Articoli

Sora vince il Trofeo PM&B con Radke Mvp

, ,

La terza edizione del Trofeo PM&B a Tuscania la vince la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora tra gli applausi delle altre due partecipanti, la Maury’s Com Cavi e la Peimar Volley Calci, che le hanno dato comunque filo da torcere.

La squadra di coach Colucci, che festeggia la sua prima vittoria da capo allenatore, è ancora alle prese con qualche defezione, per cui a referto e in campo ha inserito il centrale Marco Corgnale al posto di Scopelliti.
Bellissima sorpresa invece quella di Miskevich che, atterrato in tarda mattinata a Fiumicino, ha indossato la sua nuova maglia e ha raggiunto direttamente i compagni al palazzetto dell’Olivo.
Spazio a tutto l’organico dunque che nelle due gare odierne ha avuto modo di testare il proprio lavoro e il gioco di squadra, con la regia di Murilo Radke che ha strameritato il premio Mvp del torneo.

Soddisfatto della prestazione dei suoi, coach Maurizio Colucci:

“Assieme allo staff tecnico, oggi abbiamo avuto risposte positive sia dal punto di vista della tecnica individuale che come organizzazione di gioco.
Siamo entrati nel torneo molto bene, con un primo set contro Calci molto giocato. Nel secondo e nel terzo invece abbiamo commesso qualche errore di troppo soprattutto in battuta. La bravura è stata nel ricompattarci nel match successivo contro Tuscania e questo ci ha permesso di vincerlo.
È la nostra prima vittoria, vincere fa sempre piacere, ma la strada è ancora molto lunga e ci aspettano gare davvero difficili e ancor più complicate”.

La terza edizione del torneo organizzato dalla Maury’s Com Cavi Tuscania è stato un successo di sport e pubblico che ha creato una splendida cornice e tantissimo calore de “La Bolgia” nell’accogliere al palazzetto dell’Olivo tutti gli ospiti.

Ad aprire la sfida nei tre set fissi previsti dalla formula del torneo, alle ore 15:30 i padroni di casa della Maury’s Com Cavi (Serie A3) che hanno sfidato la Peimar Volley Calci (Serie A2). Due dei punti in palio sono andati nelle casse dei ragazzi di coach Tofoli, e uno in quelle di quelli di mister Gulinelli.

Restano in campo i pisani per affrontare l’altra partecipante al torneo, la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che, dopo aver vinto il primo set 25-22, cede il passo nel secondo e terzo 21-25 e 10-15. A fare la differenza sono state le 20 battute sbagliate da Fey e compagni a fronte di 5 ace – 2 di Radke, 2 di Grozdanov (12 pt/set), e 1 di Corgnale. Per questo incontro i coach Colucci e Roscini hanno schierato allo starting player la diagonale Radke-Van Tilburg, i martelli Fey e Grozdanov, i centrali Caneschi e Corgnale, e Sorgente libero. Spazio anche per Alfieri e Miskevich. I coach Gulinelli e Grassini invece hanno deciso di scendere in campo con Coscione in regia opposto ad Argenta, Lecat e Fedrizzi in posto 4, Mosca e Grassini al centro, e Tosi libero.

Il secondo doppio turno tocca poi a Sora, che vede schierati dall’altra parte della rete i padroni di casa. Stavolta la guida tecnica bianconera fa partire subito il suo opposto Miskevich, lasciando invariato il resto del sestetto nel primo set, con le incursioni di Battaglia e Van Tilburg. Dopo il 25-20 invece, un po’ di riposo per Fey sostituito da Van Tilburg, e poi spazio al libero Mauti e al palleggiatore Alfieri per il 25-22 con il quale il club di Patron Giannetti alza al cielo il Trofeo PM&B.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Domani in campo a Tuscania per il Trofeo PM&B

, ,

È pronta la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora a riprendere il suo cammino negli allenamenti congiunti programmati per la pre season 2019/2020. Dopo aver dovuto annullare il test match casalingo con Ortona, lo scorso mercoledì, domani partirà alla volta di Tuscania per prendere parte alla terza edizione del Trofeo PM&B assieme ai padroni di casa della Maury’s Com Cavi Tuscania (Serie A3) e alla Peimar Volley Calci (Serie A2).

“Dopo settimane di intenso lavoro fisico – spiega coach Maurizio Colucci -, è normale che compaia qualche segno di affaticamento. Questi casi, sommati a qualche episodio di influenza, ci hanno portato a rimandare la gara con Ortona. Ad ogni modo i ragazzi sono quasi tutti in via di ripresa per cui il lavoro può proseguire come programmato”.

Appuntamento dunque per domenica 22 settembre presso il palazzetto dell’Olivo di Tuscania per un pomeriggio pieno di pallavolo: alle ore 15:30 a sfidarsi saranno i padroni di casa della Maury’s Com Cavi vs la Peimar Volley Calci; alle 17:00 i pisani restano in campo per vedersela con Sora; e alle ore 18:30 la Globo toccherà sfidare gli organizzatori.
La formula del triangolare prevede la disputa fissa di tre set in ogni gara, indipendentemente dal risultato delle prime due frazioni, e ogni set vinto assegnerà un punto in classifica.

“In questo torneo, con queste squadre e con questa formula – continua la guida tecnica sorana -, avremo modo di provare molte soluzioni di gioco e di dare spazio a tutto l’organico a disposizione. In merito ai nostri avversari credo che Calci sarà di sicuro la sorpresa del prossimo campionato di Serie A2 con un roaster che di certo non nasconde le ambizioni di classifica dei toscani. Bisognerà stare attenti anche alla voglia di fare bene del Tuscania, che tra le mura amiche vorrà ben figurare contro avversari di categoria superiore”.

Tuscania, che ha iniziato la sua preparazione atletica lo scorso 2 settembre, è al sesto anno di militanza nella Lega Pallavolo Serie A:

“Abbiamo fatto tesoro di tutte le esperienze pregresse, positive e meno per poter affrontare una stagione che vorremmo sia ad alto livello – dichiarava il General Manager Alessandro Cappelli -. Veniamo da un’annata sportiva che non è stata sicuramente all’altezza, soprattutto in relazione ai risultati attesi. Nonostante ciò, molto dell’organizzazione societaria ha riscontrato una costante crescita, e il settore giovanile si è consolidato, pertanto abbiamo deciso di ripartire da queste “certezze”.
Dovevamo rivedere la Direzione Tecnica, c’era bisogno di una persona che, oltre ad avere comprovate capacità tecniche, avesse anche quelle umane per riportare quell’entusiasmo che ultimamente era un po’ venuto meno, e allora ci siamo basati su “antiche” certezze: quale miglior scelta se non richiamare chi ci aveva portato in serie A? Ed ecco allora coach Paolo Tofoli.
Per la costruzione della squadra, la direttiva era creare il giusto mix di gioventù ed esperienza, e così abbiamo ricercato sul mercato giocatori idonei per l’allestimento di una rosa molto competitiva sia nel sestetto titolare che tra le eventuali riserve dove per la maggior parte abbiamo puntato su ragazzi già con un’importante esperienza. Confidiamo in una lunga stagione e per questo ci sarà bisogno di tutti”.

Agli ordini di Paolo Tofoli ci sarà nuovamente il capitano, ed ex Sorano, Pierlorenzo Buzzelli. Al palleggio il ritorno di Giacomo Leoni a formare la diagonale insieme all’estone Siim Polluaar, braccio pesante della squadra. In banda Antonio De Paola, Federico Rossatti, Edgardo Ceccoli, Alessio Ragoni ed Enrico Rocchi, entrambi promossi dal settore giovanile. Al centro Mario Ferraro, Gabriele Ceccobello e Gabriele Tognoni. Nel ruolo di vice-Leoni, Luca Sartori, proveniente sempre dal settore giovanile del Tuscania Volley, mentre in quello di libero due giovanissimi, Domenico Pace e Matteo Ranalli.

L’altra sfidante, la Vbc Calci Volley, è una matricola della Serie A2 nel quale campionato è approdata direttamente dalla Serie B rilevando il titolo della Pallavolo Massa. Di fatto, con la riforma dei campionati che ha previsto anche la A3, per Calci è stato un salto doppio di categoria.
In estate il club del presidente Casale ha condotto un mercato inaspettato che a oggi fa della Peimar una della squadre più quotate:

“Siamo partiti quasi da zero – spiega il Direttore Sportivo Luca Berti -, e soprattutto senza credenziali nell’ambiente essendo una realtà completamente nuova. I giocatori scelti e contattati invece, ci hanno dato credito; molti di loro provengono dalla SuperLega, e il fatto che abbiano considerato Calci e la Peimar Volley come opzioni degne, ci riempirci di orgoglio, gratificando il nostro lavoro.
E’ sicuramente una squadra che richiama attenzioni, e commenti positivi. Ma da questo al raggiungimento dei nostri obiettivi, la strada sarà lunga e faticosa. Partiremo per conquistare la salvezza il più velocemente possibile, per poi provare ad alzare il tiro se saremo abbastanza bravi e fortunati”.

Alla guida tecnica del roster della Peimar c’è coach Flavio Gulinelli mentre il capitano è il palleggiatore Manuel Coscione che compone la diagonale con Andrea Argenta. Il reparto di schiacciatori è formato da Francois Lecat, Michele Fedrizzi, Simone Nicotra, Francesco Sideri. Per il posto 3 a disposizione Rocco Barone, Leonardo Razzetto e Leandro Mosca. Per i fondamentali di seconda linea c’è Federico Tosi, con Gian Maria De Muro pronto a subentrare, mentre l’altra diagonale è quella di Filippo Ciulli e Ivan Zanettin.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A Siena un buon test match pieno di spunti

, ,

Interessante pomeriggio di pallavolo al PalaEstra di Siena con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e l’Emma Villas Aubay al confronto di debutto nella stagione.
Alle ore 18 le due compagini sono scese in campo per un allenamento congiunto che fin dai primi scambi ha mostrato l’essere agguerriti di entrambi i roster, che pur militando in due categorie diverse, sono infuocati dalla stessa determinazione nel puntare verso i loro obiettivi.
Il risultato del test match non fa vincere nessuno con tre dei quattro set disputati chiusi ai vantaggi, i primi due in favore dei padroni di casa e gli altri due da una bella Sora in rimonta.
La finalità dell’allenamento congiunto era sicuramente un’altra e sotto questo punto di vista moltissimi e utili sono stati i feedback e le verifiche personali, di squadra e da parte dello staff tecnico.
Per la prima volta infatti gli atleti si sono trovati in un contesto di competizione contro un avversario vero e molto valido, e coach Colucci è riuscito nel suo intento di adattare alla gara il sistema di gioco provato in allenamento nonostante ovviamente il tutto sia ancora in fase di costruzione, ma alla base c’era tanta voglia di fare bene.

“In considerazione della settima appena trascorsa, lunga e piena di lavoro – analizza Coach Maurizio Colucci -, è stata una buona partita. Nel complesso la squadra si è comportata bene, ha avuto un buon atteggiamento abbastanza aggressivo. Ciò che abbiamo messo in campo in fatto di tecnica, è stato discreto, anche se durante la settimana alcune di queste cose sembravano funzionassero meglio, ma prima del prossimo test match avremo modo di rimetterle a punto lavorandoci. Non abbiamo fatto assolutamente male, è normale che su alcune cose siamo ancora indietro, lo sapevamo e da lunedì ricominceremo ad allenarle perché certi meccanismi hanno bisogno di un pochino più di tempo”.

Al suo primo starting players coach Colucci sceglie di mettere in campo la diagonale formata dal palleggiatore Radke e l’opposto Van Tilburg, Caneschi e Scopelliti al centro della rete, Fey e Grozdanov in posto 4 e Sorgente libero. Dall’altra parte della rete mister Graziosi schiera Falaschi in cabina di regia opposto a Romanò, Milan e Mariano in banda, Gitto e Zamagni in posto 3 e Marra libero.

Entrambi i registi si affidano subito ai loro bracci armati fuorimano che danno il via al punto a punto che rompe il ghiaccio. La prima accelerata la da Sora con Radke a muro su Milan e Caneschi che non si fa intercettare da Zamagni per il +3 del 4-7. La Globo mantiene il vantaggio fino al 7-10 quando Gitto e Milan salgono sulla rete regalando ai loro l’aggancio e il sorpasso del 13-12. Arriva anche il momento dell’ex con Romolo Mariano per il 15-14 che Milan a muro trasforma nel 17-20. Time out per la guida tecnica ospite e gioco che riprende con l’offensiva dei suoi ragazzi che fa segnare sul tabellone il 22-23. Non smette di rincorrere Siena che porta la contesa ai vantaggi annullando la palla set sorana e guadagnandosi la possibilità di chiusura con l’ace di Lucconi entrato al posto di Gitto per il fondamentale. Ancora possibilità Siena sul 26-25, ma Grozdanov (6 pt/set) prova a cambiare marcia per i suoi mettendo a terra prima l’attacco che vale la parità e poi il muro ai danni di Mariano per la nuova palla set. Romanò lavora bene per il cambio palla e Mariano si vendica dai nove metri con l’ace che vale il 29-27.

Stessi sestetti in campo per il secondo game che si presenta con lo stesso copione d’avvio del precedente, con Sora a mettere il naso avanti per prima 7-5, e Siena a rincorrere e pareggiare i conti sull’8-8. Si lotta palla su palla nella parte centrale del set con Caneschi e Radke che lavorano bene a muro bloccando le intenzioni di Zamagni e Romanò, e Fey e Van Tilburg in attacco per il 16-17. L’emma Villas risponde presente e conquista un doppio passo di vantaggio che dal 19-17 tiene stretto fino alla fine del set che si chiude 25-22 con le buone intenzioni di Grozdanov al cambio palla non seguite da break point.

Sora deve trovare la reazione giusta ma nel frattempo l’Emma Villas continua a percorrere la sua strada per il 7-5 del terzo parziale di gioco che diventa 12-9. Coach Colucci richiama i suoi ragazzi e alla ripresa Fey conquista il cambio palla seguito dagli attacchi di Grozdanov e Caneschi che si riportano con il fiato sul collo degli avversari 14-13. Si prosegue un punto per parte fino a quando Fey trova due importanti giocate che rimettono tutto in parità 22-22 ma soprattutto danno speranza per la riapertura del match. Scopelliti e Zamagni allungano la contesa ai vantaggi e Radke di seconda intenzione si prende la prima possibilità di chiusura. Romanò l’annulla ma Lucconi manda out la battuta che vale la seconda possibilità per la Globo che stavolta, con Caneschi a muro a inchiodare Milan, la prende in pieno archiviando il set 25-27 e regalandosi un’altra possibilità nel match.

Gli stessi sestetti in campo continuano a darsi battaglia anche nel quarto set che però si è deciso di giocarlo nella formula tie break. Emma Villas sempre avanti al 7-5 ma il mini break positivo autografato da Scopelliti granitico a muro e Van Tilburg all’ace, inverte la rotta con il 7-8. Due attacchi consecutivi di Caneschi per l’11-12 continuano a far mantenere la distanza che però non è di sicurezza infatti i padroni di casa, approfittando di qualche errore avversario, portano il set ai vantaggi. La determinazione della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è tutta racchiusa nei due fendenti finali sferrati da Grozdanov e Radke che riportano così a casa un bel pareggio.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – EMMA VILLAS AUBAY SIENA 2-2

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Falaschi 3, Yuri Romanò 25, Milan 11, Mariano 10, Gitto 7, Zamagni 6, Marra (L), Zanni, Lucconi 1, Cappelletti n.e., Smiriglia, Volpi (L) n.e.. I All. Graziosi; II All. Pelillo. B/V 3; B/P 16; muri: 9.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 6, Van Tilburg 14, Caneschi 12, Scopelliti 8, Grozdanov 14, Fey 9, Sorgente (L), Alfieri, Battaglia, Mauti (L), Giacchetta n.e., Meglio n.e.. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 2; B/P 18; muri: 11.

PARZIALI: 29-27 (‘30); 25-22 (‘25); 25-27 (‘30); 15-17 (‘2).

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

C’era una volta a Sora la “Bomba”…

, ,

C’era una volta a Sora la “Bomba”, a sganciarla era Ludovica Giannetti e a innescarla la Globo Banca Popolare del Frusinate con le sue fantastiche vittorie.
A fine gara, in campo, tutti gli atleti in cerchio e la piccola bimba mascotte della squadra, al centro. Ludovica lanciava la palla più in alto che poteva, e appena toccava terra… tutti giù per terra.

Ai tempi della Serie B2, B1 e parte della A2, si festeggiava così qualsiasi punto si intascasse. In casa, in trasferta anche sui campi più ostici e infuocati, Ludovica era sempre presente e pronta per tirare la bomba.

Ora la bambina delle “vittorie” è cresciuta, è diventata una donna caparbia che sa il fatto suo e persegue gli obiettivi che si pone lanciando sempre più in alto quel pallone. E sì, perché il vizio di sganciare le bombe non lo ha perso, anzi, stupisce sempre tutti con effetti speciali.

Il suo più grande sogno era ed è quello di studiare medicina e diventare un chirurgo, papà Gino e mamma MariaTeresa erano orgogliosi delle sue ambizioni che però vedevano ancora lontane e con un beneficio di dubbio in quanto la sedicenne Ludovica doveva ancora terminare il terzo anno del liceo e ragionare sulle scelte di vita future, ma non hanno fatto i conti con la sua determinazione. L’adolescente infatti, aveva ideato un piano molto più grande di lei, quello che l’avrebbe portata a fare il test di ammissione alla facoltà di medicina al San Raffaele di Milano. Nulla l’ha preoccupata, la sua giovane età, i due anni pieni che mancavano ancora al diploma, il livello B2 di lingua inglese da prendere, le ore dell’alternanza scuola-lavoro da fare, le competenze in fisica, chimica, anatomia, matematica ancora da raggiungere, per non parlare delle migliaia di persone che ogni anno tentano di entrare nell’ambita facoltà del prestigioso istituto.

Fatto sta che, non appena iniziato il quarto anno del liceo, Ludovica contestualmente si è messa da sola a studiare per acquisire tutte le competenze necessarie richieste, a lavorare sodo per adempiere a tutti i suoi doveri, e lo scorso aprile si è fatta accompagnare da mamma e papà a Milano per svolgere i test. E il problema più grande è stato che ce l’ha fatta! Ha superato brillantemente tutte le prove staccando il biglietto per il treno che corre verso i suoi sogni.

Ma Ludovica frequenta la quarta liceo e per immatricolarsi all’università ha bisogno del diploma. Così, a metà maggio, quando sono stati resi pubblici i risultati dei test di ammissione, la ragazza ha dovuto ricaricare le sue armi con tantissima polvere da sparo perché il botto doveva essere ancora una volta deflagrante: in meno di un mese avrebbe dovuto studiare tutto il programma del quinto anno e preparare, non un esame, ma l’esame per eccellenza, quello che chiunque ricorda come il più difficile, soprattutto emotivamente, della propria vita, quello di maturità. Ma la cucciolotta di casa Giannetti, che non aveva mai ritirato le unghie, se l’è affinate e come un uragano ha travolto anche chi, come la sua famiglia, ha temuto l’estremità del carico.
Con i suoi 4 anni di liceo conclusi con una media altissima in pagella, ha potuto chiedere “l’abbreviazione per Merito” (e non fare due anni in uno) e dunque sostenere direttamente gli esami di stato aggregandosi alle normali classi quinte.

Così la diciassettenne, con in tasca il diploma, l’immatricolazione alla facoltà di medicina, e tutti i suoi sogni, in questi giorni sta preparando armi e bagagli per trasferirsi a Milano e iniziare una nuova, bellissima e sicuramente sudata e guadagnata, pagina della sua vita.

Papà Gino, mamma MariaTeresa, il fratello maggiore Luca, come anche i nonni Vittorio e Lidia, sono orgogliosissimi della loro “bambina” e preoccupati allo stesso tempo di saperla da sola, lontana, e con tante esperienze ancora da vivere per fortificarla. Ma la bambina della bomba è cresciuta, è diventata una donna caparbia che sa il fatto suo e persegue gli obiettivi che si pone lanciando sempre più in alto quel pallone. E sì, perché il vizio di sganciare le bombe non se lo toglierà mai, continuerà a stupirci sempre con effetti speciali.
Buona vita Ludovica da tutta la Argos Volley.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Venerdì il primo test match

, ,

La quinta settimana di preparazione atletica si avvia verso la conclusione per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che continua a lavorare a vele spiegate agli ordini del suo staff tecnico in attesa del debutto nella SuperLega 2019/2020.

Dopo due blocchi importantissimi arriva il terzo step, quello che comincia a far riempire gli occhi del pubblico con i primi confronti con squadre avversarie.
Sarà l’amichevole Emma Villas Aubay Siena vs Globo Banca Popolare del Frusinate Sora il primo test match della stagione in programma venerdì 13 alle ore 18 al PalaEstra di Siena.

“L’idea – spiega coach Maurizio Colucci -, è quella di un confronto amichevole con un roster molto ben attrezzato, ma in caso di necessità siamo aperti a qualsiasi aggiustamento in termini di modalità di gioco o punteggio purché questo rispecchi le esigenze sportive e di organico di entrambe le squadre”.

Siena, che tra poco più di un mese militerà nel campionato di Serie A2, ha iniziato la preparazione atletica qualche giorno più tardi rispetto a Sora che comunque tra tutti i club della SuperLega è stata la prima ad aprire i lavori. Agli ordini di coach Graziosi, arrivato sulla panchina senese da Ravenna, un roster composto da un mix di elementi esperti e navigati e di giovani vogliosi di dimostrare le proprie qualità.

In cabina di regia Marco Falaschi e Michael Zanni; Yuri Romanò, miglior italiano Under 23 della scorsa stagione di Serie A2, e Manuele Lucconi gli opposti; Gabriele Maruotti, l’ex sorano Romolo Mariano, Sebastiano Milan e Niccolò Cappelletti gli schiacciatori; al centro Carmelo Gitto, Matteo Zamagni e Antonio Smiriglia. A difendere la seconda linea Davide Marra e il giovane Matteo Volpi.

“Sarà un test utile in primo luogo per verificare la condizione dei ragazzi in un contesto di competizione – continua la guida tecnica sorana -, inoltre avremo l’occasione di adattare alla gara il sistema di gioco provato in allenamento contro una compagine tecnicamente molto ben attrezzata.

Nelle prime quattro settimane di preparazione atletica, il lavoro fisico è stato predominante rispetto a quello tecnico, abbiamo infatti sostenuto un cospicuo numero di sedute pesi, allenamenti sulla sabbia e in piscina. In questa quinta invece si è prestata molta più attenzione al fattore tecnico, da qui l’esigenza di misurarci nella prima gara amichevole.
Ovviamente in campo vedremo una squadra ancora in fase di costruzione, ma sicuramente non mancherà la voglia di fare bene da subito, quella stessa voglia che ha caratterizzato tutto il primo mese di preparazione.
Fino a oggi infatti, il lavoro si è svolto nel miglior modo possibile. I ragazzi hanno rispecchiato in pieno le mie aspettative svolgendo ogni giorno il lavoro proposto con entusiasmo e dedizione fuori dal comune. Con questi presupposti mi aspetto miglioramenti costanti da ogni componente del gruppo”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

La pre-season entra nel vivo, via alle amichevoli

, ,

La preparazione della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora entra nel vivo. Dopo gli allenamenti divisi tra tecnica, pesi, piscina e beach volley si fa sul serio. Fittissimo il calendario delle amichevoli che presto aiuteranno i mister Colucci, Roscini e Conte a valutare la condizione dei loro atleti ed a diversificare il carico in vista degli impegni di SuperLega, il cui primo vedrà i bianconeri in trasferta a Verona contro la Calzedonia il 20 di ottobre.

I volsci si metteranno alla prova sul taraflex, per la prima volta, venerdì 13 settembre alle 18.00 quando andranno a Siena per confrontarsi con l’Emma Villas Aubay, formazione retrocessa dall’A1 lo scorso anno che annovera un organico di ottimo livello, con diversi atleti che hanno maturato esperienza in categoria superiore, come il palleggiatore Falaschi, il centrale Gitto, lo schiacciatore Maruotti e il libero Marra. Tra le fila senesi anche un ex bianconero, il martello Romolo Mariano, in forza al Sora nella stagione 2015/2016, quella che segnò il balzo in massima serie.

Secondo test stagionale in casa, invece, tra le mura del PalaGlobo ‘Luca Polsinelli’, mercoledì 18 settembre alle ore 18. Al cospetto dei padroni di casa arriverà un’altra formazione di A2, la Sieco Service Ortona, club noto al pubblico lirense per le tante e grandi battaglie ingaggiate proprio ai tempi della cadetteria.

Si prosegue dunque domenica 22 in trasferta sul campo del Maury’s Com Cavi Tuscania, a partire dalle 17.00, con un triangolare che vedrà impegnati i sorani proprio con i locali, attualmente militanti in A3, e la Peimar Calci di A2, società che ha acquisito i diritti della categoria da Massa e che subito ha messo in chiaro le proprie intenzioni allestendo un roster molto competitivo tra cui spiccano le figure dell’opposto Argenta (ex Modena), del martello Lecat (un passato italiano tra Vibo Valentia e Verona in A1), dell’esperto regista Coscione (anch’egli un navigato di SuperLega dove ha vestito la maglia di Vibo Valentia, Piacenza, Verona, Cuneo, Padova ed altre squadre), dello schiacciatore Fedrizzi (ex Trento, Molfetta, Padova e lo scorso anno Spoleto in A2), del Libero Tosi (ex Latina, Modena, Perugia, Milano), del centrale Barone (ex Latina, Monza, Vibo valentia, Molfetta, Perugia), solo per citare i più famosi.

Giovedì 26 settembre ancora un allenamento congiunto alle 18.00, stavolta a Latina, contro la pari categoria Top Volley.

Giovedì 3 ottobre e venerdì 4 ottobre, invece, gli uomini di patron Gino Giannetti andranno in Calabria per un torneo organizzato dalla Tonno Callipo Vibo Valentia che include appunto i padroni di casa e la Globo (SuperLega) più una formazione di A2, la retrocessa Bcc Castellana Grotte. Il giovedì si inizierà a battagliare sul parquet alle 17.30, mentre il venerdì alle 16.

Ultimo appuntamento in planning il prestigioso ‘Nonno Gino’, pianificato come ogni anno dall’Argos Volley e che verrà disputato presso il PalaCoccia di Veroli. Di fronte si troveranno tre squadre di SuperLega, Sora, Vibo Valentia e Latina e una del campionato cadetto, ossia Siena. Il venerdì sono in programma due partite, Vibo-Latina alle 18.00, Sora-Siena alle 20. Finalina e finale saranno giocate il giorno seguente a partire dalle 16.00.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Preparazione atletica, gli obiettivi di “Gigi” Duro

, ,

La nuova Globo Banca Popolare del Frusinate Sora continua a lavorare in vista del prossimo campionato di SuperLega. Oggi inizia dunque un’altra settimana di preparazione, in cui gli impegni saranno diversificati per raggiungere i migliori target, passo dopo passo, e sotto le cure attente dello staff tecnico.
Staff di cui, da anni, fa parte il massaggiatore Luigi Duro, una figura divenuta col tempo indispensabile per la società bianconera e nuovamente confermata nel pacchetto tecnico. E proprio Duro ci spiega quali sono stati i primi step affrontati con la squadra:

“Nella prima settimana della preparazione, insieme al Dottor Quaglieri e al Dottor Cortina, ho organizzato e messo a punto uno screening sullo stato di salute attraverso un’anamnesi remota, esami del sangue ed esami delle urine. Successivamente, insieme a Giacomo Paone e ad Antonio Ludovici, abbiamo effettuato il test “Back in Action”, un protocollo composto da 7 esercizi che fornisce una valutazione completa delle quattro aree di competenza (Equilibrio, Agilità, Forza e Velocità)”. Dopodiché si è passati a sudare tra pesi, beach volley, piscina e tecnica”.

In questa fase pre campionato, di cosa si occupa di preciso la tua figura?

“Coordino la stesura di un fascicolo su ogni atleta, sempre a disposizione dello staff, in modo da prevenire gli infortuni e migliorare la performance. In questa fase il mio compito è quello di monitorare i sovraccarichi tendinei e muscolari dando dei continui feedback alla guida tecnica”.

Come viene definito il programma di training?

“Gli allenamenti diventano sempre più intensi e impegnativi per il fisico che riconosce e si adatta a determinate sollecitazioni di tipo qualitativo e quantitativo”.

Qual è il principale obiettivo per la tua figura in questa tranche di preparazione?

“Il mio primo obiettivo in questa fase è quello di massimizzare il recupero fisico sfruttando la massoterapia, la crioterapia, lo stretching e promuovendo un’alimentazione specifica e una giusta idratazione”.

Questo il planning allenamenti per la settimana appena iniziata: stamattina i volsci hanno iniziato la giornata con una seduta di pesi più tecnica, mentre alle 18.00 vi sarà ancora tecnica; martedì beach volley al mattino dalle ore 9.00 e tecnica il pomeriggio alle 18.00; mercoledì dalle 9.00 pesi più tecnica, alle 18.00 ancora tecnica; giovedì mezza giornata di riposo mentre al pomeriggio si torna sul parquet del PalaGlobo “Luca Polsinelli” per la seduta tecnica delle 18.00; venerdì pesi e tecnica al mattino a partire dalle 9.00 mentre dalle 18.00 ci si cimenta sulla sabbia del campo Trecce; sabato e domenica riposo.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

L’Argos Volley si è presentata ai nuovi arrivati in casa bianconera

, ,

Partita la stagione sportiva 2019/2020, la quarta in SuperLega, della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Dopo l’appuntamento dello scorso 12 agosto tra staff tecnico e atleti, il via a visite mediche, test, e preparazione atletica, si è svolta nella serata di giovedì il classico raduno in forma privata tra la società Argos Volley e tutti gli uomini della prima squadra.

Presso gli stabilimenti della Globo Spa, in via Forma Cialone a Sora, i patron Giannetti hanno dato il benvenuto con un evento che continua a essere una vera e propria riunione familiare nella quale ci hanno tenuto a sottolineare l’importanza e la professionalità di ogni singolo membro della società che da anni dedica il proprio tempo, qualità e passione, al movimento. Molto contento dunque, il vertice societario, del gruppo di lavoro che negli anni è riuscito a mettere insieme, e dei grandi risultati del loro operato.

Così, i nuovi arrivati, hanno ricevuto il benvenuto dai Patron Gino e Luca Giannetti, e dal presidente Enrico Vicini, e fatto la conoscenza di tutti i partecipanti alla nuova avventura sportiva, dai dirigenti allo staff societario, fino ai collaboratori volontari che vivono attivamente la loro passione al fianco dei propri beniamini.

Niente pubblico dunque nel primo appuntamento che ha fatto assaporare al team 2019/2020, l’aria di casa Argos Volley con il raduno che dunque si conferma primo momento utile, a tutti i nuovi arrivati nella grande famiglia sorana, di conoscenza della società, la quale attraverso le sue più importanti voci ha raccontato il percorso storico che ha sportivamente vissuto, oltre a fare un excursus presentativo dell’intero organigramma.

Data l’importanza che il direttivo societario attribuisce a questo evento, il Raduno si si è svolto a porte chiuse in modo da continuare a essere una privata riunione familiare dove gettare le basi più importanti per vivere e affrontare un anno insieme tra persone che non si conoscono o quasi, unite dal destino e soprattutto da un obiettivo comune.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Novità sulla panchina sorana, Ottavio Conte terzo allenatore

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora sta per tagliare il nastro d’inaugurazione di questa nuova stagione. La preparazione è oramai al via e in questo pullulare di uomini, palloni, aspettative ed emozioni, spunta una novità gradita: il ritorno in bianconero di mister Ottavio Conte. Ottavio ha alle spalle una lunga esperienza in casa Argos Volley dove, a suo tempo, si occupava delle giovanili. Per l’allenatore sorano, invece, adesso scatta il momento di mettersi alla prova con la prima squadra. Conte, infatti, vestirà i panni del terzo coach, in affiancamento a Colucci e Roscini. Così lo abbiamo sentito per fare con lui il punto della situazione.

Sei appena tornato in casa Argos, cosa ti ha spinto a farlo?

“Lo considero come un ritorno a casa, Maurizio Colucci mi ha voluto al suo fianco in questa sua prima stagione da capo allenatore come già era successo in molte altre occasioni ai tempi in cui ci occupavamo di settore giovanile, quindi non ho potuto che rispondere ‘presente’. Ringrazio il general manager Lami e la famiglia Giannetti per la fiducia nuovamente accordatami”.

Sei tornato, ma con un cambio di ruolo. Sei il terzo allenatore della prima squadra. Orgoglioso di questa ‘promozione’? Cosa significa per te?

“Pallavolisticamente sono nato e cresciuto nelle file dell’Argos Volley dove mi sono sempre occupato di settore giovanile. Essere chiamato ora a far parte dello staff tecnico della Superlega, di quella che rappresenta la più importante realtà sportiva della mia città, mi riempie di gioia e orgoglio, e spero di rivelarmi all’altezza del compito”

Sarà un compito difficile?

“Sarà un compito sicuramente diverso, nel settore giovanile l’obiettivo ultimo è la crescita umana e tecnica del giocatore, qui invece la cosa importante sarà il risultato della domenica. Dovrò abituarmi a questo cambio di mentalità”.

Ti coordinerai con Colucci e Roscini e il primo lo conosci molto bene. Come sarà trovare Maurizio nelle vesti di head coach?

“Per me questa non sarà una novità, sono stato al fianco di Maurizio nelle giovanili per molte stagioni, è la persona da cui negli anni ho appreso di più in termini sportivi e umani. Sono contento anche di lavorare con Roscini, posso imparare moltissimo anche da lui, vista la sua pluriennale esperienza in club di serie A”

Che stagione si profila?

“In questa stagione saremo chiamati a ripetere la grande prestazione della passata stagione, credo che il roster allestito, tra confermati e nuovi arrivi, sia all’altezza del compito”

Quanto sarà difficile questo campionato?

“Sarà molto difficile e molto equilibrato, tutte le squadre si sono rinforzate tantissimo, sia i club di prima fascia che gli altri, quindi per ripetere il piazzamento dello scorso anno sarà fondamentale affrontare ogni match con la giusta concentrazione cercando di raccogliere il massimo possibile da ogni partita senza alcun timore reverenziale nei confronti dei club più blasonati”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Ciao dolce Stella

, ,

La società Argos Volley e tutta la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si stringono attorno al dolore delle famiglie Tatangelo e Capobianco per la prematura e tragica scomparsa della dolce e amata Stella.

A soli 18 anni, nella notte Stella ha smesso di brillare su questa terra a seguito di un incidente stradale nel quale è stato coinvolto anche il nostro atleta e suo fidanzato, Mattia Farina, attualmente sotto osservazione medica presso il nosocomio di Sora.

Che la terra ti sia lieve dolce Stella, e che dia la forza a tutti i tuoi cari per affrontare il grande dolore e vuoto incolmabile che lascerai.