Articoli

Dall’University of Hawaii arriva Stijn Van Tilburg

, ,

Nonostante la chiusura ufficiale del mercato, non si ferma il lavoro del vertice societario dell’Argos Volley che ha messo a segno un altro colpo oltre oceano che ha fatto subito parlare di se.
Dall’University of Hawaii arriva alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora l’opposto olandese Stijn Van Tilburg.

Nato ad Amsterdam il 7 aprile 1996, dopo il diploma al Beekdal Lyceum ad Arnhem, nei Paesi Bassi, conseguito nel 2014, Stijn si è trasferito a 19 anni negli Stati Uniti entrando a far parte dell’University of Hawaii at Manoa.
Al suo arrivo, nella stagione sportiva 2015/2016, e anche in quella successiva, ha avuto come compagno di squadra lo schiacciatore Kupono Fey poi approdato a Sora e oggi riconfermato per il terzo anno consecutivo.
Dopo tre intense stagioni tra l’NCAA Mens National Collegiate Volleyball Championship, massimo campionato universitario di pallavolo maschile degli Stati Uniti, e il Big West Conferece, lo scorso maggio Van Tilburg ha concluso gli studi laureandosi in economia, raccogliendo anche moltissimi onori per il suo percorso sportivo all’interno della squadra del college. Il suo nome infatti, rimarrà scolpito negli annali dopo che ha ottenuto il terzo premio personale AVCA First-Team All-America per la prima squadra, diventando il secondo giocatore dell’University of Hawaii a farlo.
Diventare All American significa essere tra i migliori delle 37 università statunitensi. Un’impresa. E farlo per tre volte consecutive vuol dire essere davvero nell’élite del volley universitario americano.

Così, con i suoi 203 centimetri, Stijn calcherà per la prima volta il più ambito palcoscenico della pallavolo, quello italiano di SuperLega, e lo farà con la maglia della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Van Tilburg è cresciuto nel Talent Team Papendal Arnheim nella Dutch Eredivisie League, è stato convocato nelle nazionali giovanili, e anche nella prima squadra dell’Olanda per l’ultima European Golden League.
È entusiasta del nuovo percorso di vita che ha deciso di intraprendere, curioso di arrivare a Sora e conoscere ambienti e persone nuove, ansioso di lavorare con la sua nuova squadra e vivere sulla sua pelle la SuperLega tanto ambita.

Carla De Caris – Respons. Ufficio Stampa Globo Banca popolare del Frusinate Sora

Simone Scopelliti è il volto nuovo del reparto centrale

, ,

Un volto nuovo in arrivo nel reparto centrale della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, si tratta di Simone Scopelliti.

“La scorsa stagione ha giocato tantissimo e bene in SuperLega, – dice coach Maurizio Colucci a proposito del suo nuovo posto 3. È un centrale tecnicamente buono, completo in tutti i fondamentali, soprattutto quelli di attacco e muro”.

Lo scorso anno infatti, per Simone è stato quello dell’esordio nella massima serie italiana dopo tre stagioni di Serie A2 tra le fila della Mater Domini Castellana Grotte prima, dal 2015 al 2017, e a Gioia del Colle poi, nel 2018. Con la maglia della BCC Castellana Grotte, partito sulla carta da terzo, si è ritagliato spazi importanti nel massimo campionato italiano, sia sotto la gestione di coach Paolo Tofoli, ma soprattutto, dopo il cambio alla guida tecnica, durante quella di mister Di Pinto. 70 alla fine i punti totali realizzati, di cui 19 muri, con il 44% di perfezione in attacco.

“Sono contentissimo di avere la possibilità di giocare a Sora, e come potrei non esserlo? è una società che ha fatto sempre bene con i giovani, e anche se non ho più vent’anni, sento che ancora ho tantissimo da imparare. Quello che mi contraddistingue è proprio questo, la voglia di imparare attraverso il lavoro dettato dalla guida giusta, e lo staff tecnico sorano certamente lo è.
Non vedo l’ora di iniziare questa nuova esperienza, la vedo come una tra le cose migliori che potessi fare per il mio futuro pallavolistico”.

