Articoli

A una bellissima Sora è mancato solo il risultato

, ,

Gara entusiasmate all’AGSM Forum di Verona con la BioSì Indexa Sora a condurre e la Calzedonia a rincorrere per poi conquistare gara 1 dei Quarti di Finale Play Off Challenge UnipolSai sul 21-19 del tie break.

Al grido di “la gente come noi non molla mai” i volsci, con molta attenzione a tutti gli aspetti tecnici, hanno messo in pratica le indicazioni della loro guida tecnica e, tenendo fisicamente e mentalmente tutta la partita, creano moltissime possibilità di conquistare gara 1, ma Verona risorge sempre dalle sue ceneri.

Sulla carta la Calzedonia partiva favorita anche se il campo per emettere il suo verdetto l’ha dovuta vedere sudare e lavorare duramente con la spinta motivazionale che l’ha fatta decisamente da padrona, piena dell’entusiasmo dei sorani ed evidentemente del contraccolpo psicologico degli scaligeri delusi dopo l’uscita dai Play Off scudetto dove puntavano almeno alla serie di semifinale.

La BioSì Indexa si è proposta subito con un buon ritmo gara nelle gambe e nella testa, sicuramente un po’ affaticati dai tre match disputati in dieci giorni che al quinto set odierno non l’hanno vista mai mollare, ma mentalmente carica e preparata.

La vittoria è però della Calzedonia Verona che mette in cascina il primo tassello dei tre necessari per passare il turno, sicuramente un bel vantaggio ma gara 2, che si disputerà domenica prossima, 2 aprile alle ore 18 al PalaGlobo “Luca Polsinelli”, offrirà il vantaggio del fattore campo e pubblico ai volsci.

“È stata una buona partita giocata bene da entrambe le squadre – dice a caldo coach Colucci -, anche se a fasi alterne. Sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi quasi in tutti i fondamentali. Quello che ci è mancato è stato solo il risultato, conscio però che per gara 2 qualche fondamentale andrà risistemato”.

Allo starting players la guida tecnica scaligera, Nikola Grbic, si affida alla diagonale Baranowicz-Stern, la coppia di posto 3 Anzani-Zigel, gli schiacciatori Randazzo e Kovacevic, e Giovi libero.
Coach Colucci invece sfida l’AGSM Forum con il suo sestetto tipo e dunque Seganov in cabina di regia opposto a Miskevich, Kalinin e Rosso martelli-ricettori, Gotsev e Mattei al centro della rete, e Santucci libero.

Con 2 ace di Seganov, Sora apre il match in accelerazione con l’1-3 trasformato nel 3-6. Con un contro break Verona aggancia, ma l’altro ace di Miskevich e il granitico muro di Mattei ai danni di Randazzo riportano gli ospiti sul +3 del 7-10. Qualche errore al servizio dei ragazzi di coach Colucci, e Stern che comincia a farsi vedere sulla rete, fanno tornare la parità sul tabellone, 13-13. Si gioca palla su palla nella parte centrale del set con Mattei a dominare da una parte del campo e Kovacevic dall’altra. Con Stern e Gotsev il punteggio sale fino al 19-19 quando capitan Rosso gioca sulle mani alte del muro per il cambio palla che apre un parziale positivo di 4-0 con Gotsev al servizio. La guida tecnica locale richiede il time out discrezionale per spezzare il gioco e consigliare i suoi, ma alla ripresa, dopo la bella giocata a una mano di Baranowicz finalizzata da Kovacevic, Rosso sfonda il muro a 3 e lo schiacciatore mancino manda out l’attacco che vale il 20-25 e dunque il vantaggio set per gli ospiti.

Gioco più equilibrato nel secondo game con Kovacevic che sfodera tutti i suoi colpi di attacco ma con Gotsev che lo cerca bene a muro e lo trova per il 4-4. Coach Colucci richiede l’ausilio del video check che inverte la decisione arbitrale mentre mister Grbic cambia il suo centro mandando in campo Mengozzi per Zigel che autografa subito un punto a muro. Dopo l’ace di Miskevich ancora una chiamata vincente dell’occhio elettronico per l’head coach volsco che vale il 7-8. A sbloccare l’equilibrio sono i padroni di casa con un turno positivo dai nove metri del palleggiatore finalizzato nel 4-0 del 13-10 da Kovacevic. Richiama i suoi coach Colucci e alla ripresa del gioco, dopo l’ace di Kalinin, la BioSìn Indexa aggancia il 13-12 per poi sorpassare 16-17 con Rosso a eludere il muro giallo-blu e Mattei a chiudere ogni varco sulla rete a Lecat da poco subentrato a Randazzo. Il punteggio galleggia fino al 22-22 con gli scaligeri che cambiano la loro regia inserendo Paolucci e i volsci che trovano in Gotsev un buon terminale offensivo. Sale in cattedra Randazzo, rientrato in prima linea, autografando 3 dei 4 punti che portano la Calzedonia alla vittoria del set 25-22.

Tutto da rifare per entrambe le squadre che tornano in campo sull’1-1 in fatto di conteggio set, Verona lo fa confermando Paolucci in regia e Mengozzi al centro, mentre Sora sul 4-2 è costretta a inserire Marrazzo in seguito a uno scontro in fase di recupero con Kalinin. Gotsev mura la pipe di Randazzo per il 5-5 e poi Anzani per il 9-8 preceduto dall’ace di Paolucci. Arrivano due mini break positivi della BioSì Indexa, uno guidato da un super Gotsev non tenuto in battuta da Kovacevic che vale il 10-11, e chiuso da Marrazzo in seconda intenzione per l’11-14. Mister Grbic sostituisce di nuovo Randazzo con Lecat ma Sora mantiene stretta le 3 lunghezze di vantaggio nonostante i colpi che gli avversari sferrano con il 16-19 e il 18-21. Rosicchia punti importanti la Calzedonia per l’aggancio del 20-21 che fa proseguire la contesa palla su palla e la porta ai vantaggi. È ancora lui, il centrale bulgaro ex Verona, Sveto Gotsev, a chiudere il set 24-26 murando l’attacco di Kovacevic.

Con il vantaggio del 2-1 Sora torna in campo con Sperandio al centro della rete da dove va a segno due volte consecutive per il 2-3. Baranowic fa rispondere Mengozzi per il 5-4 a premere per primi sull’acceleratore sono i padroni di casa con i 3 punti consecutivi di Kovacevic che si traducono nel 9-6. Lo emula immediatamente il capitano bianconero per il contro break che vale il pareggio dell’11-11. Continua a macinare gioco lo schiacciatore serbo che manda il suo palleggiatore al servizio dove comincia a tracciare un solco importante per i suoi che segna sul tabellone il 18-13. Sora non riesce a contrastare il momento positivo del suo avversario e sul 23-18 molla la presa e si prepara mentalmente al tie break. Verona pareggia i conti con un 25-18.

La BioSì Indexa alza subito la testa e conquista il largo con il largo con il 3-6 trasformato nel 4-8 del cambio campo con Miskevich a dettare le regole. Sul 6-11 Verona rientra nel set con un mini break che riduce le distanze, e poi con Kovacevic aggancia 12-13. L’opposto bielorusso porta i volsci al match ball mna il serbo non ci sta e rimanda tutto ai vantaggi. Si lotta palla su palla con il livello di gioco che si impenna. Sora è sempre un passo avanti e fino al 18-18 ha sempre la possibilità di chiudere ma non lo fa. Così ancora lui, il posto 4 platinato, ribalta la situazione e l’ex Anzani si fa trovare pronto sula rete a blindare il 21-19 che vale set e match.

CALZEDONIA VERONA – BIOSÌ INDEXA SORA 3-2

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz 2, Stern 15, Kovacevic 33, Randazzo 17, Ferreira 1, Anzani 7, Zingel, Giovi (L), Paolucci 2, Mengozzi 8, Lecat 1, Djuric n.e.. I All. Nikola Grbic; II All. Matteo De Cecco. B/V 4; B/P 26; Muro 15.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 2, Miskevich 29, Kalinin 4, Rosso 15, Gotsev 13, Mattei 6, Santucci (L), Marrazzo 1, Sperandio 4, Tiozzo, De Marchi, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Maurizio Colucci. B/V 9; B/P 17; Muro 11.

ARBITRI: Gnani Giorgio, Rapisarda Daniele.

PARZIALI: 20-25 (’22); 25-22 (‘26); 24-26 (‘31); 25-18 (’22); 21-19 (’26).

MVP: Kovacevic.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Gino Giannetti: “La gente come noi non molla mai”

, ,

La notizia è stata che la BioSì Indexa Sora si è qualificata ai Quarti di Finale Play Off Challenge UnipolSai e lo ha fatto mettendo a segno un grande colpo in rimonta su Padova. Ora, con il pass in tasca, se ne va a Verona dove la Calzedonia ha atteso ben due settimane prima di conoscere la propria avversaria, e in questo periodo, valutando le varie possibili candidate, diceva di Sora: “bestia nera della nostra stagione in quanto ha saputo trafiggere la squadra scaligera in Coppa Italia”.

Rosso e compagni dunque, nel turno degli Ottavi al meglio delle tre gare iniziato con una sconfitta in trasferta, hanno riaperto la serie al PalaGlobo “Luca Polsinelli” rimettendola in discussione seriamente con grande consapevolezza della forza dei propri mezzi e con la mentalità giusta per sopportare una tensioni del genere. Sono tornati mercoledì nuovamente alla Kione Arena e hanno ribaltato la serie vincendo la sfida senza appello che vale il prolungamento della stagione, andando dritti al cuore del loro obiettivo. Una rimonta incredibile e a tratti impossibile, che le permetterà di essere nuovamente in campo sabato alle ore 20,30 per i Quarti di Finale Play Off Challenge UnipolSai per affrontare la Calzedonia Verona, reduce dalla vittoria in amichevole contro Trento ma anche dalla sconfitta per mano di Modena che le è costata l’uscita dalla corsa Play Off Scudetto.

“E’ un risultato che abbiamo voluto tenacemente. La contentezza più grande è che questo è il nostro Sora. Mi aspetto un grosso seguito da parte del pubblico e del territorio, vivremo tutto serenamente ma con il giusto piglio perché, come cantano anche i nostri tifosi, la gente come noi non molla mai”.

Questa la dichiarazione a caldo del Patron Gino Giannetti appena terminata la gara alla Kione Areana che la sua BioSì Indexa Sora ha vinto nettamente per 3-0.
Coch Colucci invece ci ha tenuto a fare i complimenti ai suoi ragazzi:

“Sono stati molto attenti agli aspetti tecnico tattici, mettendo in pratica tutto ciò che ci eravamo detti durante i giorni precedenti la gara. Sono molto contento del risultato e di come è arrivato, ma anche della tenuta fisica e mentale dei miei ragazzi per tutta la durata della partita. Abbiamo poco tempo per recuperare le energie prima di Verona, ma ci siamo organizzati per allenarci nel migliore dei modi”.

La post season è tutto un altro torneo rispetto alla stagione regolare dove nulla può essere dato per scontato, dove ogni gara vale davvero molto se non tutto, ma soprattutto dove le squadre mostrano un volto nuovo. Basti pensare alla scorsa stagione di SuperLega quando Piacenza si piazzò ultima al termine della Regular Season riuscendo poi a vincere i Play Off Quinto Posto aggiudicandosi l’accesso alla Challenge Cup.

Dopo la sconfitta contro Modena e l’uscita dunque dalla corsa Play Off scudetto, il presidente della BluVolley Verona, Stefano Magrini, parlando della stagione in corso ha detto che il progetto societario continua a guardare avanti puntando all’Europa.

“Certamente rimane l’amarezza per non avere raggiunto, ancora una volta, le semifinali scudetto. Siamo comunque soddisfatti di una stagione che ha visto la squadra crescere partita dopo partita, dimostrando il proprio valore. Bisogna guardare avanti, pensando alle partite che ci aspettano e andando a riconquistarci un posto in Europa”.

Per la società scaligera dunque nulla è ancora perduto, vogliono tornare in campo per agguantare l’accesso alla Challenge Cup, trofeo che Verona ha vinto per la prima volta nella sua storia durante la scorsa stagione e che mostra tutta l’intenzione di riprendersi.
Ma deve prima fare i conti con la BioSì Indexa Sora che trova nel suo capitano un punto davvero fermo e importante per il gioco, il gruppo e la forma mentale:

“In questo turno sicuramente Verona parte favorita – spiega Mattia Rosso -. E’ una squadra che non ha bisogno di presentazioni, dall’altissimo livello tecnico dimostrato soprattutto nei Quarti di Finale Play Off Scudetto contro Modena.
Sulla carta le cose sono queste sul campo però bisognerà vedere quanto inciderà l’aspetto motivazionale. Affronteremo questi Quarti con entusiasmo, un grande traguardo per noi che magari a inizio stagione neanche ci aspettavamo o immaginavamo possibile. Però lo abbiamo conquistato e quindi perché non toglierci qualche sassolino dalla scarpa.
Anche Verona ha motivazioni forti per approcciare bene alla serie, sappiamo tutti che la società ha costruito una squadra con l’obiettivo di arrivare tra le prime quattro, per andare a giocarsi le semifinali scudetto. Non ci sono riusciti, e questo potrebbe anche essere un contraccolpo psicologico. Bisognerà quindi vedere quanto saranno motivati perché per loro potrebbe essere un obiettivo di seconda fascia.
Confido molto nel fatto che arriviamo a sabato con un buon ritmo gara avendo giocato tre partite in dieci giorni. Saremo anche un po’ stanchi a livello fisico, ma a livello mentale siamo molto carichi e preparati. Loro hanno avuto due settimane di riposo quindi fisicamente con più energie ma è anche vero che è un po’ che non giocano una partita ufficiale. Negli scontri precedenti li abbiamo nettamente battuti negli Ottavi di Coppa Italia, mentre in campionato ci siamo andati molto vicini, dando comunque vita a due match equilibrati ed entusiasmanti. In campo quindi, secondo me non si è vista tutta la differenza tecnica che invece è scritta sulla carta. Noi affronteremo questa serie con molta fiducia, quantomeno provando a vincere una partita. Poi vedremo come andrà”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Capitan Rosso: “La pallavolo è uno sport di situazioni”

, ,

Una Biosì Indexa Sora acciaccata dall’influenza ieri ha sì lasciato i 3 punti alla Calzedonia Verona, ma è altrettanto vero che ha saputo dimostrare di saper fare di necessità virtù e dare battaglia fino all’ultimo punto. Coach Bagnoli e Colucci sono partiti con l’handicap a sfavore visto il roster decimato: Mattei ancora fuori per l’infortunio di qualche settimana fa al pollice della mano sinistra, Tiozzo fuori dai giochi appunto per influenza, la stessa che ha costretto Santucci a lasciare il terreno di gioco nel terzo set e che nel corso della settimana aveva colpito in totale 5 atleti. Nonostante gli impedimenti del caso, i bianconeri s’impongono nel terzo set, facendo ben sperare la rimonta dei due precedenti parziali ad appannaggio gialloblu. Purtroppo i volsci non ce l’hanno fatta nell’ultimo periodo a disposizione a invertire la rotta e terminano la gara proprio sull’1-3. A fare una lucida disamina del match a fine incontro è il capitano Mattia Rosso:

“Abbiamo fatto una buona partita contro una squadra ben attrezzata per stare ai piani alti – spiega lo schiacciatore cuneese. Era una sfida difficile sulla carta, ma credo che siamo stati bravi ad affrontarla anche a livello psicologico perché comunque venivamo da due tre giorni in cui la squadra si è ritrovata decimata per via di un virus intestinale. A livello di atteggiamento c’eravamo, anche se sul finale del quarto set avremmo potuto fare di più e rimandare il verdetto al tie break, che secondo me sarebbe stato il risultato più giusto. Non possiamo che imparare da questa sconfitta. La pallavolo è uno sport di situazioni; ciò significa che il volto di una partita può cambiare da un momento a un altro, come è stato il quarto game che sembrava indirizzato per loro, ma che poi abbiamo recuperato. Il morale non è alle stelle, veniamo da ben 7 sconfitte consecutive, ma lo sapevamo, il calendario è questo. Ora lavoriamo per mettere benzina nel serbatoio per le partite dalle quali potremmo portare a casa punti. Siamo tutti arrabbiati perché spesso delle situazioni non ci vengono bene, ma magari poi diamo il nostro meglio sulle situazioni difficili. Anche questo, però, fa parte della nostra squadra, fatta di giocatori inesperti della categoria e di giocatori giovani. Non possiamo inventarci quello che non siamo. Noi diamo sempre il massimo, speriamo di mettere anche punti in cascina”.

Dall’altra parte, per i veneti, è mister Grbic a dire la propria:

“Per due set siamo stati concentrati e aggressivi, facendo bene le cose semplici. Poi abbiamo smesso di applicarci commettendo l’errore di aspettare che finisse la partita. Questa però, è la SuperLega e tutte le squadre sono attrezzate per giocare bene. Abbiamo rischiato di andare al tie break e di perdere lo scontro. Tutto ciò deve esserci da lezione. E’ importante avere vinto, anche soffrendo. E’ una lezione che ci fa bene e mi auguro che faremo tesoro di questa esperienza per far sì che alcune cose non succedano più. Come si suol dire, vincere aiuta a vincere. Siamo caduti un paio di volte nell’errore di aspettare e ci dobbiamo lavorare sopra, perché voglio che la mia squadra sia capace di dettare il ritmo della partita”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Sora cade contro l’influenza e contro Verona

, ,

Si apre nel segno dell’influenza il 2017 del PalaGlobo “Luca Polsinelli” che, alla prima gara dell’anno solare, vede la sua BioSì Indexa Sora ridotta ai minimi termini dal virus che ha colpito ben cinque atleti del sestetto titolare durante la settimana, che ha costretto oggi Nicola Tiozzo a restare a casa e il libero Marco Santucci ad abbandonare la gara all’inizio del terzo set.
Nonostante questo, il match che ha visto la Calzedonia Verona vincere 3-1, è stato uno scontro di livello che, assieme all’ottima pallavolo messa in campo da entrambi i sestetti, ha purtroppo lasciato nuovamente gli uomini di coach Bagnoli con tanto amaro in bocca.

Gli scaligeri, che battono in quattro set i volsci, erano arrivati al cospetto dell’avversario con un solo imperativo dettato dal suo allenatore Grbic, vincere, e l’hanno fatto seppur lottando contro una Sora aggressiva e concentrata su ogni pallone, che ha spinto sull’acceleratore commettendo pochi errori e chiudendo il match con il 51% in attacco.
Mettono dunque a segno il poker gli uomini della Blu Volley e allungano la loro striscia positiva, mentre quelli dell’Argos Volley non riescono ancora a dare linfa vitale alla loro classifica.

Il migliore in campo della sesta giornata del girone di ritorno è l’applauditissimo ex Simone Anzani ma le statistiche finali tessono le lodi di numeri importanti come i 18 punti di Miskevich o i 3 ace di Sperandio e Ferreira, con Seganov a ritirare il premio del pubblico.

“Portiamo a casa zero punti dopo aver fatto gli stesso punti dei nostri avversari in due ore di gioco – analizza coach Bagnoli-. Siamo troppo scarsi nel concretizzare le buone occasioni che ci capitano, ed è lì che dobbiamo sicuramente crescere molto. Non è possibile infatti, continuare a regalare set come abbiamo fatto oggi”.

“Per due set siamo stati concentrati e aggressivi, facendo bene le cose semplici – spiega mister Grbic -. Poi abbiamo smesso di applicarci commettendo l’errore di aspettare che finisse la partita. Questa però, è la SuperLega e tutte le squadre sono attrezzate per giocare bene. Abbiamo rischiato di andare al tie break e di perdere la partita. Tutto ciò deve esserci da lezione”.

Allo starting players la guida tecnica locale, coach Bagnoli, manda in campo il suo sestetto tipo con Seganov in cabina di regia opposto a Miskevich, Kalinin e Rosso martelli-ricettori, Gotsev e Sperandio al centro della rete, e Santucci libero.
Mister Grbic invece, per affrontare Sora utilizza la diagonale Baranowicz-Djuric, la coppia di posto 3 Anzani-Zigel, gli schiacciatori Ferrira e Kovacevic, e Giovi libero.

Subito sul pezzo la BioSì Indexa con il 5-2 trasformato nel 7-5 dall’ace di Seganov. Continuano a picchiare i padroni di casa con Sperandio e Miskevich per il 12-9 ma Ferreira lavora bene per il cambio palla e poi si porta al servizio dove inanella un turno positivo che segna la parità del 12-12. Ferma il gioco coach Bagnoli ma al rientro in campo Verona continua la sua opera con Djuric prepotente sulla rete e passa, per la prima volta nel match, in vantaggio 13-16. Gotsev e Miskevich da posto 4 rimettono la situazione in equilibrio 18-18 e il set arriva al nodo cruciale. La Calzedonia porta ancora più acqua al suo mulino con uno degli ex di giornata Simone Anzani, per il 18-21 e nulla possono i due video check richiesti dalla guida tecnica locale. Il capitano e l’opposto bianconero sciolgono il nodo con il 20-21 che rimette il set in discussione ma dopo il time out discrezionale richiesto da mister Grbic, le sue bocche da fuoco gli regalano 3 set ball e non ne sprecano neanche uno per il 21-25 che archivia il primo game in loro favore.

La seconda parte di gioco si apre come la prima, con il 5-2 figlio dell’ace di Gotsev e l’attacco di prima intenzione di Seganov decretato in campo dall’occhio elettronico che inverte la decisione arbitrale. Miskevich mantiene vivo il vantaggio 7-5 ma Anzani e Kovacevic suonano la carica per i gialloblu che agganciano e sorpassano 7-9. Ferma il gioco coach Bagnoli e dopo qualche scambio ben chiuso dal suo centrale Gotsev è di nuovo parità, 11-11. Con l’ace di Rosso, Sora rimette il naso avanti e poi con quello di Sperandio e il muro di Kalinin ai danni di Djuric, il tabellone segna il +3 del 17-14. I locali tengono stretto il vantaggio fino al 22-20 quando Ferreira dai nove metri detta le regole del gioco per la nuova parità del 22-22. Gli opposti a segno per il 23-23 e poi il set va ai vantaggi. Lo schiacciatore biondo mancino però decide che è ora di chiuderla qui, sul 24-26 che porta gli scaligeri avanti per 2 set a 0.

La BioSì Indexa torna in campo con De Marchi in posto 4 in sostituzione di Kalinin che cambia maglia per vestire quella del libero, con Santucci che ha dovuto abbandonare la gara a causa del virus influenzale. Ancora il tabellone sul 5-2 nei primi scambi di game e con gli attacchi incisivi del neo entrato Cico De Marchi, i padroni di casa mettono a segno un parziale positivo di 4-0 che si traduce nell’allungo del 9-4. Mister Grbic ferma il gioco ma dopo un breve punto a punto, con Gotsev al servizio arriva un altro mini break bianconero che fa salire la contesa sul +8 del 15-7. La panchina ospite rivoluziona il sestetto sostituendo la diagonale con Paolucci e Stern al posto di Baranowicz e Djuric, e Kovacevic con Randazzo, ma la musica in campo non cambia. Sora dilaga fino al 20-10 autografato dall’ace di Sperandio, Verona prova a rosicchiare qualche lunghezza fino al 23-16, ma dopo la battuta vincente di Stern, Rosso chiude i conti 25-18 e riapre il match.

Verona torna in campo con il suo sestetto titolare e con Ferreira sugli scudi segna il 2-4 che prontamente, un’attenta Sora rimette in parità. Con Sperandio al servizio i locali scappano avanti ma gli ospiti inseguono bene per l’8-8. È con Kovacevic dai nove metri che la Calzedonia mette la freccia e sorpassa 9-13, ma l’ace di Gotsev e il muro di Miskevich a inchiodare Kovacevic, rimettono tutto in equilibrio. Due chiamate vincenti del video check portano gli uomini di coach Bagnoli avanti 20-18 ma Anzani suona la carica ai suoi e lo schiacciatore mancino risponde sempre presente per il 21-22. Miskevich fa esplodere il PalaGlobo con il 23-22 che profuma di tie break ma nella metà campo locale non si era fatto i conti con Djuric che sulla rete non fa passare più nessuno per il 23-25 che archivia set e match.

BIOSÌ INDEXA SORA – CALZEDONIA VERONA 1-3

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 5, Miskevich 18, Kalinin 2, Rosso 14, Gotsev 9, Sperandio 8, Santucci (L), Marrazzo, De Marchi 7, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 9; B/P 18; Muro 7.

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz 2, Djuric 16, Kovacevic 14, Ferreira 12, Anzani 8, Zingel 7, Giovi (L), Paolucci, Mengozzi n.e., Lecat 2, Stern 5. I All. Andrea Giani; II All. Matteo De Cecco. B/V 5; B/P 15; Muro 11.

ARBITRI: Tanasi Alessandro, Saltalippi Fabrizio.

PARZIALI: 21-25 (’26); 24-26 (‘29); 25-18 (’23); 23-25 (’27).

MVP: Simone Anzani.
SPETTATORI: 1.402.
INCASSO: 6.318,01.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Gotsev: “Contro Verona aggressivi e sicuri delle nostre potenzialità”

, ,

Dopo sedici giorni riapre le sue porte il PalaGlobo “Luca Polsinelli” in vista della sesta giornata del girone di ritorno, nonché prima gara del 2017.

Domenica alle ore 18:00 l’ospite sarà la Calzedonia Verona con i padroni di casa della BioSì Indexa Sora che si preparano a un altro scontro di livello.

È pronto anche il pubblico delle grandi occasioni, quello guidato dall’Armata Volsca, che vedrà tornare a Sora, seppur da avversari, due grandi ex il centrale Simone Anzani e il palleggiatore Adriano Paolucci, entrambi in maglia bianconera nella stagione 2012/2013.

Verona per Sora è stato finora un avversario dalle due facce, una mostrata in occasione della gara del girone d’andata e l’altra in quella degli Ottavi di Finale della Del Monte Coppa Italia.
Nel primo scontro diretto all’AGSM Forum, quello per la sesta di cartello, La BioSì Indexa non si è lasciata spaventare dall’esperienza e dal livello tecnico della Calzedonia Verona riuscendo a mettere in discussione anche questa formazione che comunque però, alla fine si è imposta per 3-1 con un Kovacevic protagonista e un Rosso assente rimasto a Sora a causa di un affaticamento muscolare.
Nel secondo scontro invece, sempre tra le mura amiche dei gialloblu, Sora devasta il sestetto dell’allora coach Andrea Giani con un 3-0 secco che butta il club in malo modo fuori dalla Coppa Tricolore. 1 a 1 dunque in fatto di incontri con quello di domenica a sancire i vincitori almeno per questa stagione sportiva.

“Nella gara degli Ottavi di Coppa io purtroppo non sono potuto esserci – racconta il centrale, ex Verona, Sveto Gotsev -, ma la mia squadra è stata brava a sfruttare al massimo il momento. Ogni partita però ha storia a se e la Calzedonia che verrà a Sora, oggi ha la mentalità giusta per fare una buona prestazione, forte del grande valore che la contraddistingue e che sta dimostrando nelle ultime giornate, ma anche della nuova guidata tecnica.
La partita sarà molto dura, anche in considerazione del fatto che vorranno riscattarsi dal brutto scherzo che abbiamo giocato loro in Coppa. La immagino una gara tirata, con noi che non saremo sicuramente passivi ma aggressivi, e sicuri delle nostre potenzialità rischiando un po’ ma allo stesso tempo cercando di commettere pochi errori. Dobbiamo ringraziare lo staff tecnico in grado di metterci sempre nelle migliori condizioni di recupero anche quando abbiamo match così ravvicinati. Per questo quindi sono sicuro che domenica scenderemo in campo con un’ottima forma fisica. Verona è una squadra molto equilibrata ma noi possiamo metterla in difficoltà con la battuta e a muro, o almeno ce la metteremo tutta per farlo”.

Dopo la caduta nel match da dentro o fuori degli Ottavi, il Blu Volley Verona ha salutato coach Andrea Giani e affidato la guida tecnica a Nikola Grbic il quale è riuscito a ridare vitalità al sestetto attualmente quinto in classifica dopo tre vittorie consecutive, tutte per 3-0, su Piacenza, Monza e Ravenna.

“L’unica mia preoccupazione , dichiara mister Grbic -, è fare giocare la squadra al meglio. Non guardo la classifica e voglio che affrontiamo sempre gli avversari per vincere. L’unico rimedio e l’unica medicina per fare bene è dare sempre il massimo”.

Arriva così la Calzedonia a Sora, assetata di punti e affamata di vittorie per cercare di dare continuità al suo momento positivo e per lavorare ancora bene per l’ambito quarto posto della classe. Gli uomini dei coach Bagnoli e Colucci invece, nonostante non vadano a punti da più di qualche gara, mercoledì scorso con onore hanno salutato la Del Monte Coppa Italia uscendone a testa alta dopo il confronto dei Quarti al PalaPanini con una mai doma Modena portata nel secondo set fino al 34-32.

Questa dunque la domenica di SuperLega in programma al PalaGlobo “Luca Polsinelli” a partire dalle ore 18:00.
Biglietti in vendita al prezzo di € 14,00 presso il botteghino del PalaGlobo in via Ruscitto; Caffè Novecento – viale San Domenico; Bar Civico 41 – via Napoli; Papa Rossi – piazza Santa Restituta; Caffetteria del Corso – corso Volsci; Dolce & Caffè – via Veneto; Caffetteria del Borgo – via Giacomo Matteotti; Bar La Piazzetta – Centro Commerciale La Selva; Thuban Viaggi – via San Nicolola; Bar Pasticceria Facchini – piazza XX Settembre, Isola del Liri; Bar Gelateria Cinemateatro – via Lungoliri, Isola del Liri.
Oppure attraverso la comodissima opzione online su www.liveticket.it.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Strepitosa Biosì Indexa, il Quarto tuo.

, ,

Una straordinaria BioSì Indexa Sora travolge la Calzedonia Verona in tre set e conquista i Quarti di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega.
All’AGSM Forum è finita 0-3 la gara secca valevole per gli Ottavi di Finale e anche la partecipazione al torneo della Calzedonia che, pur favorita dal fattore campo, dalla classifica e dai pronostici, ha impattato contro una BioSì Indexa che poco più di un mese fa sullo stesso campo gli aveva promesso che al prossimo scontro sarebbe andata diversamente. Così è stato, in un’ora e ventitré minuti Rosso e compagni hanno archiviato la pratica senza concedere a Verona diritto di replica mettendo in campo una pallavolo di altissimo livello giocata strepitosamente da un gruppo unito e compatto che con poca pressione è andato a prendersi quello che voleva, il Quarto di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega.

Si apre dunque con una vittoria che inorgoglisce squadra, staff, società e tifosi, la prima partecipazione al Trofeo Tricolore nella massima serie della BioSì Indexa Sora che assieme agli altri sestetti vincitori del turno l’11/12 gennaio 2017 sfideranno le prime quattro forze del Campionato, qualificate al giro di boa direttamente ai Quarti di Finale. La prossima avversaria di Sora sarà proprio L’Azimut Modena incontrata domenica scorsa nella gara valevole per la prima giornata del girone di ritorno della Regoular Seson; Vibo Valentia vittoriosa per 3-1 sulla Kione Padova è attesa dalla Lube Civitanova; LRP Piacenza invece battendo Molfetta per 3-1 se la giocherà a Perugia in casa della Sir Safety; e Gi Group Monza vincente al tie break su Ravenna incontrerà la Diatec Trentino.

“Sono felicissimo della risposta dei ragazzi dopo la partita giocata domenica contro Modena – commenta a caldo coach Bagnoli -. Siamo stati squadra e, con una pallavolo strepitosa, abbiamo sovrastato Verona sfruttando il fatto di giocare senza particolari pressioni. Tutti i ragazzi si sono comportati egregiamente e non posso che ringraziare tanto loro quanto il mio staff, per una vittoria da dedicare tanto alla società quanto ai nostri stupendi tifosi”.

Allo starting players la guida tecnica locale, mister Giani, mette in campo la diagonale Baranowicz-Djuric, la coppia italiana di posto 3 Anzani-Zigel, gli schiacciatori Ferrira e Kovacevic, e Giovi libero.
Deve rinunciare al suo sestetto tipo invece coach Bagnoli con Gotsev ancora fermo ai box, così schiera Seganov in cabina di regia opposto a Miskevich, Kalinin e Rosso come martelli-ricettori, Sperandio e Mattei al centro della rete, e Santucci libero.

Il match si apre apparentemente equilibrato nel punteggio ma con Sora che sul 5-4 comincia a dare al gioco qualcosa in più che, con gli attacchi di Miskevich e l’ace di Mattei, la porta sul +4 del 6-10. Inizia un monologo sorano con i bianconeri che fanno il loro bello e cattivo tempo per il 10-12. Arriva la reazione locale con Djuric sugli scudi che fa segnare sul tabellone la parità del 14-14. Mattei mura Kovacevic per il nuovo sorpasso del 14-16 ma è proprio lo stesso martello a rispondere, con Baranowicz che si affida a lui per rimettere tutto in equilibrio e in discussione 18-18. Il tabellone ora sale un punto per parte e l’ace di Seganov da un lato e la battuta out di Djuric dall’altro, portano la BioSì Indexa al set ball. Due le possibilità per chiudere il set, e Mattei dal centro della rete decide per il 23-25 di questo primo capitolo.

Il secondo game si apre come si era chiuso il precedente, con il centrale numero 10 a segno sulla rete e poi dai nove metri per il 2-1. Con due mini break positivi che portano la firma di Georgi Seganov prima incisivo a muro su Djuric e poi a beffare per due volte consecutive la ricezione di Lecat, Sora è avanti di 6 lunghezze, 12-6. Si prosegue palla su palla con Verona che vorrebbe rosicchiare punti importanti ma che invece non riesce ad andare oltre il cambio palla fino al 21-15. Miskevich è l’autore di tutti i punti che separano la sua squadra dal set ball, e dopo averli realizzati le possibilità di conquistare il parziale sono ben 5. Ci pensa Kalinin a portare la contesa sullo 0-2 mettendo a referto il 20-25.

Torna in campo più aggressiva la Calzedonia ma la BioSì Indexa la doma subito non mandandola oltre lo 0-2, sorpassandola con un contro break fino al 3-6 che costringe mister Giani a richiedere il time out discrezionale a sua disposizione. Un punto a punto accompagna il set fino alla sua parte centrale ma sull’8-12 Kovacevic e Lecat rimettono in corsa la propria squadra fino alla parità del 13-13. Seganov di seconda intenzione riporta la battuta nei suoi nove metri e Miskevich e Sperandio fanno il resto per l’allungo del 14-19. Il muro di Kalinin ai danni dell’opposto scaligero apre il mini break decisivo, quello che condanna set e match perché sul 15-22 Verona non trova più la forza di fare nulla se non accompagnare il game alla sua fine. Si chiude 18-25 il terzo set del match che Sora vince nettamente su un campo non semplice e contro un avversario valido ma stasera poco incisivo e così la BioSì Indexa Sora vola ai Quarti di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega.

CALZEDONIA VERONA – BIOSÌ INDEXA SORA 0-3

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz, Djuric 11, Mengozzi n.e., Anzani 3, Kovacevic 16, Ferreira 4, Giovi (L), Paolucci, Lecat 4, Zingel 2, Holt n.e, Frigo (L) n.e., Stern n.e., Randazzo. I All. Andrea Giani; II All. Matteo De Cecco. B/V 4; B/P 13; Muro 0.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 8, Miskevich 21, Kalinin 11, Rosso 3, Sperandio 2, Mattei 8, Santucci (L), Marrazzo , Tiozzo n.e., Gotsev n.e., De Marchi, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 5; B/P 14; Muro 8.

ARBITRI: Santi Simone, Bartolini Gianni.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Cristoforetti.
SEGNAPUNTI: Bassetto.

PARZIALI: 23-25 (’27); 20-25 (‘30); 18-25 (’26).

Sora al suo primo Ottavo di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega

, ,

Ha già attraversato mezza Italia la BioSì Indexa Sora e raggiunto la sua destinazione, Verona, dove domani sera alle ore 20,30 è attesa all’AGSM Forum dalla Calzedonia e dal suo primo Ottavo di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega.

Si tratta infatti della prima partecipazione al Trofeo Tricolore della massima serie per il club volsco che lo scorso anno fu Finalista in A2, gli avversari invece sono alla loro sesta presenza nella categoria mentre nella serie inferiore per due volte hanno alzato al cielo l’ambita Coppa entrambe ai danni di Vibo Valentia, nella stagione 2003-2004 prima e in quella 2007-2008 poi.

Quattro gli incontri in gara secca che si disputeranno in contemporanea domani mercoledì 14 dicembre, a sfidarsi i team che si sono classificati al termine del girone di andata tra la quinta e la dodicesima posizione.
La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia affronterà la Kioene Padova, la LPR Piacenza se la vedrà con l’Exprivia Molfetta, il Gi Group Monza ospita la Bunge Ravenna, e la Calzedonia Verona appunto se la giocherà con la BioSì Indexa Sora.
I sestetti che usciranno vincitori da questo turno, sfideranno l’11/12 gennaio 2017 con la stessa metodologia di accoppiamento, le prime quattro forze del Campionato, qualificate al giro di boa direttamente ai Quarti di Finale. Per tutte ovviamente il traguardo da raggiungere è la Final Four del 28 e 29 gennaio a Casalecchio di Reno.
Ma prima di pensare alla Finale della 39° edizione della Coppa Italia, occhi puntati sul preliminare degli Ottavi in gara unica in casa delle squadre con migliore classifica.

“Per una neopromossa l’Ottavo di Coppa è un grande traguardo – dice il centrale sorano ed ex Verona, Svetoslav Gotsev -, e averlo raggiunto è molto importante tanto per me e per i miei compagni, quanto per la Società. Nel girone d’andata a Verona abbiamo giocato molto bene e, dopo una partenza sottotono, abbiamo sfiorato il tie break nonostante in campo non avessimo neanche il nostro capitano Rosso. La Calzedonia sta vivendo un momento non proprio positivo ma sulla carta è una squadra più esperta della nostra e più forte, ragion per cui favoriti, anche dal fattore campo. Non sottovaluterei nessuno dei loro giocatori, tutti atleti che meritano e che possono dare il proprio positivo contributo. Mi concentrerei però molto su Djuric e Kovacevic, principali terminali offensivi. La partita sarà molto dura e noi cercheremo di allungarla il più possibile”.

La Calzedonia Verona è in Coppa come sesta della classe, ma si presenta allo scontro diretto dopo la vittoria esterna con Padova e il 3-1 interno contro Latina a migliorare la situazione in classifica che oggi la vede occupare la quinta piazza con 25 punti all’attivo che le hanno permesso di operare anche il sorpasso ai danni di Piacenza.
Contro gli ex Francesco De Marchi e Svetoslav Gotsev, oltre a coach Bagnoli, il club Veneto può puntare sull’importante fattore campo e sul risvolto psicologico del precedente favorevole in Campionato dove la sesta giornata di cartello si archiviò sul 3-1.
La BioSì Indexa Sora è reduce invece dall’inchino casalingo all’Azimut Modena, squadra che aspetterà ai Quarti di Finale proprio la vincente tra gli scaligeri e i volsci.
Dopo essere andata a punti nelle ultime sei giornate i ragazzi di coach Bagnoli non sono riusciti ad allungare la serie complice anche qualche defezione importante come quella di Kalinin e Gotsev colpiti dall’influenza stagionale.

Domani alle ore 20,30 dunque Sora in campo per il suo primo Ottavo di Finale Del Monte® Coppa Italia di SuperLega.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

Sora intona un canto anche all’Arena

, ,

La BioSì Indexa Sora non si lascia spaventare neanche dall’esperienza e dal livello tecnico della Calzedonia Verona, squadra che finora in campionato ha perso solamente un tie break ai vantaggi, e stasera all’AGSM Forum di Verona riesce a mettere in discussione anche questa formazione che comunque si impone per 3-1.

A valere, più delle tasche vuote di punti, la soddisfazione della battaglia, con un match aperto decisamente sottotono accusando forse anche la mancanza di capitan Rosso rimasto a Sora a recuperare dal piccolo infortunio subito domenica contro Monza, ma che poi nel terzo e quarto set si alzato su livelli davvero importanti.

Negli ultimi due parziali infatti i volsci sono scesi in campo senza sottovalutare nessun atleta dell’importante team avversario e, ponendo la giusta attenzione su ogni individualità e in ogni reparto, hanno fatto il loro gioco a braccio sciolto unendolo a quella giusta dose di rischio che solo gli audaci sanno prendersi, che gli ha permesso di tenere testa agli scaligeri.

Alla vigilia del match il risultato non era affatto scontato perché, se prima Sora era la neopromossa dal gruppo giovane, il duro rodaggio fatto nelle prime quattro gare di campionato ha mostrato a tutti stoffa, carattere e talento, tutto ben gestito e sfruttato dal coach “dei miracoli” Bagnoli, come lo hanno soprannominato proprio a Verona durante la sua lunga permanenza in panchina, che oggi lo ha omaggiato prima dell’inizio del match.

“Al di là del risultato abbiamo giocato un’ottima pallavolo – dichiara a fine match mister Bagnoli -. La Calzedonia ha avuto il merito, soprattutto nel quarto set, di riuscire a muro. Noi abbiamo avuto una buona reazione dopo i primi due set quando eravamo in difficoltà e siamo riusciti a reagire. L’ingresso di De Marchi ci ha aiutato, ha dato man forte a Miskevich e l’attacco é andato meglio, abbiamo tenuto bene il campo. Dobbiamo essere soddisfatti della qualità del gioco e ripartire da lì per affrontare al meglio le squadre del nostro livello”.

Allo starting players la guida tecnica locale, mister Giani, per affrontare Sora mette in campo la diagonale Baranowicz-Djuric, la coppia italiana di posto 3 Anzani-Mengozzi, gli schiacciatori Ferrira e Kovacevic, e Giovi libero.
Deve rinunciare al suo sestetto tipo invece coach Bagnoli che deve fare a meno del suo capitano Rosso rimasto a Sora a recuperare dal piccolo infortunio subito la scorsa domenica al PalaGlobo contro Monza, così schiera Seganov in cabina di regia opposto a Miskevich, Kalinin e Tiozzo come martelli-ricettori, Gotsev e Mattei al centro della rete, e Santucci libero.

Il ritrovato Kovacevic apre il match con un servizio insidiosissimo che, aiutato dai muri dell’ex Anzani a bloccare le intenzioni offensive sorane, fa segnare subito il 5-0. Ferma il gioco coach Bagnoli ma alla ripresa i suoi ragazzi trovano spazio solo per un punto a punto che non sblocca la situazione ma accompagnando il set fino al 13-7. Mengozzi e Ferreira mettono a segno il break positivo che vale per il Blu Volley il +7 del 16-9, prova Miskevich a spronare i suoi compagni ma dopo qualche bella giocata che vale il 18-13 sale in cattedra Kovacevic che con giocate di astuzia fa salire il tabellone fino al 23-15. Seganov riesce a far girare meglio i suoi attaccanti e Sora prova a salvare il salvabile, ma dopo 4 belle giocate il set si chiude sul 25-19.

Il secondo game si apre come il precedente, con il 5-1 dei padroni di casa trasformato nell’8-2 dall’ace di Mengozzi e da qualche errore sorano di troppo. Gotsev in battuta, Mattei a muro e Miskevich in attacco accorciano le distanze fino al 9-6 ma Anzani lavora bene per il cambio palla e per allungare il parziale positivo che riporta i suoi avanti 13-6. Prova a resistere la BioSì Indexa ma non riesce a fare il suo gioco così, dopo il 18-13, la contesa sale velocemente sul 22-14. L’ultimo urlo è sempre quello dell’opposto Miskevich che sulla rete e dai nove metri realizza gli ultimi due punti del set che dopo il muro di Anzani ai danni di Kalinin, si chiude con l’ace del solito Kovacevic 25-16.

Sembra aver ritrovato un po’ di vitalità il sestetto di coach Bagnoli in avvio del terzo game con un 3-3 che però disfa con qualche ingenuità. Ne approfittano subito Mengozzi e Djuric per il 9-4 e Ferreira per l’11-7. Miskevich riporta la battuta nei suoi nove metri e la consegna nelle mani del suo palleggiatore che resterà in posto 1 per ben 5 turni i quali porteranno per la prima volta la BioSì Indexa in vantaggio 11-13. Gotsev inchioda sulla rete prima Anzani e poi Ferreira, è il suo momento questo, e ben servito da Seganov mette a segno davvero delle belle giocate utili a dare anche tanto coraggio ai suoi. Sulla rete si fa vedere e sentire anche Cico De Marchi subentrato a Tiozzo, e il set continua a viaggiare palla su palla fino al 20-21 quando il muro di Mattei a bloccare le intenzioni di Djuric segna il +3 ospite del 20-23. Richiama i suoi ragazzi coach Giani ma Sora, dopo la battuta a rete di Ferreira, ha 3 possibilità set con il 21-24. Kovacevic annulla la prima e Anzani la seconda ma ci pensa l’opposto bianco-nero a riaprire il match con l’attacco che vale il 23-25 e il 2-1 in fatto di conteggio set.

Finalmente equilibrio in campo a favore dello spettacolo e del livello del gioco. Dopo l’ace di Miskevich il tabellone segna il 4-5 con le squadre in campo che cominciano a giocare a guardia e ladri scappando e si inseguendosi. 11-11, Djuric mette a segno un mini break per il 14-11, Mattei mura Kovacevic per il 14-13 e Kalinin vince il contrasto a muro con Baranowicz per la parità del 16-16. L’opposto scaligero rimette Verona avanti di +3 ma le magnifiche difese di Santuccio permettono a Seganov di servire le sue bocche da fuoco per la nuova parità del 22-22. Mattei palleggia dietro per Miskevich che regala ai suoi due palle set ma Djuric porta l’AGSM Forum ai vantaggi. Le squadre battagliano in campo per avere la meglio e il tabellone segna il 26-26. È ancora la firma dell’opposto ex Trento a ferire Sora che purtroppo saluta la gara sul 28-26 dopo il muro di Mengozzi.

CALZEDONIA VERONA – BIOSÌ INDEXA SORA 3-1

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz 1, Djuric 20, Mengozzi 10, Anzani 9, Kovacevic 22, Ferreira 11, Giovi (L), Paolucci, Lecat 1, Zingel, Holt n.e, Frigo (L) n.e., Stern 2. I All. Andrea Giani; II All. Matteo De Cecco. B/V 7; B/P 16; Muro 12.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 3, Miskevich 23, Kalinin 6, Tiozzo 3, Gotsev 12, Mattei 9, Santucci (L), Marrazzo, Sperandio, De Marchi 6, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 6; B/P 16; Muro 7.

ARBITRI: Satanassi Omero, Florian Massimo.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Spiazzi.
SEGNAPUNTI: Bassetto.

PARZIALI: 25-19 (’21); 25-16 (‘22); 23-25 (’27); 28-26 (’33).

MVP: Kovacevic.
SPETTATORI: 3.127.

Gotsev: “L’unico modo per affrontare Verona è rischiare”.

, ,

Sabato sera da SuperLega per la BioSì Indexa Sora attesa alle ore 20,30 all’AGSM Forum di Verona dalla Calzedonia di coach Andrea Giani.

Questa sarà la prima di un trittico di gare concentrate in otto giorni che faranno attraversare l’Italia intera a Rosso e compagni impegnati, dopo Verona, martedì 1 novembre alle ore 18 al PalaGlobo “Luca Polsinelli” contro Piacenza e domenica 6 in Puglia al Pala Poli di Molfetta.

Il team di Patron Giannetti salirà sul pullman direzione Verona domani mattina, e dopo una bella dormita e la rifinitura pre-gara, sarà pronto a mettere in campo tutte le sue armi.

“Verona è una delle migliori squadre di SuperLega – dice il centrale Svetoslav Gorsev -, con giocatori esperti del calibro di Djuric o Kovacevic. Io non sottovaluterei nessuno perché il team è molto forte seppure penso che dobbiamo riporre qualche attenzione in più per le bande. Domenica abbiamo dimostrato che siamo una squadra di grande livello, siamo un po’ indietro come esperienza e come gioco, ma entreremo in campo con l’idea di rischiare tanto, magari anche sbagliare un po’, ma rischiare è l’unico modo per affrontare Verona”.

La scorsa domenica tra le mura amiche coach Bagnoli e i suoi ragazzi imponendosi per 3-0 sulla Gi Group Monza hanno fatto registrare uno storico successo per il team volsco, la prima vittoria in SuperLega arrivata alla quinta giornata di cartello dopo aver affrontato i club più blasonati della categoria, utile a muovere la classifica che ora vede Sora penultima a due lunghezze di distanza dall’ultima Latina. Un successo che ha reso giustizia alla tenacia e alla costante crescita dei ragazzi bianco-neri che arrivano così alla sfida con la forte Verona più motivati e determinati.

La Calzedonia dal canto suo, quarta della classe con 12 punti all’attivo a meno 3 di distanza dalla vetta dove alberga Civitanova, è reduce da una importante vittoria in trasferta a Ravenna ma prima aveva messo a segno un 3-0 con Latina e uno con Molfetta, e andata al tie break con la vincente Piacenza e la perdente Monza.

Questo turno degli scaligeri è spinto dall’opposto Djuric che dice a gran voce “Dobbiamo vincere”, e per farlo il BluVolley oltre che sui suoi terminali offensivi, punta sul muro, attualmente il più redditivo del campionato con la classifica individuale comandata dal centrale Aidan Zingel.

Questa gara sarà ricca anche dal punto di vista degli ex con coach Bruno Bagnoli alla guida dei giallo-blu per quattro stagioni consecutive a partire da quella 2009/2010 fino a quella 2012/2013 nella quale ai suoi ordini aveva anche Gotsev e De Marchi.
A parti inverse invece, gli ex che hanno vestito la maglia sora dell’allora Globo sono Adriano Paolucci e Simone Anzani già compagni di squadra nella Serie A2 della stagione 2012/2013.
Il regista romano arrivò a Sora con una grande esperienza sulle spalle, e nell’anno in cui la società volle puntare nel mix tra atleti conoscitori della serie, come appunto Adriano, e giovani futuribili, Anzini risultò tale, basti guardare la strada che ha percorso dopo tra la Nazionale e i quattro anni, compreso l’attuale, in serie A con Verona.

Lo scorso anno la Calzedonia Verona ha conquistato la CEV Challenge Cup e sulla scia positiva della buona stagione ha regalato ai suoi tifosi un mercato di primo livello. La società ha subito dichiarato di ambire a traguardi sempre più prestigiosi e lo dimostra appunto il mercato con il quale è andato a migliorare il roster a disposizione di coach Giani. Le conferme di Kovacevic, Anzani, Baranowicz, Frigo e Lecat hanno dato continuità al progetto tecnico e gli inserimenti sono stati chirurgici e di qualità. Mitar Djuric, ex opposto di Trento, è in assoluto il colpo da novanta del mercato gialloblù. Un giocatore fisico, potente, spettacolare chiamato a sostituire Starovic. Non solo attacco ma anche qualità in seconda linea con l’arrivo da Perugia del libero Andrea Giovi, giocatore di grande esperienza. Ferreira, schiacciatore portoghese, ha ricevuto invece l’eredità di Taylor Sander volato in Cina. Assieme a loro il rafforzamento della squadra è passato anche attraverso l’inserimento nel roster di giocatori di qualità per la panchina e dunque per l’allenamento come Mengozzi, Paolucci, Stern e Holt.