Articoli

A Perugia esperienza positiva in un confronto di livello

, ,

La BioSì Indexa Sora torna dall’Umbria con cinque set in più nelle gambe. Nel test amichevole con la Sir Safety Perugia infatti, i coach Barbiero e Bernardi di comune accordo, hanno ottimizzato il lavoro dei propri atleti in un allenamento congiunto dove l’importante non è stato di certo il risultato ma il lavoro specifico di determinate situazioni di gioco. A trarne così vantaggi e indicazioni importanti sono stati entrambi i roster e gli staff tecnici.

“Con Bernardi – spiega la guida tecnica sorana, Mario Barbiero -, abbiamo concordato di fare inizialmente due set con le formazioni titolari nei quali abbiamo palesato le nostre problematiche ma sicuramente abbiamo giocato a un livello più alto in quanto di fronte avevamo il sestetto che ha vinto domenica la SuperCoppa, quindi una squadra di altissimo livello. Abbiamo però combattuto e siamo stati molto vicini nel punteggio fino alla metà del set, poi è chiaro che loro attingono a fonti molto importanti per cui hanno portato a casa entrambi i set in maniera agevole. Comunque nella nostra metà campo si è visto qualcosa di interessante.
Abbiamo poi giocato un set, il terzo, a 15, nel quale il punto veniva conquistato soltanto quando si era in battuta, questo per agevolare la fase break, cioè i punti conquistati nella fase di rigiocata. Era una cosa che avevamo concordato con Bernardi già qualche tempo fa, utile sia a noi che a Perugia. Anche da questo set abbiamo ricevuto dei segnali importanti, tirando fuori informazioni precise sulle quali lavorare, anche per quanto riguarda le posizioni in difesa dei nostri giocatori in base ad alcune tipologie di attaccanti.
Il quarto e quinto set li abbiamo giocati coinvolgendo la rosa al completo. Nel quarto siamo stati sempre in vantaggio mollando solo sul 26-24 nonostante la possibilità di chiuderlo. Dall’altra parte un sestetto di altissimo livello con i nostri ragazzi che si sono comportanti molto bene così come nel quinto set.
E’ stata sicuramente un’esperienza nettamente positiva: i ragazzi hanno avuto la possibilità di confrontarsi con un gioco di altissimo livello e sono stato contento perché Perugia ha affrontato questo confronto a viso aperto, giocando con grinta e attenzione, cosa chiaramente non facile in un’amichevole subito dopo aver vinto una coppa. Perugia però ci ha tenuto ad affrontarci con la giusta attenzione e questo è per noi un onore. Siamo contenti di questa esperienza e del fatto che il club ci abbia dato la possibilità di venire nella loro casa a confrontarci. Un ringraziamento quindi alla società, al presidente Sirci, e a Lorenzo Bernardi”.

Coach Barbiero dunque, ha proposto nel primo set Seganov al palleggio opposto a Petkovic, Caneschi e Mattei al centro della rete, Rosso e Nielsen in posto 4, e Santucci libero. Nel secondo e terzo ha optato solo per un cambio regia con Marrazzo al posto dell’alzatore bulgaro, mentre nella quarta e quinta frazione dell’allenamento ha dato spazio anche a tutte le sue bocche da fuoco, Penning, Fey e Duncan-Thibault. Tutta la rosa a sua disposizione ha avuto quindi modo di alzare il proprio minutaggio in vista dell’inizio della regular season di SuperLega domenica prossima in trasferta a Monza in casa della Gi Group.

Mister Bernardi invece ha dato inizialmente spazio alla formazione partita titolare nella SuperCoppa dello scorso fine settimana con la sola eccezione di Ricci in campo al posto dell’ex sorano Simone Anzani e dunque alla diagonale De Cecco-Atanasijevic, ai centrali Podrascanin e Ricci, ai martelli Zaytsev e Russell, e Colaci libero. Campo poi per tutti gli effettivi a disposizione con Show, Della Lunga, Siirila, Berger, Andri e il libero Cesarini.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Domani amichevole a Perugia

, ,

Amichevole cinque stelle extra lusso per la BioSì Indexa Sora che domani, mercoledì 11 ottobre, alle ore 17:00 è attesa al PalaEvangelisti di Perugia niente di meno che dalla Sir Safety Conad, fresca vincitrice della Del Monte SuperCoppa.

Dopo la bella puntata a Ravenna di sabato scorso, coach Barbiero e i suoi ragazzi continuano a fare prove concrete di SuperLega in casa delle migliori squadre che il panorama pallavolistico nazionale offre. Così, in attesa della prima vera trasferta di campionato, quella di domenica prossima a Monza, il team volsco continua il rodaggio e la messa a punto alla corte di coach Lorenzo Bernardi e del Presidente Gino Sirci.

La Sir Safety che Rosso e compagni si troveranno di fronte è quella che, al termine di una splendida due giorni di volley a Civitanova, alla sesta finale tra eventi nazionali ed europei disputata, conquista finalmente il primo trofeo della storia societaria superando in quattro set i padroni di casa della Cucine Lube Civitanova nell’atto conclusivo della Del Monte® Supercoppa.
Cinque volte secondi: nella SuperCoppa della scorsa stagione sfumata per mano dell’Azimut Modena, come anche la finale di Champions League con il trofeo alzato dai russi dello Zenit Kazan; nel 2015/2016 a saltare fu la finale scudetto persa contro la DHL Modena che quell’anno eliminò Perugia anche in semifinale di Coppa Italia; nell’annata 2013/2014 invece due le finali perse, quella scudetto contro la Cucine Lube Banca Marche Macerata, e quella di Coppa Italia contro Copra Elior Piacenza.
Cinque volte dunque a un passo dalla gloria senza mai riuscire ad afferrarla, cinque occasioni sfumate per un soffio. Nell’albo d’oro infatti solo la vittoria del campionato di Serie A2 nel 2012 e oggi quella della Del Monte SuperCoppa 2017 alzata al cielo con un orgoglioso coach Berbardi sulla panchina:

“Sono felicissimo per la società e per i tifosi, ma soprattutto per i giocatori perché troppe volte l’urlo gli si era strozzato in gola in passato. Sono felice perché hanno provato la gioia di vincere che è unica!”

Con la SuperCoppa ancora in spalla e con l’ebrezza della prima volta che probabilmente durerà ancora un po’, Perugia torna al PalaEvangelisti ad allenarsi per il proseguo della sua stagione e mercoledì lo farà assieme alla BioSì Indexa Sora.
I bianconeri laziali dall’altra parte della rete troveranno i bianconeri umbri, un team di professionisti della serie guidati dallo scorso novembre 2016, appunto da Lorenzo Bernardi.
New entry nel roster dei Block Davils il libero Colaci, argento olimpico ed ex bandiera della Diatec Trentino; il palleggiatore statunitense Shaw, in arrivo dalla Kioene Padova; il centrale Ricci dalla Bunge Ravenna; il centrale Simone Anzani dalla Calzedonia Verona e soprattutto ex Sora nella stagione 2012/2013; il libero Cesarini, reduce da una buona stagione in Serie A2 UnipolSai con la Emma Villas Siena; e il centrale finlandese Siirila, campione di Francia con l’Ajaccio. Dal torneo polacco, invece, è arrivato il giovane opposto Leo Andric. Confermata l’artiglieria pesante, a partire dalla “diagonale delle meraviglie” De Cecco-Atanasijevic. Blindati in blocco gli schiacciatori di posto 4: lo “Zar” Zaytsev e l’esperto marchigiano Della Lunga continueranno a dare spettacolo insieme allo statunitense Russell, MVP in Supercoppa, e all’austriaco Berger. Unico superstite della passata stagione al centro, il nazionale serbo Podrascanin.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

A Ravenna quattro set e due volti per Sora

, ,

Quattro set per la trasferta ravennate della BioSì Indexa Sora che al Pala De Andrè, al cospetto della Bunge, va prima sotto 2-0 e poi con carattere e tanto paziente lavoro resta attaccata al match riaprendolo, lottando poi nell’ultima frazione fino al 28-30.
Il ritmo gara del team Porto Robur Costa ha la meglio, con la marcia serrata di allenamenti congiunti e amichevoli disputati dai ragazzi di coach Soli che dimostrano che Ravenna è una squadra pronta al debutto nelle gare ufficiali della SuperLega 2017-2018. Tante altre buone indicazioni invece sono arrivate per i coach Barbiero-Colucci e per i loro ragazzi che avevano bisogno di confrontarsi con atleti di categoria sia a livello di gambe che di testa, e che hanno dimostrato di avere qualità e soprattutto di saperle usare in campo per lottare.

Si chiude così la nona settima di preparazione alla nuova stagione e l’ultimo week and che lascerà il posto all’avvio di campionato con la BioSì Indexa impegnata subito in una lunga trasferta in casa della Gi Group Monza domenica 15 ottobre alle ore 18:00.

Allo starting players mister Soli propone Orduna al palleggio, Buchegger opposto, Poglajen e Raffaelli in posto 4, Diamantini e Vitelli al centro, Goi libero. Dall’altro lato della rete coach Barbiero risponde con la diagonale Seganov-Petkovic, i centrali Penning e Mattei, i martelli Rosso e Nielsen, e Santucci libero.

I posti 4 Nielsen da un lato e Raffaeli dall’altro, aprono il match, 3-3, che si avvia sull’equilibrio del punto a punto. Si affacciano al game anche Petkovic e Rosso per il 7-6 ma 4 errori consecutivi della prima linea bianconera regalano l’allungo ai ravennati che possono leggono sul tabellone il 7-10. Diamantini a muro sull’opposto avversario fa tenere stretto il vantaggio accumulato, e poi in attacco, aiutato anche da Buchegger, fa salire i suoi sul +6 dell’11-17. Ferma il gioco coach Barbiero, dà indicazioni a Seganov e compagni, ma alla ripresa, dopo l’attacco vincente di Rosso, la Bunge vede tornare il servizio nei suoi nove metri e, incaricando Buchegger che va a segno anche direttamente, mette a referto un altro break positivo che si traduce nel 12-22. Ci prova la BioSì Indexa a salvare il salvabile, ma il solito martello, Buchegger (6 pt/set), archivia il primo set 15-25.

Stessi sestetti in campo per la seconda frazione di gioco che vede Ravenna premere subito sull’acceleratore con Poglajen al servizio per il 2-6, e Sora inseguire benissimo con i due mini break autografati da Petkovic, che valgono l’equilibrio del 7-8. Si gioca al centro ora, con Orduna ad affidarsi a Vitelli per il nuovo sorpasso del 10-14. Riceve meglio la BioSì Indexa in questo secondo set ma non è molto incisiva in attacco e allora il neo entrato Georgiev al posto di Vitelli, ne approfitta per far correre i suoi verso la meta, ed è 14-20. Stessa mossa per coach Barbiero che dà campo a Caneschi e richiama a se Penning, il giovanissimo centrale ripaga la fiducia facendo restare i suoi attaccati al set 19-22. È il muro di Diamantini però a infrangere tutte le volontà sorane contro il 19-25, figlio anche di qualche errore di troppo, che dunque mette a referto il secondo set in 20 minuti di gioco.

Per la terza frazione di gioco mister Barbiero conferma in campo Caneschi e sostituisce Nielsen con l’Hawaiano Fey mentre coach Soli opta per un cambio in regia con l’ingresso di Pistolesi, di Klobucar in posto 4 e Georgiev al centro. Anche l’avvio di questo set è tutto all’insegna dei padroni di casa con il 3-9 che costringe la panchina ospite a richiedere il time out discrezionale. Pistolesi fa esibire tutte le sue bocche da fuoco ma Seganov si affida a Petkovic per spezzare l’onda verde, e al suo capitano per rosicchiare punti importanti. È con Andrea Mattei al servizio ad autografare due ace consecutivi, che Sora pareggia i conti 10-10. Si gioca punto a punto tutta la parte centrale del game che sul 18-18 vede i volsci un doppio passo avanti ai ravennati. Il vantaggio ospite sale sul +3 del 20-23 e Klobucar in attacco e Buchegger a muro provano a tornare al comando, ma l’esperienza di Mattia Rosso regala la possibilità set ai suoi, ed è proprio nelle sue mani che il regista la serve per il 23-25 che chiude il set e riapre il match.

Non vuole buttare via la possibilità di pareggiare i conti in fatto di computo set la BioSì Indexa così, dopo un apparente equilibrio durato fino all’11-12, risponde benissimo all’attacco avversario che con 3 ace di Georgiev era salito sull’11-16. Con Rosso in attacco e Mattei a muro torna la parità, e dopo il time out richiesto da coach Soli, il neo entrato Duncan Thibault mette la freccia e guida il sorpasso. Il punteggio continua a galleggiare fino al 23-23. L’altro granito muro di Mattei a bloccare sulla rete le intenzioni di Vega, regala a Sora la possibilità di chiudere il set e continuare a lottare per vincerlo, ma Raffaelli annulla tutto e il solito Georgiev al servizio ribalta la situazione. I vantaggi proseguono fino al 27-28 quando ancora Raffaelli ci mette la pezza e poi due errori ospiti scrivono la parola fine sul 28-30.

BUNGE RAVENNA – BIOSÌ INDEXA SORA 3-1

BUNGE RAVENNA: Orduna, Buchegger 17, Poglajen 4, Raffaelli 15, Diamantini 7, Vitelli 6, Goi (L), Pistolesi, Georgiev 16, Klobucar 4, Vega 7, Marchini (L), Marechal n.e.. I All. Fabio Soli; II All. Luigi Parisi. B/V 10; B/P 20; muri: 11.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov, Petkovic 15, Rosso 14, Fey 7, Mattei 9, Caneschi 3, Santucci (L), Marrazzo 1, Duncan Thibault 4, Lucarelli, Nielsen 5, Penning 1, Mauti (L) n.e.. I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 5; B/P 17; muri: 6.

PARZIALI: 25-15 (‘21); 25-19 (‘20); 25-23 (‘23); 30-28 (‘27).

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Anche gli ex bianconeri Tiozzo e Romiti salutano il PalaGlobo

, ,

Venerdì è stata l’ultima volta che la Biosì Indexa Sora, per una partita, ha usufruito del PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Tra pochissimi giorni ci sarà il trasferimento ufficiale, con l’inizio delle gare nell’impianto del capoluogo il 4 ottobre per i sedicesimi della Del Monte Coppa Italia. Quello che però lascerà a Sora, la società di patron Giannetti, è un luogo magico, che resterà nel cuore di ogni tifoso volsco e di ogni atleta che abbia avuto la fortuna di respirare l’atmosfera di via Ruscitto. “L’ultima volta a casa” è stata vissuta assieme alla compagine cadetta della Ceramica Scarabeo GCF Roma che ha anche messo sotto chiave il match al tie break e che, tra le proprie fila, vanta la presenza di due ex bianconeri, Nicola Tiozzo, schiacciatore in forza al Sora appena lo scorso anno, e il libero Roberto Romiti che ha vestito la maglia lirense nella stagione 2012/2013. Proprio a loro, dunque, l’onere di commentare l’allenamento congiunto:

“E’ stata una bella partita – esordisce Tiozzo. Abbiamo iniziato un po’ titubanti ma poi, piano piano, entrambe abbiamo preso il ritmo, arrivando punto a punto. Neanche troppo lentamente si è alzato il livello del servizio, dei colpi d’attacco, c’è stata qualche difesa in più. Purtroppo, alle volte, ci siamo spenti dopo il ventesimo punto, ma il tie break è stata la dimostrazione che, nonostante il carico di lavoro in questa settimana di riposo nella quale non giocheremo nel fine settimana, abbiamo dimostrato che riusciamo a fare bene lo stesso. E’ sempre bello tornare a Sora, è un’emozione. E’ stata la mia prima stagione di SuperLega, ed ora ho avuto modo di giocare contro alcuni miei ex compagni di squadra, ma soprattutto amici. Questo palazzetto, poi, è sempre un bel posto”.

Al martello di Chioggia si unisce Romiti:

“Oggi siamo molto contenti perché la partita è andata bene, al di là del risultato che ci ha visto vincitori per 3-2. Per noi era importante mantenere il ritmo gara poiché abbiamo già iniziato il campionato la settimana scorsa. Questo weekend affrontiamo il turno di riposo, quindi era quasi fondamentale restare sul livello espresso in torneo, e fare un’amichevole con una squadra di categoria superiore come Sora sicuramente ci ha aiutato. Bella vittoria, quindi. Abbiamo avuto degli alti e bassi, che ci stanno quando affronti un’avversaria così forte, ma c’è stata una bella reazione da parte nostra e questo vuol dire che stiamo crescendo. Tornare qui è stato suggestivo. Ho avuto modo di salutare degli amici, incontrare tanta gente conosciuta in quel periodo, rivedere il posto che è stato “casa mia” per un anno. Ho passato dell’ottimo tempo qui a Sora da giocatore e non lo dimenticherò”.

Ora però, lo staff tecnico della Biosì Indexa deve analizzare la gara di ieri e vedere cosa c’è da limare e, invece, su cosa puntare, perché il 4 ottobre, alle ore 20.45, sparirà dal vocabolario la parola “amichevole” e si inizierà a fare davvero sul serio per la coppa; testimone perfino la Rai!

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Venerdì al PalaGlobo amichevole con Civita Castellana

, ,

Ancora porte aperte al PalaGlobo “Luca Polsinelli” per lo spettacolo della pallavolo di Serie A: venerdì 29 settembre alle ore 18:15 gli amici della Ceramica Scarabeo GCF Roma torneranno a far visita alla BioSì Indexa Sora per una nuova interessante amichevole.

Lo aveva già preannunciato coach Barbiero che in questa ottava settimana di preparazione, assieme al suo staff tecnico e ai suoi ragazzi, avrebbe lavorato soprattutto sullo sviluppo del gioco, ed era inevitabile dati i pochi giorni che separano il club volsco dalla prima competizione ufficiale della stagione sportiva 2017/2018. Mercoledì 4 ottobre alle ore 20:45 infatti, presso il Palasport di viale Olimpia di Frosinone e in diretta Rai Sport, l’esordio in SuperLega e nella sua nuova casa, la BioSì Indexa Sora lo farà nei sedicesimi della Del Monte Coppa Italia affrontando in gara secca la Revivre Milano di coach Andrea Giani.

“Questa settimana in programma oltre al lavoro fisico per noi molto importante, anche lo sviluppo del gioco – spiegava la guida tecnica sorana Mario Barbiero -. Stiamo cercando di fissare un’amichevole nel fine settimana per meglio prepararci per il preliminare di Coppa che ci attende contro Milano”.

 

Così dunque, venerdì alle ore 18:15 sul parquet volsco il nuovo confronto con il club di Civita Castellana che nel precedente stagionale dello scorso 13 settembre, ha visto i padroni di casa vincere per 3-0 ma soprattutto ricavare importanti indicazioni da entrambi gli staff tecnici.

Sarà sicuramente un match più intenso rispetto a quello di quindici giorni fa quando le squadre erano in momenti diversi della rispettiva preparazione atletica, anche se la Ceramica Scarabeo GCF, come allora, è un passino più avanti rispetto a Sora.

Domenica scorsa infatti ha debuttato nel Girone Bianco del Campionato di Serie A2 battezzando la sua “nuova” casa, il PalaTiziano di piazza Apollo D’Oro a Roma, con una vittoria tirata sull’Aurispa Alessano. È finita al tie-break la prima uscita stagionale di Civita Castellana che, trascinata dai tifosi civitonici arrivati sotto la cupola del Nervi e dal pubblico romano intervenuto, si è imposta al tie-break contro una coriacea Alessano.

Per la prima giornata del Girone Bianco del 73° Campionato di A2 UnipolSai, i coach rosso-blu Spanakis e Pastore hanno proposto in avvio di gara la diagonale Zoppellari-Padura Diaz, Franceschini e Mancini al centro, i martelli Snippe e l’ex sorano Tiozzo, e Romiti, altro ex bianconero, libero, formazione che potremmo sicuramente rivedere in campo venerdì sera.

La BioSì Indexa Sora invece avrà molte soluzioni tecniche da provare: tutta la settimana lavorerà sull’organizzazione del gioco di attacco limando la sintonia dell’ultimo arrivato dopo gli impegni con la sua nazionale, il palleggiatore Seganov, con tutti i suoi compagni. Il regista, come confermato anche da coach Barbiero, si è integrato bene, ha trovato l’amalgama con i suoi nuovi colleghi e ritrovata quella con i vecchi. Il gruppo è molto affiatato, attento e motivato, per cui il livello degli allenamenti è intenso e la crescita evidente.

Non resta dunque che aspettare per capire a che punto sia il recupero del capitano Mattia Rosso e dell’altro schiacciatore Nielsen Rasmus “che ancora svolgono lavoro differenziato ma prestissimo riprenderanno a unificarsi con il gruppo”.

L’appuntamento dunque con l’amichevole tra la BioSì Indexa Sora e la Ceramica Scarabeo GCF Roma, è per venerdì 29 settembre alle ore 18:15 al PalaGlobo “Luca Polsinelli” dove resterà aperto e a disposizione, il botteghino per info e transazioni sulle molteplici opportunità che offre la campagna abbonamenti #SeTuciSeiNoiciSiamo, ideata per tutti coloro che vorranno seguire le gare interne della BioSì Indexa Sora.

È possibile anche acquistare la card stagionale o i biglietti per singoli eventi, online sul circuito Liveticket, per info www.argosvolley.it.

 

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Foto: Komunicare

Tornano le sfide al PalaGlobo, domani alle ore 18:30 Sora vs Civita Castellana

, ,

Finalmente tornano le sfide al PalaGlobo “Luca Polsinelli”, quelle che rendono l’aria frizzantina e nelle teste e nei cuori di tifosi, appassionati e curiosi, per un attimo tolgono spazio alle importanti discussioni e riflessioni estive per fare largo alla pallavolo giocata. Domani alle ore 18:30 la BioSì Indexa Sora accoglierà la Ceramica Scarabeo GCF Roma e si misurerà per la prima volta nella stagione con un avversario ma soprattutto con le proprie potenzialità allo stato attuale della preparazione atletica giunta alla sesta settimana.

Dopo la conferma sulla qualità di alcuni giocatori e la crescita di altri venuta fuori sabato scorso al Memorial Guido Celani, i coach Barbiero e Colucci hanno continuato a lavorare sull’amalgama del gruppo e sui sistemi di gioco soprattutto con il rientro del regista Seganov lo scorso martedì, impegnato prima con la sua Nazionale.

L’entusiasmo alla nuova BioSì Indexa Sora targata 2017/2018 di certo non manca, come anche la curiosità di scoprire un nuovo campionato e di dire la sua in merito. Ma si cresce un passo per volta e dunque domani l’allenamento congiunto con il club di Civita Castellana sarà utile a entrambe le compagini proprio a questo, confrontarsi, capire la lezione, aggiungere un’esperienza al bagaglio e continuare a lavorare puntando verso i propri obiettivi.

La Ceramica Scarabeo GCF Roma ha dei tempi più stretti rispetto alla squadra di Patron Giannetti con il Campionato di Serie A2 che la farà debuttare in casa, al Palazzetto dello Sport di piazza Apollo D’Oro a Roma, già il prossimo 24 settembre contro l’Aurispa Alessano, mentre per Rosso e compagni lo start è fissato per il prossimo 4 ottobre con i sedicesimi della Del Monte Coppa Italia.

Gli uomini guidati per il terzo anno consecutivo da Spanakis e Pastore, hanno iniziato la preparazione atletica negli stessi giorni di Sora, e hanno avuto già modo di confrontarsi con validi avversari. Domenica 3 settembre il battesimo di gioco al PalaGrotte con la Videx Grottazzolina che è terminato 3-1 in favore dei padroni di casa; giovedì 7 settembre invece al PalaSmargiassi il Ds Sacripanti avrebbe dovuto ricevere la visita di Spoleto che però è stata annullata, così, per il secondo banco di prova la Ceramica Scarabeo GCF ha dovuto attendere sabato 9 settembre con il triangolare umbro che l’ha messa alla prova con le colleghe di categoria Potenza Picena e Spoleto con tre set per ogni match disputati con la formula della giornata.

Tra le fila di Civita Castellana ben due ex Sora, lo schiacciatore Nicola Tiozzo e il libero Roberto Romiti.

“Tiz” con l’Argos Volley ha vestito proprio la maglia della SuperLega e dalla società rossoblù del Presidente Agostinelli, è stato chiamato per portare grinta ed esperienza a una squadra completamente rivoluzionata rispetto alla scorsa stagione. Il posto 4 di Chioggia ha risposto volentieri alla chiamata in quanto – “La Società e il Mister hanno le idee chiare e la squadra è veramente competitiva”.

Roberto Romiti invece era alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora nella stagione 2012/2013, l’anno di Mazzone, Anzani, Fortunato, Patriarca, Siltala e di coach Ricci, l’anno della Semifinale di Coppa Italia finita al PalaGlobo sul 19-21 del quinto set in favore dell’Atripalda di Scappaticcio e Libraro, e delle semifinali Play Off infrante in gara 4 addosso al muro Padova allora guidata in panchina da Schiavon e in campo da Mattia Rosso.

Al PalaGlobo la Ceramica Scarabeo GCF Roma si presenterà con la diagonale Zoppellari-Padura Diaz, i centrali Franceschini e Rau, i martelli Tiozzo e Snippe, e con Romiti libero. Fino a qualche giorno fa fermo ai box per un risentimento il giovane americano Kaminski, mentre a disposizione di mister Spanakis ci sono l’altro palleggiatore Valenti, il centrale Mancini, gli schiacciatori Sacripanti, Fantini, Losco, e il libero Saturnino.

L’appuntamento dunque con l’allenamento congiunto tra la BioSì Indexa Sora e la Ceramica Scarabeo GCF Roma, è per domani mercoledì 13 settembre alle ore 18:30, al PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Botteghino aperto e a disposizione, per info e transazioni con le molteplici opportunità che offre la campagna abbonamenti #SeTuciSeiNoiciSiamo, per tutti coloro che vorranno seguire le gare interne della BioSì Indexa Sora.

È possibile anche acquistare la card stagionale o i biglietti per singoli eventi, online sul circuito Liveticket, per info www.argosvolley.it.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa SoraClicca qui per aggiungere il proprio testo

Domani test pre-season per Sora e per Miskevich

, ,

Ultimo test pre-season per la BioSì Indexa Sora che nel pomeriggio di domani alle ore 18 giocherà il match di ritorno dell’amichevole contro la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania.

Stavolta il parquet che ospiterà la sfida sarà quello del Palamalè di Viterbo, dove il team del presidente Pieri cercherà di ribaltare il risultato dell’andata, quando furono gli uomini di coach Bruno Bagnoli a ben figurare tra le mura casalinghe in un match terminato sul 3 a 1. Dopo 3 set ad appannaggio dei padroni di casa infatti, come di consuetudine negli allenamenti congiunti, si giocò un quarto parziale terminato in favore ospite. I ragazzi sorani e quelli della tuscia non sono certo nuovi alla sfida e si conoscono molto bene sotto rete dopo aver militato entrambe in cadetteria ed essersi incontrate per un biennio.
Alle ore 18 dunque il fischio d’inizio darà vita a uno spettacolo con la “A” maiuscola: da una parte SuperLega e dall’altra Serie A2, ma soprattutto la possibilità per Sora di testare il finalmente arrivato Radzivon Miskevich. L’opposto bielorusso si è aggregato alla sua nuova squadra da poche ore dopo gli impegni con la sua Nazionale per le Qualificazioni Europee, e questa amichevole sarà una delle poche occasioni che avrà di provare il gioco assieme ai compagni prima del debutto in Campionato.
L’occasione è anche quella che servirà alle rispettive guide tecniche come analisi e valutazione dello stato di forma a pochi giorni dallo start in ottica regular season, ma che offrirà al pubblico presente un momento di grande volley, come sempre accaduto ogni qualvolta le due formazioni si siano scontrate sul rettangolo di gioco.
Mentre Sora lo scorso anno agguantò la sospirata promozione, Tuscania terminò la stagione regolare al terzo posto e fu eliminata in semifinale playoff proprio dai bianconeri. Terzo anno di cadetteria questo, per il club del Presidente Pieri che si troverà ad affrontare dei grossi cambiamenti di regular season con il passaggio dal girone unico della serie ai due e consecutivo restyling della rosa.
Dall’altra parte, per coach Montagnani, ci sono i confermati Ottaviani capitano della “Bolgia”, Dmytro Shavrak, alla sua terza stagione in maglia bianco e azzurra, Lorenzo Calonico, Simone Vitangeli e i giovani Riccardo Mazzon e Simone Pieri. Ci sono poi due acclamatissimi ritorni, quelli di Pierlorenzo Buzzelli, fresco di promozione in SuperLega UnipolSai proprio con Sora e dunque l’ex di turno, e il libero Andrea Marchisio, reduce dall’annata a Siena. In regia la scelta è andata sul nuovo volto di Riccardo Pinelli, protagonista di un’ottima stagione a Vibo Valentia e a completare la diagonale l’opposto brasiliano dal braccio caldo Daniel Maciel. Al centro il nome di Sesto vuol significare esperienza e ricostruire quel feeling con Pinelli dimostrato a Matera. A chiudere il roster due nomi che valorizzano il vivaio del Tuscania, il giovanissimo palleggiatore Dellepiaggi, ben distintosi in finali nazionali di categoria e lo schiacciatore Bondini che torna all’ovile dopo una considerevole esperienza in serie B.

Domani al PalaGlobo Sora vs Tuscania

, ,

Esordio casalingo per la BioSì Indexa Sora, domenica le porte del PalaGlobo “Luca Polsinelli” si apriranno ai primi avversari della stagione invitati dall’Argos Volley per una amichevole di sicuro interesse umano e sportivo.

A inaugurare i giochi saranno gli uomini della Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania di coach Montagnani e l’appuntamento con il fischio di inizio è fissato per le ore 18,00.

La formazione viterbese sarà il secondo banco di prova stagionale per gli atleti guidati dai coach Bruno Bagnoli e Maurizio Colucci dopo l’allenamento congiunto con la Sigma Aversa dello scorso mercoledì, ottima occasione per valutare lo stato di forma della squadra al termine della sua quinta settimana di preparazione.

SuperLega da una parte e Serie A2 dall’altra, per assicurare non solo un test di forma per entrambe le compagini, ma soprattutto un grande spettacolo di pallavolo come tradizione ha voluto ogni qualvolta i due club si siano incontrati sotto rete.

Grande debutto casalingo dunque per l’allenamento congiunto con un roster che nello scorso anno era “compagno di campionato” e che ha ben figurato durante tutta la competizione.

Terzo anno in Serie A2 per la società del Presidente Pieri e rosa ridisegnata con attenzione per interpretare al meglio la difficile formula del nuovo campionato della serie a due gironi.

“Per consolidarci è stata una precisa esigenza fare una scelta tecnica di provata esperienza – spiega il Direttore Sportivo Alessandro Cappelli -, e coach Montagnani ci offre ampie garanzie per un lavoro di attenzione e qualità.
In accordo con la nuova guida tecnica abbiamo confermato Ottaviani, Shavrak, Calonico, Vitangeli e i giovani Mazzon e Pieri, potenziando il posto 4 con il ritorno in bianco blu di Buzzelli. Abbiamo cercato di dare continuità in regia con un nome di alto livello, capace di gestire la squadra e la scelta di Pinelli ci conforta; per completare la diagonale il brasiliano Maciel ci offre quel mix di potenza, esuberanza ed esperienza, unito a una grinta da trascinatore come pochi. C’è il ritorno di Marchisio nel ruolo di libero dopo che ha ben figurato tra le nostre fila due stagioni fa. Al centro il nome di Sesto vuol significare esperienza e ricostruire quel feeling con Pinelli dimostrato a Matera. A chiudere il roster due nomi che valorizzano il vivaio del Tuscania: il giovanissimo palleggiatore Dellepiaggi ben distintosi in finali nazionali di categoria e lo schiacciatore Bondini che torna in bianco blu dopo una considerevole esperienza in serie B”.

Sora vs Japan, esperienza internazionale al PalaGlobo

,

Bellissima giornata di volley al PalaGlobo “Luca Polsinelli” con la Nazionale del Giappone che porta una ventata di internazionalità tra le mura sorane oltre ovviamente a una buona tecnica pallavolistica utilissima ai ragazzi di coach Soli.

Quattro set intensi, vinti due per parte, che hanno dato modo a entrambe le formazioni di svolgere un allenamento costruttivo in vista degli impegni imminenti per la Globo nel proseguo del campionato e quelli prossimi nelle competizioni internazionali per il team Nipponico.

“Questo per noi è stato un buon test, contro una squadra che ha grandi fondamentali in seconda linea e fa della continuità il proprio punto di forza – spiega coach Fabio Soli al termine del match. È stato molto importante per noi soprattutto perché in queste situazioni bisogna imparare a restare concentrati e pensare solo a giocare dato che loro sbagliano pochissimo e l’unica cosa che possiamo fare è credere nel nostro sistema di gioco e nelle nostre forze, sulle quali dovremmo fare molto affidamento nella parte finale del campionato.

Siamo partiti un po’ a rallentatore nel primo set ma poi siamo stati bravi a riprenderci e concluderlo al meglio. Sono molto contenti anche della prestazione di coloro che, di solito, giocano di meno in quanto hanno dimostrato di saper tenere bene il campo. Mi dispiace solo per l’ultimo set perché abbiamo peccato di negligenza e faccio fatica a digerirlo. Penso che portare a casa un risultato di 3-1 e vincere, anche se in amichevole, sia sempre importante soprattutto se ce ne sono le possibilità. L’unico rammarico quindi, è su quella parte del quarto set che poteva essere nostra nonostante avessimo in campo i ragazzi che non sono abituati a giocare spesso. Nonostante tutto, penso sia un buon test per prepararsi alla prossima partita di campionato contro Brescia”.

“Voglio ringraziare la Federazione Italiana e la Nazionale Under 23 Giapponese per aver scelto noi per questa amichevole – ci tiene a dire il General Manager Adi Lami -, con la speranza che collaborazioni simili possano ripetersi in futuro in quanto non fanno altro che accrescere lo scambio tecnico e culturale tra le nazioni e gli atleti”.

Al fischio d’inizio dei signori Alessandro Noce e Frederik Moratti, coach Soli schiera in campo Fabroni opposto a Hoogendoorn, la coppia di centrali Sperandio e Giglioli, i martelli Rosso e Bacca, e Santucci libero.

La guida tecnica ospite risponde con Kaneko al palleggio in diagonale con Ogawa, Kodama e Otake in posto 3, Fujinaka Kenya e Hisahara a schiacciare e Fujinaka Y. libero.

Il test match è aperto da Rosso e Sperandio per il 5-3 ma gli ospiti si mostrano subito aggressivi pareggiando i conti sul 6-6 e poi portandosi in vantaggio 6-9 con due ace del centrale Kodama. A Fabroni e compagni il -3 non piace allora approfittano di un errore avversario per aprire i lavori per un mini break dal parziale di 5-0 che porta la contesa sul 12-10. Contrattacco dei nipponici che, trascinati da Hisahara a dominare sulla rete e da Otake dai nove metri, segnano a referto il sorpasso del 13-16. Errori da entrambi i lati fanno salire il tabellone sul 17-20 ma poi Hoogendoorn ottiene il cambio palla che Rosso sfrutta immediatamente a muro e in attacco per il nuovo sorpasso del 21-20. La guida tecnica ospite richiama i suoi, ma è ancora l’opposto di casa a dettare le regole per il 23-21 trasformato nel 25-23 da due errori degli asiatici.

La Nazionale Nipponica torna in campo con l’ex Modena, Ishikawa, al posto del capitano Kenya e con il centrale Onodera su Otake mentre la Globo, in vantaggio per un set a zero, con lo stesso sestetto apre il secondo con un 3-1. Prova a mettere il naso avanti il Giappone ma Fabroni, Rosso e Sperandio con tre muri sulle loro intenzioni a rete contengono il punteggio 6-6. Il primo tempo di Onodera vale il 7-9 ma con Hoogendorn dai nove metri ad autografare ace e con Bacca a muro su Ishikawa, è 12-9. Con l’ace di Fabroni i volsci incrementano il vantaggio fino al +5 del 17-12 e poi le bocche da fuoco Rosso e Hoogendoorn sfoggiano i loro colpi migliori per il 22-14 che segna indiscutibilmente le sorti del set. Provano a resistere i bianco-rossi con lo schiacciatore ex Modena ma l’opposto olandese dichiara chiuso il secondo game sul 25-20.

Altro giro e altra corsa per gli ospiti che tornano in campo con la formazione rivisitata nuovamente e sempre negli stessi reparti con il centrale Takahashi al posto di Kodama e il rientro di Fujinaka Kenya per Ishikawa. Set più equilibrato con il 4-4 iniziale trasformato da Sperandio e Bacca nel 7-5 e condotto da Sora fino al 9-8. Gli errori segnano l’inversione di andamento con l’11-12 che suggerisce a coach Soli il cambio in posto 2 con l’inserimento di Buzzelli al posto di Hoogendoorn. Rosicchia piano piano terreno il Giappone e lavorando bene soprattutto in difesa fa segnare sul tabellone il +4 del 16-20. Si gioca ora punto a punto con Lucarelli, da poco subentrato a Rosso, che con un diagonale prepotente fa esplodere il PalaGlobo. La pipe di Hisahara porta i nipponici al set ball e l’ace di Kumakura chiude il parziale 19-25 e riapre il match 2-1.

Tocca anche a coach Soli ora mischiare le carte in tavola e lo fa schierando la diagonale Marrazzo-Buzzelli, gli schiacciatori Lucarelli-Bacca e i centrali Festi-Sperandio. Dall’altra parte della rete invece Kaneko continua a gestire la regia dei riconfermati Ogawa, Fujinaka K. e Takahashi, e riaccoglie Kumakura e Otake. Si lotta in campo con i sestetti che si equivalgono fino al 5-5. Mette la freccia Sora con Festi in battuta per il sorpasso dell’8-5. Buzzelli e Lucarelli mantengono ben salde le lunghezze di vantaggio fino al 13-10 quando Otake, prima in attacco e poi a muro, accorcia le distanze 13-12. L’andamento viene mantenuto fino al 17-17 trasformato nel 19-17 e poi nel 21-18 dall’attacco di Buzzelli e l’errore avversario. La pipe di Kenya riporta la battuta nei nove metri ospiti e l’ace di Kumakura ne allunga il break positivo fino alla parità del 21-21. A stoppare il momento è un granitico muro a 3 ai danni di Ogawa che apre il punto a punto che porta la contesa ai vantaggi. Il muro di Sperandio e il suo primo tempo segnano il vantaggio del 25-24 e 26-25. L’errore al servizio dei locali rimette tutto in parità e l’ace di Takahashi seguito dall’attacco di Ogawa dichiarano chiuso il set sul 26-28 e il match per 2-2.

 

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – JAPAN 2-2

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Fabroni 3, Hoogendoorn 13, Rosso 11, Bacca 6, Sperandio 11, Giglioli 3, Santucci (L), Marrazzo 2, Buzzelli 6, Mariano n.e., Lucarelli 2, Festi 3, Mauti. I All. Fabio Soli; II All. Maurizio Colucci. B/V 4, B/P 19, muri 10.

JAPAN: Sakai, Ogawa 10, Fujinaka K. 6, Hisahara 13, Onodera 3, Kodama 6, Fujinaka Y. (L), Ishikawa 3, Kaneko 4, Kumakura 5, Otake 6, Takahashi 5. B/V 9, B/P 19, muri 9.

ARBITRI: Alessandro Noce, Frederik Moratti.

PARZIALI: 25-23; 25-20; 19-25; 26-28.

Sora in campo contro il Giappon

,

Appuntamento internazionale per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che mercoledì 2 marzo alle ore 17,30 al PalaGlobo “Luca Polsinelli” ospiterà per una amichevole di lusso la Nazionale del Giappone Under 23.

Porte aperte e fari accesi a illuminare il rettangolo da gioco di via Ruscitto dunque dove già ben quattro tv nipponiche si sono accreditate per riprendere le immagini della gara.

La nazionale giapponese universitaria è arrivata a Roma nel fine settimana e si fermerà presso il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti per uno stage di otto giorni durante i quali sosterrà una serie di allenamenti congiunti con il Club Italia e alcune amichevoli.

Il team dell’Asia Orientale, nella cui fila milita anche l’ex modenese Yuki Ishikawa, ha già archiviato con una vittoria per 3-1 (26-24, 26-24, 17-25, 25-22) il Club Italia di Michele Totire.
Nel corso della settimana invece disputerà test match sul campo della Ninfa Latina e su quello sorano il prossimo mercoledì 2 marzo alle ore 17,30.

L’ingresso al PalaGlobo è gratuito e aperto a tutti coloro che abbiamo curiosità di vedere la nazionale B del Giappone ma soprattutto la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora confrontarsi con una realtà internazionale.