Articoli

Fiducia rinnovata per il libero Pierpaolo Mauti

, ,

Fiducia confermata in casa Argos Volley per il libero classe ’95 Pierpaolo Mauti. Cresciuto nella ‘cantera’ bianconera, proprio sotto l’egida di quello che è attualmente il nuovo head coach dei volsci, Mauti è al suo sesto anno in Serie A con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

“Per me questa riconferma è un segnale molto importante da parte della società che ha deciso, quindi, di puntare su di me per quest’altra stagione – esordisce Pierpaolo. Non posso che essere orgoglioso di rappresentare i colori del Sora, club e città. L’Argos mi ha dato moltissimo e io spero di ripagare questa attestazione di stima con le mie prestazioni in campo e con il massimo impegno quotidiano in allenamento. Anche quest’anno avrò la concorrenza di un pari ruolo, un grandissimo libero come Sorgente, che nei mesi passati si è fatto conoscere molto bene in A2”.

E a proposito del ‘nuovo’ allenatore in prima aggiunge:

“Per me avere Colucci come allenatore è una bellissima notizia. Non potevo sperare in meglio, è un uomo che merita al 100% questo ruolo e questa bella responsabilità. Il suo lavoro negli anni è stato encomiabile e dopo aver tante volte rifiutato la panchina sono felice che adesso abbia deciso di prendere le redini della nostra rosa. E’ il momento di sfruttare questa occasione e lanciarsi. Io sono cresciuto assieme a lui, non c’è allenatore che possa conoscermi meglio, è stato il mio primo mister e ritrovarmelo come prima guida tecnica è un onore e un privilegio”.

Mauti è noto ai più non solo per essere un prodotto del vivaio sorano ma anche per la grande umiltà dimostrata in questi anni, quando ha saputo aspettare il suo ingresso sul parquet e dare il meglio ogni qualvolta gliene sia stata data l’opportunità.
Parlando dunque dei suoi target professionali per questo nuovo torneo spiega:

“Il mio obiettivo individuale resta quello di migliorarmi giorno dopo giorno, di crescere ancora, di maturare ancora in modo tale da conquistare il posto da titolare durante il prossimo campionato. Il fatto di avere davanti un ottimo atleta e compagno come Sorgente non può che essere uno stimolo per fare sempre meglio”.

Concludendo la chiacchierata con l’ex ‘piccolo di casa Argos’, non possiamo che farci dare le sue impressioni sul prossimo campionato.

“Vedendo i diversi movimenti di mercato mi sono fatto l’idea che questo campionato potrebbe essere, addirittura, di livello superiore a quelli degli anni passati. Abbiamo affrontato squadre molto forti e facendo una panoramica dei roster che incontreremo non mi pare ci sia una ‘cenerentola’, come qualche volta hanno erroneamente appellato noi lirensi. Anche noi stiamo attrezzando una buonissima squadra e abbiamo le carte giuste per giocarcela contro tutti”– conclude Mauti.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A rinforzare la seconda linea sorana, arriva Alessandro Sorgente

, ,

Notizie di mercato per la seconda linea sorana, agli ordini di coach Colucci il nuovo libero della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 2019/2020 è Alessandro Sorgente.

Il viterbese classe ’93, 185 centimetri di altezza, arriva da un biennio ricco di emozioni tra le fila del Tuscania Volley dove il presidente Angelo Pieri lo ha voluto nella stagione 2017/2018 permettendogli il salto di categoria e, dopo la prima esperienza, gli ha rinnovato la fiducia. E ora la società Argos Volley lo ritiene pronto al debutto nell’Olimpo del Volley, il massimo campionato Italiano che potrà vivere da protagonista.

“Sono contentissimo per la reale possibilità che la società mi dà di realizzare un sogno che vivrò ogni giorno a occhi aperti – dice il nuovo libero Alessandro Sorgente -. Sarà bellissimo lavorare con compagni e staff che già conoscono la SuperLega. Per me è la prima volta, nell’anno dell’M.Roma ho avuto qualche convocazione, ma ora la Serie A1 sarà la mia quotidianità e voglio viverla al meglio. Per questo ringrazio la società Argos Volley e coach Colucci che hanno voluto darmi questa grande responsabilità che sono pronto a prendermi con tutto l’entusiasmo e la serietà possibile. Non vedo l’ora di arrivare a Sora, conoscere l’ambiente, le persone, i tifosi, e soprattutto il lavoro, con la certezza che la vita che mi attende mi piacerà tantissimo.
Prima di cominciare a scrivere una nuova pagina della mia storia pallavolistica però, vorrei ringraziare Tuscania che, con la fiducia che ha riposto in me, si è dimostrata vero trampolino di lancio, come anche coach Paolo Montagnani al quale devo molto”.

Qualche anno fa, nel pieno della sua crescita pallavolistica tra le fila della M.Roma Volley, a soli 18 anni, Alessandro ha avuto un passaggio in Serie A1 nella stagione 2011/2012, ma solo come aggregato, avendo però come compagni di ruolo atleti del calibro di Mirko Corsano e Alessandro Paparoni.
Dal 2012 al 2017 invece, diverse le esperienze da ricettore e difensore in Serie B1 tra la Polisportiva Tuscania, l’Hydra Latina, ma soprattutto a Civita Castellana dove è stato uno degli artefici della promozione nella categoria nazionale, l’A2.
Serie quest’ultima, che ha poi vissuto intensamente nelle ultime due stagioni a Tuscania, con la prima, quella 2017/2018, chiusa con una bella cavalcata della regular season fino al secondo posto della classe, con il terzo posto nella Pool A e con i Quarti di Coppa Italia e di Play Off Promozione spezzati dalla Emma Villa Siena, squadra che ha poi conquisto un posto in SuperLega. In tutte queste gare, vissute con tanti compagni ex sorani come Pierlorenzo Buzzelli e Roberto Festi, viva è stata sempre la lotta per il posto da titolare con Federico Bonami, del quale ora si trova a raccogliere l’eredità.

Prosegue dunque il suo cammino di crescita nel panorama della pallavolo italiana grazie al lavoro che avrà modo di svolgere con lo staff tecnico del club volsco e le esperienze che acquisirà dal confronto con i campioni dei roster della SuperLega.

“Alessandro è un ragazzo che conosco molto bene fin da ragazzino quando si allenava con la rappresentativa della Regionale Lazio – spiega coach Maurizio Colucci -. Ha sempre mostrate buone attitudini sia alla tipologia di ruolo che al lavoro. Con lui inizieremo un nuovo percorso di crescita tecnica tale da permettergli di mostrare il prima possibile le sue qualità e di dare una mano ai compagni e alla squadra.
Questa per lui sarà un’occasione importante e sono sicuro che la sfrutterà al meglio”.

In attesa di trasferirsi a Sora, il nuovo libero bianconero trascorre i suoi pomeriggi sul campo da beach volley dove, oltre a organizzare tornei e a trasmettere a tanti ragazzi la passione per la pallavolo sulla sabbia, si allena con un ex atleta sorano, il centrale Andrea Mattei.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Mauti: “Onorato di vestire ancora questa maglia”

, ,

Pierpaolo Mauti vestirà ancora la maglia della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Il giovane libero, tirato su in casa Argos Volley con annessi cambio di ruolo e piccole esperienze fuori, resterà sulle rive del Liri a difendere la seconda linea dalle offensive nemiche.
Dopo il trasferimento di Lucarelli all’Alessano, Mauti resta l’unico atleta del territorio a giocare la SuperLega in bianconero. E Pier conosce il valore di quella cromia, il peso che porta con sé. Conosce le aspettative della piazza, il pensiero della società a cui è riconoscente per quest’altro anno insieme, ad altissimo livello:

“Sono onorato di vestire di nuovo questa maglia – asserisce il giovane giocatore – che mi ha visto crescere, aiutandomi nello sviluppo sia personale che sportivo. Significa che il club crede in me e che io ho dato qualcosa per cui abbia potuto farlo. Ciò mi rende orgoglioso. Mi fa piacere trovare i vecchi compagni come Federico Marrazzo e Kupono Fey, e confrontarmi con i grandi campioni della categoria. Anche quest’anno dovrò combattere per un posto nel sestetto titolare perché ho, davanti a me, un grande libero ed un bravissimo ragazzo, Bonami, che ho avuto il piacere di incontrare già precedentemente a Sora. Ce la metterò tutta, consapevole del fatto che sarà un campionato difficile, complice anche l’inserimento delle retrocessioni, ma dovremo dare il 110% per far restare la città dove merita. Metterò tutto me stesso durante gli allenamenti settimanali per e mi farò trovare pronto ogni qualvolta il mister lo riterrà opportuno. Se non dovessi riuscire a conquistarmi il ruolo allo starting players, mi impegnerò comunque a fondo in tutte le sedute di training per crescere squadra e essere utile anche dalla panchina. In questi anni ho imparato che nulla mi è dovuto e che devo lottare per stare in campo. La SuperLega è il campionato più difficile al mondo e sono fortunato a poterlo disputare. Questi 3 anni mi hanno insegnato a combattere le avversità nonostante i problemi fisici ma grazie alla società, ai coach Mario e a Maurizio, sono riuscito a rimettermi in carreggiata per migliorare me stesso”.

Anche per questa stagione, Mauti è un giovane tra i giovani e lui stesso commenta così il nuovo Sora:

“Anche quest’anno siamo una squadra giovane ma sono sicuro che il mercato sia stato fatto con criterio, cercando gli aggiustamenti corretti per incrementare ancora il valore del gruppo con i giusti innesti in ogni reparto. Siamo un gruppo giovane e futuribile, quello giusto per seguire il progetto Argos nato anni fa e per far crescere quelli che un tempo erano i giovani, rendendoli parte integrante del roster”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Dopo 8 stagioni, Santucci e Sora si salutano

, ,

L’Argos Volley comunica che dopo un “matrimonio” durato ben 8 anni, sebbene non continuativi, per la società e Marco Santucci le strade si dividono.

Termina qui un’avventura bellissima e ricca di soddisfazione per entrambi, un’avventura che li ha visti affrontare sottobraccio campionati e promozioni importanti.
Santucci, prima in veste di schiacciatore e poi in quella di libero, è stato un puntello di assoluto valore per il club bianconero. Con lui sono arrivati i salti di categoria dalla B2 alla B1, poi da quest’ultima alla cadetteria fino allo storico approdo in Superlega. Marco è divenuto così uno dei beniamini della città, bandiera e senatore della squadra e anche prezioso “amuleto” nelle cavalcate terminate con la gioia della promozione.

Finisce dunque un ciclo ma non svanirà il ricordo del grande lavoro svolto a Sora da Marco e del rapporto oramai familiare che si è instaurato nel corso di tutto questo tempo.
A Marco Santucci va quindi il più grosso in bocca al lupo per il suo futuro, professionale e non, da parte della società in toto, così come il ringraziamento per queste stagioni trascorse insieme.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Argos Volley e Federico Bonami al secondo matrimonio, è lui il nuovo libero

, ,

Comincia a prendere forma anche la seconda linea della BioSì Indexa Sora 2018/2019: la prima pedina dello scacchiere dei coach Barbiero e Colucci, Gabriele Di Martino, avrà le spalle coperte dal libero Federico Bonami.

Definito il “segugio” della seconda linea, Federico è al secondo matrimonio con l’Argos Volley, ma in generale, la carriera pallavolista fin qui vissuta dal libero toscano, è stata una vita di ritorni con doppi matrimoni con i club di Santa Croce, Tuscania e Sora.

Il classe ’93, ancora giovanissimo venne adottato dai Lupi di Santa Croce per ricoprire il ruolo, assieme a Tosi, nel campionato di Serie A2, 2011/2012, ma fu la stagione seguente quella in cui divenne titolare in B1, dopo l’auto retrocessione del club che però si prese la soddisfazione di alzare al cielo la Coppa Italia ma soprattutto di ritornare in A2 vincendo il campionato. È proprio dopo questa bella e formativa esperienza che approdò a Sora, con il destino a metterci lo zampino.
Federico era un giovane interessante e l’allora DS Alberico Vitullo non si fece sfuggire l’occasione: la squadra aveva bisogno di una mano negli allenamenti in quanto il libero titolare, Marco Lo Bianco si infortunò. Così Bonami, arrivato in prova, a fine settembre 2013 venne integrato nella rosa.
Per la stagione successiva, quella 2014/2015, Federico andò a unirsi a un gruppo di Under 23 creato dal club di Potenza Picena che ottenne la promozione nella massima serie ma che poi rinunciò al salto.
Salpa per nuovi lidi il libero andando a schierarsi, per la stagione 2015/2016, tra le fila del Tuscania, sempre in A2, raggiungendo le semifinali sia in Coppa Italia che nei Play Off promozione.
Da qui ricomincia il giro unendosi per la seconda volta in matrimonio prima con Santa Croce e poi, lo scorso anno, con la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania.
Ed ora rieccolo qui il libero che nel frattempo si è fatto le ossa ed è cresciuto.

“Sono molto contento del ritorno di Federico in casa Argos Volley – dice coach Maurizio Colucci che già lo ha allenato nella sua passata militanza -. Quando arrivò nella stagione 2013/2014 era alle prime esperienze ma già dimostrava delle buone attitudini. Con gli anni posso dire che ha raggiunto una maturità sia tecnica che esperienziale che però può perfezionare ancora di più con una bella esperienza in Superlega.
Per quanto riguarda il lato tecnico, Federico ha delle buone doti in ricezione e una caratteristica spiccata verso la difesa, fondamentale indispensabile per competere nel campionato di massima categoria.
Con il nostro metodo di lavoro e la sua grande predisposizione di faticatore, sono convinto che il nostro nuovo libero potrà togliersi grandi soddisfazioni sia a livello individuale che collettivo”.

Federico ora è a Firenze dove sta continuando ad allenarsi, a giugno farà un po’ di meritate vacanze e poi a tutto beach fino al raduno con la sua nuova BioSì Indexa Sora.

“La chiamata del Patron Gino Giannetti mi ha fatto molto piacere – racconta un entusiasta Federico Bonami -, soprattutto perché si è espressa la volontà di avermi con voi il prossimo anno. Ho pensato a questa possibilità come a una bellissima sfida da affrontare e soprattutto con la quale avevo desiderio di misurarmi da tanto tempo. Giocare in Superlega è chiaramente una bellissima opportunità, e il fatto che ci sia stata la volontà da parte della società di prendermi, è una cosa che mi fa veramente piacere e mi riempie di orgoglio.
Sono sicuro che saremo una squadra che lavorerà tanto e con umiltà grazie anche allo staff tecnico con coach Colucci e Stefano Frasca che conosco già, e con il direttore tecnico Mario Barbiero del quale in giro ho raccolto solo che informazioni positive. Ho già avuto modo di confrontarmi con lui e capire che il prossimo anno si baserà proprio sul duro lavoro in palestra, e io ho veramente tanta voglia di farlo e di confrontarmi con questo campionato con grandissima umiltà.
In attesa che arrivi a Sora, ci tengo a salutare tutti i tifosi e tutti gli amici che presto ritroverò. Non vedo l’ora di sentire il calore del PalaGlobo “Luca Polsinelli” mentre combatto e gioco con i miei nuovi compagni.
Sono certo che la squadra sarà ben costruita e che quindi saremo competitivi con tutti gli avversari. Ci divertiremo! Nel frattempo un abbraccio a tutti”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

La sicurezza della seconda linea, Marco Santucci

, ,

E’ stato l’artefice di tante promozioni, ribattezzato come “l’amuleto” portafortuna della società, l’uomo-squadra, il veterano e ora può uscire allo scoperto con la conferma contrattuale che ne fa ufficialmente la bandiera di questa Biosì Indexa Sora. Non potremmo parlare di altri se non di Marco Santucci, il libero di Campobasso che oramai è divenuto un pezzo insostituibile per il club di patron Giannetti. Classe 1983, 190 cm di altezza e un passato da schiacciatore: è lui la sicurezza della seconda linea volsca e uno dei preferiti dal pubblico che vedono in Santucci l’anima bianconera per eccellenza. Tanta stima da parte della società e dei tifosi inorgoglisce non poco l’atleta molisano che dice:

“Ci tenevo tantissimo a fare un altro anno in SuperLega e sono contento che l’Argos Volley e la famiglia Giannetti abbiano puntato nuovamente su di me; spero di ripagare la loro fiducia con buone prestazioni, di migliorarmi ancora, forte dell’esperienza-esordio in massima serie dello scorso anno. C’è voluto ben poco per trovare un accordo, perché ormai con la società c’è un feeling che va oltre il semplice rapporto giocatore-proprietà. Lottare per difendere i colori di Sora mi ha dato sempre grandi soddisfazioni, quindi continuare a farlo in quella A1 che abbiamo conquistato insieme è per me molto stimolante. Quando una cosa la senti tua, dai tutto te stesso ed è quello che continuerò a fare per la Biosì Indexa. Per me è come se fosse il primo anno, mi rimetto sempre in gioco. L’anno appena trascorso per me è stato il cosiddetto “anno zero”, un nuovo inizio; sapevo a cosa andavo incontro approdando alla SuperLega: una pallavolo diversa, fatta di maggior fisicità e dove ogni minimo dettaglio fa la differenza. Dopo un periodo iniziale, con molte difficoltà, penso di essere progredito e di aver disputato dei discreti play off per la Challenge; non sono totalmente soddisfatto, ma visto questa nuova possibilità, sicuramente sarò più pronto e preparato ad affrontare la categoria. La massima serie è dura, ci sarà bisogno di tantissimo lavoro in palestra per poter competere con tutti e fare meglio della passata stagione. Le squadre si sono tutte rinforzate, non vedo formazioni scarse e prevedo un campionato avvincente ed equilibrato, tolte ovviamente le 4 big”.

Oltre ad essere un puntello per la rosa, in virtù di una presenza oramai storica con la casacca lirense, Marco, assieme al capitano Mattia Rosso, sarà tra i giocatori più esperti del nuovo roster di coach Barbiero e Colucci, responsabilità non da poco e che il difensore si assume con volontà e coscienza:

“Per il gruppo che si andrà a formare magari potrò essere un punto di riferimento, tanto per le dinamiche interne che per quelle esterne al campo. La società si è data da fare a trovare così tanti giovani Interessanti, ora dobbiamo valorizzarli. Io e Mattia sicuramente daremo il miglior esempio possibile di professionalità e impegno negli allenamenti, oltre che a un aiuto nel momento del bisogno”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Confermato Mauti, ma… difenderà i colori sorani con una maglia diversa dai compagni

, ,

Il parco volsco dei giovanissimi mette nero su bianco un’altra riconferma: anche Pierpaolo Mauti resta in casa Argos Volley, sebbene con qualche piccolo cambiamento. L’atleta classe ’95, di Roccavivi ma nato e cresciuto pallavolisticamente parlando a Sora, sarà ancora un giocatore della Biosì Indexa Sora, ma stavolta vestirà la casacca del libero. Da martello a difensore, questo passaggio era già nell’aria dalla passata stagione ed ora ha trovato concretezza; ruolo, questo, che meglio si adatta alle caratteristiche di Pier, come lo chiamano gli amici, e che gli consentirà di evolvere la propria carriera con un salto di qualità. Una scelta, dunque, che lo stesso Mauti ha saggiamente illustrato:

“Questo mutamento di ruolo ha una doppia spiegazione: da una parte i problemi alla schiena che mi hanno attanagliato nel mio unico anno fuori da Sora, a Castellana Grotte, quando un’ernia al disco mi ha tenuto fuori dal campo tantissimo tempo e a causa di cui, ancora oggi, porto gli strascichi. Dall’altra parte, ho sempre avuto una forte propensione per la ricezione e la difesa, dove mi sento molto più sicuro. Proprio la somma di questi elementi mi ha fatto capire che la figura del libero è più adatta alle mie esigenze e capacità e questa trasformazione può permettermi un tipo di futuro professionale diverso e offrirmi maggiori chance di giocare, un giorno, da titolare”.

Chiarito questo “cambio-maglietta”, Pierpaolo può lasciarsi andare alle sensazioni scaturite dal rinnovo di fiducia del club bianconero nei suoi confronti:

“Gioco con l’Argos dall’età di 13 anni e poter restare ancora è soddisfacente. Sono molto contento della stima che la società ha mostrato nei miei confronti, dandomi l’opportunità di continuare a giocare qui. La stagione di SuperLega appena trascorsa, la prima della mia vita ovviamente, mi ha insegnato qualcosa di fondamentale, l’umiltà. Dal mio canto spero di aver dato una mano a tutta la squadra, sia in fase di allenamento che come supporto morale e spirito di gruppo. Sapere di disputare un campionato di massima serie non può che caricarti di energia positiva ma anche di tante responsabilità, situazione che si ripeterà quest’anno in maniera ancora amplificata. Dopo aver fatto esperienza nei mesi scorsi, dobbiamo aumentare il target e dare ancora di più in palestra e in campo. Spero di migliorare, imparare sempre delle finezze dai miei colleghi più grandi, ma di dare anche io qualcosa in cambio alla squadra e di ben figurare se dovessi scendere sul parquet”.

D’altronde, come in molti del pubblico non avranno di certo dimenticato, Pierpaolo è stato protagonista di un simpatico “battesimo” sportivo su una delle piazze più importanti d’Italia, il PalaTrento, dove scese sul taraflex della Diatec con il singolare look della barba tagliata a metà, a testimoniare il passaggio di grado all’interno della propria formazione.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora