Articoli

Coach Colucci: “L’obiettivo che mi pongo, far raggiungere alla squadra un livello di gioco idoneo per la SuperLega”

, ,

Giorno importante quello di ieri in casa Argos Volley perché, se sul campo del PalaGlobo “Luca Polsinelli” è andato in scena l’ultimo atto della stagione sportiva 2018/2019 con la Finalissima del torneo “Oasi dei Sapori Volley Cup”, nella sala stampa si è aperto il sipario sulla nuova, quella 2019/2020. E per inaugurare la IV partecipazione al campionato di SuperLega Credem Banca, non ci poteva essere assolutamente occasione migliore se non la presentazione ufficiale del nuovo primo allenatore, coach Maurizio Colucci.

“Sono felicissimo di questo nuovo incarico, della promozione alla guida di questa nuova esperienza che il vertice societario ha voluto affidarmi – queste le prime parole della nuova guida tecnica -. Stima e fiducia da tantissimi anni è cosa reciproca come anche l’impegno. L’obiettivo che mi pongo è quello di far raggiungere alla squadra un livello di gioco idoneo per la SuperLega.
Spesso ho sognato questo ruolo, ma non l’ho mai cercato. Non l’ho mai fatto perché credo che uno staff di SuperLega debba avere due grandi allenatori, il primo e il secondo. E dato che è più facile trovare all’esterno un primo allenatore, ho sempre assolto nel migliore dei modi il mio ruolo di assistant. Lungi da me quindi, aver cercato, a tutti i costi questo ruolo.
Spesso sono stato spinto dallo staff tecnico a prendere questa decisione, ma non l’ho fatto e anche quando Gino Giannetti me lo ha proposto, ho tentennato parecchio. Ci siamo incontrati più volte, ho sempre capito dove voleva andare a parare ma ci ho sempre girato attorno fino a quando mi ha fatto la domanda secca, e alla fine ho detto si, forte del fatto di avere uno staff di alto livello al mio fianco, come è stato al fianco degli altri allenatori. Con loro ci conosciamo da anni, lavoriamo insieme, e c’è un rispetto e una fiducia che vanno oltre. Le discussioni, le telefonate in piena notte per risolvere problemi ci sono sempre state e continueranno a esserci, però la partenza è buona, anche rispetto alla composizione della squadra per la quale le idee sono un po’ più chiare. La tipologia della rosa è simile a quella dello scorso anno, ma il livello tecnico in qualche ruolo si è alzato, con giocatori giovani e promettenti.
Per quanto riguarda il secondo allenatore ci sono dei nomi che stiamo valutando”.

Patron Gino Giannetti ha spiegato la scelta della guida tecnica collocata all’interno del progetto societario:

“Siamo felicissimi di inaugurare questo nuovo percorso che è il naturale proseguimento di tutto ciò che abbiamo fatto in questi anni. Abbiamo seminato tanto e cercato di far crescere un gruppo di lavoro coeso. Abbiamo dunque uno staff di primissimo ordine.
Non abbiamo difficoltà nel dire che coach Colucci ci darà sicuramente bellissime soddisfazioni. E’ una scelta condivisa e fatta con naturalezza, insieme a tutto il vertice societario. Abbiamo aspettato che ci dicesse di sì perché è una persona molto umile.
La società è convinta che Colucci abbia le capacità per fare questo salto che non è un salto nel vuoto, ma è una certezza.
Usualmente il secondo allenatore, così come il primo, è sempre stato scelto dalla società, ma questa volta lo sceglierà Maurizio Colucci, per un motivo molto semplice: voglio che lavori con serenità e senza alcun retro pensiero”.

Il presidente Enrico Vicini e il vice presidente Ubaldo Carnevale pongono l’accento sul percorso ultra ventennale di Colucci all’interno della società volsca:

“Oggi si conclude la mia 25 stagione da presidente dell’Argos Volley – dice Enrico Vicini -, e mi è tornata alla mente la mia prima visita da presidente alle mie giovanili. Era un under 16. Entrai in palestra e trovai una ventina di ragazzini di 15 anni che si allenavano in perfetto silenzio e ne rimasi molto sorpreso. Naturalmente l’occhio andò all’allenatore che era Maurizio Colucci, e in mano aveva una mazza, l’asticella che si usava per la lavagna, e andava dietro dietro i ragazzi. Ho pensato “Questo è un buon inizio per diventare un buon allenatore”.
Piacevoli ricordi a parte, ci tengo a dire che lo staff tecnico, tanto quanto quello dirigenziale, è di primissimo livello e soprattutto tutto tesserato Sorano. Gli stessi ragazzi che stavano con noi 5, 8, 10, addirittura 15 anni fa, sono ancora con noi. Le loro competenze, la loro professionalità, le hanno acquisite in questa società, ed è davvero straordinario. In primis, ovviamente, Maurizio Colucci, che ne è da esempio per tutti”.

“Maurizio Colucci era un mio giocatore – ricorda un emozionato Ubaldo Carnevale -. Ho sempre sperato che per lui arrivasse questa enorme soddisfazione perché lo merita. Una grandissima dote che ho sempre apprezzato in lui è la straordinaria capacità di lettura della partita, oltre alla modestia e l’umiltà lo contraddistinguono”.

La conferenza è stata chiusa dal General Manager Adi Lami che si è soffermato su altri aspetti importanti dell’incarico al coach:

“Maurizio Colucci primo allenatore: una decisione unanime, condivisa da tutti, partendo dalla proprietà che ha avuto l’idea, passando per ogni componente del direttivo societario e dello staff tecnico dell’Argos Volley. Per quanto riguarda le sue capacità, a questa società ne ha dato dimostrazioni negli anni.
E’ una società che lavora passo dopo passo e contribuisce alla crescita di ognuno. Ogni persona dello staff ne è la dimostrazione, ognuno nel proprio ruolo. Tutte persone valide, ambiziose e che hanno lavorato sodo per arrivare oggi a essere uno staff di altissimo livello.
Mettiamo alla guida un coach come Maurizio che ha grandi capacità non solo umane ma anche di conoscenza di pallavolo e di tutte quelle componenti che, a questa società, fino ad oggi, sono servite e che serviranno. Iniziamo quindi con lui un ciclo, spero infinito, dove tutti daranno una mano, e dove lui saprà indicare a ognuno quale è la giusta strada da percorrere. Sono enormemente contento e gli auguro di raggiungere e superare gli obiettivi che la società si prefisserà. Sono sicuro che le soddisfazioni arriveranno da ambe le parti, società e tecnico”.

Carla De caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

“La passione non cambia mai”, parola di Globo & Banca Popolare del Frusinate

, ,

“La passione non cambia mai”: lo slogan la dice lunga sulle intenzioni della nuova Globo Banca Popolare del Frusinate. Si cambia struttura, dal PalaGlobo “Luca Polsinelli” di Sora al PalaCoccia di Veroli, si torna alla vecchia denominazione, quella di ricordi migliori e della meravigliosa stagione che portò alla storica promozione. Si cambiano uomini in campo, metodologie di abbonamento, costi e tanto altro. Ma la passione per questo sport e questa città no, quella mai. E dalla stessa passione, dallo stesso amore di sempre, anzi forse diventato ancor più maturo e adulto, viene fuori la nuova campagna abbonamenti, presentata quest’oggi presso i locali della Banca Popolare del Frusinate nella filiale del capoluogo.
Presenti, al tavolo dei relatori, il presidente della Banca, il dott. Polselli, l’amministratore delegato Scaccia, il patron dell’Argos Volley Ivan Giannetti, il presidente Enrico Vicini, il general manager Lami, il coach Mario Barbiero e un rappresentante della prima squadra, il giovanissimo sorano Mattia Farina.

Apre la tavola rotonda il dott. Polselli, che dopo gli onori di casa dice:

“E’ davvero un piacere per noi fare questa conferenza stampa qui, in banca, soprattutto perché siamo tornati title sponsor. Questa storica collaborazione è iniziata nel 2009 e siamo nella denominazione del club fino al raggiungimento della massima serie nel 2016, festeggiata con quella meravigliosa manifestazione in Piazza Santa Restituta. Questa collaborazione è per noi importante perchè si tratta di stare vicini ad una squadra e ad una società corrette e trasparenti. E’ il terzo anno in Superlega e bisogna ovviamente giocare per vincere; l’impegno è molto forte da parte di tutti perchè ci saranno le retrocessioni. Io sono convinto, però, che tutti daranno il massimo per mantenere l’Argos in SuperLega e dare lustro alla nostra provincia. Il grande insegnamento che vogliamo dare è attivarsi e muoversi per il territorio, e posso dire che ci stiamo riuscendo”.

Per la società volsca si esprime patron Ivan Giannetti:

“Siamo contentissimi del fatto che la Banca sia sempre stata al nostro fianco. E’ come un matrimonio e, insieme, abbiamo percorso un decennio che ci ha portato nell’Olimpo della Pallavolo. Questo binomio Argos-Banca è stato qualcosa di eccezionale e quest’anno è un po’ come tornare alle origini, quando abbiamo vissuto grandi emozioni. Questa nuova stagione sarà dura ma anche bellissima e intensa e con il nostro speciale partner a fianco siamo sicuri di percorrerlo nel migliore dei modi e fare qualcosa che per il comprensorio, così come ci siamo adoperati in passato. Abbiamo sempre cercato di essere una società seria ed anche la banca ha dimostrato di esserlo altrettanto, ponendosi sempre in maniera costruttiva. Noi abbiamo posto in essere con loro con attività che possano meglio valorizzare la banca stessa. Abbiamo fatto progetti in ambito sociale e scolastico, svolgendo così una buona promozione del nostro brand e quello della banca. Quest’anno abbiamo una nuova casa, e dobbiamo doppiamente ringraziare chi ci ospita. Il PalaCoccia sarà bellissimo, con una capienza di 4000 persone. Non vediamo l’ora di vederci dentro campioni come Zaytsev, Juantorena, Leon e tanti altri!”.

A illustrare le promozioni per la stagione alle porte, proprio il presidente bianconero:

“Il PalaCoccia di Veroli è un impianto bellissimo di circa 4000 posti a sedere – spiega Enrico Vicini. Siamo molto onorati di essere ospitati in questa struttura. La novità di quest’anno, rispetto alle passate stagioni è quella di aver inserito l’abbonamento ridotto in tutti i settori. Il motivo non è tanto quello di favorire le singole situazioni, ma quello di agevolare le famiglie. Ci siamo accorti che il 70% degli abbonati è composti da nuclei di 3 o 4 persone ed è importante riservargli delle specifiche attenzioni. Il ridotto è applicabile agli under 16, agli over 70, alle donne, a tutti i tesserati FIPAV e a tutti coloro che avevano sottoscritto l’abbonamento lo scorso anno. Da oggi stesso sarà possibile acquistare i titoli presso il PalaGlobo di Sora e successivamente vedremo il modo di avvicinarci anche alla struttura di Veroli”.

E’ poi il general manager Lami ad esprimere gratitudine alla Banca e a parlare degli impegni che aspettano i bianconeri:

“Innanzitutto è doveroso fare dei ringraziamenti per tutto quello che c’è stato nella collaborazione con la banca. Questo è un connubio che si è dimostrato negli anni vincente, non solo per i risultati sul campo, ma anche al di fuori; basta vedere la sensibilità riservata ogni anno ai piccoli degenti dell’ospedale di Sora. Sono convinto che faremo grandi cose soprattutto quest’anno dove le difficoltà guardano tutte al campo. Penso che non ci sia mai stato un campionato di così alto livello. Noi sicuramente ce la matteremo tutta. Dobbiamo cercare di rimanere in una realtà così importante e ci prepariamo al meglio per affrontare la stagione e mantenere la categoria nel nostro territorio”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Condoglianze al Presidente Enrico Vicini

, ,

La società Argos Volley si stringe al dolore del presidente Enrico Vicini, di Francesco Vicini e dei loro fratelli Vittorio e Gabriella, per la perdita dell’amata madre, signora Addolorata Pignataro.

Con profondo cordoglio porge le più sentite condoglianze a tutta la loro famiglia.

All’Argos Volley il Certificato di Qualità Attività Giovanile FIPAV 2018-2019

, ,

Si è svolta nella mattina di domenica 4 febbraio, presso la Sala Auditorium del Palazzo delle Federazioni di Viale Tiziano a Roma, la tradizionale consegna del Certificato di Qualità Attività Giovanile FIPAV 2018-2019 rivolta alle società del Lazio e per mano del presidente della FIPAV regionale, Andrea Burlandi, e a ritirarlo, assieme ad altre società, c’era anche l’Argos Volley.

La certificazione, istituita dalla Federazione Italiana Pallavolo per la prima volta nel 2005, ha lo scopo di premiare tutte le società che si sono distinte per la qualità dell’insegnamento della pratica pallavolistica nel proprio vivaio. Tra le ben 50 società della regione, solo 3 a rappresentare Frosinone, tra cui l’Argos Volley.

La certificazione è il giusto riconoscimento al lavoro che il club volsco compie quotidianamente sui propri atleti e nel sociale. Il merito più grande è da attribuirsi a tutti i ragazzi e le ragazze del minivolley e del settore giovanile e ai loro ottimi risultati, tanto all’interno dei campionati di riferimento, quanto con i Centri di Qualificazione Territoriale e Regionale. Tutto questo però, non sarebbe possibile se non grazie alla dedizione dello staff tecnico, nelle persone di Martina Cancelli, Vittorio Giacchetti, Chiara Ottaviani e Salvatore Pica, allenatori che impiegano tempo ed energie a favore dei propri ragazzi, sia nel lavoro in palestra che oltre, aggiornandosi e studiando per dare sempre il meglio. A coadiuvare il tutto, poi, i dirigenti Alessandro Tiberia e Mario Pica che, con cuore e passione, gestiscono le numerose dinamiche presenti nel settore affinché si lavori in condizioni ottimali.

A contribuire a questo vero e proprio successo del club volsco, ovviamente anche lo staff dirigenziale, sempre pronto a perorare la causa e a mettere in campo tutte le forze necessarie. Tra i parametri di attribuzione della certificazione,ì infatti, anche le iniziative e i progetti per il sociale, cui l’Argos Volley ha sempre dedicato un occhio di riguardo, tutte le manifestazioni organizzate a fini promozionali, la copertura mediatica tramite sito web (www.argosvolley.it) e giornali, e la sinergia con gli istituti scolastici del comprensorio, tra cui primeggia l’oramai blasonato torneo “Oasi dei Sapori Volley Cup”.

Il Marchio di Qualità FIPAV, quindi, è una vittoria per il settore giovanile, così come per tutta la società bianconera, da sempre fiera del proprio vivaio.

A esprimere la propria felicità riguardo l’attestazione, il presidente dell’Argos Volley Enrico Vicini:

“Sono molto orgoglioso del Marchio di Qualità 2018-2019, riconoscimento attribuito dalla FIPAV al nostro settore giovanile. Penso sia la giusta ricompensa per i nostri tecnici, che impiegano tutte le proprie forze per la causa, per tutti gli atleti che giornalmente sudano in palestra e per i dirigenti che si impegnano instancabilmente affinché tutte le attività vadano a buon fine e ogni sportivo lavori nelle migliori condizioni possibili. L’Argos Volley, da sempre, rivolge particolare attenzione al reparto giovanile, per cui impegna una grande fetta delle proprie potenzialità, in quanto volano assoluto di tutto il movimento. Questo riconoscimento mi rende molto fiero, così come tutto il settore, fiore all’occhiello del club”.

Alle sue parole fanno eco anche quelle del dirigente Alessandro Tiberia:

“L’attribuzione del marchio di qualità FIPAV per il settore giovanile è sicuramente un prestigioso riconoscimento, che raccogliamo con estrema soddisfazione sia per le attività del settore giovanile, che per le svariate iniziative di carattere sociale proposte dalla Argos Volley, che da sempre vedono coinvolti a pieno tutti i settori della Società fino ad arrivare alla prima squadra. Ricevere questo riconoscimento è indice di un movimento vivo e sano a livello territoriale, fa immensamente piacere dunque apportare il nostro contributo come è giusto che sia. E’ inevitabile per me associare l’ottenimento del Marchio di Qualità alla figura dei tecnici che quotidianamente curano il settore giovanile, mi riferisco ovviamente a Coach Vittorio Giacchetti, Coach Chiara Ottaviani, Coach Salvatore Pica e Coach Martina Cancelli, è a loro e a tutte le ragazze ed i ragazzi del settore giovanile che va il mio maggior plauso. Una menzione particolare va fatta a tutti i piccoli atleti del minivolley, che costituiscono la base fondamentale per creare continuità e progettazione, in fin dei conti passa tutto dalla loro capacità di appassionarsi, resta a noi il compito di accendere la scintilla e tenerla viva.”.

Dalla Conferenza Stampa una soluzione per la “Questione Palazzetto”

, ,

E’ terminata nel miglior modo possibile la conferenza stampa tenuta ieri dall’Argos Volley tra le mura del tanto “chiacchierato” PalaGlobo “Luca Polsinelli”. Facendo una prima scrematura di tutte le nozioni emerse, si apprende felicemente che la Biosì Indexa Sora continuerà a disputare il campionato di SuperLega sul parquet casalingo, quello che ne ha raccontato la storia più recente e più soddisfacente. Per cui, per la stagione 2017/2018, “Sora resta a Sora”, non cambia ubicazione e il roster che si sta formando in questi giorni potrà ancora battagliare in bianconero a casa propria.

Un’apertura della Lega nei confronti della società di patron Gino Giannetti, ha condotto ad una soluzione che permetterà alla città volsca di non perdere il lustro della massima serie e la visibilità, l’indotto, che tale condizione porta con sé. Per i dettagli ci pensa lo stesso Gino Giannetti che, dopo un piccolo riepilogo sulle vicende legate all’ampliamento del locale palasport, spiega:

“Abbiamo avuto un incontro in Lega dove ci siamo presentati mostrando l’attuale palazzetto e le soluzioni, che portano però una dilazione dei lavori da fare durante la primavera e l’estate di ogni anno. Si parla di un’ipotesi di ampliamento ipotizzata all’interno di quattro stagioni. La spesa preventivata è di 1.750.000 euro. Attraverso un bando per le strutture sportive che necessitano di adeguamenti, potremmo usufruire 1.000.000 di euro a fondo perduto, una somma tale che impreziosirebbe e di non poco il valore di un impianto e della sua città. A questa opportunità si è aggiunta la possibilità di un ulteriore aiuto dalla Regione Lazio, relativo alla messa in sicurezza del palazzetto, e che corrisponde ad un finanziamento a fondo perduto di 250.000 euro. La restante cifra che servirà a completare le opere di ristrutturazione dovrà essere fornita dal comune di Sora. Il nostro sindaco si è allora preoccupato del fatto che per l’anno zero non avrebbe fatto in tempo a gestire la possibilità di spendere dei soldi prima di dicembre per quegli importi. Ho quindi proposto di provvedere solo alla messa in sicurezza del nostro palazzetto, atto praticamente dovuto, propedeutico al deflusso di 3000 persone. La Lega ha accettato e quindi ad oggi abbiamo fatto domanda di iscrizione con un progetto che prevede la possibilità che da adesso al 31 di dicembre venga realizzata solo questa fase, per una spesa di 180.00/200.000 euro. La Lega ha voluto la certezza che se tutto questo non dovesse succedere al 31 dicembre di ogni anno, dovremmo lasciare Sora. Il percorso che noi stiamo facendo è sostenibile e dilazionato in un periodo di tempo consono per portare a casa il risultato. Ho voluto condividere queste informazioni per rendere noti e trasparenti gli impegni presi, perché ritengo che sia corretto che si sappia tanto quali sono le cifre, quanto da dove vengono. Tra qualche anno potremmo essere orgogliosi di aver partecipato alla possibilità di arricchire il nostro territorio di un impianto che, volente o nolente, esiste soprattutto grazie alla pallavolo, ma sempre a disposizione anche di altre organizzazioni. Vorrei che fosse chiaro, poi, che gli impegni presi dall’amministrazione non sono più prorogabili, bensì tollerabili”.

A dare ulteriori chiarimenti circa gli step concordati per i lavori al PalaGlobo, interviene efficacemente il legale Avv. Mario Cioffi, che dice:

“Ho partecipato a questi incontri con la Lega e con il ministero e ritengo che le cose debbano essere chiare sin dall’inizio. Da una situazione di tensione con la Lega si è passati ad una sinergia scaturita dal dialogo, lo stesso che poi è stato esteso anche all’amministrazione cittadina. Questo non significa che i soldi sono lì che ci aspettano, bensì che bisogna organizzare una progettazione seria sulla quale collaborare con il comune, e la società si è fatta carico di occuparsene a proprie spese. Parliamo ovviamente di un finanziamento che potrà coprire, nella migliore delle ipotesi, due delle fasi dei lavori. E’ stata un’invenzione di Gino proporre le cose da un punto di vista diverso, e partire dalla messa in sicurezza, un discorso efficace che ci ha permesso di ribaltare la situazione. Ci siamo quindi incontrati con l’amministrazione, rendendola consapevole che l’ammissione è solo un primo passaggio e che l’impegno più importante inizia il giorno dopo perché bisogna subito pensare a come reperire quei 250.000 euro, che non è detto debbano venire solo dalle casse del comune, ma potrebbero pervenire anche dalla regione. E’ giunto il momento di crescere tutti insieme; sono sicuro che i risultati arriveranno”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Se Tu ci Sei, Noi ci Siamo!

, ,

Questa mattina si è dato ufficialmente lo start alla nuova campagna abbonamenti della Biosì indexa Sora per il campionato di SuperLega UnipolSai targato 2017/2018.

Con una conferenza stampa presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli”, la società volsca ha salutato media e tifosi e ha presentato le ultime novità in fatto di fidelizzazione. “Se tu ci sei, noi ci siamo!”, questo lo slogan che esprime il concetto base della filosofia bianconera: l’appassionato, il pubblico, sono da sempre al centro del pensiero societario e il club si è riservato la decisione di offrire diverse opzioni per i titoli stagionali, studiate per soddisfare ogni tipologia di esigenza.

Al tavolo dei relatori patron Gino Giannetti, il presidente dell’Argos Volley Enrico Vicini, il vice-presidente Ubaldo Carnevale e la responsabile marketing Marta Bazzanti. A fare gli onori di casa lo stesso Giannetti che introduce, dunque, il tema odierno:

“Vorrei iniziare parlando di quella che è stata l’affluenza nel nostro palazzetto la scorsa stagione. Siamo stati gratificati con il più alto indice di capienza; abbiamo infatti superato il 95% del coefficiente di riempimento e ce n’è stato dato atto anche a livello nazionale. Questo non può che inorgoglirci in modo importante e spingerci così ad andare incontro ai tifosi e a tutte quelle persone che, con quotidianità, ci hanno seguito. E’ anche per questo che abbiamo creato una serie di tipologie diverse di abbonamento, in quanto riteniamo che in tale modo possiamo da una parte aver messo in chiaro alcune difficoltà emerse durante lo stesso anno, mentre dall’altra parte cerchiamo di andare verso quelle che sono i bisogni dei diversi settori”.

 

Nello specifico si addentra Vicini che offre una panoramica della prossima disposizione del palasport di via Ruscitto:

“La caratteristica principale di questa campagna abbonamenti è che abbiamo voluto ampliare il numero di settori all’interno del palazzetto, a differenza della scorsa stagione nella quale c’era il biglietto unico. La prima distinzione che abbiamo voluto fare è proprio nel settore “vip”, leggermente ampliato. Abbiamo deciso di mettere nello stesso settore due tipologie di abbonamento: al costo di 400,00 euro sarà compreso l’accesso al parcheggio e un minimo di due inviti nella Sala Hospitality dove sarà possibile cenare con noi e con gli atleti della Biosì Indexa; resta poi invariato il pass da 700,00 euro che comprende egualmente il parcheggio ma la cena in Hospitality ad ogni evento casalingo. Abbiamo poi ridisegnato i posti a sedere e creato il settore “distinti”: la seduta è stata rimodulata ed il costo della card sarà di €250,00. Questi, ovviamente, saranno gli unici due settori dove non ci sarà il ridotto per gli Under16. Nella tribuna ovest tutto è rimasto invariato al costo di 180,00 euro, mentre per la est siamo a 150,00. Le due curve, da posti non numerati, avranno invece un valore di 130,00 euro. In tutti questi casi è possibile, acquistando un titolo intero, abbinare un ridotto Under 16 a 70,00 euro. Per tutti i vecchi abbonati, per una settimana, e quindi a partire da lunedì 26 giugno, momento in cui avrà inizio la vendita presso il botteghino del PalaGlobo, e fino a lunedì 3 luglio, vale il diritto di prelazione sul posto occupato lo scorso anno. Contemporaneamente, sarà ovviamente possibile accaparrarsi i seggiolini liberi. La biglietteria sarà aperta il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 17.00 alle 20.00. Saremo inoltre presenti venerdì e sabato, dalle 16.00 alle 20.00 e poi domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, presso la manifestazione Informa In Fiera che si terrà nel polo fieristico di Sora in via Barca San Domenico, dove sarà possibile acquistare gli abbonamenti nelle stesse formule appena indicate. La vendita online, invece, inizierà i primi giorni di luglio”.

L’importanza dell’abbonamento è quindi esplicata da Carnevale, che dice:

“Abbiamo deciso di dare diverse chance con prezzi per tutte le tasche, per permettere davvero a tutti di non perdersi il grande spettacolo della SuperLega. Vorrei sottolineare che acquistare un titolo stagionale vuol dire essere presenti sempre e ad un costo medio decisamente vantaggioso rispetto a quello che potrebbe essere il singolo biglietto. Pensiamo poi anche alle partite di cartello, dove la disponibilità termina in pochissimi giorni e si potrebbe perdere l’opportunità di ammirare grandi campioni dal vivo e match sfavillanti. Da due anni a questa parte, poi, la tifoseria si sta sempre più appassionando alla squadra e penso che, per loro, avere l’abbonamento in tasca sia un po’ come essere parte integrante della società”.

Sulla stessa scia del vice-presidente Argos anche la Bazzanti:

“Abbonarsi vuol dire essere vicini alla società. Con la progettazione di varie forme di sottoscrizione abbiamo cercato di colmare le differenti esigenze che lo stesso pubblico ci ha palesato nei mesi passati, con un prezzo ridotto in curva e con i distinti che sono una via di mezzo tra la tribuna ovest e l’abbonamento Vip, cercando di accontentare tutta la platea. Ci rendiamo sempre disponibili ad ascoltare ogni consiglio per migliorare questa campagna, ma credo fortemente che abbiamo fatto un grosso passo in avanti e questa non può che essere una cosa positiva”.

Ricordiamo che ogni abbonamento da diritto a scegliere la propria seduta numerata – tranne nel caso della curva – e che questa sarà legata all’acquirente per tutta la Regular Season, periodo in cui il ticket avrà validità, ossia per un totale di 13 eventi casalinghi.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

I grandi numeri del PalaGlobo “Luca Polsinelli”

, ,

La voce dei numeri, a volte, è più potente di qualsiasi messaggio, come ben sa la Biosì Indexa Sora, al termine del suo primo anno di SuperLega. La franchigia lirense di patron Giannetti si è saputa distinguere in questa sua “prima volta” e non lo ha fatto solo sul campo, grazie ai propri talenti, ma lo ha fatto anche all’interno del suo palazzetto. Tifosi, supporters avversari, semplici curiosi, hanno riempito gli spalti del PalaGlobo “Luca Polsinelli” in una maniera che nessuno, nemmeno in società, poteva prevedere, sottolineando il concetto che Sora è una piazza sportiva d’eccellenza e un punto di riferimento per ogni appassionato di volley del territorio.

Secondo i dati ufficiali diramati dalla Lega Pallavolo Serie A, 1915 è la cifra media degli spettatori presenti durante la stagione 2016/2017 alle gare interne della compagine volsca: tradotto, vuol dire praticamente il “sold out” per ogni partita. Il palasport di via Ruscitto, la piccola bomboniera sorana, ha difatti una capienza di 2000 posti e averne mediamente 1915 occupati significa occupare tribune e curve con un coefficiente di riempimento del 96%. Con tali dati significativi, alla mano, non può che esprimere soddisfazione il presidente dell’Argos Volley Enrico Vicini:

“La presenza del pubblico, quest’anno, è andata oltre ogni più rosea aspettativa, sorprendendoci positivamente. Abbiamo avuto il palasport praticamente sempre pieno e questo è frutto di una fidelizzazione che abbiamo curato negli anni e del nostro essere oramai fortemente radicati nel comprensorio, cosa avvenuta grazie alle tante attività educative e sociali che portiamo avanti con entusiasmo. 1915 spettatori per incontro vuol dire avere un pubblico numeroso, che segue con piacere le sfide della Biosì Indexa e che ha superato abbondantemente persino la percentuale indicata dalla Lega dell’80 %. Abbiamo presentato il coefficiente di riempimento più alto di tutta la SuperLega e ciò vuol dire essere riusciti nell’impresa di tenere vivo l’affetto dei nostri tifosi ma anche aver portato qui tanti appassionati della zona. Un altro numero a cui vorrei dare risalto è quello degli abbonati: ben 700 i ticket stagionali staccati durante il campionato, cifra che mai avevamo raggiunto prima. Tutto questo non può che farci ben sperare per il prossimo anno e per la nuova campagna abbonamenti alle porte; già in tantissimi quelli che ci hanno chiesto per i prossimi titoli d’ingresso e dunque abbiamo la possibilità concreta di migliorare ancora questi dati già così favorevoli. Ogni paragone con gli anni precedenti è superfluo; sebbene abbiamo sempre avuto una bella fetta di pubblico, con la promozione in A1 in moltissimi si sono avvicinati alla nostra realtà, complice anche una visibilità di massima categoria non solo per la società ma anche per la stessa città e per le località limitrofe”.

Difatti, come ha sottolineato Vicini, a breve l’Argos Volley svelerà i dettagli della prossima campagna abbonamenti che per la nuova stagione presenterà molte novità, diversificando le proprie tipologie di accasamento al PalaGlobo, sempre più centro nevralgico della quotidianità sportiva bianconera.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Dalla conferenza stampa di presentazione: “Coach Barbiero, la persona giusta nel posto giusto”.

, ,

L’Argos Volley apre ufficialmente il sipario della stagione 2017/2018 e dietro la tenda rossa lui, coach Mario Barbiero.
Si è tenuta presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli” la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore che, dopo un decennio al servizio della FIPAV alla guida del Club Italia, questioni di scelte l’hanno portato al grande salto nella sua prima esperienza da capo allenatore in un club di Lega ma soprattutto di SuperLega.
La vicenda è andata così: il General Manager Adi Lami in viaggio di ritorno da Civitanova dopo la finale scudetto assieme a Gino Giannetti, vede un post su Facebook nel quale Barbiero saluta e ringrazia tutti i suoi ragazzi e lo staff per gli splendidi anni trascorsi insieme. Uno sguardo d’intesa con Gino e scatta la telefonata che ha colto un po’ alla sprovvista il coach, che tutto si aspettava tranne un susseguirsi di eventi così veloce.

“Dopo i dubbi avuti in seguito alla telefonata – racconta coach Barbiero -, sono bastati i primi sguardi e i primi confronti per capire che avevo trovato casa mia. Di fronte avevo persone con competenze di altissimo livello, con molte delle loro idee e dei loro programmi che coincidevano con i miei e con il mio modo di essere e di vivere questo sport. Programmare, lavorare, pensare al presente ma soprattutto al futuro per cercare di costruire qualcosa: questa la colonna vertebrale di tutta la mia attività nella pallavolo e anche quello che vogliamo da questa collaborazione.
Subito sono venuto al palazzetto e ho trovato un ambiente di quelli che piace a me, pieno di gente che ha voglia di fare, di lavorare, poche chiacchiere e tanti fatti.
Il programma societario credo sia veramente motivante e ambizioso e, assieme alle volontà della società nel completare il gruppo-squadra, creano una situazione davvero parecchio stimolante. Il mio lavoro riguarderà il miglioramento di tutta la rosa, mi piacerebbe che alla fine dell’anno il gruppo sia composto da giocatori migliori. Vorrei dedicare anche il giusto tempo a tutto il movimento, a tutte le attività che l’Argos Volley già fa sul territorio e anche a una ulteriore promozione della pallavolo nelle scuole.
E dunque questo ambiente così familiare ma altamente professionale credo sia il mix giusto per fare bene.
Con un’altra stagione sulle spalle e una buona impostazione si potrà fare tanto di positivo, ma è chiaro che questo dovrà coincidere con il livello della SuperLega. Dobbiamo prepararci e scendere in campo per competere contro chiunque al di là del nome dell’avversario perché in quel momento sono i giocatori, la squadra e lo staff a fare la differenza, e quindi non dovremo accontentarci ma pensare in grande e avere motivazioni per migliorarci”.

“Abbiamo cercato sin da subito una figura di alto spessore sportivo – spiega il Patron Gino Giannetti dopo aver fatto gli onori di casa -, una figura che potesse perfettamente calarsi in quelle che sono le nostre caratteristiche e in quella che è la strada che vogliamo percorrere con il nostro territorio. L’Argos Volley ha dato sempre alto risalto al territorio al quale appartiene cercando di inserire nuovi giovani e avere un percorso virtuoso a livello sportivo e sociale. E dunque abbiamo da subito ci siamo indirizzati su un coach che avrebbe potuto interpretare al meglio questo nostro desiderio. Cercheremo in tutti i modi di ben figurare sotto l’aspetto sportivo cercando di creare nuovi campioni, siano essi italiani o meno, cercando di essere ancora di più all’altezza del campionato.
Siamo veramente molto felici di poter avere coach Mario Barbiero tra di noi perché riteniamo che sia la persona giusta nel posto giusto”.

“La sintonia che c’è tra noi e Mario è un bel punto di partenza – aggiunge Ivan Giannetti -, il coach è carisma, personalità e tanta voglia di fare” – gli fa eco il vice presidente Ubaldo Carnevale.

Il General Manager Adi Lami invece pone l’accento anche su aspetti più tecnici:

“Siamo entusiasti di avere la professionalità e l’esperienza di Mario Barbiero a disposizione della nostra prima squadra me comunque della società in generale. La speranza è che quelli che sono stati gli obiettivi e progetti condivisi in quella prima riunione e che man mano si stanno concretizzando, possano essere un punto di partenza per una collaborazione lunga e duratura. Mario ha un bagaglio tecnico e di esperienza in Italia tali da poter essere invidiati a pochi. Abbiamo anche la fortuna che si troverà a collaborare con uno staff, quello Argos Volley, che in questi anni ha raggiunto una consapevolezza importante. Tutto questo non può che essere un’ottima base per un progetto proficuo per tutto il territorio”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stama BioSì Indexa Sora

Argos Volley e minivolley

, ,

Non solo l’eccellenza per l’Argos Volley ma anche tanta dedizione nei confronti dei più piccoli, quelli che per la prima volta decidono di affacciarsi al mondo della pallavolo.

Anche quest’anno infatti, continua il progetto di minivolley nella società del presidente Enrico Vicini, tanto al PalaGlobo Luca Polsinelli quanto nella sede distaccata dell’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella.

Per quanto riguarda la sede di via Ruscitto, gli allenamenti sono tenuti da coach Vittorio Giacchetti, allenatore esperto e qualificato, da molti anni oramai tra le fila della società volsca che, con impegno e dedizione, cerca di avviare i propri ragazzi allo sport e soprattutto alle regole del gioco e della vita al fine di una sana convivenza dentro e fuori dal rettangolo da gioco, non facendo però mai mancare l’aspetto ludico.

Nella sede distaccata di Broccostella invece, la società dell’Argos Volley in collaborazione con la società GiocaVolley, dà la possibilità ai ragazzi frequentanti l’Istituto Comprensivo di prendere parte ai corsi di minivolley in orario extrascolastico, al fine di avviarli alla pratica in un ambiente a loro già familiare. A fare da timoniere c’è l’insostituibile coach Maurizio Colucci, guida tecnica di caratura nazionale, secondo allenatore della Biosì Indexa Sora in Superlega e soprattutto pilastro della pallavolo bianconera targata Argos Volley, da sempre impegnato tanto con l’eccellenza volsca quanto con i più piccoli, come dimostrato anche dal progetto “Oasi dei Sapori Volley Cup”.

Vista la grande dedizione della società per i più piccoli, a spendere la propria voce a riguardo è il presidente Enrico Vicini:

“Il minivolley è sempre un gruppo cui la società dedica particolare attenzione, essendo questo di avvicinamento all’attività pallavolistica, rivolto ai più piccoli. Quest’anno mostra già numeri cospicui, tanto al palazzetto quanto nella sede distaccata dell’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella, che vede impegnato in prima persona Maurizio Colucci, secondo allenatore della Biosì Indexa Sora in SuperLega, a dimostrazione del fatto che la società tiene molto ai più piccoli. A tenere gli allenamenti presso il palazzetto, invece, c’è coach Giacchetti, esperienza già consolidata con la società Argos Volley, allenatore capace e ben accetto dai bambini che riesce a miscelare al meglio l’attività di gioco con l’attività di apprendimento sportivo delle tecniche base pallavolistiche per un risultato ottimale”.

I corsi di minivolley si svolgono nelle giornate di mercoledì e venerdì dalle ore 16:45 alle 17:45 presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli”, e il martedì e il giovedì dalle ore 15:30 alle ore 16:30 presso l’Istituto Comprensivo Evan Gorga di Broccostella.
Per ulteriori informazioni basta recarsi presso la segreteria del PalaGlobo tutti i pomeriggi dalle 15:00 alle 18:00.

PalaGlobo a tutta Giovanili

, ,

Bilancio più che positivo a una settimana dall’inizio delle attività del settore giovanile dell’Argos Volley che, nel pomeriggio dello scorso lunedì 29 agosto, aveva chiamato a rapporto tutti i propri atleti.

L’obiettivo che la società del presidente Enrico Vicini si era riproposta per la prima settimana era quello di fare un computo delle presenze e decidere su quali strade proseguire per il resto della stagione, non immaginando però, quella che sarebbe stata la risposta da parte degli atleti.

A differenza degli anni precedenti la sirena bianconera ha squillato in netto anticipo, ma i giovani atleti volsci non hanno mancato presenza, accorrendo numerosi e riempiendo il PalaGlobo “Luca Polsinelli” sin dalla prima seduta di allenamento.
Un numero copioso di ragazzi ha presto calcato il parquet di via Ruscitto, mettendo in moto la preparazione affinché i prossimi mesi possano essere il più entusiasmanti possibili per tutti gli appassionati.

Molti nuovi volti al PalaGlobo, ma anche tanti veterani base solida da cui ripartire per bissare i buoni risultati della scorsa stagione, tanto a livello sportivo quanto a livello educativo.
L’Argos Volley infatti, non si ripropone solamente di tirar fuori dai ragazzi il meglio dal punto di vista tecnico, ma anche in campo umano, attraverso uno sport come la pallavolo che ha come chiave proprio il gruppo, non il singolo.

Lo staff tecnico e dirigenziale dunque, non può che ritenersi soddisfatto per quanto emerso dopo questa prima settimana ed è il Presidente Vicini a spendere la sua voce a riguardo:

“In una stagione che ci vede coinvolti con la prima squadra in SuperLega, un’avventura per noi nuova ma che sta creando molta passione attorno al movimento pallavolistico locale e non, penso sia molto importante constatare che ai nastri di partenza, quest’anno fissati anche in anticipo rispetto alle scorse stagioni, abbiamo ritrovato un entusiasmo quasi immediato anche in quelli che sono gli atleti del settore giovanile.
Sin dal primo giorno di allenamento, infatti, nel corso del quale pensavamo di contarci un attimino e vedere quali potevano essere gli indirizzi da seguire per i prossimi mesi, abbiamo visto una palestra gremita proprio come l’avevamo lasciata l’ultimo allenamento dello scorso anno, ritrovando così tutti i giovani atleti che hanno fatto il loro percorso sportivo con noi precedentemente, ma anche tanti nuovi volti coinvolti anche grazie al progetto “Oasi dei Sapori Volley Cup” seguito dal secondo allenatore Maurizio Colucci.
Il presupposto primo per lavorare in palestra sarà ritrovare i ragazzi che hanno saputo far bene negli anni passati, avendo così una base dalla quale partire per poi ambire a fare meglio sotto tutti i punti di vista.
Il nostro infatti, non vuole essere un lavoro prettamente tecnico ma anche e soprattutto educativo per instillare nei giovanissimi la giusta concezione dello sport in generale e delle regole della pallavolo, in cui ciò che conta di più è la coesione.
Dal canto nostro cercheremo ovviamente di creare un ambiente favorevole al loro sviluppo tramite anche uno staff di qualità, tanto a livello tecnico-tattico quanto umano, e sono sicuro che la risposta da parte degli atleti sarà sempre più positiva”.