Articoli

Mauti: “Onorato di vestire ancora questa maglia”

, ,

Pierpaolo Mauti vestirà ancora la maglia della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Il giovane libero, tirato su in casa Argos Volley con annessi cambio di ruolo e piccole esperienze fuori, resterà sulle rive del Liri a difendere la seconda linea dalle offensive nemiche.
Dopo il trasferimento di Lucarelli all’Alessano, Mauti resta l’unico atleta del territorio a giocare la SuperLega in bianconero. E Pier conosce il valore di quella cromia, il peso che porta con sé. Conosce le aspettative della piazza, il pensiero della società a cui è riconoscente per quest’altro anno insieme, ad altissimo livello:

“Sono onorato di vestire di nuovo questa maglia – asserisce il giovane giocatore – che mi ha visto crescere, aiutandomi nello sviluppo sia personale che sportivo. Significa che il club crede in me e che io ho dato qualcosa per cui abbia potuto farlo. Ciò mi rende orgoglioso. Mi fa piacere trovare i vecchi compagni come Federico Marrazzo e Kupono Fey, e confrontarmi con i grandi campioni della categoria. Anche quest’anno dovrò combattere per un posto nel sestetto titolare perché ho, davanti a me, un grande libero ed un bravissimo ragazzo, Bonami, che ho avuto il piacere di incontrare già precedentemente a Sora. Ce la metterò tutta, consapevole del fatto che sarà un campionato difficile, complice anche l’inserimento delle retrocessioni, ma dovremo dare il 110% per far restare la città dove merita. Metterò tutto me stesso durante gli allenamenti settimanali per e mi farò trovare pronto ogni qualvolta il mister lo riterrà opportuno. Se non dovessi riuscire a conquistarmi il ruolo allo starting players, mi impegnerò comunque a fondo in tutte le sedute di training per crescere squadra e essere utile anche dalla panchina. In questi anni ho imparato che nulla mi è dovuto e che devo lottare per stare in campo. La SuperLega è il campionato più difficile al mondo e sono fortunato a poterlo disputare. Questi 3 anni mi hanno insegnato a combattere le avversità nonostante i problemi fisici ma grazie alla società, ai coach Mario e a Maurizio, sono riuscito a rimettermi in carreggiata per migliorare me stesso”.

Anche per questa stagione, Mauti è un giovane tra i giovani e lui stesso commenta così il nuovo Sora:

“Anche quest’anno siamo una squadra giovane ma sono sicuro che il mercato sia stato fatto con criterio, cercando gli aggiustamenti corretti per incrementare ancora il valore del gruppo con i giusti innesti in ogni reparto. Siamo un gruppo giovane e futuribile, quello giusto per seguire il progetto Argos nato anni fa e per far crescere quelli che un tempo erano i giovani, rendendoli parte integrante del roster”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Seconda stagione a Sora anche per Fey

, ,

Sora ancora a stelle e strisce con l’Hawaiano Kupono Fey a vestire per il secondo anno consecutivo la maglia della BioSì Indexa. Arriva la conferma per il martello-ricettore americano che dunque prepara il passaporto per tornare in Italia a disputare un’altra stagione in SuperLega nel club di Patron Giannetti.

Lo scorso anno fu il primo atleta a essere presentato quale nuovo componente dello scacchiere dei coach Barbiero e Colucci con il mercato Argos Volley partito dalle isole Hawaii per andare a pescarlo a Honolulu. Quest’anno invece la riconferma arriva quasi allo scadere dei tesseramenti, non rispettando ovviamente un ordine di importanza ma cercando di dare il giusto spazio a ogni pallavolista del roster che disputerà la SuperLega Credem 2018/2019.

Era un nome sconosciuto in Italia quello del martello-ricettore nato il 21 gennaio del 1995, che arrivò nel nostro paese e nel suo massimo campionato per la prima volta dopo aver vissuto esperienze pallavolistiche nell’Hawaii University ritrovando, seppur da avversario, un pezzo della sua famiglia, il cugino palleggiatore Micah Christenson.

Lo staff tecnico scelse Kupono in quanto vedeva in lui delle ottime prospettive di crescita che, dopo ottimi allenamenti e buone prestazioni nelle gare ufficiali in cui è stato chiamato in causa, si sono rivelate tali e ben si sono sposate con il progetto di futuribilità in cui crede e investe l’Argos Volley. Ecco perché Fey vestirà per il secondo anno consecutivo la maglia sorana, con la società a credere sempre di più nelle sue ottime capacità e dunque a rinnovargli la fiducia.

“Fey é stato il ragazzo che all’inizio della passata stagione ha accusato più di tutti l’impatto con la nuova realtà – racconta coach Maurizio Colucci -, ma poi ha avuto una svolta positiva migliorando sotto ogni punto di vista.
Per questo, assieme allo staff tecnico, abbiamo deciso di riconfermarlo, per la sua forza di volontà, la sua disponibilità, il sacrificio e ovviamente le sue qualità atletiche e tecniche.
È un giocatore tecnico, forte in ricezione e difesa, negli altri fondamentali invece siamo convinti che lavorando sodo per un’altra stagione intensa, possa fare molto meglio. Il suo apporto sarà fondamentale come lo è stato l’anno passato, anche e soprattutto alla luce dei nuovi atleti che compongono il rost”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Dusan “The Rock” è pronto a guidare l’attacco volsco

, ,

E’ una storia dal finale bellissimo quella scritta da Dusan Petkovic sul libro bianconero della Biosì Indexa Sora: tra i tanti, coinvolgenti racconti, il suo capitolo è forse uno dei più entusiasmanti e la cosa migliore è che avrà ancora l’opportunità di vergare altre pagine. Con un pallone per inchiostro, l’opposto serbo ha firmato il suo rinnovo molto prima che sulla carta. Tutti volevano che restasse, la società, i tifosi, i compagni e soprattutto lui stesso voleva rimanere, lui che con il Sora si è guadagnato il titolo di capocannoniere della SuperLega, impresa certamente non facile quando si gioca contro mostri del calibro di Abdel-Aziz, Atanasijevic, Ngapeth e Juantorena. Non è una notizia dell’ultima ora perché patron Gino Giannetti lo aveva orgogliosamente preannunciato nel finale della passata stagione ma oggi è ufficiale: Dusan “The Rock” resterà a guidare l’attacco volsco anche in questo campionato.

Mattatore, trascinatore, colui che ha salvato la Biosì Indexa nei momenti peggiori e fatto fare il salto di qualità nei migliori, ha promesso solennemente di mettere a segno tanti punti come ha già realizzato e di fare il possibile per centrare tutti gli obiettivi societari.

Quando lo scorso anno è arrivato sulle rive del Liri, Petkovic portava già cucita addosso la nomea di top player, come disse proprio lo staff tecnico Argos: il classe 92′ vantava esperienze di prim’ordine nell’Al Rayyan, nella Stella Rossa di Belgrado e a Cannes. Messo piede a terra, entrato a Sora e nel PalaGlobo “Luca Polsinelli”, il fuorimano ha mantenuto ogni promessa, anzi, è andato anche oltre le aspettative, caricandosi sulle grosse spalle il peso di tante partite e tenendo viva la squadra, attirando le luci dei riflettori media e le sirene estere che volevano strapparlo alla Biosì Indexa. Ben più lungimirante è stato il club del presidente Vicini che si è tenuto stretto il proprio gioiello e dopo la valorizzazione dei mesi andati, si sfrega la mani sognando le prossime magie.

Giocatore tecnico, dotato di un’ottima manualità, di una varietà di colpi che gli consentono di giocare bene sia palle super che alte, anche in battuta può fare la differenza con un’ottima jump-spin dove sa bene alternare potenza e controllo. Con il suo bottino personale di 508 marcature, Petkovic si appresta a volare ancora con la casacca bianconera e far impazzire i fan sorani di cui era ed è il beniamino.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Nielsen: “Continuerò a vivere Sora con tanto entusiasmo”

, ,

Anche il vichingo resterà a combattere con lo scudo bianconero. Ufficializzata, infatti, la permanenza del posto 4 Rasmus Breuning Nielsen.

Arrivato lo scorso anno alla Biosì Indexa Sora, il martello danese ha saputo come mettersi in luce partendo dalla panchina fino a conquistarsi un posto fisso nel sestetto titolare a suon di palloni messi a terra e sferzante energia. Classe ’94, 198 cm di altezza, il suo amore per il volley è nato quando aveva appena 10 anni e da allora non ha mai smesso di giocarci, mettendo in valigia esperienze importanti tra cui la convocazione prima con la nazionale Juniores e poi con quella A Seniores.

Scelto perché ritenuto un giocatore funzionale al Progetto Sora e dunque per la sua giovane età e per i notevoli margini di miglioramento che possiede, Nielsen è un giocatore che non si risparmia. La sua dedizione, la sua educazione e la sua disponibilità, unite ad un incontestabile potere esplosivo in fase d’attacco, hanno conquistato il cuore dei tifosi e la fiducia incondizionata del suo mister che ha saputo dargli la meritata opportunità di far vedere cosa fosse capace di fare dalla banda.

Le cifre parlano per lui e la conferma era dunque quasi un fatto scontato. Ne è soddisfatto Rasmus, il quale commenta così il prolungamento contrattuale:

“Sono molto felice di restare a Sora anche quest’anno, sono orgoglioso che la società mi abbia voluto perché significa che crede in me, nel mio potenziale. Quella della passata stagione è stata un’esperienza molto buona, sia dal punto di vista personale che come organico di squadra e credo di aver imparato molto e di poter continuare a farlo”.

Quali sono, quindi, gli obiettivi per questo campionato alle porte?

“Personalmente vorrei fare ancora meglio che nello scorso: vorrebbe dire raccogliere i frutti di un duro ma pur sempre piacevole lavoro. Come elemento di un collettivo sogno di andare a disputare i playoff, anche se sarà davvero tosta. La competizione 2018/2019 sarà più difficoltosa dello scorso anno perché con la reintroduzione delle retrocessioni, tutti i club si stanno attrezzando per il meglio. Ci siamo rinforzati tutti e il tasso di sacrificio, così come il livello di qualità, sarà più alto”.

Come affronterai questi mesi?

“Con tanto entusiasmo. Sono curioso di conoscere i nuovi atleti e rivedere i miei vecchi compagni. Penso che stia venendo fuori una rosa ancor più forte e competitiva di quella passata e desidero fortemente dare tutto il sostegno possibile e il massimo supporto ai miei colleghi. Ancora una volta dovremmo fare gruppo e correre compatti, uniti, verso l’obiettivo comune”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Caneschi: “Felicissimo della fiducia che il club ripone in me”

, ,

Anche Edoardo Caneschi resta in bianconero. Ecco l’ufficialità che tutti aspettavano: il giovanissimo centrale, classe ’97, farà ancora parte della banda volsca guidata da coach Mario Barbiero e promette di dare il massimo per la sua squadra.
Aggregatosi la passata stagione alla Biosì Indexa Sora, la giovane promessa è diventata una certezza, tanto è che a notarlo è stato anche il mister degli azzurri, Gianlorenzo Blengini che lo ha convocato per il collegiale in vista dei Giochi del Mediterraneo che si sono tenuti a Tarragona dal 22 giugno al 1 luglio. Agli ordini del tecnico Gianluca Graziosi, Caneschi non si è dunque fermato nella stagione estiva continuando a lavorare per maturare ulteriormente come sta facendo in questi giorni a Boario Termo con la Nazionale B.

“Questa conferma mi fa capire che il lavoro svolto con la società è andato molto bene – esordisce Caneschi. Nelle prime partite l’insicurezza era tanta ma man mano sono riuscito ad entrare in campo con la mentalità giusta. E’ stato il mio esordio in SuperLega, venivo infatti dall’A2 e credo sia normale farsi prendere dal timore della novità, dell’aumento delle difficoltà. Grazie alla società, ai compagni, al mister e a tutto lo staff tecnico con cui eravamo sempre a stretto contatto, però, le paure si sono dileguate, lasciando spazio alla voglia di fare, imparare e dare il meglio per tutti. Sono felicissimo della fiducia che il club ripone in me e nei miei mezzi”.

Che cosa ti aspetti da questa seconda volta in massima serie?

“Per questo nuovo anno ho grandissime aspettative, ogni partita giocata fino all’ultimo respiro e con ancor più grinta considerando che ci saranno le retrocessioni. Sarà una stagione molto combattuta, tutte le concorrenti si stanno attrezzando al meglio e noi dovremo riuscire ad esprimere il massimo del potenziale e figurare come meritiamo. Abbiamo sulle spalle il bagaglio dello scorso anno e ci servirà tantissimo per affrontare mesi complicati”.

Quale sarà il tuo contributo al collettivo sorano?

“Alla mia squadra spero di riuscire a dare una grande mano in campo, sia in allenamento che in partita, e fuori, restando uniti così come lo eravamo nella passata stagione. E’ importante restare compatti e creare gruppo. Spero di fare bei numeri, tanto in attacco quanto a muro e migliorare ancora”.

Cosa ti ha lasciato questa prima volta in A1?

“Durante questo campionato ho imparato moltissime cose, è stato un periodo veramente importante per la mia carriera, forse fondamentale, dove mi sono confrontato con il massimo livello possibile. Ho cercato di carpire ogni insegnamento possibile dal coach nonché dai compagni con maggiore esperienza e, in ultimo, anche dai tanti forti avversari che abbiamo incontrato”.

Invece, come hai vissuto la tua esperienza estiva in azzurro?

“Anche se ho avuto un piccolo infortunio, tutto è andato per il meglio. E’ stato emozionante essere convocato con la Nazionale B e sono stato felice di non essermi fermato ma di aver continuato ad allenarmi e a raffinare la mia tecnica. Certamente mi sento un pizzico maturato e quello che ho appreso durante quei giorni spero di riuscire ad esternarlo nelle nuove sfide che attendono la Biosì Indexa Sora”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Marrazzo ancora il “Chicco” di Sora.

, ,

Una rosa giovane e dalle grandi potenzialità, lo sguardo rivolto al “domani”, coach Mario Barbiero che sa bene come gestire tanti ragazzi indirizzandoli verso una maturazione professionale di altissimo livello: questo è il progetto che va definendosi a Sora. E in questa squisita amalgama non poteva certamente mancare un ingrediente come Federico Marrazzo, palleggiatore classe ’94 alla sua terza volta in maglia bianconera. Si conferma così in cabina di regia l’atleta romano che proprio nella città lirense ha conosciuto il professionismo – nel 2015/2016 in A2 -, ha vissuto la storica promozione in SuperLega e con i colori della Biosì Indexa Sora ha esordito proprio nella massima serie nazionale.

“In questo momento il pensiero è dominato solo da sensazioni positive: sono sicuramente felice e orgoglioso di far ancora parte di questo gruppo e di avere la stima della proprietà e dello staff che, mai come quest’anno, hanno deciso di puntare molto sui giovani. Con la società il legame è forte e leale, con il territorio altrettanto; qui sto bene, sono trattato come un figlio, un amico, da tutti i sorani. Sono oramai di casa dopo due anni in cui ho vissuto in una città come questa, che subito mi ha accolto meravigliosamente e fatto sentire a mio completo agio!” – commenta così la propria conferma Marrazzo.

La passata stagione gli è servita molto per comprendere i meccanismi, le difficoltà di una A1 e le differenze in campo e in palestra rispetto alla cadetteria:

“Grazie all’esperienza dello scorso anno, ho certamente affinato il mio gioco, ma altrettanto indubbiamente c’è ancora tanto da lavorare per migliorarsi – prosegue Federico. Sento di aver fatto un grosso passo in avanti sia tecnicamente che tatticamente, ma voglio arrivare al massimo delle mie capacità, giocarmi ogni chance, farmi trovare sempre pronto a fare il meglio possibile in partita e in allenamento”.

Alla domanda su cosa si aspetta per il campionato futuro, Federico conclude così:

“Ovviamente il livello della competizione è molto più alto in confronto all’A2; lo sapevamo, ma nei mesi passati lo abbiamo testato sulla nostra pelle, cercando di farci un quadro della situazione il più chiaro possibile. Il rodaggio ci è servito e i giocatori rimasti in formazione dal nostro ingresso in SuperLega hanno dalla loro parte quel po’ di esperienza che potrà servire a guidare i più giovani, a conservare la lucidità in ogni momento dell’anno, dal frangente più difficile al momento più favorevole e galvanizzante. Ciò che mi aspetto è una squadra giovane ma altrettanto competitiva e che sarà protagonista di ottime gare. Abbiamo voglia di stupire tutti, come fatto l’anno passato, quando dovevamo essere la cenerentola di turno e abbiamo invece dimostrato di poter dire la nostra. Da parte mia, ci saranno il massimo impegno e la massima umiltà: sarò a disposizione, come ho sempre fatto nel corso del tempo trascorso in questo club, e voglio dare il mio contributo alla nuova avventura che attende la Biosì Indexa Sora”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

La sicurezza della seconda linea, Marco Santucci

, ,

E’ stato l’artefice di tante promozioni, ribattezzato come “l’amuleto” portafortuna della società, l’uomo-squadra, il veterano e ora può uscire allo scoperto con la conferma contrattuale che ne fa ufficialmente la bandiera di questa Biosì Indexa Sora. Non potremmo parlare di altri se non di Marco Santucci, il libero di Campobasso che oramai è divenuto un pezzo insostituibile per il club di patron Giannetti. Classe 1983, 190 cm di altezza e un passato da schiacciatore: è lui la sicurezza della seconda linea volsca e uno dei preferiti dal pubblico che vedono in Santucci l’anima bianconera per eccellenza. Tanta stima da parte della società e dei tifosi inorgoglisce non poco l’atleta molisano che dice:

“Ci tenevo tantissimo a fare un altro anno in SuperLega e sono contento che l’Argos Volley e la famiglia Giannetti abbiano puntato nuovamente su di me; spero di ripagare la loro fiducia con buone prestazioni, di migliorarmi ancora, forte dell’esperienza-esordio in massima serie dello scorso anno. C’è voluto ben poco per trovare un accordo, perché ormai con la società c’è un feeling che va oltre il semplice rapporto giocatore-proprietà. Lottare per difendere i colori di Sora mi ha dato sempre grandi soddisfazioni, quindi continuare a farlo in quella A1 che abbiamo conquistato insieme è per me molto stimolante. Quando una cosa la senti tua, dai tutto te stesso ed è quello che continuerò a fare per la Biosì Indexa. Per me è come se fosse il primo anno, mi rimetto sempre in gioco. L’anno appena trascorso per me è stato il cosiddetto “anno zero”, un nuovo inizio; sapevo a cosa andavo incontro approdando alla SuperLega: una pallavolo diversa, fatta di maggior fisicità e dove ogni minimo dettaglio fa la differenza. Dopo un periodo iniziale, con molte difficoltà, penso di essere progredito e di aver disputato dei discreti play off per la Challenge; non sono totalmente soddisfatto, ma visto questa nuova possibilità, sicuramente sarò più pronto e preparato ad affrontare la categoria. La massima serie è dura, ci sarà bisogno di tantissimo lavoro in palestra per poter competere con tutti e fare meglio della passata stagione. Le squadre si sono tutte rinforzate, non vedo formazioni scarse e prevedo un campionato avvincente ed equilibrato, tolte ovviamente le 4 big”.

Oltre ad essere un puntello per la rosa, in virtù di una presenza oramai storica con la casacca lirense, Marco, assieme al capitano Mattia Rosso, sarà tra i giocatori più esperti del nuovo roster di coach Barbiero e Colucci, responsabilità non da poco e che il difensore si assume con volontà e coscienza:

“Per il gruppo che si andrà a formare magari potrò essere un punto di riferimento, tanto per le dinamiche interne che per quelle esterne al campo. La società si è data da fare a trovare così tanti giovani Interessanti, ora dobbiamo valorizzarli. Io e Mattia sicuramente daremo il miglior esempio possibile di professionalità e impegno negli allenamenti, oltre che a un aiuto nel momento del bisogno”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Confermato Mauti, ma… difenderà i colori sorani con una maglia diversa dai compagni

, ,

Il parco volsco dei giovanissimi mette nero su bianco un’altra riconferma: anche Pierpaolo Mauti resta in casa Argos Volley, sebbene con qualche piccolo cambiamento. L’atleta classe ’95, di Roccavivi ma nato e cresciuto pallavolisticamente parlando a Sora, sarà ancora un giocatore della Biosì Indexa Sora, ma stavolta vestirà la casacca del libero. Da martello a difensore, questo passaggio era già nell’aria dalla passata stagione ed ora ha trovato concretezza; ruolo, questo, che meglio si adatta alle caratteristiche di Pier, come lo chiamano gli amici, e che gli consentirà di evolvere la propria carriera con un salto di qualità. Una scelta, dunque, che lo stesso Mauti ha saggiamente illustrato:

“Questo mutamento di ruolo ha una doppia spiegazione: da una parte i problemi alla schiena che mi hanno attanagliato nel mio unico anno fuori da Sora, a Castellana Grotte, quando un’ernia al disco mi ha tenuto fuori dal campo tantissimo tempo e a causa di cui, ancora oggi, porto gli strascichi. Dall’altra parte, ho sempre avuto una forte propensione per la ricezione e la difesa, dove mi sento molto più sicuro. Proprio la somma di questi elementi mi ha fatto capire che la figura del libero è più adatta alle mie esigenze e capacità e questa trasformazione può permettermi un tipo di futuro professionale diverso e offrirmi maggiori chance di giocare, un giorno, da titolare”.

Chiarito questo “cambio-maglietta”, Pierpaolo può lasciarsi andare alle sensazioni scaturite dal rinnovo di fiducia del club bianconero nei suoi confronti:

“Gioco con l’Argos dall’età di 13 anni e poter restare ancora è soddisfacente. Sono molto contento della stima che la società ha mostrato nei miei confronti, dandomi l’opportunità di continuare a giocare qui. La stagione di SuperLega appena trascorsa, la prima della mia vita ovviamente, mi ha insegnato qualcosa di fondamentale, l’umiltà. Dal mio canto spero di aver dato una mano a tutta la squadra, sia in fase di allenamento che come supporto morale e spirito di gruppo. Sapere di disputare un campionato di massima serie non può che caricarti di energia positiva ma anche di tante responsabilità, situazione che si ripeterà quest’anno in maniera ancora amplificata. Dopo aver fatto esperienza nei mesi scorsi, dobbiamo aumentare il target e dare ancora di più in palestra e in campo. Spero di migliorare, imparare sempre delle finezze dai miei colleghi più grandi, ma di dare anche io qualcosa in cambio alla squadra e di ben figurare se dovessi scendere sul parquet”.

D’altronde, come in molti del pubblico non avranno di certo dimenticato, Pierpaolo è stato protagonista di un simpatico “battesimo” sportivo su una delle piazze più importanti d’Italia, il PalaTrento, dove scese sul taraflex della Diatec con il singolare look della barba tagliata a metà, a testimoniare il passaggio di grado all’interno della propria formazione.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Marco Lucarelli, ancora il Sorano del Sora

, ,

Ecco la notizia che in tanti aspettavano, ovvero la conferma che ancora una volta, tra le fila bianconere della Biosì Indexa Sora, c’è qualcuno che qui ci è nato, che si fregia di essere l’unico cittadino sorano doc in prima squadra e di essersi meritatamente ritagliato il suo posto per la SuperLega. Ovviamente parliamo del “bello de nonna”, lo schiacciatore Marco Lucarelli, riconferma gradita sia a livello tecnico che umano, per un giovane formatosi nella grande famiglia Argos Volley e che sul terreno da gioco mette non solo la tecnica imparata in anni di militanza nel club di patron Giannetti, il fisico costruito nella palestra del PalaGlobo “Luca Polsinelli”, ma anche tutti quei valori che da sempre la società trasmette ai propri atleti, e un gran cuore, ma quello è tutto suo.

Marco ci è cresciuto con la casacca volsca cucita addosso: dalle giovanili al palcoscenico della massima serie nazionale, e i suoi sacrifici, la sua devozione, la sua umiltà di giovane volenteroso e desideroso di migliorarsi giorno per giorno, sono state doti sempre apprezzate dallo staff tecnico e dalla dirigenza che, per il quarto anno, lo hanno inserito nei propri piani.

Classe 1996, 190 cm di altezza, Lucarelli fa di professione il martello e nonostante la giovanissima età, oggi può guardarsi alle spalle e trovare in valigia già un’intensissima stagione di A1, esperienza che lui commenta così:

“Innanzitutto sono molto felice della fiducia che la Biosì Indexa mi ha rinnovato e orgoglioso di far parte di questa formazione. E’ stato emozionante e difficile la nostra prima volta in SuperLega, una serie ancor più impegnativa della cadetteria e che porta con sé tante responsabilità in più. Per me è stato molto importante esserci e altrettanto lo sarà poter farlo per il secondo anno. Abbiamo compiuto un ottimo rodaggio e i ritmi dei mesi passati mi hanno insegnato molto, così come la vicinanza dei miei compagni più maturi, più esperti, da cui ho cercato di trarre sempre un insegnamento. Credo che il prossimo sarà un anno molto intenso e con il giusto lavoro cercherò di dare sempre il mio contributo in allenamento, sarò sempre al servizio della squadra e del coach e soprattutto, nel momento in cui il mister lo riterrà opportuno, voglio farmi trovare pronto. Gli impegni saranno notevoli per tutti ed ognuno di noi sarà chiamato a fare il proprio compito affinché si possano raggiungere gli obiettivi del gruppo e della società. Come sempre, questo è un progetto in cui credo, in cui lavoro con entusiasmo e consapevolezza, sfruttando al meglio delle mie capacità questa opportunità”.
Lucarelli è il prodotto di un vivaio dalla qualità evidente e che ramifica nel territorio grazie ad attività di cui lo stesso Marco è spesso protagonista, dagli incontri negli istituti del comprensorio alle visite in catechismo, dove è diventato il beniamino di tanti bambini che vedono in lui la materializzazione di un sogno: dai palleggi nel cortile della scuola ai parquet di società blasonate e alla serie A.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora