Articoli

Giovani futuribili, ecco il regista Manuel Alfieri

, ,

Nella fucina Argos Volley è in arrivo un altro giovane, interessante e futuribile, con il quale lo staff tecnico potrà ben lavorare e portare avanti il progetto societario, il palleggiatore Manuel Alfieri.

Classe 1998, pescarese di nascita, Manuel ha appena concluso un biennio in regia tra le fila della Conad Lamezia che, grazie anche al suo ottimo apporto, gli ha fatto vivere l’emozione della vittoria del Campionato di Serie B e la sua prima esperienza in A2. Ora, con la maglia della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, terzo salto in tre stagioni, un grandissimo balzo verso l’alto che gli spalanca le porte dell’Olimpo del Volley.

“La SuperLega per me è un ambiente nuovissimo – dice l’alzatore Alfieri -, tutta un’altra, sicuramente bellissima cosa, rispetto alle esperienze precedenti. Ovvio che il pensiero vola verso l’emozione di vivere il campionato più bello del mondo, di affrontare gli atleti più forti in circolazione, ma la cosa che reputo più importante sarà crescere, e sono certo che Sora è il posto giusto per farlo. Tutto l’ambiente mi metterà nelle condizioni: la competenza dello staff tecnico guidata da coach Colucci, il palleggiatore Murilo Radke che sarà un esempio da seguire e che con onore farò cercando di imparare quanto più possibile, e tutti i compagni di squadra che non sono sicuramente alla loro prima esperienza”.

Dello stesso avviso è anche coach Maurizio Colucci:

“Con l’arrivo di Manuel chiudiamo il reparto palleggiatori. Si tratta di un giocatore di prospettiva sul quale si può lavorare bene. Ho avuto modo di visionarlo nelle gare disputate la scorsa stagione e credo sia un atleta che potrà darci un buon contributo.
Ha sicuramente tanta voglia di lavorare e vorrà mettersi in mostra in un campionato importante, ma soprattutto sono convinto che vicino a un pari ruolo come Murilo Radke, crescerà molto”.

Partito dal settore giovanile della Cucine Lube Civitanova che nella sua under 16 lo vedeva schiacciatore, nel 2014 lo staff tecnico della Virtus Fano ha messo in evidenza le sue doti di palleggiatore, ruolo che non ha più abbandonato. Dal 2015 al 2017 il percorso pallavolistico di Manuel si è spostato a Segrate dove ha vinto lo scudetto con l’Under 19, e ha vissuto la sua prima esperienza in Serie B2 e B.
Per la stagione 2017/2018 ha attraversato tutta l’Italia per approdare a Lamezia dove, a 19 anni, ha vissuto la sua prima vera prova del nove.

“Appena arrivato a Lamezia – racconta il palleggiatore pescarese -, una cavalcata nel campionato di Serie B ci ha portato a una grande promozione in A2, serie nella quale non pensavo di poter avere tanto spazio, e invece poi sono arrivate davvero belle esperienze”.

La scorsa stagione infatti, quella in Serie A2, nonostante avesse davanti il pari ruolo portoricano Brian Negron, il giovane Alfieri l’ha chiusa con 40 punti totali realizzati di cui 14 ace e 10 muri.

Ha da poco compiuto 21 anni, ma le cronache maceratesi parlavano di lui, del baby campione italiano under 18 di beach volley, già nel 2013. Non solo volley indoor dunque per Manuel, ma anche, da sempre, tantissimo beach.
Attualmente nel team della 4 Vele Beach Volley Academy di Pescara, in coppia con Mauro Sacripanti, e detentori del titolo Under 21, si allenano quotidianamente per una nuova stagione sulla sabbia partita molto bene con la vittoria di due Serie Beach 1. Nei programmi della coppia, il Campionato Italiano che li vedrà impegnati nella prossima tappa di Cesenatico, e il World Tour a Lubiana e in Polonia.

“Sarà un’estate molto ricca per noi – continua Manuel -. Classifica permettendo, abbiamo un planning fitto di appuntamenti in giro per l’Italia e non solo, sempre però con un occhio alla data X, quella che mi porterà a Sora e mi troverà pronto, in forma, carico di energie per affrontare tutto ciò che mi si presenterà.
Nell’aria c’erano altre idee, progetti, per la mia prossima stagione indoor, ma appena è arrivata la chiamata di Sora, non è più esistito niente altro, è quel treno sul quale si deve salire assolutamente.
Il mio proposito è decisamente quello di lavorare e bene, di crescere tecnicamente e mentalmente al fine di andare oltre l’allenamento e perché no, toccare il campo. Il livello sarà esageratamente più alto rispetto a qualsiasi campionato io abbia mai vissuto finora, ma ce la metterò tutta. Il salto di categoria non mi spaventa. Qualche pensiero in più in testa sicuramente frulla, ma sono un tipo che si ambiente e tranquillizza subito.
Alcune persone “addetti ai lavori” mi hanno parlato benissimo della società e mi hanno consigliato di venire a Sora senza esitare in quanto sicuramente mi sarei trovato bene. E io avevo già deciso a prescindere, ma sapere da persone di cui mi fido che il suo buon nome la precede, rafforza certamente la mia decisione.
Non vedo l’ora di iniziare! Di rivedere Gabriele Di Martino amico sulla sabbia, di conoscere i nuovi compagni, lo staff tecnico, societario e tutti i tifosi e amici che accompagneranno Sora nella sua nuova stagione di SuperLega”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

#RoadTo20192020, in regia Murilo Radke

, ,

La scorsa domenica, con la conferenza stampa di presentazione di coach Maurizio Colucci, si è aperto il sipario sulla nuova stagione dell’Argos Volley, e oggi ne viene presentato il primo nuovo attore protagonista della SuperLega Credem Banca 2019/2020. La regia del grande spettacolo della pallavolo di Serie A che offrirà Sora, è affidata al brasiliano Murilo Radke.

Il palleggiatore brasiliano classe ’89 arriva dalla Turchia dove, con la maglia dell’Arkas Izmir, qualche settimana fa ha lottato fino a gara 5 della Finale Play Off Scudetto e ha partecipato alla 2019 CEV Volleyball Champions League inserita, nel primo turno, nella Pool E assieme alla Sir Colussi Sicoma Perugia, alla Dinamo Mosca e al Tour VB.

“Murilo è il palleggiatore ideale per la nostra squadra – dice un soddisfatto coach Maurizio Colucci -. Appena ho avuto modo di conoscerlo meglio non ho avuto dubbi. E’ un ottimo atleta con grandi qualità sia tecniche, tattiche, che fisiche. E’ un leader che può far crescere e maturare i tanti giovani che avremmo in rosa.
Sono convinto che anche in un campionato impegnativo come la SuperLega, potrà farà molto bene. Ringrazio la società per averlo portato a Sora”.

Radke infatti è al suo esordio in Italia, nella sua carriera pregressa ha avuto modo di mettersi in mostra nella sua nazione natale fino alla stagione 2013/2014, per poi trasferirsi in Montenegro, in Polonia, tornare in Brasile e in fine approdare in Turchia per due anni e in due diversi club. Ora, nel pieno della sua maturità sportiva, dopo una stagione davvero di livello, arriva alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

“Sono davvero molto contento di venire a giocare per Sora – ci tiene a far sapere Murilo -, un club molto serio che negli anni di Serie A ha fatto molto bene. Ringrazio la società per aver pensato a me come palleggiatore della sua squadra con la quale sono davvero entusiasta di esordire nel massimo campionato italiano.
Sarà un anno intenso nel quale lavoreremo duro tutti i giorni in palestra. Non vedo l’ora di iniziare, di arrivare a Sora, conoscere il gruppo e costruire insieme a loro e allo staff tecnico, la nostra stagione in SuperLega.
Un saluto a tutti i tifosi: aspettatemi, ci vediamo presto”.

Il vertice societario dell’Argos Volley lo teneva d’occhio già da qualche tempo e l’ha seguito in Turchia durante la fase Finale Play Off Scudetto vedendolo, sotto 2-0 nella serie, rimontare gare 3 dallo svantaggio di 2 set a 0, portare il Fenerbahce Istanbul al tie-break, salvare 3 palle scudetto e riaprire la contesa, dominare gara 4 ma poi, nel match decisivo, lo scudetto se l’è cucito sul petto il Fenerbahce che, alla fine della stagione, ha centrato l’accoppiata dell’Efeler Ligi, campionato-coppa.

Nato a Porto Alegre il 31 gennaio 1989, il palleggiatore brasiliano che attualmente con i suoi 198 centimetri e 90 chilogrammi di peso tocca uno Spike Reach di 343 centimetri e un Block Reach di 315, è entrato presto anche nel giro della Nazionale verdeoro vincendo l’oro ai Campionati del Mondo Under 21 disputati nel 2009 in India. Presenze importanti anche con la formazione seniores, voluto in rosa sia da coach Bernardo Rezende con il quale ha aggiunto al suo palmares due trofei conquistati ai Giochi Panamericani, l’altro oro guadagnato nel 2011 a Guadalajara e l’argento del 2015 a Toronto, e sia dal suo successore a partire dal 2017, mister Renan Del Zotto, che l’ha convocato per la World League 2017 chiusa sul secondo gradino del podio.

A Radke, oltre alla gestione dei suoi attaccanti, piace anche andare a punto e lo ha dimostrato molto bene nelle ultime due stagioni in Turchia. In quella 2017/2018, con la maglia del Jeopark Kula, ne ha totalizzati ben 97, di cui 43 in attacco, 27 a muro e 27 direttamente dal servizio. Stesso totale realizzato in quella stessa stagione dal primo palleggiatore della SuperLega, come da classifica finale stilata dalla Lega Pallavolo al termine della regular season, Simone Giannelli, con 97 pt/tot di cui 21 ace e 43 muri.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora