Ubaldo Carnevale, un uomo con lo sport nel cuore e la pallavolo nell’anima

, ,

La pallavolo sorana ha un nome, quello di Ubaldo Carnevale, vice presidente dell’Argos Volley.

Dopo aver dato vita, nel lontano 1975 ad un movimento sportivo che in epoca più recente, tramite il fortunato e prezioso legame con patron Gino Giannetti, ha trovato i fasti della serie A e che attualmente milita in SuperLega, ne ha seguito le gesta, profuso energie per farlo crescere e farlo diventare l’orgoglio di un territorio.

La sua creatura vive anche del suo amore e lui vive anche di quella passione che oggi vede la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora combattere in massima serie con avversari blasonati. Questo impegno ultra quarantennale non è certo passato inosservato agli addetti ai lavori e così Ubaldo Carnevale è stato insignito dal CONI con la stella di bronzo al merito sportivo.

Un riconoscimento di benemerenza dovuto ad uno dei volti cardine del volley bianconero. Dopo la premiazione, che si è svolta per mano dell’assessore comunale Patrizia Viglianti, presso l’abbazia di Casamari (Veroli), e ripetuta per volere di tutta la società Argos Volley domenica scorsa al PalaCoccia prima della gara tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Sir Safety Cond Perugia, queste le parole di Carnevale:

“Questo premio mi riempie di soddisfazione e gioia – commenta il numero 2 volsco. Il mio primo pensiero è stato quello di dedicarlo ai miei figli Claudia, Francesco e alla mia nipotina Vittoria. Mi ritengo un uomo che ha lo sport nel cuore e la pallavolo nell’anima. Mi ha fatto tornare indietro nel tempo, tanto tempo, ricordando ostacoli, difficoltà e felicità in mezzo a generazioni di giovani, tecnici, genitori, sponsor, tifosi, che mi hanno sopportato e anche supportato. Li ringrazio tutti. Sono stati anni di amore, passione per questa disciplina culminati, grazie alla famiglia Giannetti, con un sogno diventato realtà: la SuperLega. Nei punti cardine del nostro attuale organico societario figurano il presidente Enrico Vicini, la responsabile delle attività scolastiche ed educative Antonella Evangelista, l’assistant coach Maurizio Colucci, Francesco Vicini e naturalmente io. Mi hanno accompagnato in questo lunghissimo e fantastico percorso di vita sportiva da quando erano appena adolescenti e il risultato è stato meraviglioso. Voglio concludere dicendo che questa stella al merito sportivo non è un traguardo ma un ennesimo stimolo. ‘Amore per la pallavolo e dedizione allo sport’. Storia di una vita, di un grande amore, di quotidianità”.

Orgogliosa di lui tutta la società e sicura che insieme raggiungeranno tanti altri obiettivi.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora-Modena vi aspetta al botteghino

, ,

Neanche il tempo di riporre nei cassetti dei ricordi più belli lo spettacolo offerto dalla gara tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Sir Safety Conad Perugia, che già la scena si prepara a calare il suo sipario per un’altra big della SuperLega, l’Azimut Leo Shoes Modena.

Dopo i vari De Cecco, Leon, Lanza, Atanasijevic, al PalaCoccia di Veroli, mercoledì 26 dicembre alle ore 18, arriveranno lo “Zar” Ivan Zaytsev assieme ai suoi compagni della nazionale italiana, nonché ex atleti sorani, Anzani, Rossini, Mazzone, ma anche Christenson e l’allenatore Julio Velasco. Insomma, una parata di stelle che con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si contenderanno l’ultima giornata del girone d’andata.

Botteghino aperto dunque per assistere al match, sia online sul circuito www.liveticket.it che nei punti vendita nelle città di Sora, Veroli e Alatri: i biglietti acquistabili sono quelli dei settori non numerati – Tribuna Centrale Nord e Sud, e le Curve – al prezzo di €20, quelli della Tribuna Numerata Est (lato panchine), al prezzo di €35, e quelli della Tribuna Numerata Ovest al prezzo di €30.

A Sora, presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli” in località Carnello, biglietteria aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 20; a Veroli presso il Temporary Shop Daves-Sigma in viale XXI Aprile, tutti i giorni eccetto la domenica; ad Alatri invece vi aspetta, dal lunedì al sabato con orario 07.30/13.00 15.30/20.00, il punto vendita LiveTicket presso la Tabaccheria Carla Iaboni in via Campello 29, località Mole Bisleti.
Nel giorno della gara invece, quella di mercoledì 26 dicembre, botteghino aperto al PalaCoccia dalle ore 10:30 alle 13 e dalle 16 in poi.

Per informazioni è sempre attivo il numero telefonico 346.9795712.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Luca Giannetti: “Siamo sulla strada giusta ma dobbiamo lavorare tanto”

, ,

Aveva iniziato nel migliore dei modi la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora quest’ultima, difficilissima sfida contro la Sir Safety Conad Perugia. Un set chiuso a chiave, ma poi è arrivata la rimonta e la vittoria dei primi della classe. Un risultato prevedibile, meno lo è stato quel primo game strappato ad una formazione infarcita di campioni e con ben altri obiettivi rispetto ai bianconeri. Dunque, una buona reazione nel post Latina da parte degli uomini di coach Barbiero che ora sono chiamati ad affrontare una gara più facile sulla carta, quella contro Castellana Grotte e dove l’obiettivo sarà la vittoria piena.

Ed è proprio il mister dei volsci a fare il punto dopo la partita con gli umbri:

“Ci abbiamo provato. Abbiamo messo in campo tutto il nostro potenziale, poi è chiaro che finito l’entusiasmo del primo set loro sono usciti fuori. Il valore di Perugia è evidente ma noi abbiamo fatto la nostra partita. Siamo stati bravi a tenere la testa in campo fino alla fine, anche se loro sono andati spesso avanti. Siamo stati bravi a tenere anche alcuni fondamentali, la ricezione un po’ meno ma, con la loro precisione in battuta, è stato veramente complicato essere all’altezza. Mi è piaciuto l’atteggiamento dei miei ragazzi che hanno voluto combattere fino alla fine e lo hanno fatto a testa alta quindi sono contento. Anche a Latina abbiamo giocato non al nostro livello ma non abbiamo mai mollato. Nell’arco di tutto il campionato, fino ad ora, abbiamo sempre combattuto. Poi, è chiaro che una squadra giovane ha alti e bassi legati anche alla quantità di errori nei momenti importanti e ci può stare. Dobbiamo solo continuare ad avere fiducia nel lavoro che stiamo facendo e nel nostro cammino. Credo che fino ad ora non possiamo che essere soddisfatti”.

Per Sora si esprime anche patron Luca Giannetti, che dice:

“Penso abbiamo giocato una buona partita. Siamo stati, almeno fino alla metà del set, sempre punto a punto. Nel primo parziale la nostra è stata veramente una grande prestazione, poi è chiaro che, quando loro son saliti in battuta ed hanno limitato gli errori, ed individualità come Atanasijevic e Leon hanno fatto 6 ace a testa, diventa dura per chiunque. Il nostro obiettivo è la salvezza, fare un game in più di quello che serve per salvarci. Fino ad ora abbiamo raccolto punti importanti, seppur consapevoli di averne lasciato qualcuno qua e là. Ora c’è una partita fondamentale, quella di Castellana domenica, dopo la quale potremmo tirare le somme e fare un bilancio. Per adesso, possiamo dire di essere sulla strada giusta ma dobbiamo lavorare tanto”.

Dall’altra parte della rete è il tecnico dei Block Devils a dire la sua:

“Nel primo set avevamo ancora molto nella testa la sconfitta di Padova – spiega Lorenzo Bernardi -, c’era molta tensione all’interno del campo. Ci siamo innervositi perché la battuta non arrivava ed abbiamo commesso 9 errori al servizio, sprecando due opportunità importanti in attacco, e giustamente Sora ne ha approfittato per vincere il set. Dal secondo in poi, sono cresciute notevolmente le nostre percentuali in attacco, è entrato molto bene il servizio, che per noi è un fondamentale importante. Io lo dico sempre, non deve essere imprescindibile, ma quando ci entra l’avversario la subisce. Le sconfitte fanno parte del sistema di un gioco, quando ci sono due squadre che si incontrano, una vince ed una perde. Abbiamo giocato non bene a Padova, meritando di perdere. Oggi, poi, per un set, abbiamo fatto altrettanto ed abbiamo meritato di perderlo. Per gli altri 3 abbiamo giocato meglio della ed è stato giusto così. Ora abbiamo una trasferta in Francia con una squadra molto quadrata, che sbaglia poco e che riceve bene, quindi sarà una partita delicata. Al rientro, poi, penseremo alla regular season”.

L’mvp dell’incontro, Leon si accoda al suo allenatore:

“E’ sempre difficile giocare contro una squadra in casa sua, così come è successo anche ora. Sora ha fatto il suo gioco, noi abbiamo avuto difficoltà nel primo set e loro sono riusciti a vincerlo. Abbiamo poi ritrovato il nostro equilibrio e portato via la gara piuttosto con facilità. Era importantissimo tornare a vincere per continuare a restare in vetta”. Chiude per tutti il libero della Sir, Colaci: “Nel primo set non abbiamo sfruttato nessuna delle occasioni che ci siamo creati in contrattacco, e così è dura. Sora ha poi trovato un ottimo break in battuta e lì si è chiuso. Avevamo preparato una partita difficile, perché li avevamo visti già alle prese con Trento, o in altre gare, e quindi eravamo pronti. Dal secondo game in poi, il nostro livello è aumentato tanto soprattutto al servizio, e quando battiamo così diventa difficile per tutti perché poi a muro siamo belli grossi, ed in difesa qualche palla riusciamo a tirarla su. Quella di Padova è stata una sconfitta dove l’avversario ha meritato di vincere. Ci può stare, quando si giocano 50-60 partite l’anno, l’importante sta nel buttarsele alle spalle. Insomma, ci sono anche gli avversari e, quando meritano, bisogna ammetterlo. Noi siamo ripartiti, abbiamo i nostri obiettivi chiari in mente: arrivare primi a fine girone di andata ed a fine regular season e vincere tutto quello che ci è possibile. Bisogna solo imparare dalle sconfitte”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Al PalaCoccia, Perugia si rimette in marcia

, ,

Al PalaCoccia di Veroli la Sir Safety Conad Perugia si rimette in marcia battendo, in rimonta, 1-3 i padroni di casa della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Sulla carta, per Sora era una partita complicata con il favore del pronostico tutto perugino, ma i ragazzi di coach Barbiero l’hanno affrontata con attenzione e determinazione tale da mettere in campo un buon gioco, quello che gli ha fatto vincere il primo set. Hanno avuto la sfrontatezza di provare a battere la capolista puntando su tutti i fondamentali e su tutti i propri uomini, riuscendo a tenere testa all’alto livello dei campioni ospiti che comunque sono arrivati a Veroli ben corazzati per non concedersi altri passi falsi dopo quelli con Monza e Padova nelle ultime tre giornate. È da queste esperienze che ha imparato a non fidarsi di nessuno, anche se Sora è stata una bella gatta da pelare. A segnare il game è stato indiscutibilmente il servizio dei Block Davils che dal secondo set ha iniziato a funzionare prepotentemente mettendo a referto ben 15 ace di cui 6 autografate dall’MVP Leon e altri 6 dal best scorer (23 pt/tot) Atanasijevic.

Parterre delle grandi occasioni al PalaCoccia dove, oltre al Presidente perugino Sirci, era presente anche l’allenatore della Nazionale Italiana, Gianlorenzo Blengini, omaggiato dal Sindaco del Comune di Veroli, Simone Cretaro, dal Prefetto della città di Frosinone, Ignazio Portelli, e dal Presidente della Provincia, Antonio Pompeo.

“Abbiamo tentato di fare il possibile – commenta al termine coach Mario Barbiero -. A tratti abbiamo giocato bene ma poi siamo un po’ scesi di tono. Ci sono stati dei momenti in cui alcuni fondamentali, come la battuta, hanno fatto la differenza, però credo che non possiamo metterci in discussione su una partita così. Dobbiamo invece continuare a lavorare e credere in quello che stiamo facendo perchè anche oggi ho visto una buona squadra che vuole combattere. Facciamo qualche errore di troppo, che cercheremo di limare, ma mi sembra che il clima sia buono”.

Mister Lorenzo Bernardi invece, dal suo canto dichiara:

“Nel primo set abbiamo fatto nove errori in battuta e ci siamo innervositi non riuscendo a cogliere un paio di opportunità sprecando 2 o 3 occasioni in contrattacco che ci hanno impedito di vincerlo. Siamo poi riusciti a tenere tutto sotto controllo. La battuta è tornata in maniera importante e abbiamo avuto in mano il match, quindi penso che il risultato sia un risultato giusto”.

Allo starting playes coach Barbiero affida la regia a Kedzierski e il posto 2 a Petkovic, il centro a Di Martino e Caneschi, le bande a Nielsen e Joao Rafael, e la seconda linea al libero Bonami.
Date le indisponibilità di Berger e Ricci, mister Bernardi scende in campo con De Cecco in diagonale con Atanasijevic, Podrascanin e Galassi in posto 3, Lanza e Leon in banda, e Colaci libero.

Nelle mani dei due opposti i primi scambi del match con gli ace di Petkovic da un lato e Atanasijevic dall’altro per il 3-3. Si gioca subito palla su palla tra le tante battute sbagliate, con il punto a punto interrotto dal video check a invertire la decisione arbitrale per il break perugino del 6-8. Sono due muri consecutivi di Di Martino ai danni di Atanasijevic prima e Leon dopo, a rimettere Sora un passo avanti 11-10. La parte centrale del set continua con lo stesso trend, con Sora però che si concede qualche errore di troppo regalando agli avversari la conduzione dal doppio vantaggio fino al 19-21. Di nuovo l’occhio elettronico protagonista a decretare in campo l’attacco di Joao Rafael per il 21-21. Ancora una battuta sbagliata per parte, prima che i due attacchi consecutivi di Petkovic si traducano nel 24-22. La Sir non può provare neanche ad annullare una palla set perché a decretare la fine del game è l’ace di Joao Rafael per il 25-22.

I ragazzi di coach Bernardi tornano in campo con il coltello tra i denti, ma fino al 6-6 la Globo tiene bene il colpo, poi a spaccare il game arriva la battuta con la quale Perugia risolve i suoi problemi. A inchiodare la seconda linea locale è prima Podrascanin, poi Atanasijevic, e infine Leon. Sora prova a spezzare i turni al servizio ma non riesce poi a mettere a segno break, così Perugia tiene stretta il suo vantaggio e rimette la contesa in parità con il 16-25.

I ragazzi di coach Bernardi tornano in campo con il coltello tra i denti, ma fino al 6-6 la Globo tiene bene il colpo, poi a spaccare il game arriva la battuta con la quale Perugia risolve i suoi problemi. A inchiodare la seconda linea locale è prima Podrascanin per il 6-9 rimesso in equilibrio dal muro di Di Martino ai danni di Galassi. Poi arriva il turno dell’opposto dei Block Davils per il nuovo +4 dell’8-12 che Leon, sempre dai nove metri, trasforma nel +6 del 9-15. Joao Rafael e i suoi compagni di posto 3, spezzano i turni al servizio ma Sora non riesce poi a mettere a segno break così Perugia tiene stretta il suo vantaggio al 14-20. Al servizio è nuovamente il turno di Atanasijevic che ha un braccio armato caldissimo con il quale realizza 3 ace consecutivi che valgono il 14-24. Risponde con la stessa moneta Petkovic, ma il divario oramai è incolmabile con il 16-25 che rimette la contesa in parità.

Tutto da rifare per entrambi i sestetti con quello bianconero ad aprire per primo il gas per il 5-3 rimesso in parità da Podrascanin a muro e poi di prima intenzione servita dalla ricezione lunga di Nielsen su battuta di De Cecco. Si arriva al 10-10, a rompere l’equilibrio ancora la battuta ospite con il suo opposto per il 10-12 nuovamente ricucito, questa volta da Caneschi al 13-14, ma a salire in cattedra ora è il pari ruolo serbo che porta i suoi avanti 13-17. Joao prova a far ripartire Sora con la pipe che vale il 17-20 ma Leon guadagna subito il cambi palla e poi va in zona 1 da dove continua a fare grandi cose con 2 ace consecutivi che portano la contesa al 17-24 per poi scivolare velocemente via al 18-25 che mette Perugia alla conduzione del match 1-2.
Continua a macinare la capolista con lo 0-3 trasformato da Leon nel 2-5. Sora, con Mauti e Fey in campo al posto di Bonami e Nielsen, insegue bene al 4-5 ma Leon riporta la battuta nella sua metà campo dove resterà per tre turni che segnano il 4-9. Dopo il time out discrezionale di coach Barbiero, i suoi ragazzi sono nuovamente alle costole degli avversari 8-10 mantenendo il galleggiamento fino all’11-13. È però il turno al servizio di Leon che crea scompiglio e apre un nuovo divario fatto di 6 lunghezze, 3 delle quali recuperate dai bianconeri ma invano perché la Sir si mette in moto per la marcia trionfale che la porta al 16-25 ma soprattutto all’1-3 del match.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski, Petkovic 14, Caneschi 5, Di Martino 5, De Barros Ferreira 12, Nielsen 3, Bonami (L), Marrazzo, Bermudez n.e., Esposito n.e., Rawiak n.e., Fey , Mauti (L) n.e.. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 3; B/P 20; muri: 5.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 23, Podrascanin 11, Galassi 6, Lanza 10, Leon 18, Colaci (L), Seif, Hoogendoord n.e, Della Lunga 1, Hoag, Bucciarelli n.e., Piccinelli (L). I All. Lorenzo Bernardi; II All. Massimo Caponeri. B/V 15; B/P 24; muri: 10.

PARZIALI: 25-22 (‘24); 16-25 (‘21); 18-25 (‘27); 16-25 (’22).

ARBITRI: Alessandro Cerra, Bruno Frappiccini.
TERZO ARBITRO: Mannarino.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Arienzo.
SEGNAPUNTI: Falzi.

MVP: Leon.

SPETTATORI: 985.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Al PalaCoccia domenica arriva la capolista

, ,

Fermento tra il pubblico sorano per le prossime big ospiti del PalaCoccia di Veroli. La curiosità non è solo quella di vedere i campioni della Sir Safety Conad Perugia e dell’Azimut Leo Shoes Modena, ma anche e soprattutto quella di assistere al grande spettacolo che ne verrà fuori quando i propri beniamini della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si rapporteranno e battaglieranno con i top players.

Si parte domenica, con Petkovic e compagni a sfidare i perugini di coach Lorenzo Bernardi e del Presidente Sirci.
Entrambe le squadre non arrivano da una giornata di cartello felice, con Sora che domenica scorsa non ha centrato la sfida in chiave salvezza con Latina abbandonando la lotta al quarto set, e Perugia reduce dallo scivolone a Padova dove ha lasciato tutti i punti a disposizione.
La Sir ha cavalcato le prime otto giornate di campionato conquistando tutte le gare a punteggio pieno, poi nelle ultime tre ha subito due sconfitte: alla nona di cartello in casa con Monza ha perso al tie break, subito è rientrata nei binari con il 3-0 casalingo su Ravenna, però alla successiva, ossia nell’ultima giornata, è scivolata in malo modo a Padova.
Sora, dodicesima della classe, in confronto alla capolista ha vinto poco, ma le due esultanze a punteggio pieno le ha fatte proprio con le uniche due squadre che hanno battuto Perugia, Padova che è uscita dal PalaCoccia dopo solo 3 set, e Monza che tra le sue mura amiche non è riuscita a contenere i bianconeri oltre il quarto game.

La classifica continua a mantenere i Block Davil in vetta, ma le avversarie si sono progressivamente avvicinate e, a due giornate dal termine del girone d’andata, sul collo si sente il fiato di Trento distante 1 sola lunghezza e Modena a -2. Per cui i ragazzi del presidente Sirci vorranno da questo match, la vittoria che li rimetta in marcia.

“Siamo ripartiti dalla ricostruzione del nostro gioco, quello che un po’ ci è mancato a Latina, ma ci può stare perché una battuta di arresto può capitare – spiega coach Mario Barbiero. Se è capitata a Perugia contro Padova, credo che sia normale durante il campionato inciampare, e comunque lo abbiamo fatto su un campo ostico come quello di Latina contro una squadra che gioca molto bene, che sta facendo bene, e che ha offerto una buona pallavolo. Quindi ci può stare, io sono contento della mia squadra e di quello che stanno facendo i miei ragazzi.
Siamo tornati in palestra e c’è un ottimo clima, buon viatico questo per poterci costruire sopra quelle cose che sono mancate domenica e magari riportarcele in campo già contro Perugia, che sarà una partita abbastanza complicata, da affrontare con grande attenzione e grande determinazione soprattutto per migliorare il gioco che abbiamo espresso domenica.
Perugia è una squadra compatta e forte con atleti di altissimo livello, una squadra difficile che arriverà ben corazzata perché un passo falso lo può fare ma il secondo consecutivo è molto difficile.
Una partita quindi da affrontare con un pizzico di curiosità: in campo dovremmo avere sfrontatezza e voglia di provarci a battere una squadra come la capolista, puntando su tutto perché non c’è un fondamentale che può fare la differenza o spaccare la partita in nostro favore, ma una serie di elementi tattici che, se riusciamo a incanalare nel verso giusto, potremmo giocarci la partita punto a punto. Poi ovviamente dipenderà molto da loro perché la qualità dei giocatori è chiaramente di livello altissimo”.

L’obiettivo stagionale dei perugini era quello di difendere i titoli tricolore conquistati lo scorso anno. Dopo il “triplete”, SuperCoppa-Coppa Italia-Scudetto, gli uomini del presidente Sirci e del confermato tecnico Lorenzo Bernardi hanno già visto sfumare la SuperCoppa, ma continuano a inseguire la Coppa Italia e lo Scudetto.
Lo fanno con lo zoccolo duro dei confermati: Luciano De Cecco in cabina di regia, Aleksandar Atanasijevic opposto, Marko Podrascanin e Fabio Ricci al centro, Alexander Berger e Dore della Lunga schiacciatori e Massimo Colaci ben saldo a comandare la seconda linea.
Le novità più importanti arrivano in posto quattro, dove il lavoro della Società e del direttore sportivo Stefano Recine hanno portato a vestire in bianconero il martello della Nazionale Italiana Filippo Lanza (da Trento) e l’asso polacco di passaporto cubano Wilfredo Leon Venero, venticinquenne reduce da quattro stagioni costellate di vittorie a Kazan. A completare il reparto dei centrali e quello dei liberi due giovani classe ’97 provenienti da Milano, Gianluca Galassi e Alessandro Piccinelli, mentre a formare la seconda diagonale di posto due sono gli altri nuovi acquisti Jonah Seif, regista statunitense proveniente da due stagioni in Polonia con la maglia del Bedzin, e Sjoerd Hoogendoord, opposto olandese protagonista in serie A2 nelle ultime tre stagioni con la maglie di Bergamo ma soprattutto prima quella Sorana della vittoria del campionato e della promozione in SuperLega.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora vs Perugia, al PalaCoccia il pubblico delle grandi occasioni

, ,

Tutti vogliono assistere allo spettacolo della SuperLega, tutti vogliono assistere alla partita tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Sir Safety Conad Perugia. Già tantissimi i biglietti venduti per il big match che questa domenica, a partire dalle 18.00, renderà giustizia ad un PalaCoccia che si preannuncia pieno del pubblico delle grandi occasioni.

Un po’ una tradizione, quella degli spalti affollati, in occasione della sfida tra i bianconeri di patron Giannetti e i Block Devils del presidente Sirci, fatto sta che il Temporary Shop Daves-Sigma, al suo primo giorno di apertura in viale XXI Aprile a Veroli, ha già staccato numerosissimi biglietti.

La battaglia si preannuncia caldissima, Perugia vuole tornare alla vittoria dopo una partita no, ma Sora è pronta a dare battaglia e a provarci fino alla fine. Anche gli uomini di coach Barbiero sono affamati di punti e risultati e scenderanno sul parquet con il piglio di chi vuole restare in Serie A perchè la merita, perchè l’ha conquistata sul campo.

Attesissimi i campioni ospiti a partire da Leon, passando per Lanza e Atanasijevic. E così a parlare sono i numeri: l’Argos Volley, per far fronte alle numerose richieste, ha appunto raddoppiato i punti vendita ‘fisici’: oltre il botteghino del PalaGlobo di Sora, aperto tutti i pomeriggi dalle 16 alle 19, è stato istituito un temporary shop anche a Veroli presso il Supermercato Daves-Sigma e fino a sabato 22 è possibile recarsi anche in questo punto vendita per assicurarsi lo show della 12esima giornata di regular season.

I ticket in vendita presso il Temporary Shop Daves-Sigma, sono quelli delle gare dagli ospiti importantissimi quali quelli della Sir Safety Conad Perugia e dell’Azimut Leo Shoes Modena, al PalaCoccia rispettivamente il 16 e il 26 dicembre.
Per entrambi gli eventi, i biglietti acquistabili singolarmente sono quelli della Tribuna Numerata Est (lato panchine), al prezzo di €35, e quelli della Tribuna Numerata Ovest al prezzo di €30.
Tutto il settore non numerato invece, è messo in vendita esclusivamente in un pacchetto speciale, il “Volley di Natale”, all’interno del quale, a un costo di €40, vi è non solo l’accesso nella Tribuna Non Numerata per le gare di Perugia e Modena, ma in omaggio anche quello con la Emma Villas Siena. Gara quest’ultima posticipata all’8 di febbraio ore 20:30. Un pacchetto dunque, che a prezzo agevolato, permette di assistere alle gare con le top player del campionato e all’altro importantissimo scontro diretto in chiave salvezza. “Volley di Natale” sarà in vendita fino a domenica 16 dicembre alle ore 18, ossia fino al fischio d’inizio della gara tra Sora e Perugia. Non è disponibile online, ma acquistabile solo presso il Temporary Shop Daves-Sigma, il botteghino del PalaGlobo, e quello del PalaCoccia.

Opportunità diversa ma egualmente appetitosa, è destinata alle società sportive in generale e/o gruppi organizzati, da un totale di 20 unità. “Speciale Società e Gruppi” offre il 20+5 ossia omaggia di ulteriori n.5 gratuità i gruppi che acquistano un pacchetto di n.20 biglietti in Tribuna Numerata Est (lato panchine) al prezzo di €35 ognuno. Questa promozione è valida sia per il match del 16 dicembre tra Sora e Perugia, che in quello del 26 tra Sora e Modena. Non è disponibile online, ma acquistabile solo presso il Temporary Shop Daves-Sigma, il botteghino del PalaGlobo, e quello del PalaCoccia.

Per informazioni è sempre attivo il numero telefonico 346.9795712.

La gara tra Sora e Siena posticipata all’8 febbraio

, ,

La società Argos Volley comunica che la gara tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e l’Emma Villas Siena, disposta per domenica 6 gennaio 2019 presso il PalaCoccia di Veroli, sarà posticipata a venerdì 8 febbraio 2019 alle ore 20.30. Motivo dello spostamento è la partecipazione dell’atleta bianconero Rasmus Nielsen Breuning con la sua nazionale d’appartenenza, la Danimarca, alle Qualificazioni Europee.

Salta così il classico appuntamento nel giorno della Befana con le gesta della formazione bianconera, ma forte è l’orgoglio del club e del suo pubblico per la convocazione del giovane schiacciatore. Il sestetto danese sarà infatti impegnato mercoledì 9 gennaio 2019 contro la Romania, nella gara valida per il girone A.

Ricordiamo che sono 26 le squadre che stanno disputando la fase a gironi, da cui verranno fuori le dodici candidate per il campionato europeo di pallavolo maschile 2019 si svolgerà dal 13 al 29 settembre 2019 in Belgio, Francia, Paesi Bassi e Slovenia. Alla competizione parteciperanno in tutto 24 nazioni, le quattro nazionali dei paesi organizzatori, le prime otto nazionali classificate al campionato europeo 2017 e appunto le 12 meglio piazzate nel torneo di qualificazione. Queste ultime squadre disputeranno una fase a gironi con formula all’italiana, con gare di andata e ritorno: la prima classificata di ogni girone e le cinque migliori seconde potranno accedere agli europei 2019.

Lo step eliminatorio è partito ad agosto 2018 e per quanto riguarda più da vicino Sora e il suo “vichingo”, la nazionale di Nielsen fino ad ora ha perso al tie break l’andata proprio con la Romania, poi ha perso 3-1 con la Finlandia ed ora inizia il ritorno soltanto a quota 1 punto.

La società lirense, dunque, fa i suoi migliori auguri al giocatore e lo aspetterà per poi tornare a battagliare sui campi della SuperLega alla conquista dei propri obiettivi.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

A Veroli apre il primo Temporary Shop presso la Daves-Sigma

, ,

Volley di Natale, e la biglietteria raddoppia! Da domani alle ore 10, e fino a sabato 22 dicembre compreso, sarà possibile acquistare i biglietti per le gare della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, anche a Veroli presso il Supermercato Daves-Sigma.
All’interno della struttura di viale XXI Aprile, è stato allestito un Temporary Shop interamente dedicato alla vendita e alla promozione, finalizzato a offrire un servizio sempre maggiore per chi volesse partecipare al grande spettacolo della Serie A.

I ticket in vendita presso il Temporary Shop Daves-Sigma, sono quelli delle gare dagli ospiti importantissimi quali quelli della Sir Safety Conad Perugia e dell’Azimut Leo Shoes Modena, al PalaCoccia rispettivamente il 16 e il 26 dicembre.

Per entrambi gli eventi, i biglietti acquistabili singolarmente sono quelli della Tribuna Numerata Est (lato panchine), al prezzo di €35, e quelli della Tribuna Numerata Ovest al prezzo di €30.

Tutto il settore non numerato invece, è messo in vendita esclusivamente in un pacchetto speciale, il “Volley di Natale”, all’interno del quale, a un costo di €40, vi è non solo l’accesso nella Tribuna Non Numerata per le gare di Perugia e Modena, ma in omaggio anche quello con la Emma Villas Siena. Gara quest’ultima posticipata all’8 di febbraio ore 20:30. Un pacchetto dunque, che a prezzo agevolato, permette di assistere alle gare con le top player del campionato e all’altro importantissimo scontro diretto in chiave salvezza.
“Volley di Natale” sarà in vendita fino a domenica 16 dicembre alle ore 18, ossia fino al fischio d’inizio della gara tra Sora e Perugia. Non è disponibile online, ma acquistabile solo presso il Temporary Shop Daves-Sigma, il botteghino del PalaGlobo, e quello del PalaCoccia.

Opportunità diversa ma egualmente appetitosa, è destinata alle società sportive in generale e/o gruppi organizzati, da un totale di 20 unità. “Speciale Società e Gruppi” offre il 20+5 ossia omaggia di ulteriori n.5 gratuità i gruppi che acquistano un pacchetto di n.20 biglietti in Tribuna Numerata Est (lato panchine) al prezzo di €35 ognuno.
Questa promozione è valida sia per il match del 16 dicembre tra Sora e Perugia, che in quello del 26 tra Sora e Modena. Non è disponibile online, ma acquistabile solo presso il Temporary Shop Daves-Sigma, il botteghino del PalaGlobo, e quello del PalaCoccia.
Per informazioni è sempre attivo il numero telefonico 346.9795712.

Il Temporary Shop Daves-Sigma dunque, da domani vi aspetta in Viale XXI Aprile, contestualmente Botteghino Aperto, sia online sul circuito www.liveticket.it che nei consueti punti vendita nelle città di Sora presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli” dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 20; e al PalaCoccia di Veroli sabato e domenica 15 e 16 dicembre dalle ore 10:30 alle 13 e dalle 16 alle 18.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Dopo la classicissima Sora non si concede il bis nel derby

, ,

Non centra la seconda gara consecutiva in chiave salvezza la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che nel Palazzetto dello Sport di Cisterna di Latina, nuova casa della Top Volley, non aggiunge un altro importantissimo tassello alla sua scalata verso la salvezza. A conquistare il derby laziale per 3-1 sono i padroni di casa con Stern MVP di un match che Sora ha iniziato a giocare dal secondo set e ha battagliato per il resto della sua durata.

Sora non è scesa in campo con la fiducia e la consapevolezza necessaria per riportare punti a casa, come conferma coach Mario Barbiero:

“Purtroppo non è stata una bella partita. Abbiamo giocato male e siamo stati poche volte nel match sia dal punto di vista tecnico che tattico. Non mi è piaciuto nulla di quello che abbiamo fatto”.

Latina invece ha avuto, fin dall’avvio di gara, ritmo e concentrazione, non ha mai voluto mollare nulla al suo avversario che ha dovuto conquistarsi tutto non riuscendo più a farlo al 26-26 del quarto set.

“Questo risultato non ci voleva – dichiara a caldo Di Martino -, abbiamo sicuramento buttato via almeno un punto. Abbiamo iniziato un po’ contratti, nel secondo set invece ci siamo sciolti un po’ iniziando a fare il nostro gioco soprattutto quando Latina è calata al servizio. Qualche errore di squadra di troppo è sicuramente il nostro rammarico”.

Allo starting playes mister Tubertini come sempre affida la regia a Sottile opposto a Stern, il centro a Gitto e Rossi, i posti 4 a Ngapeth e Palacios, e la seconda linea al libero Parodi. Anche coach Barbiero scende in campo con il sestetto tipo, quello formato dalla diagonale Kedzierski-Petkovic, la coppia di posto 3 Di Martino-Caneschi, le bande Nielsen e Joao Rafael, e Bonami libero.

Al sorteggio, capitan Petkovic sceglie la palla, ma il pari ruolo avversario, Stern, la fa propria e, in attacco e al servizio, realizza 4 dei 6 punti sul tabellone al 6-2. Caneschi a muro su Gitto accorcia le distanze 6-4 ma, dopo l’ace di Gitto, al servizio è il turno di Sottile che con la sua jamp-flot destabilizza la ricezione sorana e di conseguenza la ricostruzione del contrattacco per il 13-5. Coach Barbiero manda in campo Fey al posto Nielsen e Kedzierski si affida al suo centro per il cambio palla che arriva. Petkovic rosicchia lunghezze importanti, e con l’ace di Fey il gap passa dal -8 al -4 del 15-11. Latina continua a macinare gioco e Sora fatica a stargli dietro così, dopo un altro mini break positivo di 3-0 per il 18-11, il game prosegue palla su palla fino al 21-14. Al 22-17 Joao e compagni provano a rientrare nel set che però Ngapeth porta al 24-17. L’opposto bianconero annulla due palle utili agli avversari per la chiusura che arriva alla terza possibilità con il diagonale di Stern che vale il 25-19.

Comincia ora la sua partita Sora, con il primo vantaggio al 2-3, ribaltato da Stern per il 5-3 e ristabilito al 7-8 da un grande Kedzierski di prima intenzione. Ancora con il palleggiatore sulla rete a murare a 1 Ngapeth, la Globo allunga il passo 8-11. Richiama i suoi coach Tubertini e alla ripresa il gioco, al 13-13, è di nuovo tutto in equilibrio fino al 17-17. Petkovic conquista il cambio palla che manda Di Martino al servizio e all’ace per il 17-19. Secondo time out discrezionale per la panchina locale, ma Sora continua a correre per la sua strada incappando solo in una battuta sbagliata fino al 19-25 che rimette la contesa in parità con Fey a murare Stern.

Tutto da costruire per entrambe le squadre in campo con il terzo set che si apre punto a punto con l’asticella del gioco che sale ad alti livelli. In entrambe le metà campo si tocca di più a muro, si difende l’impossibile e si rigioca ogni pallone. La prima a concedersi un doppio passo è la Globo, con Caneschi a inchiodare sulla rete le intenzioni di Palacios per il 12-14. Apre il gas la Top Volley con un break positivo autografato dall’insidioso servizio del suo capitano per il 16-14. Ferma tutto coach Barbiero e, con Petkovic a picchiare duro e il video check a invertire la decisione arbitrale, è nuovo vantaggio Globo, 16-17. Squadre fallose dai nove metri per il 21-20. Il neo entrato Barone però, cambia il volto al finale di set, prima portando i suoi al set ball, e poi chiudendolo 25-21.

Anche per il quarto set coach Barbiero conferma Fey in campo, mentre Tubertini lascia Barone al centro al posto di Gitto. Si parte subito con Stern a picchiare duro al servizio per il 3-1 e Petkovic a rispondere per l’aggancio. Punto a punto fino all’ace di Palacios che da più respiro a Latina all’8-6, ma subito la risposta avversaria il sorpasso dell’8-9 e l’allungo al 9-11 con Di Martino. Ancora il martello argentino da un lato e l’opposto serbo dall’altro, a darsele di santa ragione fino al 12-14. Un paio di errori nella metà campo ospite rimettono la contesa in parità e Rossi, in attacco e all’ace, inverte la conduzione 18-17. Il regista sorano si affida alle sue ali per rimettere tutto di nuovo in perfetto equilibrio, 20-20. Un punto per parte si arriva ai vantaggi con Sora ad annullare la prima possibilità di chiusura locale. Sono due errori a emettere la sentenza definitiva, 28-26 e 3-1.

TOP VOLLEY LATINA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-1

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 3, Stern 19, Ngapeth 16, Palacios 13, Gitto 5, Rossi 8, Parodi (L), Pei Huang, Gavenda, Barone 4, Caccioppola (L) n.e.. I All. Lorenzo Tubertini; II All. Andrea Pozzi. B/V 8; B/P 15; muri: 5.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski 3, Petkovic 29, Caneschi 7, Di Martino 5, De Barros Ferreira 15, Nielsen, Bonami (L), Marrazzo, Bermudez n.e., Esposito n.e., Rawiak n.e., Fey 6, Mauti (L) n.e.. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 3; B/P 11; muri: 6.

PARZIALI: 25-19 (‘24); 19-25 (‘27); 25-21 (‘28); 28-26 (’35)

ARBITRI: Ilaria Vagni, Alessandro Tanasi.
TERZO ARBITRO: Mancini.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Rizzo.
SEGNAPUNTI: Azzolina.

MVP: Toncek Stern.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Tutti a Scuola: la visita presso il Centro di Formazione Professionale di Sora

, ,

Nella mattinata di giovedì 6 Dicembre, presso la scuola del C.F.P. di Sora, Centro di Formazione Professionale, fortemente voluto dal Direttore e dai Docenti di educazione motoria, c’è stato il piacevole incontro tra i numerosi alunni ed alunne, che frequentano i corsi per la qualifica professionale per operatori del benessere “Acconciatore” e per operatori “alla riparazione dei veicoli a motore”, e una rappresentanza della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

La delegazione che ha incontrato gli alunni e i docenti della scuola era composta dall’allenatore Maurizio Colucci e dagli atleti Davide Esposito e Gabriele Di Martino.

L’incontro, realizzato grazie alla mediazione della Prof. Antonella Evangelista, dirigente della società Argos Volley, responsabile dei rapporti con gli istituti scolastici, si è svolto in un clima di forte empatia e spontaneità: va dato merito soprattutto all’allenatore e agli atleti di aver saputo istituire un clima del tutto informale e cordiale, vincendo l’iniziale impaccio dei ragazzi e rompendo il ghiaccio con gli alunni più timidi.

Anche il personale della scuola, di cui faccio parte, ha apprezzato questa esperienza, volta a stimolare l’interesse e l’avvicinamento dei ragazzi alla pratica della pallavolo e alla grande realtà sportiva sorana. Tra le finalità dell’incontro anche quella di concretizzare l’avvicinamento di questo istituto scolastico alla pallavolo attraverso l’organizzazione prossima di un torneo, dal quale far emergere una selezione di alunni che potrà partecipare all’importante torneo interscolastico “Oasi dei Sapori Volley Cup” organizzato dalla società Argos Volley.

Tra le domande che i giovani alunni hanno rivolto agli atleti spiccano quelle tese a conoscere il tempo trascorso negli allenamenti e in quali altre attività fosse invece impiegato il loro tempo libero, il sistema d’alimentazione, gli interessi extrasportivi. Al termine dell’incontro, per la gioia di alcuni alunni un po’ emozionati, i giocatori Davide Esposito e Gabriele Di Martino, hanno effettuato qualche esercizio dimostrativo, nell’apposito campetto all’aperto, coinvolgendo i ragazzi desiderosi di cimentarsi con giocatori professionisti.

Ecco come ha commentato l’incontro del 6 dicembre l’insegnante di educazione motoria Adriano Cinti:

“Sull’esperienza vissuta, posso dire che sono stato molto colpito dalla disponibilità degli atleti e del coach Maurizio Colucci, soprattutto della complicità che hanno messo quando si è andati in campo con i nostri ragazzi. Per quanto riguarda gli alunni devo dire che sono rimasto contento anche del loro comportamento, all’inizio sono stati un pò freddini, forse presi un pò alla sprovvista perché in fondo non si rendono conto della grandezza della realtà della Globo. Poi invece piano piano si sono sbloccati e la loro partecipazione è cresciuta e hanno fatto commenti e considerazioni che mi hanno colpito piacevolmente. Credo che queste iniziative siano davvero importanti e formative per i ragazzi, che possono conoscere meglio questo fantastico sport e una realtà di professionismo e serietà di ragazzi quasi loro coetanei, che con una vita di sacrifici e impegno sono arrivati così giovani a questi livelli. Spero che si riesca anche a portarli al palazzetto per assistere a una partita, per farli emozionare e avvicinare ancora di più a questo bello sport. Grazie ancora a te per la passione che ci metti e a Maurizio, agli atleti e alla società per quello che fanno”.

Concludendo posso dire che condivido in pieno quanto espresso dal collega della scuola e aggiungo di essere stato molto contento di aver favorito il contatto tra la direzione della scuola e la responsabile della società Argos Volley, dei rapporti con gli istituti. Anch’io credo che si debba investire molto sulla promozione della conoscenza dell’importante realtà del volley sorano a livello giovanile.

A cura di Mario Iafrate