Partito dalla Luck Volley Reggio Calabria, il suo percorso di crescita pallavolistica è passato per il settore giovanile di Casa Modena, nel 2011, continuato in quello della Tonno Callipo Vibo Valentia con esperienze anche in prima squadra, fino a diventare titolare in B1 nella Jolly Cinquefrondi nella stagione 2014/2015. Subito il salto di categoria chiamato e confermato dalla Mater Domini al suo centro per due stagioni di A2 prima di cambiare maglia e disputare un’ottima annata nello stesso torneo, con quella del Micromilk Gioia del Colle. Al debutto in SuperLega è stato prontissimo e, nonostante le vicissitudini che hanno relegato il club castellanese all’ultimo posto della classifica, Simone non ha perso mai l’entusiasmo continuando a cavalcare l’occasione percorrendo fino in fondo l’obiettivo che si era posto.

“Il mio obiettivo è sempre quello di fare bene, di dare il mio contributo alla squadra, sia in allenamento che in gara, al 120%. Lavorare bene per dare continuità e partecipare attivamente al raggiungimento degli obiettivi societari. Mi piacerebbe poter vivere una stagione intensa ed entusiasmante come quella che Sora ha archiviato brillantemente pochi mesi fa, raggiungere risultati al di sopra delle aspettative, anche se quest’anno sarà ancora più dura e difficile ma noi punteremo sempre al massimo e a migliorarci giorno dopo giorno. Questo è quello che vorrei anche per il nuovo ambiente in cui entro entusiasta a far parte: lo scorso anno da avversario ho vissuto il calore del movimento e mi è piaciuto davvero tanto.
Per questi motivi penso che Sora sia una società dove è possibile fare bene”.

Quello che rende Scopelliti ancor di più un giocatore dalle caratteristiche giuste per far parte del roster dell’Argos Volley dunque, è la sua tantissima voglia di fare bene e soprattutto di crescere. È giovane, nato a Reggio Calabria il 6 aprile 1994, per cui benissimo si sposa con il progetto di futuribilità nel quale il club volsco crede tantissimo, e dunque altrettanto bene lo staff tecnico potrà lavorare con le doti e le qualità dell’atleta per trarne ancora cose migliori.

Iscritto alla facoltà di Ingegneria Civile e Ambientale, da quando è terminato il campionato che il centrale di 205 centimetri è nella sua casa di Reggio Calabria concentrato sullo studio che a fine luglio gli permetterà di sostenere due esami.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A rinforzare il reparto schiacciatori, Branimir Grozdanov

, ,

Cala un altro asso dalla manica l’Argos Volley e rinforza il reparto schiacciatori, il nuovo terminale offensivo della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è Branimir Grozdanov.

Bulgaro di nascita e di nazionalità sportiva, a soli 25 anni ha già vissuto la pallavolo che conta nei maggiori campionati europei come quello bulgaro, belga, italiano e francese, oltre quello turco, e in squadre di buona caratura come CSKA Sofia, Noliko Maaseik, Besiktas Istanbul, e la Bunge Ravenna.

Per l’atleta conosciuto come “Branko”, è un ritorno nella SuperLega italiana nella quale ha avuto modo di farsi conoscere nella stagione 2016/2017 facendo molto bene a Ravenna agli ordini di coach Fabio Soli, contribuendo al piazzamento della squadra al nono posto della classifica al termine della regular season ma soprattutto alla vittoria dei Play Off Quinto Posto che hanno regalato al club il pass per la Challenge Cup poi alzata al cielo nella stagione seguente, quella 2017/2018, battendo in finale i greci dell’Olympiacos.

“Bramimir è il giocatore che cercavamo – spiega un entusiasta coach Maurizio Colucci -, lo abbiamo inseguito per anni e finalmente siamo riusciti a portarlo a Sora.
Disputando campionati di buon livello, ha acquisito una buona esperienza. Lo ritengo un attaccante di ottimo livello che può ancora crescere e migliorare e, data la sua propensione al lavoro, non sarà difficile procedere in tal senso.
Siamo soddisfatti che abbia scelto di venire a Sora a rinforzare il nostro reparto schiacciatori, su di lui facciamo molto affidamento”.

Nato a Sofia il 21 maggio del 1994, il martello che pensa che a 25 anni il ricordo migliore della pallavolo lo debba ancora vivere pur avendo nel cuore emozioni importanti come la vittoria con la maglia della sua nazionale della medaglia d’argento agli europei di Baku del 2015, arriva in riva al Liri dopo l’esperienza francese.
Due le stagioni all’Arago de Sete, club nel quale ha esordito con le stesse ambizioni che oggi si ripropone, diventare un giocatore offensivo di riferimento nel campionato.

“Siamo molto contenti che questo atleta sia entrato a far parte della nostra società e soprattutto della rosa – dice il General manager Adi Lami -. È il giocatore giusto al posto giusto, in quanto ha tutte le caratteristiche di attacco che cercavamo e che volevamo.
Conosce già il campionato italiano di SuperLega data l’esperienza di tre anni fa a Ravenna dove ha fatto molto bene mostrando le sue doti e qualità tecniche soprattutto in attacco, ma anche in battuta e a muro. Le successive stagioni in Francia gli hanno permesso di acquisire ancor più esperienza, per questo da lui ci aspettiamo molto e siamo certi che, con le sue grandi doti tecniche in attacco, ci darà una grossa mano. Con Grozdanov dunque, abbiamo voluto rinforzare il reparto schiacciatori che durante l’anno sportivo, con il progetto di lavoro che sta sviluppando lo staff tecnico, avrà modo di crescere ancora sia nei fondamentali offensivi che difensivi.
Branko è davvero entusiasta di poter vivere questa nuova esperienza per la sua carriera pallavolistica proprio con la maglia di Sora, e noi siamo sicuri che il suo apporto sarà di fondamentale importanza. Per vie traverse, conosce già molto di noi, della nostra società, della nostra città, della nostra gente, in quanto è legato da un’amicizia fraterna al nostro ex palleggiatore Seganov”.

Con i suoi 198 centimetri di altezza per 92 chilogrammi di peso, Branko scoprì la pallavolo all’età di 15 anni al CSK Sofia. A 19 dal settore giovanile fece il salto nel professionismo, e a 20 lasciò la Bulgaria per vivere la sua prima esperienza all’estero nel club belga del Noliko Maaseik. È proprio al termine di questa stagione 2014/2015, che arrivò per lo schiacciatore la prima convocazione in nazionale dalla quale rientra in patria con l’argento al collo conquistato agli Europei di Baku. Subito dopo firma per il Besiktas Istanbul per la nuova avventura turca alla quale seguirà quella italiana e le due francesi.

Tra le fila della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, Grozdanov consolida la giovane età media della squadra che il vertice societario sta costruendo nel pieno rispetto del progetto che da anni, con determinazione e convinzione, porta avanti. La futuribilità è una delle qualità che lo staff tecnico vede nello schiacciatore bulgaro che dunque, per la stagione 2019/2020, torna a giocare nel campionato più bello del mondo, la SuperLega Credem Banca, in maglia bianconera.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

#RoadTo20192020, in regia Murilo Radke

, ,

La scorsa domenica, con la conferenza stampa di presentazione di coach Maurizio Colucci, si è aperto il sipario sulla nuova stagione dell’Argos Volley, e oggi ne viene presentato il primo nuovo attore protagonista della SuperLega Credem Banca 2019/2020. La regia del grande spettacolo della pallavolo di Serie A che offrirà Sora, è affidata al brasiliano Murilo Radke.

Il palleggiatore brasiliano classe ’89 arriva dalla Turchia dove, con la maglia dell’Arkas Izmir, qualche settimana fa ha lottato fino a gara 5 della Finale Play Off Scudetto e ha partecipato alla 2019 CEV Volleyball Champions League inserita, nel primo turno, nella Pool E assieme alla Sir Colussi Sicoma Perugia, alla Dinamo Mosca e al Tour VB.

“Murilo è il palleggiatore ideale per la nostra squadra – dice un soddisfatto coach Maurizio Colucci -. Appena ho avuto modo di conoscerlo meglio non ho avuto dubbi. E’ un ottimo atleta con grandi qualità sia tecniche, tattiche, che fisiche. E’ un leader che può far crescere e maturare i tanti giovani che avremmo in rosa.
Sono convinto che anche in un campionato impegnativo come la SuperLega, potrà farà molto bene. Ringrazio la società per averlo portato a Sora”.

Radke infatti è al suo esordio in Italia, nella sua carriera pregressa ha avuto modo di mettersi in mostra nella sua nazione natale fino alla stagione 2013/2014, per poi trasferirsi in Montenegro, in Polonia, tornare in Brasile e in fine approdare in Turchia per due anni e in due diversi club. Ora, nel pieno della sua maturità sportiva, dopo una stagione davvero di livello, arriva alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

“Sono davvero molto contento di venire a giocare per Sora – ci tiene a far sapere Murilo -, un club molto serio che negli anni di Serie A ha fatto molto bene. Ringrazio la società per aver pensato a me come palleggiatore della sua squadra con la quale sono davvero entusiasta di esordire nel massimo campionato italiano.
Sarà un anno intenso nel quale lavoreremo duro tutti i giorni in palestra. Non vedo l’ora di iniziare, di arrivare a Sora, conoscere il gruppo e costruire insieme a loro e allo staff tecnico, la nostra stagione in SuperLega.
Un saluto a tutti i tifosi: aspettatemi, ci vediamo presto”.

Il vertice societario dell’Argos Volley lo teneva d’occhio già da qualche tempo e l’ha seguito in Turchia durante la fase Finale Play Off Scudetto vedendolo, sotto 2-0 nella serie, rimontare gare 3 dallo svantaggio di 2 set a 0, portare il Fenerbahce Istanbul al tie-break, salvare 3 palle scudetto e riaprire la contesa, dominare gara 4 ma poi, nel match decisivo, lo scudetto se l’è cucito sul petto il Fenerbahce che, alla fine della stagione, ha centrato l’accoppiata dell’Efeler Ligi, campionato-coppa.

Nato a Porto Alegre il 31 gennaio 1989, il palleggiatore brasiliano che attualmente con i suoi 198 centimetri e 90 chilogrammi di peso tocca uno Spike Reach di 343 centimetri e un Block Reach di 315, è entrato presto anche nel giro della Nazionale verdeoro vincendo l’oro ai Campionati del Mondo Under 21 disputati nel 2009 in India. Presenze importanti anche con la formazione seniores, voluto in rosa sia da coach Bernardo Rezende con il quale ha aggiunto al suo palmares due trofei conquistati ai Giochi Panamericani, l’altro oro guadagnato nel 2011 a Guadalajara e l’argento del 2015 a Toronto, e sia dal suo successore a partire dal 2017, mister Renan Del Zotto, che l’ha convocato per la World League 2017 chiusa sul secondo gradino del podio.

A Radke, oltre alla gestione dei suoi attaccanti, piace anche andare a punto e lo ha dimostrato molto bene nelle ultime due stagioni in Turchia. In quella 2017/2018, con la maglia del Jeopark Kula, ne ha totalizzati ben 97, di cui 43 in attacco, 27 a muro e 27 direttamente dal servizio. Stesso totale realizzato in quella stessa stagione dal primo palleggiatore della SuperLega, come da classifica finale stilata dalla Lega Pallavolo al termine della regular season, Simone Giannelli, con 97 pt/tot di cui 21 ace e 43 muri.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

In posto 2 il braccio armato di Willian Bermudez

, ,

Pieno volley mercato in casa BioSì Indexa Sora con il direttivo Argos che continua a mettere elementi nel carrello: a dare ancora più forma alla squadra dei coach Barbiero e Colucci arriva l’opposto colombiano Willian Alejandro Bermudez Narvaez.

Fresco vincitore della Qatar Volleyball League 2017/2018 con la maglia dell’Al-Rayyan Sports Club superando la formazione dei Police Club Al Arabi Doha, l’opposto colombiano ritorna nella SuperLega Italiana dopo la parentesi della stagione 2014/2015 tra le fila della Revivre Milano.

“Giocatore dall’alto potenziale offensivo dotato di grandi leve – dice coach Maurizio Colucci -. Un ragazzo di ampie prospettive e dal talento ancora tutto da scoprire.
Crediamo molto nel potenziale di Willian e siamo convinti che con le sue qualità potrà dare un grande aiuto al raggiungimento dei nostri obiettivi sportivi. Anche lui crede tanto in noi, infatti dice apertamente di aver scelto Sora per acquisire quell’esperienza e quella tecnica necessaria a fare il salto di qualità”.

Dal volto latino dunque il primo elemento in quota extracomunitaria di Patron Giannetti che, nel pieno del perfetto stile societario, ha lavorato assieme al suo staff tecnico con a capo il General Manager Adi Lami, alla ricerca di buone potenzialità da far emergere, da modellare e poi da far esplodere come successo negli anni passati per i vari Petkovic, Miskevich e così via.

Willian Bermudez, nato nella città colombiana di Cali il 5 agosto del 1994, 205 centimetri di altezza per uno spike reach di 368 cm e un block reach da 346 cm, ha già alle spalle una carriera ricca di successi sia nel campionato del proprio paese che con la nazionale, ma anche nelle esperienze vissute nei tornei europei.
In Colombia ha esordito a soli 15 anni, nel 2009, nella squadra seniores del Valle Voleibol, club nel quale ha poi militato anche nella stagione 2013/2014 aggiungendo alla sua bacheca personale un altro titolo nazionale. Con la nazionale giovanile invece ha esordito nel 2010 aggiudicandosi il terzo posto ai Giochi Sudamericani, mentre con la maglia di quella maggiore, le qualificazioni ai Mondiali 2014.
In Europa ha preso parte oltre al campionato italiano, anche a quello greco nell’anno sportivo 2012/2013 con la maglia del Paok Thessaloniki. Di esperienze importanti dunque, il giovane opposto colombiano Willian Alejandro Bermudez Narvaez, ne ha già maturata più di qualcuna e da oggi inizia ufficialmente la nuova avventura con la BioSì Indexa Sora.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Via al mercato, Gabriele Di Martino è il nuovo centrale

, ,

Non è stato ancora reso noto il progetto della BioSì Indexa Sora che sarà, quella che disputerà il prossimo campionato di SuperLega 2018/2019, ma la società Argos Volley comincia a ufficializzare le nuovi pedine del suo scacchiere.
Alla corte dei coach Barbiero e Colucci arriva Gabriele di Martino, centrale classe 1997 proveniente da Wixo LPR Piacenza ma che vanta anche numerose presenze nelle Nazionali giovanili dove si è eletto a vice Campione Europeo, e piazzato al quinto posto ai campionati del mondo.

Nato nella capitale, Gabriele ha mosso i suoi primi passi ed è cresciuto pallavolisticamente nel club dell’M.Roma Volley. A 16 anni, l’ingresso al Club Italia ha contribuito alla sua formazione professionistica grazie anche alle esperienze vissute sui campi della Serie B e della A2 fino a quelle in Nazionale dove attualmente veste la maglia dell’Under 21 e con la quale ha attraversato periodi intensi anche sotto la guida di coach Mario Barbiero che ora, a Sora, ritrova.
Dopo tre stagioni nel club della Federazione, il salto in SuperLega lo ha fatto con Molfetta con i quali colori ha disputato nove gare di campionato prima di trasferirsi alla LPR Piacenza, club che lo ha confermato anche nella stagione successiva, quella 2017/2018.
Nei match contro Sora, a seguito delle scelte di coach Giuliani, Di Martino non ha potuto mettersi in mostra, ma lo staff tecnico di corso Volsci ha potuto ammirare e apprezzare le sue doti in ben altre circostanze.

“È un centrale dalle caratteristiche molto buone – dice coach Barbiero che l’ha fortemente voluto e che soprattutto lo conosce molto bene in quanto già suo atleta nelle squadre della federazione -. È un centrale con caratteristiche tecniche molto buone, completo in tutti i fondamentali: in attacco e a muro si fa valere con un buon senso della posizione e una buona tecnica, e anche in battuta ha un ottimo rendimento”.

Gabriele Di Martino dunque, che identifica l’esperienza più significativa della sua vita nella scelta di giocare a pallavolo, è il nuovo centrale della BioSì Indexa Sora e primo movimento di mercato di Patron Giannetti e del General Manager Adi Lami.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Con Edoardo Caneschi, Sora chiude il reparto centrale

, ,

La BioSì Indexa Sora chiude anche il reparto centrale e lo fa con il giovanissimo Edoardo Caneschi.

“Nella passata stagione ha giocato da titolare la Serie A2 tra le fila del Club Italia – spiega coach Mario Barbiero -, dimostrando di essere un atleta dalle ottime qualità sia fisiche che tecniche e dalle grandi prospettive. Con lo staff tecnico e la società puntiamo su di lui e ovviamente sulla sua crescita per poterlo lanciare in SuperLega”.

Classe 1997, a soli 15 anni, nel 2012, lascia il Volley Arezzo selezionato per far parte del progetto della Federazione Italiana Pallavolo, il Club Italia, che accoglie gli atleti più promettenti del territorio nazionale. Per cinque stagioni Edoardo Caneschi ha vestito la maglia federale come anche quella della Nazionale pre-juniores e Under 19 allenato proprio da coach Barbiero sia negli anni delle Serie B, che nelle esperienze azzurre.

“Le cinque stagioni al Club Italia sono state una grandissima esperienza formativa – racconta il centrale -, i primi tre anni a Vigna di Valle sono stati duri, ma grazie al gruppo che avevamo formato sono risultati comunque bellissimi.
I successivi due, quelli della Serie A2 a Roma, sono stati migliori dal punto di vista della locazione ma naturalmente il livello del lavoro è aumentato tantissimo. In breve, se non fosse stato per questi cinque anni al Club Italia adesso non sarei qui”.

Per Edoardo dunque quella 2017/2018 sarà la prima stagione in un club societario come anche in SuperLega:

“La chiamata è stata inaspettata: sono rimasto molto sorpreso perché non avrei mai immaginato di riceverla da un club di massima categoria e dunque ne sono felicissimo. Ma se da un lato ne ero lusingatissimo, dall’altro ero anche abbastanza combattuto dal pensiero che facendo il grande passo non avrei avuto tante occasioni di calcare campi. Sulla decisione definitiva però ha pesato molto la mia voglia di crescere e a Sora ho l’opportunità di farlo con un ottimo coach quale Mario Barbiero. Lavorerò, migliorerò, dando sempre il massimo di me stesso e quando sarò pronto la soddisfazione sarà doppia sia per me che per chi ha creduto in me”.

Eh già, perché Edoardo ritroverà proprio uno dei suoi primi e indiscussi maestri di vita pallavolistica e non solo:

“Mario Barbiero mi ha cresciuto – racconta emozionato -, ha reso un piccolo ragazzo scoordinato quello che sono adesso. Ha creduto in me anche quando molti non lo avrebbero fatto. Per questo sono convito che fare questo importante passo della mia vita con lui sia il metodo migliore per dare inizio a una nuova avventura.
Anche l’ottimo progetto societario ha influito positivamente, sono giovane e trovare chi crede in noi fa sempre piacere. Il livello tra la serie nella quale militavo e la SuperLega è nettamente differente, la velocità di gioco e la forza degli avversari non è comparabile a nessuna squadra di A2 che ho affrontato, però sarò capace di abituarmi a tutto questo il più velocemente possibile”.

“Dei nuovi compagni – continua il centrale aretino di 205 centimetri -, ne conosco alcuni solo di vista perché ci ho giocato contro durante il mio primo anno di A2, però non vedo l’ora di incontrarli, di instaurare un buon rapporto con loro e fare gruppo.
Altra cosa che voglio fare al più presto è visitare la città e cominciare a fare le prime amicizie cittadine”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Un centro made in USA, Mitchell Penning

, ,

Colpisce al centro il mercato dell’Argos Volley e ancora in America, alla corte di coach Barbiero arriva Mitchell Penning.

Ancora giovani, ancora atleti di prospettiva futura ma soprattutto nuovi alle dinamiche del campionato italiano di SuperLega, questa è la linea dello staff tecnico e del vertice societario dell’Argos Volley ribadita anche qualche giorno fa in sede di conferenza stampa.

“Nato il 17 aprile del 1995, Penning con i suoi 204 centimetri e 100 chilogrammi di peso, raggiunge uno spike di 358 cm e blok di 346 – spiega coach Maurizio Colucci -. È un centrale fisico che al momento spicca soprattutto per le sue qualità di muro, fondamentale nel quale negli ultimi anni, in classifica generale, è sempre stato tra i primi dieci del suo campionato. Sono certo che potrà darci un buon contributo anche con la sua battuta jump-spin, come potrà fare altrettanto bene in attacco dove ha ampi margini di miglioramento. Credo dunque che, con un lavoro mirato potremmo arrivare al raggiungimento di ampi margini di crescita”.

Dello stesso avviso è anche Coach Mario Barbiero:

“Mitch è stato scelto per le sue spiccate qualità e prospettive sia a muro che in attacco, oltre che le buone attitudini al servizio. Io e tutto lo staff tecnico lo abbiamo indicato per un progetto pluriennale perché crediamo nei suoi grandi margini di crescita”.

Penning si è diplomato nel 2013 alla Westminster Christian Academy e dalla stagione 2013 a quella 2017 ha vestito la maglia della Pepperdine University (università Statunitense con sede a Malibù in California) disputando il Campionato NCAA.

Ha fatto parte anche della nazionale stelle e strisce partecipando assieme al suo nuovo compagno di squadra Kupono Fey, al Campionato Mondiale Under 21 disputato in Messico. Il suo atleta preferito è Karch Kiraly, ama mangiare la bistecca, seguire la serie tv NCIS, leggere la Bibbia e riguardare di tanto in tanto il film Anchorman.
In Italia, e soprattutto a Sora, avrà modo di scoprire e di appassionarsi a tante nuove cose ma soprattutto alla pallavolo più bella del mondo, quella del campionato di SuperLega.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Il Gm Lami e Coach Barbiero fanno il punto sul mercato

, ,

La Biosì Indexa Sora fa il punto sul mercato e sul progetto ben delineato nelle menti “tecniche” dello staff: il focus su arrivi, partenze e riconferme è anch’esso emerso nella conferenza stampa dello scorso 3 luglio, quando al banco dei relatori è stato ufficializzato che il PalaGlobo “Luca Polsinelli” resterà il campo da gioco per la prossima stagione di SuperLega, quella 2017/2018.

I relatori presenti nella sala hospitality dell’impianto di via Ruscitto sono stati i patron Gino e Ivan Giannetti, il presidente dell’Argos Volley Enrico Vicini, il vice-presidente Ubaldo Carnevale, il general manager della Biosì Indexa Adi Lami, il coach Bruno Barbiero e l’avvocato Mario Cioffi. Ad offrire una panoramica generale delle partenze e ad esprimere il punto di vista societario sull’addio dell’opposto Radzivon Miskevich è lo stesso Gm Lami, che spiega:

“Un primo bilancio parla chiaro: ad oggi possiamo dirci soddisfatti delle operazioni concluse e degli arrivi, individuati dal nostro staff tecnico e portati a Sora grazie alla lungimiranza della proprietà e dei nostri partner commerciali. Ovviamente, come sono previsti gli arrivi, per ogni club esistono le partenze, atleti che fanno scelte diverse: lo schiacciatore Kalinin si è accasato con la Dinamo Mosca; il centrale Gotsev ha deciso di voler provare il campionato francese ed è andato in forza al Tours; il martello Tiozzo anche vestirà la maglia di un’altra società; il centrale Sperandio, dopo tre stagioni e dopo aver contribuito alla straordinaria promozione in SuperLega, ha deciso di sottoscrivere un contratto con il Padova e riavvicinarsi così a casa, essendo lui di Treviso; al libero Corsetti stiamo cercando di dare la possibilità di tornare a giocare in altre categorie, come condiviso con lui stesso. Per quanto concerne la situazione Miskevich, ci tengo a precisare che è stato il giocatore che nella scorsa stagione ci ha fatto più divertire, è stato uno tra quelli più amati dal pubblico, oltre le doti tecniche viste sul campo ha mostrato anche un comportamento esemplare singolare per un ragazzo giovane. Dopo aver sottoscritto il rinnovo, sono arrivate diverse proposte per lui. Abbiamo dunque dovuto ragionare su cosa fosse meglio per l’atleta e per la società stessa: su base razionale abbiamo per cui lasciato che il ragazzo potesse calcare un nuovo terreno, ma la cessione di questa pedina non inficia certo il nostro progetto, che è e resta quello di mettere in campo una buona rosa, giovane, con grosse potenzialità e farla crescere grazie all’ausilio di un tecnico come Barbiero”.

Alle parole di Lami seguono quelle del neo allenatore Barbiero, che ha ben chiaro in testa quanto importante sia il suo ruolo in termini di crescita e progettualità per il club volsco:

“Ci sono atleti essenziali che restano a Sora come Mattia Rosso, il quale credo sia la figura adatta a vestire la maglia da capitano e a fungere da traino per tutto il gruppo. Poi Seganov è un palleggiatore che conoscete bene e noi riteniamo che stia crescendo molto e che sia un punto di riferimento considerevole. Mattei è un guerriero, colui che forse meglio rappresenta l’anima del nostro progetto. A Lucarelli e Mauti, i due sorani, daremo delle responsabilità maggiori rispetto lo scorso anno: Lucarelli come quarto attaccante-ricettore è un giocatore che riteniamo possa crescere molto. Mauti, mentre l’anno scorso ricopriva il ruolo di schiacciatore, quest’anno sarà il secondo libero. Per quanto riguarda i nuovi, di Kupono Fey possiamo dire che è un ragazzo molto effervescente e dinamico, che ci darà una grande mano nel fondamentale della ricezione. Nielsen sta giocando ora con la sua nazionale, è un martello molto giovane che spicca per le qualità offensive. Dunkan invece è un opposto, atleta in prospettiva con grandi qualità fisiche che esce dal proprio Paese per la prima volta ma che non vede l’ora di incominciare.
Il progetto che la proprietà mi ha proposto, e che io condivido appieno, si sta concretizzando con una squadra giovane, che vuole essere la sorpresa del campionato. Vogliamo creare un buon ambiente in palestra, con un clima che sia estremamente positivo, così da portare apprendimento e tranquillità, per trasmetterli successivamente a chi verrà a vedere la partita. Mi auguro di avere un appoggio anche dai tifosi affinché la nuova rosa possa aggregarsi e coalizzarsi, ed una condizione tale è il miglior collante. I grandi percorsi si fanno partendo con le idee chiare, piedi per terra ed obiettivi precisi. Noi vogliamo fare un buon campionato e ce la metteremo tutta, in allenamento ed in partita”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Dalla York University l’opposto canadese Alex Duncan Thibault.

, ,

Movimenti di mercato anche in posto 2 per la BioSì Indexa Sora che ingaggia il canadese Alex Duncan Thibault.
Si spostano così, dalle isole Hawaii alla regione dell’Ontario, gli interessi oltreoceano dell’Argos Volley che dalla York University pesca un giocatore dalle spiccate qualità fisiche che al termine dell’ultima stagione sportiva è stato insignito di due riconoscimenti importantissimi quali il premio come Giocatore dell’anno e quello per meriti sportivi. 305 i punti totali messi a segno per una media di 20 a match, questa l’ottima e fondamentale stagione di Alex per farsi notare e conoscere.

Nato il 4 maggio 1994, l’opposto di 2 metri di altezza e 93 chilogrammi di peso, lascerà per la prima volta il suo paese e il suo college nella quale squadra del York University appunto, ha militato dal 2012 a oggi.
Non si è mai confrontato con una pallavolo, con campioni o con campionati diversi, ma dell’opposto dalle spiccate qualità fisiche, dotato di un buon salto con un reach spike di 356 centimetri e un reach block di 340, coach Colucci dice:

“Alex Duncan Thibault è un atleta dalle grandi potenzialità sia fisiche che tecniche. Ha bisogno di buon lavoro e di confrontarsi con atleti di livello per poter emergere in un campionato del calibro della SuperLega e questo è il programma che con lo staff tecnico abbiamo in mente per lui”.

Alla società volsca di Patron Giannetti restano ancora poco più di 20 giorni per ultimare il roster in vista del Volley Mercato e della sua chiusura, previsto nei giorni del 18-19-20 luglio a Bologna. Per ora i coach Barbiero-Colucci possono contare sul palleggiatore Georgi Seganov, che già prima della fine della scorsa stagione aveva confermato e firmato la sua presenza in maglia bianconera; sugli schiacciatori Mattia Rosso arrivato alla terza presenza, e sui nuovi acquisti Rasmus Nielsen Breuning e Kupono Fey; e sull’altro riconfermato, il centrale Andrea Mattei.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora