Al PalaGlobo, Casal Bertone si conferma capolista

, ,

Al PalaGlobo “Luca Polsinelli” la capolista Casal Bertone Roma si conferma tale con un sudato 0-3 ai danni dei padroni di casa della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.
Questo il verdetto sul campo della terza e ultima giornata del girone d’andata dei Play Off di Serie C che ha visto i ragazzi di coach Martini giocarsi al meglio le proprie carte in un match combattuto sia a livello tecnico che mentale. L’approccio è stato buono è ha mostrato la voglia e la testa di giocarsela ad armi pari. Casal Bertone non ha mai avuto modo di segnare un gap profondo, ha provato tante volte a scappare avanti ma Corsetti e compagni lo hanno tenuto per la maglietta. A fare la differenza il valore e l’esperienza di una squadra navigata, ben organizzata e completa, che ha meritato.

“La nostra è una squadra giovane – spiega al termine coach Fabio Martini -, e paghiamo l’inesperienza in momenti come i vantaggi del secondo set o il punto a punto del terzo. Questo pagare di inesperienza non cambia assolutamente quello che di buono abbiamo fatto finora e l’obiettivo prefissato fin dall’inizio ossia far crescere i giovani.
Sono contento perché abbiamo approcciato la partita in maniera diversa dalla scorsa contro Marino, oggi ce la siamo giocata contro un avversario che ci è stato superiore.
Ho visto espressa dai miei ragazzi una buona pallavolo, poi il valore ha fatto la differenza e Casal Bertone ha vinto meritatamente”.

“Abbiamo fatto un buon primo set – commenta il mister romano Francesco Racanella -, al termine del quale sapevamo che al secondo il gioco non sarebbe più andato allo stesso modo. A metterci un po’ in difficoltà anche la mossa di coach Martini che ha ruotato la formazione, ma comunque credo sinceramente che Sora sia la squadra più organizzata che abbiamo incontrato in questo girone e non merita la classifica che ha”.

Alle parole della guida tecnica ospite fanno eco quelle del suo assistant Antonello Cipolletta:

“La nostra gara è stata abbastanza valida contro una Sora che dal secondo set ha difeso moltissimo, ha attaccato bene e ha murato. Ci aspettavamo una gara contro un avversario coriaceo, giovane che ha provato a mettere sul tavolo tutte le carte che poteva giocarsi compreso l’impianto che ci ha messo in difficoltà in fatto di punti di riferimento. Quindi, 3 punti li abbiamo portati a casa ma sofferti e discretamente meritati”.

Allo starting playes coach Martini si propone con la diagonale Panarello-Magnante, Vona e Caschera al centro della rete, Corsetti e Vizzaccaro in posto 4, Izzo libero nella fase di ricezione e Iafrate in quella di difesa.
La guida tecnica ospite, mister Racanella, si presenta invece con Costantini al palleggio opposto a Tanov, Frangella e Mercanti in posto 3, Nassi e Rinaldi i martelli, Palano libero.

Parte bene Sora, si fa vedere con un 2-0 chiuso da Corsetti a muro su Tanov. Casal Bertone però infila due break positivi, il primo con Frangella al servizio e l’altro con l’opposto, che lo porta avanti 3-7. La Globo con pazienza certosina comincia a ricostruire e rosicchiare lunghezze, scambi lunghi, belle giocate e grandi recuperi per l’aggancio dell’11-12 con Magnante sugli scudi e Vona a muro. Le bocche da fuoco ospiti cominciano a essere più pesanti per il nuovo allungo dell’11-15. Ferma i giochi coach Martini e alla ripresa è subito cambio palla. I romani però, a gas aperto continuano imperterriti a viaggiare veloci verso il loro obiettivo con il 14-20 che, con Mercanti dai nove metri a destabilizzare la ricezione avversaria, si trasforma nel 14-25 che gli assicura il primo set.

Tutto da rifare per i ragazzi volsci che tornano in campo con piglio decisamente diverso, con la voglia e la testa di giocarsela ad armi pari e infatti, dopo l’1-3 a regnare è l’equilibrio. Per la prima volta nel match, Corsetti e compagni si concedono la conduzione del 5-4 e dell’8-6. Tanov e Frangella rimettono tutto in parità 9-9, Sora apre il punto a punto che dura fino al 12-12 quando Casal Bertone prova a scappare avanti ma Vizzaccaro e compagni lo tiene per la maglietta contenendo fino al 17-18. Il ruolo della Globo è comunque quello dell’inseguitrice e gli riesce bene, soprattutto al 21-24 quando è capace, con Corsetti in attacco e Caschera a muro, di portare la contesa ai vantaggi. Un punto per parte con il primo messo a segno dagli ospiti e con i locali ad annullare 4 set ball ma al 27-28 è l’ace di Rinaldi a mettere a referto il secondo game 27-29.

Avanti di 2 set a 0, in avvio del terzo Casal Bertone soffre il rientro dei locali che con Caschera a muro si mettono avanti 3-1, con Vizzaccaro in attacco si confermano al 5-3, e con Magnante al 10-9. Qualche errore bianconero, assieme all’estro del palleggiatore Costantini, inverte la situazione mettendo un passo avanti gli ospiti fino al 16-17. L’esperienza del sestetto romano viene chiamata tutta a raccolta, sanno che questo è il momento dello sprint che innescano con il +4 del 16-20, Corsetti lo interrompe con il cambio palla non seguito da break ma da un punto a punto che si infrange al 18-21 oltre il quale c’è solo Casal Bertone che porta a casa il terzo set 18-25, il match 3-0 e soprattutto 3 punti d’oro per la classifica.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – POL. CASAL BERTONE ROMA 0-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Panarello, Magnante 15, Caschera 3, Vona 7, Corsetti 7, Vizzaccaro 7, Iafrate (L), Izzo (L), Cocco n.e., Pittiglio n.e., Rogacien, Quadrini, Ciardi. I All. Martini. B/V 1; B/P 10; muri: 7.

POL. CASAL BERTONE ROMA: Costantini 4, Tanov 10, Frangella 8, Mercanti 14, Nassi 7, Rinaldi 11, Palano (L), Mussino (K), Capanna, Pirozzi 2, Gambassi 1, Masiero n.e., Olivieri n.e., Colasante, Moccaldi (L), n.e.. I All. Racanella; II All. Cipolletta. B/V 5; B/P 9; muri: 8.

PARZIALI: 14-25 (‘23); 27-29 (‘36); 18-25 (‘26).

I ARBITRO: Gasperotti Elisa.
II ARBITRO: Pallotti Andrea.
SEGNAPUNTI: Salvatore Pica.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Ancora ospiti al PalaGlobo, arriva il Casal Bertone

, ,

Terza giornata del girone d’andata dei Play Off di Serie C e nuovo ospite per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che aprirà per la prima volta le porte del PalaGlobo “Luca Polsinelli” alla Polisportiva Casalbertone.

Storicamente la società romana è una vera esperta della serie regionale, conquistata sul campo per la prima volta nel 1986 e disputata per molte stagioni fino ai giorni nostri in alternanza con la categoria superiore. È una vera esperta anche di promozioni e Play Off, ma anche di ripartenze e scalate veloci verso l’alto che l’hanno portata a militare in B2 dal 1997 al 2000, dal 2001 al 2008, dal 2009 al 2015.
Nella stagione 2015/2016, dopo la retrocessione, Casalbertone è ripartito nuovamente dalla serie C fregiandosi della Coppa Lazio e dell’uscita dai Play Off Promozione ai quarti di finale. Negli anni sportivi successivi ha cercato di migliorare questo risultato veleggiando sempre ai vertici della categoria e sfiorando ripetutamente il salto che, dopo lo stop causa pandemia, sta tentando nuovamente oggi.
I fatti le stanno dando ragione, con un primo posto nella classifica del girone D detenuto grazie ai 13 punti del bottino, seguita a 12 da Marino, a 8 da Zagarolo e Anagni, a 7 da Appio e a 6 da Sora.
Nelle prime due giornate della Pool Promozione, Casalbertone ha battuto a punteggio pieno Anagni in trasferta e Zagarolo tra le mura amiche, guadagnando 6 punti che uniti ai 7 che portava in eredità danno il bel quoziente che oggi può vantare.

“La classifica attuale ci penalizza un po’ – spiega coach Fabio Martini -, ma comunque è corta, e vediamo come ogni settimana cambia volto. Abbiamo sempre saputo che sarebbe stato superfluo fare qualsiasi tipo di calcolo e che dovevamo affrontare ogni gara come una finale perché comunque partivamo in una posizione non comoda. Sabato sarà l’ultimo match del girone d’andata e poi avremo altre 3 gare in quello di ritorno, per cui di punti in palio ancora ce ne sono e cercheremo di metterne in cassaforte il più possibile.

In tutto questo discorso però, non dobbiamo dimenticare che questa squadra è stata costruita per la crescita tecnica individuale dei ragazzi, con le intenzioni iniziali e gli obiettivi che puntavano alla futuribilità. Il grande lavoro fatto ci ha portato a giocarci una promozione in Serie B e in questo c’è sicuramente una parte di orgoglio e di certo non vuol dire che ci sentiamo appagati. Crediamo che dobbiamo sfruttare al meglio ogni possibilità che ci viene posta quindi sabato cercheremo di scendere in campo per affrontare Casalbertone come se fosse la finale promozione”.

“Non stiamo vivendo il nostro momento migliore come qualità delle settimane trascorse in palestra – continua la guida tecnica sorana -, abbiamo un paio di titolari non al top della condizione, un atleta in quarantena preventiva, per cui non riusciamo a essere qualitativi durante il lavoro quotidiano come lo siamo stati per gran parte della stagione.
Nonostante questo però, i ragazzi si impegnano tantissimo, ce la mettono tutta e ne sono orgoglioso perché vuol dire che c’è in loro tanta consapevolezza sul momento che stiamo vivendo. Non è questo il momento di mollare perché ci siamo conquistati una grandissima occasione, quella di giocarci le nostre carte nella pool promozione, per cui cercheremo di dare il meglio ogni giorno, sia in ogni allenamento che in ogni partita.

Casal Bertone è una squadra ben organizzata, come del resto lo sono, e ce lo hanno dimostrato, Appio e Marino, quindi prevedo la solita partita combattuta sia a livello tecnico che a livello nervoso. Quello che sto chiedendo ai ragazzi è di fare tutti insieme una analisi sulla gestione della parte iniziale dei set che apparentemente non risulta essere troppo attenta. Con questa fallosità ci ritroviamo nella parte centrale del set a dover spendere energie supplementari, fisiche e mentali, per cercare di recuperare un gap che ha viziato tutto l’andamento del set.
Su questo stiamo lavorando, sull’attenzione, sulla capacità di gestione dell’errore individuale per ridurlo al minimo soprattutto nelle fasi iniziali. Con i ragazzi e lo staff tecnico siamo concordi sull’importanza di questo aspetto che va risolto in fretta”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Marino espugna il PalaGlobo

, ,

Esordio casalingo nei Play Off Promozione per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che però contro il Marino Pallavolo Bulls non riesce ad andare oltre l’1-3. Così, al PalaGlobo “Luca Polsinelli” la posta in palio della seconda giornata dei Play Off Promozione, la guadagnano interamente gli ospiti grazie a un ottimo approccio al match e una buona tenuta dai rientri in corsa sorani.

Nei primi due set che i Bulls hanno vinto agevolmente, il break decisivo è sempre stato quello di partenza, Sora fatica a ricucire non riuscendo ad andare in serie e, camminando punto a punto, il gioco non trova alcun ritmo. Il trend cambia sull’8-13 del terzo game quando i volsci finalmente trovano parziali positivi, rincorrono, agganciano e sorpassano per la conquista del set che riapre il match. A questo punto si fa sul serio, c’è gioco, quello che due squadra in lotta promozione devono mettere in campo. Scambi lunghi e concitati per il punto a punto che accompagna il quarto game fino al 16-15 quando il valore di Marino ha la meglio e decide che il tempo sorano è terminato.

“Sapevamo che avremmo affrontato una partita difficile – commenta a caldo il Direttore Sportivo Stefano Frasca -, e la determinazione del nostro avversario nei primi due set ne è stata la riprova. Abbiamo pagato il nostro inizio contratto con il risultato che è frutto proprio dell’approccio dei primi due set. Con la ripresa che abbiamo avuto nel terzo conclusa con la vittoria, volevamo girare la partita, e per quasi tutto il quarto abbiamo lottato per farlo. Sul 16-15 due minuti di black out hanno permesso a Marino di riportare a casa l’intera posta in palio”.

“Sono molto contento del lavoro che hanno fatto oggi i ragazzi – dichiara invece coach Ronsini -, questa vittoria la cercavamo da tre turni nei quali siamo usciti sconfitti e ci proprio voleva. Siamo partiti molto bene nei primi due set giocando ai nostri livelli, nel terzo avanti di 8 lunghezze abbiamo abbassato un po’ il ritmo ma anche i padroni di casa hanno fatto un ottimo lavoro reagendo bene al difficile momento. Il quarto per metà è stato faticoso e poi è emerso il nostro dna, abbiamo innestato la marcia giusta e abbiamo fatto quello che sappiamo fare”.

Allo starting playes coach Martini rimette in campo il sestetto di partenza della scorsa gara, quello formato dalla diagonale Panarello-Magnante, Vona e Caschera al centro della rete, Corsetti e Vizzaccaro in posto 4, Izzo libero nella fase di ricezione e Iafrate in quella di difesa.
La guida tecnica ospite, mister Ronsini, si presenta con Basili al palleggio opposto a Barbetti, De Dominicis e Bocek in posto 3, Ausili e Finauri i martelli, Cocuzzone libero.

Marino si presenta con un break di 5-0 che Sora fatica a ricucire non riuscendo ad andare in serie. Il set cammina punto a punto con il gioco che non trova alcun ritmo. I Bulls si crogiolano nel loro vantaggio affatto impensieriti da una Globo annebbiata che sull’11-15 li lascia e li aiuta a prendere il largo prima 11-19 e poi 13-24. Il game si chiude 14-25.

Il secondo set sembra una copia del precedente con il break positivo di 5-0 dei Bulls e il punto a punto che accompagna la contesa fino al 7-13. Un doppio passo per volta i volsci rosicchiano lunghezze fino al 14-16 con gli attacchi di Vizzaccaro e Magnante e con Caschera di prima intenzione. A questo punto gli interruttori che si abbassano sono sempre gli stessi, quello che apre il gas nel sestetto di Marino e quello che spegne la luce nella metà campo sorana. con un filotto di 7-0 figlio di belle giocate di Bocek ma anche di errori locali, il tabellone sale sul 14-23 che subito chiama a referto il 16-25 che porta il match sul 2-0 per gli ospiti.

Un copione già scritto che Sora non riesce a leggere diversamente mentre Marino lo esegue alla perfezione con il nuovo 8-0 di apertura set. La salita che la Globo ha avuto davanti per tutto il game ora sembra la vetta di una montagna da scalare, e ci prova con l’ace di Caschera, il muro di Rogacien subentrato a capitan Corsetti e gli attacchi di Magnate per il 7-11. Ma è con il cambio palla conquistato dal neo entrato che si porta ai nove metri autografando anche un ace, che i padroni di casa vanno per la prima volta in serie positiva per l’aggancio del 12-13 e poi la parità del 14-14. Con la battuta vincente di Magnate arriva il sorpasso del 16-15 ma con uno stratosferico Rogacien, che attacca e mura a1 Barbetti finalizzando 3 punti consecutivi, che allunga 20-17. Vizzaccaro porta i suoi al +4 del 23-19 mentre bagnate fa scaldare gli animi per il set ball seguito dal 25-21 che riapre il match.

Con Rogacien confermato nel sestetto di partenza, Sora prova a spezzare l’incantesimo del copione e, nonostante l’1-4 di avvio, aggancia subito con Vizzaccaro 3-4 e continua, con Vona a muro su Barbetti, fino al 7-7. Ora si fa sul serio, c’è gioco, quello che due squadra in lotta promozione devono mettere in campo. Scambi lunghi e concitati per il punto a punto che accompagna la parte centrale del set. Si concede un doppio passo la Globo con l’ace di Magnante, ma Barbetti risponde presente per la parità del 14-14. È sul 16-15 che degli episodi mettono pericolosamente avanti la testa del Bulls che dopo un turno in battuta di Bocek lungo 5 turni, è sul 16-21. Sora va al cambio palla ma ricucire il gap è impresa ardua. Ci provano Panarello e compagni ma il loro tempo finisce al 20-25.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – MARINO PALLAVOLO BULLS 1-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Panarello 1, Magnante 25, Caschera 5, Vona 2, Corsetti 3, Vizzaccaro 6, Iafrate (L), Izzo (L), Cocco, Pittiglio n.e., Rogacien 9, Quadrini. I All. Martini. B/V 5; B/P 5; muri: 5.

MARINO PALLAVOLO BULLS: Basili 3, Barbetti (K) 23, Pera 8, Bocek 9, Ausili 19, Bartolini 5, Cocuzzone (L), De Dominicis n.e., Martucci 2, Marcelli (L), Amici, Di Gianfelice, Finauri n.e.. I All. Ronsini Francesco; II All. Del Monte Giulia. B/V 4; B/P 11; muri: 8.

PARZIALI: 14-25 (‘20); 16-25 (‘26); 25-21 (‘28); 20-25 (‘30).

I ARBITRO: Tommaso Diana.
II ARBITRO: Stefano Di Pofi.
SEGNAPUNTI: Eliana Pontone.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Seconda giornata Play Off, al PalaGlobo arriva Marino

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è attesa dalla seconda giornata della Pool Promozione che la vedrà impegnata tra le mura amiche del PalaGlobo “Luca Polsinelli” con Marino Pallavolo Bulls.
Quella di sabato alle ore 16, sarà la prima di tre gare casalinghe consecutive che, in sequenza, porteranno a Sora tutte le sfidanti da affrontare in questa seconda fase che, alla sua conclusione, permetterà alla prima classificata di salire direttamente in Serie B e alle seconde del girone C e D, di scontrarsi per lo stesso obiettivo in una finale secca in campo neutro.

Centrata e concentrata, la Globo domenica scorsa ha riportato a casa un ottimo risultato e un ottimo bottino classifica. In trasferta dall’Appio Roma, dopo aver vinto il primo e il terzo set, ha contenuto magnificamente il rientro degli avversari chiudendo 8-15 il tie break.
Questo risultato, assieme a quelli arrivati dagli altri campi, dimostrano ampiamente che il girone D è molto equilibrato e che tutti possono giocarsi tutto.
L’Intent Volley Zagarolo nel suo palazzo ha battuto Marino solo 15-13 al quinto set, mentre il Volley4Us Anagni, sempre tra le mura amiche della città dei Papi, ha lasciato che a guadagnare tutta la posta in palio fosse Casal Bertone in tre set.
Dopo la prima giornata la classifica è cortissima con le aspettative di tutti che salgono vertiginosamente, e a guadagnarci sarà sicuramente lo spettacolo della pallavolo.
Casal Bertone è prima a quota 10 punti, segue Marino Pallavolo Bulls a 9, l’Intent Zagarolo e Volley4Us Anagni pari merito a 8, Sora 6 e Appio Roma 4.
Gli incroci del prossimo week end quasi sicuramente porteranno qualche spostamento delle carte in tavola: sabato pomeriggio alle ore 16 Sora ospiterà Marino, mentre alle 17 Casal Bertone riceverà Zagarolo, domenica alle 17:30 il pressostatico di largo Tacchi Venturi si aprirà nuovamente per vedere i locali dell’Appio sfidare gli ospiti di Anagni.

Dello stesso avviso è coach Fabio Martini che, con uno sguardo al passato, al presente, e al futuro, ci spiega meglio:

“Come ci aspettavamo, la prima giornata è stata a tutti gli effetti un match play off, una gara dura nella quale abbiamo dovuto sudare per portarla a casa, rischiando seriamente anche di perderla contro una buona squadra.
Oramai il livello di gioco è davvero alto, come è normale che sia tra sei squadre che si equivalgono e si giocano la promozione in serie B. In questa fase ogni partita è una finale, non c’è un dopo, in ogni partita va dato tutto, e i conti si faranno alla fine.
È la prima volta che ci troviamo a giocare con questa formula, e quindi è la prima volta che non giochiamo contro tutte le squadre del girone. Per questo occorre ottimizzare tutte le occasioni che nelle sole sei partite si presenteranno o saremo bravi a crearci. Il nostro raggruppamento D è formato dalle top six dei gironi B1 e B2, quindi ogni partita è impegnativa, con gli ostacoli e le difficoltà a cui andremo incontro a essere sempre i medesimi.

In questi giorni abbiamo cercato di conoscere meglio il nostro prossimo avversario, Marino, guardando le partite che disputato e analizzando dati utili a studiare la nostra migliore strategia. Al momento in classifica a un buon piazzamento, ma noi non ci facciamo intimorire da nessun tipo di numero, siamo pronti per fare la nostra partita.

Il calendario ci mette di fronte tre gare casalinghe consecutive, e se vogliamo dire la nostra sull’argomento promozione dobbiamo fare più punti possibili in questi tre turni, dobbiamo ottimizzare queste tre possibilità e portare a casa bottino pieno o quasi. Solo al termine di questi appuntamenti potrebbe essere già tempo per capire se saremo ancora in corsa per un posto promozione”.

Carla De caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora apre i Play Off con una grande vittoria in casa dell’Appio Roma

, ,

Ottima prova della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora nella prima giornata dei Play Off Promozione che, al Pallone San Giuda Taddeo in largo tacchi Venturi a Roma, batte 2-3 il N.Ed. Reatina Appio Roma.

Centrati e concentrati, i volsci hanno affrontato senza paura una squadra ostica che tra le sue mura amiche ha cercato da subito di ostacolarla, senza sapere però che difronte avrebbe avuto un’araba fenice.

Vinto il primo set 21-25, al secondo i ragazzi di coach Martini soffrono lo sprint finale dei padroni di casa. Nel terzo arriva un’impresa epica, sul 23-16 sono in grado di inanellare un parziale positivo di 8-0 che li porta al set ball e poi alla vittoria ai vantaggi. Avanti 1-2 in fatto di conteggio game, nel quarto si spegne la luce fino al 21-9 quando Corsetti e compagni trovano la forza e soprattutto la testa di riportarsi sotto 23-20 grazie a un’altra rimonta che merita menzione negli annali. Non riescono però a farla capitolare con Appio a riaprire il match 25-21. Tie break tutto di marca sorana, con i locali nel set solo fino al 4-5 quando la Globo prende coraggio, campo e punti per l’8-15 che decreta la vittoria del set, del match e di 2 punti classifica importantissimi.

“Benché Appio sia un signora squadra che ci ha messo in difficoltà, vedo più un punto perso che 2 guadagnati, – dice a caldo Coach Fabio Martini. Detto questo sono soddisfatto del risultato perché dopo aver perso il quarto set in malo modo, abbiamo portato a casa il quinto, ma soprattutto soddisfatto dei ragazzi che sono stati sul pezzo. Essendo la prima gara dei play off sicuramente sentivano la partita e ad aggravare la situazione c’è stata l’alta temperatura presente all’interno del pressostatico, ma in questi play off dove tutte le gare sono finali, dobbiamo imparare a gestire anche questo”.

Allo starting playes la guida tecnica locale, mister Pistilli, si propone con Cervini al palleggio opposto a Cesa, Grippo e Fontana in posto 3, Priori e Di Generoso i martelli, Lamonaca libero.
Coach Martini torna a schierare il suo sestetto tipo, quello formato dalla diagonale Panarello opposto a Magnante, Vona e Caschera al centro della rete, Corsetti e Vizzaccaro in posto 4, la novità riguarda il settimo uomo con Izzo libero nella fase di ricezione e Iafrate in quella di difesa.

Il muro imperioso di Vona apre il match che Appio porta subito sul 5-2. Il capitano volsco ottiene il cambio palla che manda Panarello al servizio dove resterà per 3 turni utili al sorpasso del 5-6 chiuso da Caschera a bloccare le intenzioni di Cesa. Un altro break positivo guidato dai nove metri da capitan Corsetti e finalizzato dall’attacco Magnate e Caschera ancora a muro a sbarrare la strada a Cesa, porta la contesa sul 6-10. Un doppio passo alla volta, i romani ristabiliscono l’equilibrio 12-12 e poi tornano alla conduzione 15-13. Time out per coach Martini e dopo un punto a punto, il capitano volsco sale sugli scudi e con un devastante turno in battuta spinge i suoi al +4 del 17-21. La panchina locale manda in campo Farina su Di Generoso subito servito da Cervini per cercare di ridurre il gap. Con la pipe di Priori è 23-21 ma Vizzaccaro regala ai suoi due set ball. la Globo chiude il set alla prima occasione con Magnante in battuta e Vona a tirare il rigore del 21-25.

Aggrediscono il secondo game Cesa e compagni per il 4-1 che costringe la guida tecnica ospite a fermare il gioco. Dopo aver parlato con i suoi, arriva il cambio palla con Caschera dal centro della rete ma nessun break con il gioco che prosegue punto a punto fino al 10-5 quando arriva il parziale positivo che ricuce lo strappo fino al 10-9 con Vizzaccaro in battuta, Vona a muro e Magnante in attacco. Mister Pistilli al time out e poi parte la nuova corsa romana con Fontana e Priori per il 14-10. Il guizzo sorano arriva al 16-12 con Caschera all’ace e Vona ancora al rigore per l’aggancio del 16-15. Cambio in cabina di regia per la Globo con Cocco che subentra a Panarello. Appio si riporta sul +3 del 21-18 aiutato da qualche disattenzione avversaria. Torna l’ordine nella matà campo volsca ma i padroni di casa hanno preso un buon ritmo che li accompagna dritti al 25-20 che rimette in parità il match.

Equilibrio in apertura di terzo game con la Globo a tenersi un passo avanti fino al +3 del 4-7 con Magnante in grande spolvero. Risponde il pari ruolo Cesa per la parità del 7-7 e poi qualche errore di troppo regala ai padroni di casa il vantaggio del 12-9. Ferma tutto coach Martini e alla ripresa si gioca al cambio palla fino al 16-14 quando Cesa diventa pesante dai nove metri inanellando un turno che porta i suoi in alto fino al 21-14. 23-16 quando Corsetti manda Vona al servizio per l’ace del 23-18, continua il turno del centrale mentre in prima linea Caschera mura Priori per il 23-20, Cocco a uno inchioda ancora Priori per il 23-22, e poi arriva anche il set ball. La rincorsa lunga 8-0 si interrompe solo per mandare il game ai vantaggi e poi riprende per il 24-25 e 24-26 che rimette la Globo avanti 1-2 nel match.

In avvio è sempre Appio a mettere il naso avanti per il 3-0 agganciato 3-2 ma poi con Priori al cambio palla e in battuta, scappano ancora 8-3. Deve sempre rincorrere la Globo ma fino al 15-6 non riesce a farlo: non riuscendo ad andare oltre il cambio palla, non trova il ritmo giusto così Cesa e compagni continuano a spingere 18-7 e 21-9. La battuta torna nelle mani sorane di Cocco che in salto picchia finalmente per un bel break positivo dal parziale di 6-0 che segna il 21-15. Lavora bene sul cambio palla e al 22-15 può continuare ciò che aveva iniziato rosicchiando altre lunghezze buone per il 22-18 e poi ancora quelle del 23-20. Cesa porta i suoi al set ball ma al servizio si annulla la prima possibilità. Di Generoso non si fa sfuggire l’occasione della seconda per il 25-21 che rimanda tutto al tie break.

Gioco infuocato, sestetti che non mollano, tabellone che sale un punto per parte. La situazione si sblocca sul 4-5 con Sora in serie fermata solo dal cambio del campo obbligatorio al 4-8. Break dopo break è 6-12 e 7-14, Grippo prova a tenere suoi dentro ma Sora vince il set 8-15 e il match 2-3.

N.ED. REATINA APPIO ROMA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 2-3

N.ED. REATINA APPIO ROMA: Cervini 1, Cesa 25, Grippo 7, Fontana 9, Priori 19, Di Generoso 11, Lamonaca (L), Scaglione, Savagnone n.e., Farina 3, Conrado Veiga n.e., Capozza n.e., Del Frate (L) n.e., Olivieri n.e.. I All. Lorenzo Pistilli; II All. Gabriella Oddo. B/V 4; B/P 14; muri: 6.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Panarello, Magnante 20, Caschera 10, Vona 11, Corsetti 17, Vizzaccaro 5, Iafrate (L), Izzo (L), Cocco 2, Pittiglio n.e., Rogacien, Quadrini n.e., Ciardi . I All. Martini. B/V 3; B/P 11; muri: 11.

PARZIALI: 21-25 (‘28); 25-20 (‘27); 24-26 (‘33); 25-21 (‘26); 8-15 (‘18).

I ARBITRO: Marco Lo Re.
II ARBITRO: Antonio D’Avanzo.
SEGNAPUNTI: Francesca Branno.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Al via la seconda fase, quella che vale la promozione

, ,

Tanta soddisfazione in casa Argos Volley per il risultato raggiunto dalla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, la conquista del pass per la Poule Promozione, e non solo.
L’obiettivo prefissato a inizio stagione riguardava il progetto di crescita della giovane squadra di Patron Giannetti che, sotto la guida tecnica di coach Fabio Martini, del DS Stefano Frasca e del preparatore Chiara Ottaviani, sta crescendo proprio bene, con ottimi risultati sia di squadra che individuali.

Terminata la prima fase del torneo lo scorso sabato, può essere tempo di un primo bilancio. Tirando la linea, la somma che ne viene fuori è davvero positiva, con capitan Corsetti e compagni a blindare il secondo posto della classifica; a detenere il primato dell’imbattibilità casalinga; e a potersi vantare di aver vinto, almeno una volta, con tutte le squadre affrontate appartenenti al girone B1.

C’è stata anche qualche sconfitta, qualche momento negativo, un periodo dall’infermeria piena, cinque lunghi mesi di preparazione a un campionato slittato tanto in avanti, gare rinviate causa Covid, ma tutte sono state esperienze utili a centrare in modo straordinario l’obiettivo, perché i ragazzi hanno saputo trasformare tutto quanto vissuto in insegnamento.

E ora? Come non farsi la bocca?
Grazie all’ottimo lavoro di squadra, dello staff, e della società, la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è in ballo per la promozione, e allora, tutti pronti a scatenare le danze già da questo week end.

Il Campionato di C maschile è iniziato a febbraio con 24 squadre partecipanti suddivise in 4 gironi, A1, A2, B1, B2. Al termine della turnazione, lo scorso 24 aprile dopo 10 gare tra andata e ritorno, le prime tre di ogni girone hanno strappato il pass per la seconda fase quella che vale la promozione diretta in Serie B.
I 12 team sono andati così a comporre 2 gironi, quello C formato dall’accoppiamento dei tre club provenienti dal girone A1 e le tre dall’A2, e quello D con le aventi diritto del B1 e B2.
Sora appartiene proprio a quest’ultimo, il girone D, assieme a Zagarolo, Anagni, Marino, Appio e Casalbertone.
Sabato e domenica dunque, al via gli scontri che vedranno affrontarsi solamente le squadre provenienti da gironi diversi e che quindi non hanno mai avuto modo di confrontarsi, mentre le appartenenti allo stesso girone – nel nostro caso Sora, Zagarolo e Anagni -, porteranno in eredità i punti guadagnati negli incontri precedenti. Per questo, al via della Poule Promozione, già una parte di classifica è scritta: Marino e Anagni 8 punti, Casalbertone 7, Zagarolo 6, Sora 4, Appio 3.
Al termine delle 6 gare in programma tra andata e ritorno, la prima del girone C e di quello D, saranno promosse direttamente in Serie B, mentre entrambe le seconde si giocheranno il tutto per tutto in una finalissima in campo neutro che decreterà la terza autorizzata al salto di categoria.
Novità della formula del campionato di questa stagione 2020/2021, non ci sarà alcuna retrocessione, e la Coppa Lazio verrà contesa dalle squadre qualificate dal quarto al sesto posto al termine della prima fase, accoppiate nei gironi E e F per i quali valgono le stesse regole di quelli C e D, ovvero, dopo gli scontri di andata e ritorno con i team non incontrati nella precedente fase e i punti portati in eredità, le prime classificate di entrambi i raggruppamenti si giocheranno la Finale che assegnerà il trofeo.

Questi gli appuntamenti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora:
– Domenica 9 maggio ore 17:30 – N.Ed. Reatina Appio Roma vs Sora
– Sabato 15 maggio ore 16 – Sora vs Marino Pallavolo Bulls
– Sabato 22 maggio ore 16 – Sora vs Pol. Casal Bertone Roma
– Sabato 29 maggio ore 16 – Sora vs N.Ed. Reatina Appio Roma vs Sora
– Sabato 05 giugno ore 18:45 –Marino Pallavolo Bulls vs Sora
– Sabato 12 giugno ore 17 –Pol. Casal Bertone Roma vs Sora

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Cinque set con Gaeta e secondo posto della classe

, ,

Ieri sera a Fondi per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si è chiusa la prima fase del Campionato di Serie C – girone B1.
Nella tensostruttura di via Gobetti, si è recuperata la gara valevole per la prima giornata del girone di ritorno non disputata lo scorso 20 marzo contro la Serapo Volley Gaeta, al termine della quale Sora può essere orgogliosa e festeggiare il secondo posto della classe blindato con 20 punti, 3 in meno rispetto alla prima Zagarolo, e lo stesso quoziente della terza Anagni scavalcata di posizione grazie a una gara vinta in più.

All’andata, nel match di esordio nella competizione, la Globo sulla Serapo si impose tra le sue mura amiche del PalaGlobo “Luca Polsinelli” per 3-0 con parziali di 25-13; 25-11; 25-10; conquistando i suoi primi 3 punti classifica. Ieri sera invece al quinto set l’hanno portata a casa i ragazzi di coach Panarello contro una Sora che ha concesso spazio alle sue giovani ed esordienti leve.

Coach Martini infatti, ha dovuto fare a meno di capitan Corsetti e del suo compagno di reparto Vizzaccaro rimasti a casa, titolari in campo al loro posto il sedicenne Piergiorgio Ciardi e il diciannovenne Alessandro Rogacien. Turnover anche in posto 2 con Pittiglio fuorimano su Magnate. Così la guida tecnica sorana si è presentata allo starting players con Panarello in cabina di regia opposto a Pittiglio, Caschera e Vona al centro della rete, Rogacien e Ciardi in posto 4, Iafrate libero nella fase di difesa e Quadrini in quella di ricezione.

Mister Panarello invece, rispetto al precedente incontro, ha avuto a disposizione delle pedine in più che ha posizionato così nel suo scacchiere, Galiano al palleggio opposto a Stamegna, Simeone e Graziano in posto 3, Stabile e Baroni Damiano in banda, con a disposizione l’altro Baroni, Jordan, e il libero De Simone.

Con Panarello dai nove metri, Sora parte subito con un break di 4-0 per l’1-5 ma poi diventa fallosa e aiuta Gaeta nell’aggancio del 6-6. Si procede un doppio passo per parte fino all’11-10 quando l’ace di Vona e gli attacchi di Rogacien rimettono avanti gli ospiti 11-14. Con Galiano e Graziano il Serapo ricostruisce e, punto dopo punto, pareggia i conti, concedendosi sul 19-19 il primo e importante strappo, quello che la porta in vantaggio 23-19. Cambio della diagonale per coach Martini ma il suo sestetto riesce a tenere aperto il set fino al 24-22 quando Stabile lo mette a referto 25-22.

Il 3-0 dei locali è sovvertito dal 3-4 autografato da Pittiglio all’ace e Vona a muro su Stabile. L’equilibrio è mantenuto dai tanti errori al servizio e rotto dalla Globo al 13-14 con Caschera a vincere un contrasto a muro e Rogacien a picchiare per il +4 del 13-17. Baroni prova a spingere i suoi ma Ciardi e Pittiglio rispondono per il 17-21. Coach Panarello sostituisce Stamegan con Baroni Jordan ma dopo il secondo time out tecnico Sora è ancora alla conduzione con tutto il suo vantaggio tenuto stretto. Al 18-23 la Serapo scalpita per rientrare nel set che Sora chiude 22-25.

1-1 e tutto da rifare per entrambi i sestetti. In apertura Sora è sempre l’inseguitrice: dopo l’equilibrio del 6-7, Simeone dai nove metri guida i suoi avanti 11-7. Richiama gli atleti coach Martini e alla ripresa del gioco è 11-10, ma è al cambio palla successivo che i bianconeri inanellano una serie positiva con un gioco offensivo che gli vale un bel 6-0. Con Rogacien al servizio, Ciardi in attacco e Caschera a muro il tabellone sale 12-16. Qualche disattenzione permette a Gaeta di rientrare 17-19, ma dopo il punto a punto che accompagna il game al 19-21, i volsci vanno allo strappo definitivo per il 21-25 che li mette avanti nel match.

L’insidioso servizio di Pittiglio porta in cassa punti diretti e rigori alla sua prima linea per il 2-3. Si prosegue palla su palla con entrambi i sestetti che non riescono a trovare il break fino al 9-8 quando riesce ad andare oltre il cambio palla per il 9-11. Lo scenario si inverte con Gaeta in serie positiva con Galiano al servizio per il 14-12 e poi con Stamegna sugli scudi per il 17-13 interrotto da Rogacien. Caschera a muro su Baroni e Pittiglio in attacco rosicchiano lunghezze per il 21-19, ma Stabile preme sull’acceleratore per il 23-19 e la chiusura del 25-20.

La bella si apre con Caschera a bloccare sulla rete le intenzioni di Graziano e prosegue sotto gli attacchi di Stabile. Il primo doppio passo in avanti lo fa Gaeta 5-3, e continua ad alzare la voce fino al cambio di campo 8-4. Sora sta facendo il bello e il cattivo tempo concedendosi troppi errori, ma arriva la reazione con 7 turni al servizio chiusi dai muri di Pittiglio e Caschera e dagli attacchi di Ciardi, che trasformano la contesa nel 9-13. Rogacien e compagni non trovano la forza di chiudere i giochi e neanche quella di placare un avversario galvanizzato che si concede un altro coup de theatre e vince il il tie break 15-13 e il match 3-2.

SERAPO VOLLEY GAETA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-2

SERAPO VOLLEY GAETA: Galiano 4, Stamegna (K) 18, Simeone 3, De Simone, Stabile 18, Graziano 10, Baroni D. 11, Baroni J. 3. I All. Panarello. B/V 5; B/P 22; muri: 3.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Panarello 2, Pittiglio 11, Vona 10, Caschera 10, Rogacien 15, Ciardi 10, Iafrate (L), Quadrini (L), Cocco, Magnante 1, Izzo. I All. Martini. B/V 4; B/P 10; muri: 13.

PARZIALI: 25-22 (‘25); 22-25 (‘22); 21-25 (‘25); 25-20 (‘23); 15-13 (‘17).

I ARBITRO: Migliozzi Luigi.
SEGNAPUNTI: Di Criscio Ornella.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Vittoria per 3-0 su Paliano e primato d’imbattibilità casalinga

, ,

Al PalaGlobo “Luca Polsinelli” la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora archivia con un 3-0 il match contro il Caschera Volley Pallianus fregiandosi anche del primato di imbattibilità casalinga nella prima fase del Campionato di Serie C.
3 i punti classifica conquistati da Corsetti e compagni in questa gara valevole per l’ultima giornata del girone di ritorno che comunque non decreta la chiusura della prima fase in quanto Sora deve ancora recuperare il confronto con Gaeta in programma il prossimo venerdì 30 aprile alle ore 20:30 nella tensostruttura Gobetti di Fondi.

I ragazzi di coach Roberta Prosperini si sono presentati sul rettangolo da gioco con il petto gonfio delle due vittorie consecutive conquistate in trasferta sui campi del Serapo Volley e del Montmartre, ma dall’altra parte della rete hanno trovato una Globo in perfetto stato di grazia.
Il mood del roster volsco era lo stesso del quarto e quinto set di due giorni fa contro Zagarolo, come anche la carica agonistica e la voglia di giocare: non importa che in palio ci siano punti non ininfluenti sia per questa classifica che per quella della prossima fase, la Globo gioca al suo massimo livello onorando e rispettando il suo avversario, il lavoro che con dedizione lo staff tecnico prepara e cura, e la società che gli da modo di fare tutto ciò.

Coach Martini dà spazio a tutti i suoi atleti che si fanno trovare prontissimi, rispondono sempre presente e non deludono le aspettative.
Così allo starting playes la guida tecnica volsca schiera Cocco in cabina di regia opposto a Pittiglio, Vona e Caschera al centro della rete, capitan Corsetti e Rogacien in posto 4, Iafrate libero nella fase di difesa e Quadrini in quella di ricezione.
Coach Prosperini invece si presenta al fischio d’inizio del signor Marco D’Orazio, con Damizia al palleggio opposto a Paris, Ciuffarella e Alessi in posto 3, Alessandri e D’Ambrosio i martelli, e Proietto libero.

Con Caschera dai nove metri, Vona a muro e Rogacien in attacco, la Globo apre il game 6-2 e lo allunga 7-3. Paliano ricuce subito lo strappo 9-7 e con l’ace di Paris aggancia 11-10. Nuova accelerata sorana per il +3 del 16-13 che con Rogacien a muro su Ferrazza diventa 18-15. Ferma il gioco la guida tecnica ospite mentre quella locale cambia la sua diagonale inserendo Panarello al palleggio e Magnante opposto. Il Caschera Volley ci prova a rientrare ma non riesce ad andare oltre il cambio palla. Sora invece continua la sua corsa 22-18. Con il fuorimano neo entrato a bloccare sulla rete le intenzioni del suo pari ruolo arriva il set ball e anche la chiusura della prima frazione di gioco con un bellissimo diagonale che vale il 25-20.

Stessi sestetti in campo per un secondo set che Sora apre dal centro con Caschera e lo porta 3-2 con Pittiglio. Tra errori e belle giocate si procede un punto per parte fino al 7-8 quando Caschera guadagna il cambio palla che manda Cocco al servizio dove resterà per 3 turni che mettono i locali avanti 11-8. Ancora il giovane centrale volsco a interrompere il break point avversario e poi il suo palleggiatore si affida a Rogacien per il 14-10 e 16-12. Rientra la diagonale palianese mentre coach Martini, come nel set precedente, sostituisce la sua. I bianconeri continuano a viaggiare con il +4 di vantaggio che incrementano al 22-16 con due muri consecutivi a bloccare le intenzioni di D’Ambrosio prima e Paris dopo. Un doppio passo per parte ed è set ball, 24-18, e chiusura 25-19.

Nuove carte in tavola per coach Martini che inserisce Izzo al centro su Caschera e Ciardi in banda per Corsetti. L’estro di Cocco di seconda intenzione e poi a muro, segna il 3-1, ma d’astuzia, con palle piazzate, Paliano conquista un break di 4-0 e poi con D’Ambrosio allunga fino al 6-10. La Globo lavora bene per la rimonta e con Ciardi aggancia e sorpassa 12-11. Damizia e compagni non mollano e scappano di nuovo 14-17. Magnante è chiamato al cambio su Pittiglio, ma nonostante le sue buone giocate il Caschera Volley continua a viaggiare con 2 punti di vantaggio. La parità arriva al 21-21. E proprio in questo momento che il gioco si fa duro, Sora va allo spint e decide di chiuderla 25-22.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – CASCHERA PALLIANUS VOLLEY 3-0

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Cocco 3, Pittiglio 3, Caschera 8, Vona 6, Corsetti 1, Rogacien 11, Iafrate (L), Quadrini (L), Panarello, Magnante 9, Vizzaccaro n.e., Izzo, Ciardi 4. I All. Martini. B/V 3; B/P 11; muri: 10.

CASCHERA PALLIANUS VOLLEY: Damizia 2, Paris (K) 9, Alessi 1, Ciuffarella 6, Caporilli n.e., Alessandri 8, D’Ambrosio 7, Proietto (L), Ferrazza 2, Cristofari, Terrone, Mastrogiacomo n.e.. I All. Prosperini Roberta. B/V 4; B/P 9; muri: 3.

PARZIALI: 25-20 (‘22); 25-19 (‘24); 25-22 (‘25).

I ARBITRO: Marco D’Orazio.
SEGNAPUNTI: Eliana Pontone.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Serata infuocata al PalaGlobo, Sora ipoteca 2 punti per il futuro

, ,

Serata infuocata al PalaGlobo “Luca Polsinelli” con i padroni di casa della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e gli ospiti dell’Intent Zagarolo a gettare ininterrottamente spirito sulle fiamme fino all’esplosione del 3-2 con il quale i volsci fanno proprio lo scontro diretto.
Una vittoria che vale doppio per i ragazzi di coach Martini che con questo bellissimo risultato scrivono +2 punti sia nella classifica di questa prima fase con il bottino che sale a 16 punti, che in quella della seconda, come previsto dalla formula.

La Globo Banca Popolare del Frusinate aveva tanta voglia di giocare e di rifarsi contro l’unica squadra che l’ha battuta nel girone d’andata, ed è stata davvero molto brava a recuperare lo svantaggio dello 0-1 e soprattutto quello dell’1-2 portando gli avversari alla bella vinta di gran carattere.

Partiti un po’ contratti, Corsetti e compagni hanno trovato concentrazione e determinazione prendendo un buon ritmo di gioco che gli ha permesso di esprimersi in tutte le situazioni al meglio contro un avversario mai domo. Il merito è anche quello di aver ben trasformato il contrattacco sfruttando tutte le occasioni che l’ottima correlazione muro-difesa ha presentato, e soprattutto quello di farsi trovare sempre pronti, anche chi è subentrato in corsa come Rogacien che ha dato una grossa mano ai suoi compagni a trasformare il match.

Ovviamente il lavoro del sestetto sorano è stato reso complesso dalle ottime individualità di Zagarolo, dalla loro completezza come squadra, dall’importanza dei loro fondamentali offensivi.
Ma alla fine Sora ha vinto con una prestazione che rispetto all’andata è stata più tattica, gestita meglio e giocata con più spirito agonistico.

“All’inizio eravamo un po’ contratti – dice a caldo coach Martini -, sentivamo la partita perché in mente avevamo ben impresso il valore che ha. Zagarolo è una squadra che regala poco per cui ogni punto ce lo siamo dovuto conquistare, una squadra solida con un buon palleggiato che orchestra una buona distribuzione, per cui appena abbassavamo un po’ l’attenzione conquistavano punti che mentalmente è difficile rincorrere. Piano piano abbiamo ritrovato il nostro gioco e le nostre individualità. Faccio i complimenti a chi è entrato dalla panchina anche solo per una palla e si è fatto trovare prontissimo e a Rogacien che è stato l’MVP del finale del match. Al quinto set ci abbiamo creduto e non abbiamo lasciato nulla e la vittoria ce la siamo meritata”.

Allo starting playes coach Martini affida ancora la regia a Cocco opposto a Magnante, Vona e Caschera al centro della rete, Corsetti e Vizzaccaro in posto 4, Iafrate libero nella fase di difesa e Quadrini in quella di ricezione.
La guida tecnica ospite, Roberto Lettieri, se la gioca al PalaGlobo con Rossi al palleggio opposto a Petri, Findo Eden e Petrilli in posto 3, Rapuano Francesco e Gabriele i martelli, Quaranta libero.

Con Caschera all’ace Sora apre 3-1 ma Zagarolo risponde con la stessa moneta con Francesco Rapuano per la parità del 4-4 e poi apre il gas per il mini break che la porta avanti 5-8 e quello del 6-12. La Globo con lucidità si rimette in costruzione e con il suo capitano dai nove metri ad autografare 2 punti diretti e Magnante sulla rete, guadagna l’aggancio del 12-13. Richiama i suoi coach Lettieri ma alla ripresa i padroni di casa continuano a fare il loro gioco per il sorpasso del 15-14. L’intensità si alza e i palloni cominciano a scottare dopo due muri consecutivi dei locali che valgono il 19-17 ma soprattutto con il nuovo turno al servizio di Findo che rilancia i suoi 19-21. Time out discrezionale per coach Martini e subito 21-21 per i suoi ragazzi che, innescati dalla seconda intenzione di Cocco seguita da due suoi bellissimi ace, arrivano al set ball 24-22. Arrivano però anche i vantaggi che tra bellissime giocate da entrambi i lati, si protraggono fino al 27-27 quando l’intuizione giusta la trova Gabriele Rapuano per il 27-29.

A tutto fuoco il secondo game che si avvia punto a punto. Il primo strappo se lo concede Sora con Vona a muro e Vizzaro in pipe per il 7-4. Lettieri sostituisce il suo opposto inserendo Sabbi e, dopo 4 turni totali di battute sbagliate, i bianconeri diventano fallosi permettendo ai loro ospiti di rientrare 10-11. Scambi lunghi e intensi per il 14-13, Vona sale ancora imponente a muro e Magnante in prima linea per il +3 del 17-14, vantaggio che la Globo si tiene stretto fino al 23-19 quando l’Intent prova a rientrare 23-21 ma Vizzaccaro porta i suoi al set ball e alla vittoria del set 25-21.

Ci prende gusto Sora e riparte con un 4-0 chiuso da un altro ace di Caschera. Zagarolo non resta a guardare e pareggia 4-4. L’equilibrio è mantenuto fino al 9-9 quando Zagarolo scappa avanti 9-12 con Petrilli al servizio, e Sora rincorre con Vizzaccaro all’ace 13-14 ma poi riesce a fare poco altro per restare nel set. L’Intent continua a fare il suo gioco e la Globo la asseconda non riuscendo a invertire la marcia con il game che va a referto 16-25.

Tutto da rifare per i volsci in un quarto set che si apre come il precedente ma a parti inverse con lo 0-4 rimesso in equilibrio 4-5 da Rogacien subentrato a Vizzaccaro. Insiste ancora l’Intent con i laterali ma al 6-9 arriva il cambio palla che manda Izzo al servizio, entrato su Vona, e con Rogacien in difesa e Corsetti in attacco è 10-9. Spingono Rapuano e compagni per il nuovo +3 del 10-13 e i locali rispondono con il 13-14. Due muri rimettono gli ospiti avanti ma i locali contengono 18-19. Il trend continua fino al 20-22 quando Magnate lavora bene per il cambio palla che manda Caschera al servizio. La battuta del centrale crea qualche difficoltà, Sora difende e contrattacca anche di prima intenzione con Rogacien, e infine mura per il 25-22 che rimanda tutto al tie break dopo un parziale di 5-0.

Una gran rimonta volsca tiene vivo il game che riparte con la conferma di Rogacien e una grande intensità di gioco. 3-2 ribaltato dal 3-4, ancora Sora alla conduzione 6-4 e al cambio di campo 8-6. Il +3 del 9-6 è mantenuto al 10-7 dalla seconda intenzione di Panarello e incrementato al 12-8 dal muro che sbarra la strada a Rossi che prova a emulare il suo pari ruolo avversario. Continua così la supremazia volsca con il 15-10 che premia la rimonta dello 0-1 e dell’1-2 con 2 ottimi punti classifica.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – INTENT VOLLEY ZAGAROLO 3-2

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Cocco 5, Magnante 17, Caschera 6, Vona 10, Corsetti 14, Vizzaccaro 10, Iafrate (L), Quadrini (L), Panarello 1, Rogacien 7, Izzo, Ciardi, Pittiglio . I All. Martini. B/V 7; B/P 17; muri: 11.

INTENT VOLLEY ZAGAROLO: Rossi 4, Petri 10, Findo E. 13, Rapuano G. (K) 19, Madaro 1, Valenti (L) n.e., Dal Vecchio, Petrilli 4, Quaranta (L), Rapuano F. 17, Sabbi 2, Baldini, De Marzi n.e.. I All. Lettieri; II All. Pancaldi B/V 4; B/P 13; muri: 14.

PARZIALI: 27-29 (‘34); 25-21 (‘28); 16-25 (‘225); 25-22 (‘32); 15-11 (‘17).

I ARBITRO: Sisti Massimiliano.
SEGNA PUNTI: Pontone Eliana.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Giovedì sera il recupero casalingo con Zagarolo

, ,

Giovedì sera alle ore 20 altra sfida dalla duplice, se non triplice, valenza per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che, tra le mura amiche del PalaGlobo “Luca Polsinelli”, recupera lo scontro diretto con l’Intent Volley Zagarolo non disputato a fine marzo, valevole per la II giornata del girone di ritorno Campionato di Serie C – girone B1.

Quello che oramai è chiaro è che non si combatte più per la testa della classifica della prima fase ancora in corso, al fine della seconda fase del torneo infatti, non ha nessuna importanza arrivare primi in quanto per accedervi è sufficiente classificarsi nelle prime 3 posizioni. Si gioca e si ci batte per la conquista di punti che contano di più per la classifica della seconda fase nella quale la formula prevede che ad affrontarsi saranno solo le squadre provenienti da gironi diversi, mentre quelle appartenenti allo stesso girone portano in eredità i risultati già conseguiti.

Ma lo scontro al vertice è attesissimo soprattutto dai padroni di casa vogliosi di togliersi quel retrogusto amaro rimasto in bocca nel match di andata quando, in formazione fortemente rimaneggiata, senza reparto centrali e senza il suo capitano, la Globo non andò oltre il 3-1. Fu davvero impegnativo il campo dell’Intent per i ragazzi di coach Martini che, nonostante lo svantaggio di 2 set, riuscirono a riaprire il game ma non a portarlo alla bella. Così, con i 3 punti guadagnati, Zagarolo scrisse il proprio nome al primo posto della classifica e li è ancora a quota 19 punti, ma con una gara disputata in più rispetto a Sora terza con 14, come anche Anagni seconda a 17.

La pagina Anagni è stata girata, dopo le opportune analisi statistiche, tecniche, e comportamentali, la testa di tutto il roster e lo staff tecnico è rivolta all’Intent Zagarolo.

“Come quella di Anagni – commenta coach Fabio Martini -, anche con Zagarolo sarà una partita dal doppio significato, sia per un discorso di classifica di questo primo girone, che per quello di punteggi che ci porteremo nella seconda fase.
Subito dopo la trasferta abbiamo fatto una analisi della sconfitta per vedere le cose che non sono andate e dove potevamo fare meglio, e questa settimana ci siamo rimessi a lavorare sodo proprio in funzione di tutto questo.
Ci stiamo allenando bene, i ragazzi sono concentrati e molto determinati. Sono certo che riusciremo a fare bene supportati molto anche dal fattore campo, tra le mura amiche del PalaGlobo abbiamo tutte le nostre certezze, quelle derivanti appunto dall’ambiente di gioco.
Zagarolo è una squadra completa con delle ottime individualità che renderanno il match duro, fondamentale sarà la nostra capacità di trasformare in contrattacco tutto ciò che difenderemo. Essendo noi una squadra di buon livello nella fase muro-difesa, dovremo essere bravi a essere lucidi nelle azioni di contrattacco per cercare di sfruttare tutte le occasioni che il loro muro e la loro di fesa ci metteranno a disposizione.
C’è molta voglia da parte di tutti, soprattutto dei ragazzi, di riscattarsi dalla sconfitta di Anagni, quindi sono sicuro che anche a livello di approccio mentale sarà una partita che partirà con il giusto piglio, e questo farà si che risulti più facile dettare il nostro ritmo di gioco o comunque trovare un ritmo di gioco che ci consentirà di fare le cose che sappiamo fare nel miglior modo possibile”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolae del Frusinate Sora