrezionale. I bianconeri inanellano un parziale positivo, ma i padroni di casa continuano imperterriti la loro marcia accompagnando il set verso la sua parte finale 22-18. Si fanno vedere e sentire sulla rete Petkovic e Nielsen accorciando 22-20 e 24-22, ma dopo le direttive di Lanci ai suoi ragazzi, Ogurcak chiude 25-22 riportando la parità game.

Con gli ace di Petkovic e Sorrenti, e i muri di Di Martino e Menicali è 5-5. La prima a scappare è Ortona con il break di 3-0 firmato dagli stessi protagonisti. Perentoria la risposta dell’opposto sorano che con 3 attacchi vincenti consecutivi rimette tutto in parità, 8-8. Si gioca punto a punto per tutta la parte centrale del set fino al nuovo allungo locale del 18-15 e poi l’altra rincorsa ospite del 22-21. Ogurcak elude il block di Di Martino e porta i suoi al set ball 24-21. Petkovic (ben 12 pt/set)annulla due possibilità di chiusura e allora mister Lanci ferma il gioco ma alla ripresa il muro di Esposito ai danni di Sorrenti porta la contesa ai vantaggi, e quello di Fey sul punto di riferimento dei padroni di casa, Ogurcak, gira alla Globo la possibilità. è ancora lo schiacciatore Hawaiano nello stesso fondamentale, a inchiodare le intezioni di Sorrenti e a riportare i suoi avanti nel computo set, 24-26 e 1-2.

Rivoluziona il suo sestetto in campo coach Barbiero inserendo la diagonale Marrazzo-Bermudez, lo schiacciatore Rawiak al posto di Nielsen, il centrale Esposito per Caneschi e il libero Mauti per Bonami. L’andamento del gioco non cambia con il galleggiamento del punteggio fino all’11-12. Qualche errore di troppo tra le fila ospiti concede la conduzione a distanza di sicurezza ai padroni di casa che mantengono stretto il +3 del 15-12 fino al 22-19. Bermudez e Fey suonano la carica rimettendo set e match in discussione 22-21, la battuta vincente di Kedzirski mette tutto in parità 23-23, e il muro di Fey porta la contesa ai vantaggi. È Sorrenti però a scrivere la parola fine al set 26-24 e anche al match che gli allenatori decidono di chiudere qui.

SIECO SERVICE ORTONA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 2-2

SIECO SERVICE ORTONA: Lanci 1, Sorrenti 11, Dolfo 17, Ogurcak 13, Simoni 9, Menicali 10, Toscani (L), Sitti, Fiscon, Berardi n.e., Zanettin n.e., Pesare (L) n.e.. I All. Nunzio Lanci; II All. Mariano Costa. B/V 4; B/P 18; muri: 8.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzirski 1, Petkovic 23, Fey 16, Nielsen 9, Di Martino 9, Caneschi 1, Bonami (L), Marrazzo, Bermudez 4, Esposito 4, Rawiak 3, Joao Rafael n.e., Mauti (L). I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 4; B/P 15; muri: 13.

PARZIALI: 22-25 (‘22); 25-22 (‘24); 24-26 (‘27); 26-24 (’26).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Coach Barbiero: “Sora ha intrapreso la strada giusta”

, ,

Continua ad affermarsi in questa pre-season la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, e questa volta lo fa con una pari categoria, la Emma Villas Siena.
Al PalaEstra i ragazzi di coach Barbiero in tre set fanno propria l’amichevole, aggiudicandosi poi anche il set extra che entrambe le panchine hanno deciso di giocare per continuare l’allenamento congiunto.
Per Siena era il primo test match della stagione che ha dovuto giocare per altro senza tre pedine fondamentali impegnate con le rispettive nazionali ne Mondiali, Gabriele Maruotti con quella italiana, Saeid Marouf con quella iraniana, e Yuki Ishikawa che invece lo scorso martedì con il suo Giappone ha salutato la competizione.

“Abbiamo giocato con più attenzione – spiega coach Barbiero -, rispetto all’ultima partita è andata meglio la fase break che è un aspetto su cui stiamo cercando di migliorare un po’. In campo ho visto una squadra con le facce giuste, che ha fatto esattamente quello che in allenamento mostra quindi grande attenzione e grande determinazione nelle cose da fare. C’è ovviamente da dire che abbiamo giocato contro un’ottima squadra ma alla quale mancavano due pedine fondamentali per cui il risultato di per se non mi indica nulla, ma a essere estremamente positiva è la prestazione di Sora che ha mostrato di aver intrapreso la strada giusta. Ora continueremo a lavorare e nelle prossime partite cercheremo delle piccole conferme”.

Allo starting playes mister Cichello propone Giraudo in regia opposto a Hernandez, gli schiacciatori Vedovotto e Fedrizzi, i centrali Mattei e Cortesia, e Giovi libero.
Coach Barbiero risponde con il suo sestetto tipo, quello formato dalla diagonale Kedzierski-Petkovi, la coppia di posto 3 Di Martino-Caneschi, le bande Nielsen e Joao Rafael, e Bonami libero.

È Hernandez a mostrarsi subito al PalaEstra con 3 punti consecutivi per il 3-2, ma un break positivo di 5-0 guidato dalla triade d’attacco Nielsen, Caneschi e Petkovic, stabilisce subito la distanza del 3-7. Ferma il gioco coach Cichello ma alla ripresa i suoi non riescono ad andare oltre il punto a punto fino al 9-13. Giraudo e Cortesia provano a suonare la carica ma dall’altra parte della rete trovano dei grandi impedimenti che si chiamano Di Martino, in attacco e a muro, e Petkovic in battuta a da seconda linea, per il +6 del 14-20. Richiama nuovamente i suoi ragazzi la guida tecnica locale, ma perentorio arriva un altro parziale positivo sorano con Kedzierski ad autografare due ace consecutivi per lo strappo definitivo del 15-24. L’ex di turno, Mattei prova a far salire un pochino il tabellone dalla sua parte, ma l’opposto serbo (6 pt/set) mette a referto il 18-25 che vale l’1-0.

Nel secondo game è la Emma Villas a concedersi la prima accelerata, quella del 6-4. Di Martino e Petkovic sulla rete ristabiliscono la parità e l’equilibrio dura fino al 15-14 quando, sempre l’opposto bianconero, mette la freccia e sorpassa 15-17. Cichello ferma subito il gioco prima che diventi pericoloso per i suoi, ma nonostante i buoni consigli e l’impegno, Sora è avanti +3 al 18-21 che dopo la seconda interruzione discrezionale diventa 18-23. Fedrizzi ed Hernandez ci mettono del loro ma nulla possono contro la furia di Dusan che chiude il set 21-25 con ben 9 punti realizzati.

Più equilibrato l’avvio della terza frazione di gioco fino al 9-9. Petkovic in attacco, Joao Rafael a muro e Kedzieski all’ace, mettono Sora alla guida della contesa 9-12. Caneschi e Nielsen fanno il resto per l’11-15, e poi tutti insieme i ragazzi di coach Barbiero macinano gioco tenendo ben strette le 4 lunghezze di vantaggio fino al 18-22 che in un attimo si trasforma nel 19-25 e nella vittoria finale per 3-0.
Nell’extra game la guida tecnica sorana da campo a tutto il resto della squadra proponendo la diagonale Marrazzo-Bermudez, Fey e Rawiak in posto 4, Esposito e Caneschi al centro, e Mauti libero. Anche l’Emma Villas opta per qualche cambio con l’inserimento di Spadavecchia e Johansen al posto di Mattei ed Hernandez. Siena scappa avanti 8-3 e Sora rincorre bene per il 10-8 che diventa subito la parità che si porterà avanti fino a tutta la parte centrale del set e anche oltre, tant’è che si va ai vantaggi dove è ancora una volta la Globo ad avere la meglio.

EMMA VILLAS SIENA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 0-4 (18-25, 21-25, 19-25, 25-27)

EMMA VILLAS SIENA: Giraudo 6, Cortesia 11, Spadavecchia 5, Giovi (L), Vedovotto 9, Mattei 2, Fedrizzi 6, Johansen 3, Crivellari, Hernandez 18, Chiappa (L), Della Volpe. I All. Cichello; II All. Castellaneta. B/V 7; B/P 24; muri: 9.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Marrazzo 1, Kedzierski 4, Caneschi 10, Fey 1, Bonami (L), De Barros Ferreira 4, Nielsen 12, Esposito 2, Bermudez 7, Mauti (L), Petkovic 17, Rawiak 3, Di Martino 5. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 5; B/P 16; muri: 10.

PARZIALI: 18-25 (‘23); 21-25 (‘25); 19-25 (‘24); 25-27 (’25).

ARBITRI: Russo e Bolici.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Alle ore 18 al PalaEstra, Siena vs Sora

, ,

Nuovo test match per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che questo pomeriggio sarà impegnata sul taraflex del PalaEstra di Siena contro l’Emma Villas. Alle 18.00 le due formazioni si sfideranno per un antipasto vero e proprio del prossimo campionato di SuperLega.

Difatti, se per i bianconeri questo è il terzo anno in massima serie, per i toscani è la prima in assoluto: il dato non deve però trarre in inganno, perché gli uomini del presidente Bisogno hanno messo a punto un roster competitivo e ambizioso e innestato sulla base rocciosa dello scorso anno pedine di categoria come gli schiacciatori Maruotti e Ishikawa, entrambi ex Latina, e il centrale Mattei, che proprio in estate ha salutato il Sora.

L’amichevole si prospetta, dunque, avvincente e battagliata come spiega anche il libero volsco Federico Bonami:

“Aspettative per la partita di oggi non ce ne sono. L’obiettivo, come sarà poi in campionato ogni domenica, è quello di vincere. Il grado di difficoltà è più alto rispetto alle amichevoli precedenti perché Siena è una squadra di SuperLega, molto forte nonostante abbia ancora qualche tassello da sistemare. Sarà quindi una gara sicuramente intensa sul fronte dei ritmi e speriamo anche bella per lo spettatore. Per quanto riguarda noi l’amalgama si sta creando con sudore, allenamenti e voglia di stare tutti insieme in palestra. Siamo un gruppo molto giovane che farà del duro lavoro il proprio pane quotidiano. Chiaramente dobbiamo migliorare diversi aspetti ma ci lavoriamo quotidianamente ed ogni giorno cerchiamo di salire uno scalino in più per migliorare. Ci alleniamo davvero tanto e stiamo oliando i meccanismi per raggiungere il livello di gioco che desideriamo. Dobbiamo ancora limare tutti i dettagli ma saremo ripagati degli sforzi di questo periodo”.

Dopo la sfida odierna, Sora e Siena si rincontreranno nuovamente tra poco più di una settimana perché il sestetto di coach Cichello sarà ospite dei lirensi, assieme alla Bcc Castellana Grotte e alla Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia per la due giorni del “Nonno Gino”, il tradizionale torneo apripista della stagione organizzato dall’Argos Volley. Quest’anno il quadrangolare si svolgerà nelle giornate di sabato 29 e domenica 30 settembre presso il PalaCoccia di Veroli.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Barbiero: “Con Tuscania partita positiva”

, ,

Ottimo risultato e prestazione per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che nell’amichevole di ritorno con la Maurys Italiana Assicurazione Tuscania, al PalaGlobo “Luca Polsinelli” mostra un buon gioco.
Pronta dunque a riscattarsi la compagine sorana con il 3-0 che ha trasformato nel 5-0 dopo che i coach Barbiero e Morganti hanno deciso di continuare l’allenamento congiunto. Quasi due ore di test match durante i quali il peso della preparazione si è fatta ovviamente sentire ma in campo comincia a esserci più padronanza.

“Partita positiva nel risultato – commenta a caldo coach Mario Barbiero -. La brillantezza si è vista solo a tratti ma credo che sia abbastanza normale: stiamo lavorando molto sia dal punto di vista fisico che tecnico, quindi ci può stare un po’ di poca reattività soprattutto in difesa e a muro. Tutto sommato la squadra ha giocato in maniera abbastanza ordinata, quello su cui stiamo lavorando sta crescendo, i sistemi di ricezione e la costruzione del gioco iniziano ad andare meglio. Dobbiamo sistemare alcune situazioni soprattutto in momenti difficili ma sono abbastanza soddisfatto di quanto visto sul campo. Anche gli altri, i più giovani, stanno crescendo e rispondendo positivamente, e questo è importante perché quest’anno in campionato saranno importanti tutti”.

Dal versante ospite è il capitano ed ex atleta sorano, Pierlorenzo Buzzelli, a offrire la sua analisi:

“Come la precedente, anche questa è stata una prova interessante, siamo riusciti a giocarcela quasi alla pari per buona parte di ogni set, poi è normale che sulle situazioni più delicate viene fuori la differenza di categoria che c’è tra le due squadre. Sia la partita di andata, però, sia questa di ritorno, sono stati due bei banchi di prova per entrambi perché penso siamo riusciti a farli allenare ad un certo livello. Sono contento della mia squadra e penso sia la strada giusta per affrontare il nostro campionato di Serie A2. Sora la vedo bene, mi piacciono tanto sia Petkovic che Joao Rafael, due giocatori che reggono molto bene la categoria. Caneschi poi, penso che confermerà il livello dell’anno scorso. Sora per me è una seconda casa, quindi le faccio il mio più grande in bocca al lupo”.

Allo starting players coach Mario Barbiero scende in campo con Kedzirski al palleggio opposto a Petkovic, Joao Rafael e Nielsen in posto 4, Di Martino e Caneschi al centro, e Bonami libero. La guida tecnica locale invece propone la diagonale Peslac-Osmanovic, i martelli Bertoli e Formela, i centrali Fabi e Pizzichini, e Sorgente libero.
Si mette subito alla guida del set la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora con l’ace di Petkovic per il 4-2 e l’attacco di Joao per l’8-6. Fabi e Bertoli rosicchiano punti e soffiano sul collo degli avversari, ma con due mini break positivi i volsci si riportano avanti. Uno porta la firma Di Martino e l’altro quella dello schiacciatore brasiliano entrambi all’ace per il 19-15. Continua a essere la battuta il fondamentale che fa la differenza con Petkovic a destabilizzare la ricezione di Panciocco per il 23-17. Si riscatta subito lo schiacciatore della Tuscia con il servizio in salto che annulla la prima palla set sorana. Delle quattro che restano però Di Martino archivia il game alla prima, 25-20.

Più equilibri nel secondo parziale con il punto a punto mantenuto fino al 13-12 quando la Globo prova a scappare ma Tuscania rincorre bene per la nuova parità del 16-16. Qualche azione dopo sono le bocche da fuoco sorana a mettere la distanza con il 21-18 che con Petkovic diventa 23-19. Resta solamente il tempo di un attacco dal centro di Fabi prima che il muro di Esposito ai danni di Bertoli si trasformi nel nuovo 25-20e nel 2-0 in fatto di computo set.

Redini in mano a Kedzirski e compagni nel terzo game con l’ace di Di Martino che sul 7-3 costringe coach Morganti a richiedere il time out discrezionale. Il gioco però continua a scorrere nello stesso modo con la Globo a tenere stretta le sue 4 lunghezze di vantaggio e la Maurys a non andare oltre il cambio palla al 14-10 e 18-14. Richiama nuovamente i suoi la guida tecnica ospite ma Sora affonda il fendente con il parziale positivo che si traduce in un gap incolmabile per Bertoli e soci che trovano le forza di reagire solo sul 24-18. Annullano 3 palle set ma poi la battuta sull’asta di Formela dichiara il 25-21 e la chiusura del match in favore dei padroni di casa per 3-0.

Si continua a giocare al PalaGlobo un quarto game che, dopo il galleggiamento iniziale per il 10-10, mostra il largo che prendono i bianconerial 14-12 e al 18-15. È con il mini break di 4-0 che il set arriva alle battute finali, 24-19, con la chiusura al 25-21.

C’è il tempo anche per un tie break che sul 4-0 e 9-6 sembra non offrire più nulla, invece arriva il guizzo di Tuscania che si riporta sotto fino al 12-11. Bermudez, in attacco e a muro su Cappelletti, dice che è ora di chiuderla, e allora a Caneschi non resta altro che inchiodare sulla rete le intenzioni offensive di Buzzelli, per sentire il fischio conclusivo dell’arbitro sul 15-11.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONE TUSCANIA 5-0

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzirski 5, Petkovic 15, Joao Rafael 8, Nielsen 6, Di Martino 8, Caneschi 6, Bonami (L), Marrazzo 1, Bermudez 14, Esposito 3, Fey 4, Rawiak 6, Farina, Mauti (L). I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 12; B/P 19; muri: 7.

MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONE TUSCANIA: Peslac, Osmanovic 15, Bertoli 8, Formela 6, Fabi 7, Pizzichini 10, Sorgente (L), Buzzelli 6, Panciocco 6, Fall 3, Gentilini (L), Cappelletti 3, Piedepalumbo. I All. Morganti, II All. Russo, III All. Perez Moreno. B/V 4; B/P 18; muri: 7.

PARZIALI: 25-20 (‘22); 25-20 (‘2); 25-21 (‘25); 25-21 (’22); 15-11 (’13).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Civitanova-Sora, un pareggio dai tanti segnali positivi

, ,

Finisce 2-2 all’Eurosuole Forum di Civitanova il test match tra la Cucine Lube e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Un pareggio insolito per il volley ma pieno di significato soprattutto per coach Barbiero e tutto il suo staff. Il gioco si è fatto duro contro avversari di categoria e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ha cominciato realmente a mostrare la sua pasta.

Petkovic e compagni si sono misurati con uno tra i primi club italiani, con avversari campioni e professionisti della serie, risultando l’unica squadra, la quarta incontrata in questa pre-season dalla Lube, a strappargli set.

Evidente la crescita del sestetto sorano con lo staff tecnico a raccogliere importanti feedback da tutti i giocatori.

“Cercavamo un po’ di continuità nel gioco e oggi qualcosa in più è venuta fuori – spiega coach Mario Barbiero -. Siamo riusciti a portare avanti alcuni meccanismi suoi quali avevamo lavorato, ma a venire fuori è stato anche e soprattutto il giusto spirito. Rispetto ai test precedenti abbiamo abbassato notevolmente la percentuale di errore per set e, vista anche la qualità della squadra avversaria, questo vuol dire che c’è stata più attenzione in campo, si è fatta attenzione ad alcuni momenti fondamentali, quelli che poi hanno fatto la differenza.

Ho dato continuità al sestetto perché avevo bisogno di verificare alcune situazioni. È stata una partita gradevole e con tanti segnali positivi, ma non è da fare programmi perché c’è ancora tantissimo da lavorare. Siamo fiduciosi e positivi, e andiamo avanti in questa direzione”.

Allo starting players formazione quasi obbligata per coach Medei date le assenze dei nazionali italiani Juantorena e Cester e del brasiliano Bruninho, oltre a Sokolov ancora in allenamento differenziato e Cantagalli stoppato da una sub lussazione alla spalla. Per cui in campo la diagonale Partenio-Simon, i martelli Leal e Massari, i centrali Stankovic e Diamantini, e Balaso libero.

Mister Barbiero invece apre il test match con Kedzirski al palleggio opposto a Petkovic, Joao Rafael e Nielsen in posto 4, Di Martino e Caneschi al centro, e Bonami libero.

L’ace di Joao Rafael rompe il ghiaccio all’Eurosuole Forum. Dall’altra parte della rete subito Stankovic dal centro risponde presente aprendo un apparente punto a punto che, interrotto da un paio di disattenzioni della prima linea ospite, si trasforma nel 6-3. Con Massari in attacco e a muro, il vantaggio Lube sale sul +5 del 10-5 e dopo l’assolo di Petkovic che prova a riportare il gioco dalla sua parte, ancora un break positivo per i biancorossi, ed è 13-6. Si affida ai suoi centrali il regista sorano e qualche lunghezza riescono a rosicchiarla, ma nella metà campo ospite si fatica nella fase break così Civitanova, forte del vantaggio, accompagna il punteggio fino al set ball. 24-18, sei possibilità per Simon e compagni per chiudere il primo game, e lo fanno alla seconda per il 25-19.

Stesso copione del precedente in apertura del secondo set, però a parti inverse con l’equilibrio del 3-3 spezzato dalla Globo Banca Popolare del Frusinate per il 3-5 che porta la firma di Nielsen. È il turno di Di Martino al servizio che segna la prima vera distanza sorana, quella del 4-9 con Caneschi a muro ai danni di Simon e Joao Rafael a martellare. Ferma il gioco coach Medei, ma alla ripresa la musica non cambia con Petkovic all’ace e sulla rete, a portare i suoi sul +6 del 9-15. Richiamati nuovamente a colloquio, i biancorossi trovano la reazione e con un parziale positivo di 4-0 accorciano le distanze fino al 16-19. Il punto a punto accompagna la parte restante del set fino al 21-24 ma la chiusura volsca tarda ad arrivare con i padroni di casa ad approfittarne per rimettere il game in discussione. Sul 24-24 l’opposto serbo (9pt/set) dichiara ufficialmente che Sora vuole pareggiare i conti, e schiantando anche la palla successiva fa suo il set 24-26.

Combattivi ed equilibrati i sestetti in campo per il terzo game, con Simon, Diamantini e Stankovic a murare da una parte e Nielsen, Petkovic e Joao Rafael ad attaccare dall’altra per l’8-8. Il primo passetto in avanti se lo concedono i padroni di casa con l’8-10 che azione dopo azione viene incrementato fino alla distanza del +5 del 20-15. Fallosa Sora in questa parte centrale del set con Civitanova a raccogliere e metterci anche e soprattutto del suo. Sale in cattedra Nielsen e con tre punti consecutivi riporta i suoi sotto 22-20. Non riesce la Globo però, a colmare l’ulteriore distanza con il 25-22 che rimette avanti i cucinieri in fatto di computo set.

Scappa la Lube ma rincorre benissimo la Globo per l’equilibrio che dura fino al 14-14. Caneschi ancora a muro su Simon chiude il parziale positivo che lancia i suoi sul 14-17, un +3 che viene rimesso in discussione dai cucinieri al 19-20. Ma Petkovic e compagni sono concentrati, hanno voglia di campo e fame di giocare ancora così sul 20-22 decidono che vogliono portare il match al tie break chiudendo il quarto set 20-25.

I coach di entrambe le formazioni però decidono di chiudere qui l’allenamento congiunto, con un pareggio che esalta molto gli animi sorani.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Partenio 3, Simon 15, Leal 16, Massari 14, Stankovic 9, Diamantini 8, Balaso (L), Ciccarelli, Larizza, Marchisio (L). I All. Giampaolo Medei II All. Marco Camperi. B/V 2; B/P 27; muri: 9.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzirski 1, Petkovic 20, Joao Rafael 15, Nielsen 9, Di Martino 3, Caneschi 6, Bonami (L), Marrazzo n.e., Bermudez , Esposito 1, Fey n.e., Rawiak, Farina n.e., Mauti (L). I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 5; B/P 18; muri: 4.

PARZIALI: 25-19 (‘21); 24-26 (‘36); 25-22 (‘23); 20-25 (’22).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora