D’Angeli e Farina, supporto d’eccezione per la preparazione della Biosì Sora

, ,

In assenza del palleggiatore titolare Georgi Seganov, impegnato con la nazionale bulgara e gli Europei, la Biosì Sora prosegue la preparazione e lo fa anche grazie alla presenza di due giovanissimi che stanno aiutando il gruppo di coach Mario Barbiero in questa fase del pre-season molto importante. Parliamo di Francesco D’Angeli, volto già noto alla famiglia Argos, e di Mattia Farina, un viso nuovo e dalla storia sorprendente: ad entrambi vanno i ringraziamenti della società per il grande lavoro di supporto alla squadra che stanno facendo, senza risparmiarsi, cercando da una parte di dare una mano e dall’altra di carpire tutto il possibile dai compagni d’eccezione. Per D’Angeli, d’altronde, il volley è pane quotidiano: proprio con la maglia bianconera è cresciuto il ventunenne, indossata durante tutto il percorso giovanile, come egli stesso racconta.

“È sempre un piacere tornare a casa – esordisce così il palleggiatore anagnino. Pallavolisticamente parlando, sono cresciuto a Sora; ho avuto anche l’onore di essere il capitano nella maggior parte dei miei campionati giovanili e devo molto alla società, allo staff e a tutti coloro che ruotano attorno all’Argos Volley. In questi ultimi anni ho militato in campionati minori, a breve tornerò alla Lazio in serie B, e darò il massimo anche lì, portando in alto il nome della società a cui appartengo, la stessa Sora appunto. Il lavoro sul campo è l’unica cosa che paga, è il mio credo professionale. Arrivare a fare una preparazione con una formazione che si trova nella massima categoria non può che essere un punto di partenza, mi sento molto stimolato e continuerò su questa strada cercando di migliorare le mie prestazioni dentro e fuori dal campo. Alla Biosì ho ritrovato sia vecchi compagni, come Mauti e Lucarelli, che vecchi avversari, come Mattei e Marrazzo. Mi trovo benissimo con tutti, ma forse è proprio con loro e con Caneschi che ho stretto maggiormente. Mi ritengo una persona fortunata ad aver svolto la prima parte della stagione con questo gruppo. Pazienza, umiltà e lavoro – prosegue D’Angeli, sono per me le chiavi del successo. Sono principi che ho da quando ero piccolo e che hanno trovato palese conferma nell’ambiente targato SuperLega. Mi sento di ringraziare tutti gli allenatori che ho avuto in questi anni, in particolare Erio Biondi, mio primo mister al quale devo moltissimo, fino ad arrivare a Maurizio Colucci, che mi ha seguito nei campionati giovanili e che ora ritrovo in prima squadra. Colgo l’occasione per fare un in bocca al lupo all’intero staff, alla rosa, alla società, che ringrazio per questa opportunità, al coach Mario Barbiero e all’intera città. Forza Sora!”.

E se il regista della “città dei Papi”, dopo questo periodo, andrà via in prestito per un anno con l’obiettivo di accrescere la propria esperienza di atleta sul parquet di serie B della S.S. Lazio Pallavolo, squadra con cui ha vinto il campionato di serie C nella passata stagione, l’altro giovanissimo acquisto resterà proprio a Sora. Mattia Farina, bianconero doc, appena 16 anni e già 2m di altezza ha una storia tutta particolare da raccontare, una piccola favola che ripaga la stessa società volsca per l’impegno dedicato ai giovanissimi, da sempre, e che sorride a tanti altri ragazzini con il sogno nel cassetto di diventare uno sportivo professionista:

“Tutto è iniziato il 21 Maggio, in occasione della finale del torneo scolastico interprovinciale organizzato dall’Argos Volley ogni anno, il cosiddetto “Oasi dei Sapori Volley Cup”, a cui ho partecipato con la mia scuola. Grazie alla competizione in atto quel giorno e all’incontro con il coach Mario Barbiero mi sono avvicinato al mondo della pallavolo, magari inizialmente con qualche diffidenza e sofferenza, venendo dal basket, per poi invece appassionarmene enormemente: a mister Barbiero voglio esprimere un sincero e grandissimo grazie per avermi dato la possibilità di vivere una fantastica esperienza presso il centro sportivo di Bracciano, dove ho conosciuto uno staff tecnico qualificato e tanti altri giovani atleti provenienti da tutta Italia. L’opportunità di stare oggi insieme a degli giocatori di SuperLega non è certo da meno, vivere con loro questo momento fondamentale della preparazione rappresenta per me una grande soddisfazione. Grazie al team della Biosì ho appreso molto ma sono ancora alle prime armi ed ho tantissimo da imparare. Non ho ancora un ruolo definito, ma so che l’esperienza del coach e di tutto l’entourage tecnico mi aiuterà ad assumere l’identità più consona alle mie potenzialità. Sono orgoglioso e felice di essere entrato a far parte di questa nuova famiglia!”.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

Davide Zappacosta, tra Chelsea e Nazionale: gli auguri dell’Argos Volley

, ,

Figlio d’arte, barlume di speranza per i suoi “fratelli” bianconeri, eccellenza sportiva, grandissimo esempio di umiltà, atleta tenace: Davide Zappacosta ce l’ha fatta a volare in alto e tutto grazie alle proprie doti, allo spiccato talento, alla passione e al sacrificio che, proprio come in una di quelle frasi che sembrano pura e arida retorica e che invece a volte nascondono verità tautologiche, ripagano. Si, ripaga allenarsi con zelo, giocare con la testa oltre che con il fisico; ripaga concentrarsi su un obiettivo e dover rinunciare a piccole e grandi cose che però, negli anni della giovinezza, sembrano insormontabili.

Quante serate con gli amici saltate, quante vacanze, quante giornate passate sotto la pioggia o magari sotto un sole cocente a rincorrere palloni e sogni su un campo verde? Ed ora Sora può vantarsi del fatto che un suo figlio ha raggiunto la vetta, l’olimpo del calcio, che è diventato “grande tra i grandi”.

E Davide ha sempre dato un contributo alla sua città mostrandosi disponibile, incentivando le note positive del territorio volsco, sponsorizzando le realtà più feconde, proprio come la scorsa estate fece con l’Argos Volley: al suo primo anno di SuperLega, fu il volto del terzino sorano a invitare i suoi concittadini a stringersi attorno al mondo della pallavolo, a recarsi al PalaGlobo per prenotare il proprio posto e tifare la Biosì. Lui stesso, dopo il video, si recò al palasport a conoscere la società, a immortalare con una fotografia il sostegno alla causa pallavolistica. Un’eccellenza in collaborazione con un’altra, a dimostrare che tra simili ci si riconosce e che la passione per lo sport può fare molto per un territorio, che non è importante come si colpisca un pallone, se con le mani, con i piedi, ma dove può arrivare quel pallone. In entrambi i casi, la sfera è entrata negli almanacchi della serie A. L’Argos Volley non può dunque fare a meno di esprimere a Zappacosta la gratitudine per essere stato al suo fianco nonché i migliori auguri possibili per una carriera che sta subendo un’evoluzione d’oro.

Il passato tra il Tomei e il Nazareth, la maturazione professionale tra le fila di Atalanta e Avellino, il passaggio dal Torino al Chelsea, dalla casacca granata a quella blues, la convocazione e le presenze in nazionale: vedere un sorano in Champions League, un sorano calcare il campo dello Stamford Bridge, un sorano che domani potrà disputare, con la maglia azzurra, la delicata sfida di qualificazione mondiale contro Israele a Reggio Emilia, riempie di orgoglio e di gioia il club di patron Giannetti al completo. A Davide il più grosso e meritato in bocca al lupo; a 24 anni, queste soddisfazioni sono lo specchio di un talento sopraffino e di un’etica che, siamo certi, lo contraddistingueranno per il resto della vita.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

La preparazione atletica si avvicina sempre più alla fase agonistica

, ,

Quattro settimane di lavoro sono scivolate via per la BioSì Sora che negli ultimi giorni ha ritrovato il suo head coach Mario Barbiero.
Lo scorso martedì, dopo aver salutato l’acqua della piscina del “Giardino dello Sport” a Isola del Liri e la sabbia del campo da beach volley di via Trecce a Sora, ha riabbracciato l’allenatore di rientro dall’estate azzurra vissuta con la Nazionale Under 19. Da questa esperienza Barbiero ha riportato a casa tanti bei risultati e dunque tanta bella nuova esperienza da trasmettere ai suoi ragazzi:

“Tirando le somme possiamo dire che l’estate azzurra è andata bene: bronzo al Torneo delle Otto Nazioni a Wevza; oro ai Giochi Olimpici Eyof; e poi potevamo e dovevamo fare meglio nel Campionato del Mondo in Barhain dove la sconfitta agli ottavi non ci ha permesso di andare oltre il nono posto”.

Non appena atterrato a Fiumicino, il coach non è passato neanche da casa a fare il cambio bagaglio, ha puntato il suo navigatore direttamente sulla destinazione PalaGlobo “Luca Polsinelli” – Sora.
Ma è facile mettere un punto a un capitolo, quello appunto dell’impegno con la Nazionale U19, e iniziare a scriverne immediatamente un altro con il club?

“Non tanto difficoltoso – spiega la guida tecnica -, perché il Progetto Sora prevede un roster composto da giovani talenti e dunque le metodologie e le tecniche iniziali sono le stesse. A cambiare sono poi le richieste perché il modello del gioco della SuperLega richiede delle competenze specifiche ben strutturate e di altissimo livello, e quindi è su quelle che stiamo lavorando”.

Come ha trovato, dopo tre settimane di preparazione, i suoi ragazzi sorani?

“Molto bene. Lo staff diretto da Maurizio Colucci ha ben lavorato con un planning di tre settimane. Abbiamo utilizzato Test in entrata e successivamente strutturato un programma con obiettivi individualizzati. A Sora c’è professionalità e strumentazioni di altissimo livello che supportano il lavoro, la ricerca e lo sviluppo della performance di ogni singolo atleta”.

Da dove ha ripreso le redini della preparazione atletica e dunque a che punto è arrivata?

“Ora stiamo lavorando sull’impostazione dei sistemi di gioco, valutando le caratteristiche degli atleti per consentire a loro di esprimerne le potenzialità. Il lavoro fisico invece rimarrà sempre molto intenso perché abbiamo bisogno di un substrato fisico per poterci esprimere ai livelli richiesti dal campionato di SuperLega”.

Con il resto dello staff tecnico invece, com’è stato lavorare a distanza e come si coordinerà da ora in poi?

“Abbiamo programmato il lavoro con largo anticipo curando i minimi dettagli, lo staff è di alta qualità ed è bastato poco per intenderci. Ora abbiano iniziato il percorso di avvicinamento alla fase agonistica con l’interazione tra le diverse figure sempre costante, suddividendoci il lavoro sia individuale che di squadra. Credo che questo sia la chiave per lavorare bene e affrontare la stagione nel migliore dei modi”.

Domenica giorno di riposo per tutti in casa BioSì, atleti e non, per poter poi lunedì ripartire con energie rinnovate verso la quinta settimana di preparazione atletica, quella che si concluderà con il primo allenamento congiunto stagionale in programma sabato 9 settembre alle ore 18,00. Dall’altra parte della rete del palazzetto dello sport di Alatri, per il Mamorial “Guido Celani”, la Sigma Aversa, compagine di Serie A2.

Nel quinto blocco cambia la tipologia di allenamento, con le sedute pesi in programma lunedì, mercoledì e venerdì sempre al mattino, mentre quelle di tecnica, aperti al pubblico, tutti i pomeriggi dalle ore 17,45 in poi e alle ore 10,00 di martedì e sabato.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Sora

Giannetti e l’incontro a Roma: mandando via la Biosì, Sora rinuncia ad 1.000.000 di euro a fondo perduto

, ,

Iscritta al campionato di SuperLega? Si. Con l’ausilio dell’amministrazione comunale? No. Campo da gioco per la stagione 2017/2018? Frosinone. Questo è l’identikit base della Biosì Sora, compagine promossa due anni fa nel campionato di massima serie, vanto e luce di una cittadina depauperata dell’immagine di territorio florido e positivo, senza cinema-teatro, senza tribunale, senza società sportive di caratura nazionale, con l’istruzione universitaria oramai dirottata verso altri poli, le polemiche e i problemi legati all’ospedale, poco lavoro per i giovani. Aver mandato via la Biosì da Sora costituisce lo specchio stesso della città: l’impoverimento culturale, economico e sociale di cui non si cura la politica locale, pronta però a risolvere le criticità cittadine con improbabili riqualificazioni rionali basate su mini golf e chioschi, regolamentazioni di impianti sportivi vantate senza nemmeno aver letto le convenzioni già esistenti; un comune che fa dell’approssimazione e della superficialità il proprio modus operandi come avrebbe potuto salvare l’unica nota positiva bianconera? Domanda retorica, che en passant, quasi ancora non convinti di quello che sta accadendo, ci poniamo; ma d’altronde bisognava aspettarsi qualche sgambetto già tempo fa, quando i vertici del club volsco le provarono tutte per cercare di scongiurare la migrazione a Frosinone, come racconta patron Giannetti nella lunga e tormentata intervista rilasciata al direttore di Nuova Rete, Pasquale Mazzenga:

“Noi, dopo una grande battaglia svolta in tutta Italia, con l’appoggio di diverse società, siamo riusciti a fare un incontro con il nostro sindaco De Donatis e l’assessore allo sport Lucarelli presso il Ministero di Economia e Finanza a Roma. Il sotto segretario del MEF, Paola De Micheli, nonché presidente di Lega, ci riceve e spiega al sindaco quali possono essere le strategie. Quella proposta consisteva nell’aiutare tutte le società sportive in difficoltà a sfruttare un imminente decreto legge, il 185, che a settembre sarebbe uscito con un taglio di 30.000.000,00 euro con un finanziamento a fondo perduto fino ad 1.000.000,00 euro. Questo però è legato ad un elenco dove l’elemento fondamentale, che inevitabilmente decreterà l’ingresso in graduatoria, è la presenza, nell’impianto e in questo caso nel palazzetto, di una società di serie A che ha la necessità di adeguare lo steso in base al regolamento di categoria. Il presidente disse che i soldi sarebbero andati dal Ministero al comune, senza passare per il privato. Se la pallavolo non gioca a Sora, però, questo fondo non può arrivare. In questa riunione abbiamo proposto di dividere in tre annualità questi lavori per poter giocare a Sora. Il nostro è un campionato prettamente invernale, quindi ben si presta a degli interventi strutturali che possono essere fatti nel periodo estivo. Proponevamo quindi di giocare e, grazie a tre step estivi, nel giro di tre di risolvere tutto. Il primo passo sarebbe stato l’adeguamento a 2200 posti, il secondo a 2700 ed il terzo a 3000. A quel punto il nostro sindaco disse che la prima fase di lavori, che prevedeva circa 520.000 euro, per lui era troppo. Controllammo allora insieme l’indice di indebitamento e quindi la possibilità, da bilancio, che il comune di Sora avesse di chiedere un mutuo a restituzione perché c’è sempre la possibilità di chiedere un mutuo al CONI ad interessi zero. A quel punto però il primo cittadino disse di non volersi indebitare per una somma maggiore ai 250.000,00 euro. A quel punto, allora, ci fu da parte nostra, la proposta di dividere in ulteriori due annualità la prima e quindi ipotizzammo per il primo anno di non sistemare più i 2200 posti, ma semplicemente provvedere alla messa in sicurezza del palasport per una spesa di 250.000,00 euro. Per una Lega, il cui primo problema era aumentare i posti a sedere, la sola messa in sicurezza era sicuramente un enorme sforzo che ci poneva in una situazione completamente diversa dalle altre tre società che ancora oggi risultano non essere in regola. Abbiamo cercato di supportare questa cosa, e nel frattempo la nostra presidentessa si è adoperata per la nostra causa, rivolgendosi alla Regione e cercando di verificare la disponibilità di un finanziamento a fondo perduto di 250.000 euro; dopo tre giorni e l’intercesso dell’ente Regione, al nostro sindaco viene comunicata la possibilità di accedere a quella somma, presentando adeguata documentazione. Così lui mi ha chiamato molto contento di questa cosa, dicendomi di ringraziare il nostro presidente e che si sarebbe attivato da subito per poter ricevere questi ulteriori 250.000 euro per la messa in sicurezza. C’è allora un consiglio di amministrazione, la Lega non ritiene di darci una possibilità così lunga perché avremmo avuto bisogno di quattro anni, ed ha chiesto a tutti di giocare con 2400 posti nel primo anno. Vado in comune e spiego quindi che questa cosa è ancora fattibile perché se facciamo il primo stralcio di 2200 posti, con alcune accortezze avremmo potuto figurativamente dimostrare di averne 2400. Avremmo dovuto reperire 250.000 euro dalla regione mentre al comune sarebbe bastato un mutuo di circa 300.000 euro. Il sindaco ed il consigliere Massimiliano Bruni hanno ascoltato questa mia proposta e si sono presi l’impegno di chiamarmi, dicendomi che avrebbero deciso nel pomeriggio. Ho aspettato, sapevano che avremmo dovuto fare delle comunicazioni… il resto è storia nota, ma resta il fatto che, a questo punto, non abbiamo più questa opportunità”.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

La Biosì Sora ospite dell’Olimpiade Victoria

, ,

E’ dal 1970 che l’estate frusinate si anima e lo fa attraverso i colori e i valori dello sport, soprattutto quello dedicato ai più piccoli, e anche la Biosì Sora, emigrata appunto in provincia per la nuova avventura in SuperLega, partecipa come oramai da tradizione, alla manifestazione che inizierà quest’oggi. Non poteva essere diversamente per una società, come quella di patron Giannetti, da sempre attenta ai giovanissimi, per i quali mette in campo risorse umane ed economiche, progetti a loro dedicati e che, di anno in anno, vengono implementati da una serie di iniziative che giocano sempre dalla parte di ragazzi e bambini; proprio a loro si rivolge la tradizionale Olimpiade Victoria.

Dal 1° al 10 settembre, centinaia di bambini si cimenteranno in gare di atletica, sport di squadra e giochi popolari. Per questa edizione sono state previste delle novità e inserite queste nuove discipline: basket, scherma, beach volley e ciclismo (gimkana sprint). Nel giorno di apertura, venerdì primo settembre, i bianconeri presenzieranno al particolarissimo evento che richiama, ogni anno, centinaia e centinaia di visitatori da tutto il territorio: rappresenteranno la Biosì i due veterani del club, capitan Mattia Rosso e il libero Marco Santucci, accompagnati dal nuovo head coach Mario Baribiero. Un’occasione unica, questa, per fare una prima immersione nel tessuto sociale di Frosinone e assistere ad una kermesse che quest’anno ha come ulteriore scopo rilanciare la dimensione sociale contro quella virtuale, il gioco, lo sport anche ludico e ricreativo, il movimento all’aria aperta, contro il mondo fittizio di internet e console varie.

Giunta alla sua 43° edizione ed organizzata dalla Parrocchia Santuario Madonna della Neve, l’Olimpiade Victoria assume i connotati di un evento dove la spiritualità incontra la disciplina sportiva e si riscopre il contatto umano, attraverso uno spazio per il confronto, proprio come nella filosofia Argos, nel suo progetto-parrocchie e nel protocollo d’intesa che ha legato indissolubilmente i volsci alla diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo. Dopo l’inaugurazione, le gare vere e proprie inizieranno il giorno seguente: le diverse sfide si svolgeranno nel pomeriggio, ad eccezione dei weekend durante i quali saranno effettuate anche di mattina.

Sabato 9 si terrà la giornata d’eccezione dedicata a Pompieropoli, che vedrà protagonisti i più piccoli e i vigili del fuoco, al termine della quale verranno rilasciati attestati di partecipazione. Il giorno seguente, invece, si svolgerà la tradizionale pedalata. Nel Villaggio Olimpico troveranno però spazio anche attività culturali e culinarie: tra gli appuntamenti più attesi quelli con le tribute band di Vasco Rossi, con Spazio Vasco, e di Ligabue con il Club Mario, che si esibiranno rispettivamente il 2 e il 9.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

Ai nastri di partenza le attività del settore giovanile.

, ,

Ai nastri di partenza anche le attività del settore giovanile dell’Argos Volley.
Mentre la prima squadra targata Biosì Sora si prepara per disputare il campionato di SuperLega 2017/2018, la dirigenza della società volsca si è messa in moto per dare a bambini e ragazzi la possibilità di tornare a riempire il PalaGlobo “Luca Polsinelli”.

La società del presidente Enrico Vicini per questa nuova stagione prenderà parte a molti dei campionati di categoria giovanile indetti dalla FIPAV, sia nel settore maschile che in quello femminile. I tornei nei quali saranno impegnati sono quelli Under 13, Under 14, Under 16 e Under 18, mentre per le atlete uscenti dal campionato Under18, coadiuvate da elementi di esperienza che hanno già vestito la casacca bianconera, ci sarà la possibilità di disputare un campionato di categoria.

Tutti gli atleti saranno seguiti da allenatori esperti e qualificati pronti a trasmettere ai propri ragazzi l’amore per la pallavolo e per lo sport in generale, cercando di bissare quanto di buono fatto nella precedente stagione.
Le redini del settore femminile saranno ancora una volta affidate ai coach Salvatore Pica e Martina Cancelli. La coppia, ormai molto affiatata, lo scorso anno ha fatto grandi cose portando le ragazze dell’Under14B a disputare la finale del campionato provinciale di categoria come non accadeva ormai da tempo.

Al timone di quello maschile invece, sempre Vittorio Giacchetti, allenatore esperto e navigato che nelle ultime battute della scorsa stagione di SuperLega ha vestito anche i panni di Assistant Coach affiancando in panchina e negli allenamenti mister Maurizio Colucci, e Chiara Ottaviani, studentessa in scienze motorie che ha da poco conseguito il grado di allievo allenatore.

L’Argos Volley però, come sempre, dedica particolare attenzione ai più piccini. Per tutti i bambini dai 5 agli 11 anni, avranno luogo presso il PalaGlobo dei corsi di minivolley tenuti dalla coppia di coach Giacchetti-Ottaviani così da avvicinarli alla pallavolo attraverso momenti ludico-didattici, facendo sì che i piccolini possano approcciare alla propedeutica del volley e imparare a fare gruppo, valore fondamentale del nostro sport.

Le attività stanno per partire e già ieri, lunedì 28 agosto presso il PalaGlobo M.llo Capo Luca Polsinelli, alle ore 16:00 si sono radunati tutti i ragazzi del settore maschile (under 13, 14, 16 e 18); a seguire, alle 18:30, le giovani quote rosa dell’under 13, 14 e 16; mentre per le veterane dell’Under 18 che disputeranno il campionato di categoria, l’appuntamento è stato quello delle ore 19:30.

Per maggiori informazioni circa corsi, orari, e modalità di partecipazione, è possibile rivolgersi alla segreteria del PalaGlobo “Luca Polsinelli” aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle 18:00, oppure contattare i seguenti numeri telefonici 339.8015169 – 347.8298722.

Il quartiere di Pontrinio in festa, l’Argos Volley inaugura il campo donato alla parrocchia del Divino Amore

, ,

Giornata ricca di emozioni, per l’Argos Volley, la domenica appena trascorsa: in occasione dei festeggiamenti della Madonna del Divino Amore è stato infatti inaugurato un campo di pallavolo donato dalla società di patron Giannetti al quartiere di Pontrinio.

Figlia dell’essenza stessa di quel protocollo d’intesa firmato dal Vescovo Antonazzo e dallo stesso patron durante la stagione passata, la donazione è il simbolo dello spirito che anima quest’attività e ogni iniziativa della società bianconera che prende sottobraccio i giovani del comprensorio con lo scopo di fare qualcosa per loro, qualcosa di tangibile come appunto un campo a scopo ludico e ricreativo, ma anche qualcosa di spirituale, arricchendo la loro anima con la testimonianza di vite felici e sane, come quelle degli atleti della Biosì Sora.

Alle ore 17.00, Don Francesco e la Responsabile delle Attività Educative e Sociali dell’Argos, Antonella Evangelista, si sono guardati orgogliosi e commossi per un attimo, la forbice ha tagliato il nastro ed è stato fatto il primo ingresso nel nuovo campo del rione: alla presenza di molti fedeli, di parte dello staff volsco e di quattro giocatori della SuperLega – i neoacquisti Fey, Duncan, Nielsen e del giovanissimo Farina, in squadra per il periodo della preparazione – è stato ufficialmente aperto al pubblico il campo, poco dopo benedetto dal parroco.

 

“Questa è la tangibile e gradita dimostrazione di quanto la comunione d’intenti tra diocesi ed Argos sia fruttuosa per tutto il nostro territorio. Ringraziamo la società per quanto fatto per i nostri giovani, perché lo sport è soprattutto ideali e collaborazione, benessere psicofisico che sposa la spiritualità della nostra realtà. Faccio un grande in bocca al lupo al club per la disputa del prossimo campionato e ci adopereremo il più possibile per portare i nostri ragazzi a vedere la Biosì e i suoi campioni anche a Frosinone”, dice un orgoglioso Don Francesco.

Alle parole del religioso si unisce la dirigente Evangelista:

“Oggi è una giornata bellissima e importante per noi perché, come società, siamo abituati alle sfide e quest’anno ce ne siamo posti una nuova: dopo quella che ci ha portato nelle scuole e che si traduce nel quarto anno di progetto Oasi dei Sapori, abbiamo pensato di avvicinare i ragazzi delle parrocchie perché pensiamo ai giovani a tutto tondo, in tutte le loro agenzie educative. I ragazzi sono appunto nelle parrocchie, sono nelle scuole, sono nelle piazze e noi vogliamo esserci quali portatori delle caratteristiche tipicamente valoriali della pallavolo quali l’aggregazione e il fare squadra, prima ancora che la competizione. Nella parrocchia di Don Francesco, durante l’anno catechistico appena concluso, siamo venuti a fare delle visite portando gli atleti della serie A. Sono stati incontri pieni di emozione, con i bambini che li guardavano e domandavano loro ogni tipo di curiosità così come solo i bambini i sanno fare. Aver realizzato il primo campo, di una lunga serie, ci ha dato la misura di quanto sia giusta la strada intrapresa. Perché noi siamo anche questo, siamo l’eccellenza della SuperLega, ma siamo anche tanto altro, siamo impegno sociale, siamo presenza sana e professionale in tutto quello che ruota intorno ai ragazzi e da quest’anno pronti ad intraprendere lo stesso percorso anche fuori da Sora, visto che le partite di SuperLega si giocheranno a Frosinone. La soddisfazione di vedere questo campo va oltre. Come ha detto il vescovo, noi siamo una società integra, che dal 75 lavora sul comprensorio, lavora sulla persona e punta alla crescita corretta e completa dei suoi piccoli atleti: li facciamo divertire in un ambiente sano e cerchiamo di inculcare loro le regole del saper vivere insieme, del vivere sportivo che, di fatto, significa lavorare sull’individuo in tutta la sua totalità. Voglio concludere ringraziando a nome della società tutte quelle persone che hanno reso possibile la giornata odierna e la condivisione progettuale con la Diocesi, come Orlando Polsinelli che attivamente si è occupato di questi incontri, oltre ad essere uno degli ideatori del progetto. Ringrazio tutti i nostri volontari e dirigenti che lavorano con noi, in particolare il signor Ennio Soccodato che, con la sua azienda, ci ha aiutato materialmente con i lavori per la realizzazione del campo, e il sig. Giacchetti che ha predisposto misure del campo e tracce. Noi siamo tutto ciò e ne siamo fieri!”.

Al termine della presentazione, gli stessi giocatori volsci si sono cimentati con qualche palleggio a siglare, con lo speciale inchiostro della sportività educativa, una giornata indimenticabile per la comunità sorana.

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

La Biosì Sora pronta per la quarta settimana di preparazione, Duro: “Buoni i test fisici, ora ritmi molto intensi”

, ,
Terminata la terza settimana di preparazione, i ragazzi della Biosì Sora, sotto l’efficiente guida di coach Maurizio Colucci e dello staff preposto, continuano l’importante fase di allenamento pre-season per non farsi cogliere impreparati al loro secondo anno di SuperLega. Una delle figure che compongono questo entourage e che insieme ad altre, come lo stesso Colucci o lo scoutman Frasca, è una risorsa storica del club bianconero, è il massaggiatore Luigi Duro. Anche per quest’anno, infatti, il solerte “Gigi” – come viene chiamato in società – presterà le proprie attenzioni ai volsci e metterà a loro servizio la comprovata esperienza e il “tocco” di cui gli atleti si fidano ciecamente.
“Lavoro con la società Argos Volley da 10 anni – racconta Duro -, da quando si giocava nella struttura tensostatica e militavamo in serie B. Ho vissuto direttamente la crescita di questa realtà con tutti i suoi traguardi più importanti, cosa che ha permesso anche la mia di maturazione, personale e professionale. Con l’Argos c’è un rapporto di stima e fiducia reciproche e sono orgoglioso della considerazione che ripone nei miei confronti”.
Ma come si sviluppa il lavoro di un massaggiatore sul campo?
“All’inizio della preparazione svolgo la funzione di monitoraggio dell’attività e della forma fisica degli atleti – prosegue Duro -, lavoro di concerto con lo staff tecnico e con quello medico per i test muscolari e articolari, affinché gli atleti possano esprimersi al massimo delle loro possibilità fisiche durante tutta la stagione. Sono inoltre presente sul campo di allenamento e da gioco per tutto l’anno, prestando il primo soccorso sugli infortuni e gestendo le problematiche fisiche croniche comuni alla pallavolo. Negli ultimi anni di serie A2 avevamo uno standard organizzativo molto alto, ma in Superlega ci sono stati ovviamente degli ulteriori miglioramenti in tal senso. Il cambiamento per quanto riguarda la mia figura consiste nella necessità della mia presenza anche nelle sedute di pesi, in modo da tener efficacemente sotto controllo gli atleti”.
Il ruolo di Luigi Duro è così una specie di collante tra il reparto tecnico e quello medico, come lo stesso massaggiatore spiega:
“Al  palazzetto sono il referente dello staff medico; sono in costante contatto con il Fisioterapista/Osteopata Antonio Ludovici e lo studio Fisioterapico Fisioglobal, dal quale abbiamo il supporto specialistico ortopedico del  Dott. Cortina. E’ inoltre molto importante la costante presenza in sede del Dott. Quaglieri, il nostro medico sociale. C’è grande sintonia, poi, con tutto lo staff tecnico con il quale ci scambiamo incessantemente feedback sullo stato fisico degli atleti”. Duro conclude con un occhio a questa fase di training:
“La preparazione atletica procede a ritmi molto intensi, in quanto abbiamo giocatori molto giovani e ben predisposti al lavoro fisico. Dai test effettuati non risultano carenze e problematiche al livello fisico, pertanto, in questo step, il mio compito consiste nella gestione di patologie da sovraccarico e nell’ottimizzare il fisiologico recupero fisico”.
Con l’ingresso nella quarta settimana di preparazione c’è anche qualche cambiamento nel planning di allenamento per Santucci e colleghi: da martedì si diranno terminate le sedute di piscina e beach volley e si proseguirà con l’allenamento classico, tra pesi e tecnica. Nello specifico questi saranno gli orari: lunedì, a partire dalle ore 9.00 si lavorerà in palestra, mentre alle 17.00 la franchigia sorana saluterà la sabbia del complesso sportivo “Trecce”; martedì ultima volta in acqua, alle 9.15, presso il “Giardino dello sport” ad Isola del Liri, alle ore 17.45 tecnica al PalaGlobo; ancora doppio appuntamento mercoledì, con la pesistica del mattino alle 9.00 e la tecnica pomeridiana alle 17.45; giovedì mattina riposo, mentre al pomeriggio, sempre alle 17.45, si toccherà palla in via Ruscitto; la doppia seduta si riprende al venerdì, con la ghisa mattutina dalle ore 9.00 e la tecnica al pomeriggio alle ore 17.45; ancora tecnica sabato mattina alle 10.30 per poi riposare al pomeriggio e l’intera domenica.
Cristina Lucarelli – Biosì Sora

Gli impegni del Comune per la SuperLega: Sala Hospitality, Parcheggio e Curve.

, ,

Il racconto sulle verità Argos Volley continua arrivando quasi ai giorni nostri ossia, dopo aver conosciuto e capito il motivo per il quale la compagine di Patron Giannetti ha potuto tornare a giocare a Sora la sua Serie A2 e a quale prezzo, alla storica promozione nella massima categoria nazionale.

Domenica 15 maggio 2016, in un PalaValentia gremito in ogni ordine di posto (quasi tremila i presenti di cui oltre 300 sorani) la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora conquista la promozione in SuperLega UnipolSai 2016-17. Un risultato fantastico che arriva alla settima stagione di Serie A2 e che chiude il cerchio di un’annata giocata sempre ai massimi livelli tra le rincorse continue in Campionato con la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia e la disputa della Finalissima della Del Monte® Coppa Italia Serie A2 al Forum Assago, persa sempre contro i vibonesi sul filo di lana al termine di un tie break da cardiopalma.
L’arrivo di Sora in SuperLega è il bell’epilogo di una storia cominciata nel 1975: tutto nasce da una piccola società fondata da un gruppo di amici che veleggia tranquilla nelle serie provinciali e arriva in Serie C. La svolta arriva col patron attuale, Gino Giannetti e la sua azienda Globo s.p.a., prima sponsor e poi vero e proprio volano manageriale ed economico della società. Una scalata pianificata che inizia con la promozione in B2 e in tre anni, dal 2005 al 2008, la salita alla B1. La società in questa categoria ci resta un anno solo perché in quella successiva, la 2008/09, conquista la Serie A2. Alla settima partecipazione al Campionato Nazionale di Serie A2, quella 2015/16, arriva appunto la promozione sul campo in SuperLega.

Subito dopo la festa promozione a Sora si è votato per le Comunali e la nuova giunta insediata si è ritrovata tra le mani la SuperLega. A fine giugno 2016 l’Argos Volley ha presentato regolare domanda di iscrizione al Campionato di SuperLega 2016/17 e come campo da gara ha richiesto l’omologazione del PalaGlobo “Luca Polsinelli”.
Grazie alla neo nata Amministrazione del Comune di Sora che ha posto la firma sul protocollo contenente i requisiti richiesti dalla Lega Pallavolo Serie A in merito ai campi da gioco, la società è riuscita nei termini stabiliti a consegnare opportuna documentazione alla Commissione Ammissione Campionati.
Firmando tale documentazione, il Comune di Sora si è impegnato alla messa in opera degli adeguamenti necessari alla struttura di via Ruscitto affinché potesse essere omologata per il Campionato Nazionale più importante. Il Patron Gino Giannetti si dichiarò felicissimo ringraziando pubblicamente l’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Roberto De Donatis e tutto il suo entourage, per aver lavorato tanto tempestivamente da poter permettere a Sora e ai sorani di continuare a vivere il sogno conquistato un mese e mezzo prima e dunque poter disputare il primo campionato in Serie A nella città bianco-nera.

“In conferenza stampa – racconta il Patron Gino Giannetti -, il sindaco dimostrò il suo interesse e la conoscenza dei fatti dichiarando che sarebbero stati fatti dei lavori per permettere a Sora di giocare a Sora il primo campionato di SuperLega, consapevoli del fatto che si sarebbero dovuti fare ulteriori lavori nel giro di un anno per raggiungere i 3000 posti. L’impegno che si prese il comune era quello delle Curve per arrivare ai 2000 posti, della Sala Hospitality e di un parcheggio, ma da subito si capì che ci sarebbero state delle difficoltà, per questo abbiamo passato un’estate intera a cercare di capire il da farsi. Ci siamo dovuti barcamenare e ingegnare abbastanza per trovare soluzioni agli impegni non mantenuti ma anche per quelli mantenuti a metà, per i quali solo la benevolenza della Lega ha fatto in modo di non farci spostare di campo già lo scorso anno.

Per quanto concerne le tribune, il Comune ha provveduto al noleggio di due strutture già pronte e dunque non ovviamente concepite ad hoc per gli spazi del PalaGlobo, e queste durante la stagione si sono rivelate problematiche in fatto di posti con conseguenti carenze importanti.

Tutti poi ricorderanno anche la pessima figura che stavamo per fare con l’Hospitality in quanto, secondo l’amministrazione, avremmo dovuto farla in due teloni posti all’esterno del PalaGlobo. Tralasciando le condizioni fatiscenti di quelli che venivano chiamati gazebo, forse non si era capito fino in fondo il significato, il funzionamento e l’utilizzo che in SuperLega se ne fa della sala Hospitality. Così anche a questa esigenza-mancanza abbiamo dovuto sopperire con le nostre forze inventando spazi e creando bellissime opportunità con le risorse del territorio. Gli alunni e i docenti dell’IIS Cesare Baronio, nello specifico dei settori “Enogastronomia” e “Ospitalità Alberghiera”, durante ogni gara casalinga si sono occupati operosamente dell’Accoglienza-Hospitality, lavorando sodo sia nell’allestimento stesso della sala di ristoro, sia nella preparazione di deliziosi menù, senza dimenticare la grande professionalità con cui il pasto lo hanno servito e la cura nello sgomberare, a fine servizio, la stessa area. Ogni volta che la BioSì ha calcato il parquet casalingo, la sala Hospitality si è animata di giovani volenterosi di mettere alla prova le loro abilità e i talenti curati dall’Istituto Alberghiero, facendo conoscere ai loro ospiti le bontà del nostro territorio confezionando ogni piatto secondo le ricette più tipiche utilizzando prodotti della nostra terra perché l’Argos Volley è da sempre sinonimo di attaccamento e passione per le proprie origini.

Per quanto riguarda il parcheggio abbiamo invano aspettato tutto l’anno sportivo assieme ai nostri 30.000 spettatori che ricorderanno l’intera fase del periodo invernale nella quale si è preceduto alla bonifica del terreno. Ci è voluto il periodo di marzo-aprile per avere quell’area brecciata che comunque non è mai potuta essere adoperata. Forse in occasione dell’ultima partita qualcuno ha avuto il coraggio di rimanere impantanato lì dentro…
Quindi, sentirsi dire che si sono spesi dei soldi per la pallavolo per l’anno scorso, non corrisponde a verità. O meglio, a onor del vero, gli unici soldi che possono essere completamente additati alla pallavolo sono il noleggio delle due tribunette che, se non erro, sono rendicontate con una cifra pari a €24.000. Tutto il resto, o non è di competenza, o non è imputabile a noi, come il parcheggio che comunque è, e resta, patrimonio della struttura del palazzetto e dunque della città di Sora”.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Sora

Mondiale U19: per gli azzurrini di coach Barbiero svanisce il sogno di una medaglia

, ,

Si arrende agli ottavi di finale del Campionato Mondiale la Nazionale Under 19 guidata dal coach della BioSì Sora, Mario Barbiero, che a Riffa Bahrain cede il passo alla Korea. Dopo la medaglia d’oro meritatamente conquistata agli European Youth Olympic Games disputatisi a fine luglio a Gyor, Ungheria, il sogno Mondiale invece si infrange con un 3-0 agli ottavi.

La formazione vicecampione continentale di Mario Barbiero, impegnata in Bahrain dal 18 al 27 agosto, ha esordito con il piede giusto contro la Repubblica Ceca superandola 3-1, ha proseguito cedendo solo al quinto set di un match molto combattuto all’Iran, e ritrovando poi senza alcuna difficoltà la vittoria contro il Messico che le ha permesso di fare un ulteriore passo avanti verso il proprio obiettivo della prima fase ossia il secondo posto nella pool. Il girone, i ragazzi di coach Barbiero, l’hanno chiuso nel migliore dei modi con un altro 3-1, questa volta alla Cina, che gli ha regalato il centro dell’obiettivo, proprio quel secondo posto in pool tanto desiderato.

Negli ottavi di finale, primo turno a eliminazione diretta, Cortesia e compagni si sono trovati di fronte alla Corea del Sud, terza classificata nella sua pool. Un match non facile che andava affrontato con la massima concentrazione e pazienza invece gli azzurrini non ne hanno avuta abbastanza incappando in tanti errori.
Così il sogno medaglia della Nazionale Under 19 guidata da coach Mario Barbiero nel Mondiale Under 19 maschile, è svanito.

La formula del torneo ha previsto la suddivisione delle formazioni partecipanti in quattro gironi da cinque affrontarsi con la formula del round robin. Le ultime classificate, giocheranno per i piazzamenti dal 17esimo al 20esimo posto sempre con la stessa formula, le restanti 16 si sono sfidate in playoff (1Avs4B, 2Avs3B, 3Avs2B, 4Avs1B con incroci A-B, C-D). Le vincenti dei play off hanno accesso ai quarti, semifinali e finali per la classifica dal 1° all’8° posto, mentre le perdenti, con lo stesso principio giocheranno per i piazzamenti dal 9° al 16°esimo posto. L’obiettivo tricolore dunque ora è il nono posto che gli azzurrini dovranno inseguire da oggi alle ore 18 quando affronteranno la perdente della gara tra Egitto e Cuba.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Sora