La Lega Pallavolo Serie A ferma le partite fino al 1 marzo compreso.

, ,

La Federazione Italiana Pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A Maschile e Femminile, rendono noto di aver deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionale a tutti livelli fino al 1 marzo compreso, per questo l’incontro tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Sir Safety Conad Perugia in programma domenica alle ore 18 al PalaCoccia di Veroli, è rinviato a data da destinarsi.

La decisione è stata assunta al termine di una riunione d’urgenza tenutasi ieri a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo – istituzionale quali le decisioni adottate dai Presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna alle quali si è aggiunta la Regione Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Trento.

I tre organismi, con la suddetta decisione, intendono porre la massima attenzione alla salvaguardia della salute comune e si impegnano a monitorare costantemente la situazione, riservandosi di prendere ulteriori decisioni dandone tempestiva comunicazione.
Contemporaneamente la FIPAV invierà una lettera al Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora e al CONI per chiedere quali le possibili situazioni per garantire l’eventuale continuazione delle attività agonistiche ivi compreso lo svolgimento degli allenamenti.

Sarà cura della Federazione anche inviare una lettera al presidente della CEV Aleksandar Boricic relativamente alla partecipazione delle squadre italiane impegnate nelle coppe europee.

La Lega Pallavolo Serie A auspica che le autorità competenti autorizzino incontri a porte chiuse a partire dal 2 marzo.

Milano vince ma Sora si dimostra squadra vera

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora all’Allianz Cloud contro il Powervolley Milano si dimostra squadra vera seppur uscendo sconfitta 3-1 dall’incontro valevole per l’ottava giornata del girone di ritorno di SuperLega Credem Banca.

Ha mostrato subito il suo gioco migliore ma è soprattutto nel secondo e terzo set, quello vinto 25-22 che ha tenuto la partita ancora aperta e viva, che ha fatto venire fuori le sue potenzialità. Contro Nimir e compagni l’impresa era ardua, però ci ha provato fino alla fine incidendo anche con l’imprevedibilità data dall’inserimento fin dallo starting six dell’opposto Van Tilburg e l’ingresso, dalla fine del primo set, del regista Alfieri. Ottimo il muro con 11 block di squadra di cui ben 6 autografati da Di Martino. A spaccare i game però, il servizio dei padroni di casa con Nimir a mettere a referto 7 ace (28 pt/tot) e 4 di Clevenot eletto Mvp del match che riporta la vittoria in casa meneghina che mancava dallo scorso 19 gennaio tenendola ben salda al quinto posto della classifica.
Degno di nota l’esordio in SuperLega con una realizzazione di Battaglia inserito negli ultimi scambi del game.

“La cosa positiva di oggi – conferma coach Colucci -, è l’atteggiamento della squadra: sapevamo che sarebbe stata dura, ma ho visto una reazione importante. Ci dispiace per il quarto set, dove siamo calati un po’, ma è pur vero che Milano è cresciuta molto al servizio. Credo che oggi abbiamo dimostrato in campo qualcosa in più rispetto alle gare contro Vibo e Cisterna”.

“Siamo felici di essere tornati alla vittoria dopo un periodo non facile per noi – dice invece il centrale milanese Kozamernik -. Era importante ritrovare la giusta confidenza con il successo e siamo stati bravi a giocare una bella partita, anche se siamo calati nel terzo set. I tre punti sono preziosi per la classifica, ce li teniamo stretti sapendo che abbiamo partite dure da vincere per il nostro cammino verso i playoff”.

Allo starting players coach Colucci affida il match a un sestetto rivisitato in posto 2 che in diagonale, con il palleggiatore Radke, vede Van Tilburg, i centrali Caneschi e Di Martino, le bande Joao Rafael e Fey, Sorgente libero nella fase di ricezione e Mauti in quella di difesa.
Mister Piazza affida la regia a Sbertoli opposto ad Abdel-Aziz, Petric e Clevenot, a coprire i posti 4, Alletti e Kozamernik per il posto 3 e Pesaresi nel ruolo di libero.

Il solito Nimir, premiato prima del fischio d’inizio quale Mvp del mese di gennaio, apre il match in attacco e all’ace per il 3-0 che Sora rimette subito in parità al 4-4. Si apre un punto a punto che accompagna il set fino al 14-13 con Sbertoli che, con ricezione buona, si affida molto ai suoi centrali, mentre dall’altra parte della rete Di Martino lavora bene a muro e Grozdanov in attacco. A sbloccare la situazione sono i padroni di casa con il primo mini break positivo interrotto sul 3-0 dal tocco di seconda intenzione di Radke che replica anche per il 19-15. Il gioco riparte palla su palla con Sora che però non riesce a trovare continuità nelle azioni vincenti per ricucire lo strappo di 5 lunghezze con le quali Milano arriva alla chiusura del set 25-20 con Kozamernik (6 pt/set) in grande spolvero.

Altra novità nel sestetto sorano che riparte con un cambio in regia inserendo Alfieri su Radke. Con il nuovo assetto è 1-4 ma il turno al servizio di Nimir rimette tutto in equilibrio. Si prosegue palla su palla con il regista locale a far girare tutti i suoi attaccanti e quello ospite che si affida maggiormente ai centrali che ottengono risultato anche a muro per l’11-11. È ancora l’opposto milanese a rompere il trand con 3 turni in battuta che rimettono i suoi avanti 14-11. La Globo riconcorre e si riporta sotto 17-16 ma dal centro l’Allianz continua a togliere le castagne dal fuoco per il nuovo vantaggio del 20-17. Il sestetto di coach Colucci non molla nulla ed è ancora lì, viva nel set 22-21. Milano arriva per prima al set ball, Caneschi annulla la prima possibilità di chiusura ma il sestetto di mister Piazza non stecca la seconda portandosi in vantaggio nel match 2-0 con il 25-22.

Si dimostra squadra vera Sora aprendo il terzo set 0-3, tenendo stretto il vantaggio al 3-6, e facendolo crescere al 5-9 con 3 muri punto di Di Martino a bloccare graniticamente Petric, Kozamernik e Alletti. Sale in cattedra Nimir che con due attacchi riporta le squadre a contatto, e con quattro ace consecutivi in vantaggio 12-10. Ma la Globo è salita di testa rispetto ai suoi avversari che riesce a mandare in bambola tenendosi in equilibrio con grandi giocate fino al 20-20 e ad accelerare allo sprint finale con due ace di Van Tilburg che spianano la strada al 22-25 che tiene aperta e viva la partita.

Il Powervolley torna in campo con Sbertoli e anche la Globo sul 6-3, reinserisce il suo palleggiatore titolare Radke e poi con Van Tilburg e Caneschi si riporta a contatto 7-6. A incidere significativamente questa volta è il servizio di Clevenot con un turno nel quale autografa due ace e crea scompiglio nella ricezione fino al 12-6. Interrompe la striscia Sora ma fino al 18-13 non riesce ad andare oltre il cambio palla e poi nuovamente a soffrire l’offensiva avversaria da nove metri per l’ulteriore allungo del 22-13 che ha portato Nimir e compagni alla vittoria del set 25-16 e del match per 3-1.

ALLIANZ MILANO – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-1

ALLIANZ MILANO: Sbertoli 1, Abdel-Aziz 28, Petric 11, Clevenot 15, Kozamernik 12, Alletti 12, Pesaresi (L), Izzo, Weber n.e., Basic, Gironi n.e., Hoffer n.e.. I All. Roberto Piazza; II All. Marco Camperi. B/V 11; B/P 21; muri: 6.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 2, Van Tilburg 12, Caneschi 5, Di Martino 8, Grozdanov 13, Joao Rafael 8, Sorgente (L), Mauti (L), Alfieri, Miskevich n.e., Scopelliti, Fey, Battaglia 1. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 2; B/P 11; muri: 11.

PARZIALI: 25-20 (‘23); 25-22 (‘26); 22-25 (‘27); 25-16 (‘22).

MVP: Clevenot.

I ARBITRO: Capello.
II ARBITRO: Puecher.
III ARBITRO: Libardi.
VIDEO CHECK: Mutti.
SEGNA PUNTI: Tawfik Henawy.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora resta concentrata, domenica si va a Milano

, ,

Deve ripartire la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, in tutti i sensi. Domenica all’Allianz Cloud l’aspetta Milano e fino al 29 marzo le restanti 5 gare del rusch finale della regular season della SuperLega Credem Banca. Dopo aver visto sfumare le sue due reali possibilità di essere ancora in piena corsa salvezza, non dovrà smettere di sperare ma soprattutto di lavorare e mettere in campo quello che di meglio sa fare a partire dalla testa passando per tutte le qualità tecnico-tattiche. Le sue dirette rivali, Vibo e Cisterna, hanno tracciato un solco importante di distanza che fa essere tutto più nero, ma coach Colucci e i suoi ragazzi hanno ancora opportunità per dimostrare il loro valore a prescindere dalla lontananza dell’obiettivo prefissato a inizio stagione. È una questione di orgoglio personale e di squadra, e di certo c’è che Sora nella sua storia non ha mai tirato i remi in barca.

“Dopo le sconfitte patite per mano della Tonno Callipo e della Top Volley, la strada per la salvezza si è fatta davvero molto complessa – conferma il terzo allenatore Ottavio Conte -. Da domenica e fino alla fine della regular season, ci aspettano 6 partite dall’altissimo quoziente di difficoltà. Il nostro compito rimane però quello di provarci con le unghie e con i denti anche quando la matematica ci avrà condannato alla retrocessione. Domenica andremo a Milano ad affrontare l’Allianz, una delle rivelazioni di questo campionato che per gran parte della stagione ha dato filo da torcere alle 4 grandi del torneo anche giocando in formazione rimaneggiata data la carenza di centrali dovuta agli infortuni. Da un paio di settimane la squadra di Piazza é tornata in formazione tipo, quindi sarà una partita ancora più difficile rispetto a quella del girone d’andata. Dovremo essere bravi a ritrovare la continuità in cambio palla che ci é mancata a Cisterna, per poter tenere testa a un avversario sulla carta favorito”.

Gli impegni delle ultime sei giornate non sono dei più semplici, come del resto non lo sono stati tutti quelli della stagione, a partire dall’Allianz Powervolley che in questa settimana ha avuto il focus puntato sull’obiettivo Quarti di Finale di Cev Challenge Cup. Ieri sera infatti, al Centro FIPAV Pavesi la formazione di coach Piazza ha ospitato i croati del Mladost Ribola Kaštela per la gara di ritorno degli ottavi di finale della competizione. Dopo il successo ottenuto in Croazia per 3-0, a Milano bastava vincere due set per il matematico passaggio del turno, ma in un’ora e dieci minuti ha bissato il risultato dell’andata meritando ampiamente i quarti di finale, turno nel quale si troverà di fronte la vincente della sfida tra l’Unicaja Costa de Almeria e gli estoni del Saaremaa VC.
L’infrasettimanale di Cev Challenge Cup, ha permesso a Sbertoli e compagni di tornare al successo dopo le ultime gare in cui, tra SuperLega e Coppa Italia, erano arrivate quattro sconfitte seppur in gare combattute. Dal 16 gennaio all’08 febbraio infatti, Milano ha disputato tutti big match, affrontando Civitanova, Trento, Perugia, e poi nuovamente Trento e Modena, per cui, almeno sulla carta, si apre per il club una fase che presenta meno difficoltà.

L’altra importante risposta positiva per l’ambiente meneghino è arrivata dal parziale tour over proposto da coach Piazza che ieri contro i croati ha schierato da inizio gara Hoffer come libero e affidato la regia a Marco Izzo, mentre nel terzo set a Weber ha fatto prendere il posto di Nimir.

Un’altra battaglia dunque per gli uomini di coach Colucci che non hanno mai avuto vita semplice in questa stagione, e stavolta contro la squadra rivelazione del torneo, capace di piazzarsi al quarto posto della classifica al termine del girone d’andata e dunque scippare all’Itas Trentino la possibilità di giocare la gara secca valida per i quarti di finale della Del Monte Coppa Italia tra le sue mura amiche, con la griglia però a metterle difronte nel turno nel quale i trentini si sono ampiamente riscattati conquistando il pass per la Final Four di Casalecchio di Reno.

Appuntamento domenica alle ore 18 presso Allianz Cloud di Milano per il match tra la Powervolley e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sport & Alimentazione al “Baronio” di Sora

, ,

Nuovo appuntamento per gli atleti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che continuano la promozione dello sport e di un corretto stile di vita all’interno dei plessi scolastici del territorio.

Questa volta è stato l’I.I.S. Cesare Baronio di Sora, che ha aperto le porte a Pierpaolo Mauti, Stijin Van Tilburg, Roberto Battaglia e Nunzio Meglio, accompagnati dal loro coach e promotore del progetto, Ottavio Conte.

Una mattinata intensa, quella vissuta in visita al plesso Sorano. Tante le domande e le curiosità che gli atleti in casacca bianconera hanno avuto modo di soddisfare ai giovani alunni del primo biennio dell’Istituto Superiore. E’ stata poi la volta della presentazione del torneo “Oasi dei Sapori Volley Cup”, al quale l’istituto partecipa da numerosi anni. Grazie proprio alla partecipazione a questa manifestazione, e alla docente Antonella Evangelista, “ambasciatrice del volley” per l’I.I.S. Baronio, per gli alunni c’è anche la possibilità di avere biglieti ad un prezzo ridotto per quanto riguarda le gare casalinghe della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Il momento preferito dell’incontro, però, non può che essere l’ultimo: quella della pratica. I ragazzi, infatti, hanno avuto la possibilità di scambiare qualche passaggio con i propri beniamini, affinando la tecnica dei principali fondamentali della pallavolo.

“L’incontro avvenuto all’Istituto Baronio – commenta coach Ottavio Conte – è stato molto produttivo, sia dal punto di vista della partecipazione dei ragazzi, sia dall’entusiasmo visto dai docenti, che hanno partecipato alle attività e posto parecchie domande e curiosità agli atleti presenti. Un ringraziamento particolare alla professoressa Antonella Evangelista ed al professor Alfredo Pellegrini che hanno permesso questo incontro, con la speranza di tornare presto nel plesso del Baronio”.

Alle sue parole, fanno eco quelle dell’atleta Roberto Battaglia

“E’ stato un bell’incontro, secondo me molto importante per avvicinare più ragazzi possibile allo sport della pallavolo, ed invogliarci a venire a vederci e supportarci nelle nostre gare casalinghe. E’ stata una bella esperienza rispondere alle domande dei ragazzi che, magari, sognano di diventare sportivi professionisti proprio come noi. Speriamo di aver risposto ad ogni curiosità. Sono molto contento di essere stato in visita in questo istituto, spero di ripetere questi incontri”.

Anche la docente Antonella Evangelista si è detta molto soddisfatta della mattinata presso il Baronio

“Penso che, questo genere di incontri, siano di estrema utilità, in quanto insegnano ai ragazzi i valori puliti e sani dello sport. Ho visto i miei alunni molto interessati, tanto alla vita da sportivi, quanto alle loro abitudini ed al mondo della pallavolo in generale, e questo non può farmi che piacere. Per me, che da anni, in quanto dirigente dell’Argos Volley mi occupo di sociale, questo genere di incontri sono una vittoria. Penso che Sora sia fortunata ad avere una realtà come l’Argos Volley, una società di massimo livello che non solo è motivo di orgoglio per la nostra popolazione, ma che da sempre si prodiga affinché tutti possano trarne beneficio, soprattutto i più giovani”.

Roberta Velocci – Ufficio Stampa Argos Volley

Sora si arrende alla Top Volley

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si arrende alla Top Volley Cisterna 3-1.
Il derby è proprio quel match che l’Argos Volley non riesce a esorcizzare con i precedenti negativi che ora diventano 8, ma il dato più preoccupante non è assolutamente questo. Per i bianconeri restare attaccati al treno salvezza ora è diventato davvero proibitivo. Sfumando la possibilità di muovere la classifica, il gap che divide Sora sia da Cisterna che da Vibo Valentia, è un solco profondo 7 lunghezze.

Così è la Top Volley a riaprire la sua corsa salvezza con l’aggancio in classifica della Tonno Callipo che per una settimana si era sentita salva occupando il primo posto utile alla conferma della serie.

Al palazzetto dello sport di Cisterna dunque, i ragazzi di coach Tubertini sono stati più determinati a colmare il divario che li divideva dal diretto avversario e a lasciarsi alla spalle, con una importante distanza di sicurezza, gli inseguitori.

La Globo sapeva che la Top Volley tra le mura amiche è pericolosissima, l’ha subita per due set e poi ha trovato la forza di combattere e reagire tenendo il match aperto ma purtroppo solo per un set, cadendo nel quarto.

“È stata una partita difficile come ci aspettavamo – commenta a caldo assistant coach Simone Roscini -. Ci hanno aggredito con il servizio grazie al quale, nei set dove siamo andati sotto, hanno fatto la differenza, è stata soprattutto questa la loro arma in più.
Peccato per il secondo set nel quale eravamo riusciti a riprenderli. Con un pizzico più di tranquillità nei momenti decisivi avremmo potuto magari portarlo a casa e la partita poteva prendere una piega diversa”.

Allo starting players coach Colucci affronta il derby con la diagonale Radke-Miskevich, i centrali Caneschi e Di Martino, le bande Joao Rafael e Fey, Sorgente e Mauti liberi, il primo nella fase di ricezione, il secondo in quella di difesa.
Mister Tubertini invece sceglie capitan Sottile in cabina di regia opposto a Patry, Palacios e Van Garderencome martelli, Szwarc e Rossi in posto 3 e Cavaccini libero.

Mostrandosi subito pericolosa al servizio, con l’ace di Szwarc, Cisterna si mette alla conduzione con il 2-0 che Patry trasforma nel 6-3. Sora non riesce a conquistare il break e quando arriva il turno di Patry dai nove metri lo soffre pericolosamente subendo 3 punti diretti che incrementano la striscia positiva pontina fino al +9 del 16-7. Di Martino toglie le castagne dal fuoco ma assieme ai suoi compagni non riescono ad andare oltre il cambio palla, con il punto a punto che accompagna il set fino al 21-13. Con il nuovo turno di Szwarc in battuta e Patry sulla rete, la Top Volley allunga ancora 23-13. Sora ci prova a prendere ossigeno ma il destino del set è oramai scritto, 25-15.

Il primo punto del secondo game è sempre autografato dall’ace di Szwarc ma questa volta a salire a muro è Sora che, bloccando le intenzioni della prima linea avversaria, passa per la prima volta nel match in vantaggio 1-3. Rispondono con la stessa moneta Sottile e compagni per la parità che, tra errori e chiamate video check a invertire le decisioni arbitrali, è tenuta viva fino al 7-7. I padroni di casa vanno avanti 10-7 e gli ospiti inseguono 13-11. Nel frattempo coach Colucci inserisce Van Tilburg per Miskevich e Fey per Grozdanov, ma anche con il nuovo assetto Sora non riesce a ricucire lo strappo fino al 17-12 quando l’opposto trova il varco giusto e Joao Rafael l’ace che vale il 17-15. Un’occasione ghiotta sfruttata da Szwarc a tirare il rigore, riporta i suoi avanti di +4, ma Sora alza il muro e si riporta sotto 20-19. Set rimesso in discussione dal sestetto volsco ma ancora aggredito da quello pontino che scappa al 24-21. La Globo non molla e ricuce ancora 24-23 senza però trovare l’astuzia di portarlo ai vantaggi, così è 25-23 e 2-0 nel match.

Szwarc recita lo stesso copione per il 3-0 che gli errori avversari trasformano nel 6-1. Time out discrezionale per la panchina sorana e alla ripresa si cerca di ricostruire i gioco che comunque stenta a trovare la sua dimensione. Intanto il tabellone sale sull’11-6 e la Globo comincia a sentire il tempo stringere con il punteggio tiranno che continua a viaggiare con 5 lunghezze da recuperare ancora al 15-10. Il capitano al servizio aiuta i suoi a finalizzare il 15-12, Patry interrompe la striscia positiva avversaria e si apre un punto a punto che Sora deve assolutamente trasformare in break per tenere viva la gara. È il 20-17, coach Colucci richiama i suoi per organizzare la strategia offensiva, e quando i ragazzi la stanno mettendo in atto, al 21-20, mister Tubertini lo emula. 23-21 e due imperiosi muri di Di Martino ai danni di Van Gardener rovesciano il fronte del game regalando a Sora il set ball. Il neo entrato Karlitzek annulla la possibilità set ma Grozdanov la riconquista e Van Tilburg, dopo la ricezione di Mauti, non esita a trasformarla nel 24-26 della vittoria che riaccende le speranze volsche.

Per il quarto set il tecnico ospite parte con la diagonale rivisitata confermando Alfieri al palleggio e Van Tilburg fuori mano. La Top Volley invece continua a proporre lo stesso copione con Szwarc all’ace per il 2-1 e poi è il momento di Palacios che prima attacca e poi conquista altri due punti diretti dai nove metri per il 5-3. Sora è lì, 6-5, ma Cisterna preme sull’acceleratore con Van Gardenr in grande spolvero per il +5 del 10-5. Dopo il time out il capitano spinge i suoi per il -3 dell’11-8 ma la scena ora è tutta di Palacios, imprendibile in attacco e al servizio, per il 18-11 che costringe la panchina ospite alla nuova sospensione. L’offensiva la interrompe Di Martino e Caneschi a una mano mura Rossi per il 19-13 ma a questo punto del set, 6 lunghezze di distanza che al 24-15 diventano 9, pesano il doppio. La Globo però sembra non accusare e, dopo il cambio palla conquistato da Grozdanov, innesca una rincorsa pazzesca che il video check inchioda invertendo la decisione arbitrale che valeva il 24-19 per decretare il 25-18 che mette fine alla contesa sul 3-1.

TOP VOLLEY LATINA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-1

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 5, Patry 23, Rossi 5, Szwarc 12, Karlitzek 2, Palacios 16, Cavaccini (L), Peslac, Van Garderen 15, Onwuelo ., Elia 1, Rossato n.e., Rondoni. I All. Lorenzo Tubertini; II All. Andrea Pozzi. B/V 11; B/P 10; muri: 10.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 2, Miskevich 4, Caneschi 6, Di Martino 10, Joao Rafael 13, Fey , Sorgente (L), Mauti (L), Alfieri, Van Tilburg 12, Scopelliti, Grozdanov 13, Battaglia n.e. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 3; B/P 11; muri: 7.

PARZIALI: 25-15 (‘24); 25-23 (‘33); 24-26 (‘35); 25-18 (‘28).

MVP: Cavaccini.

SPETTATORI: 1.012.

I ARBITRO: Goitre.
II ARBITRO: Vagni.
III ARBITRO: Rossi.
VIDEO CHECK: Tartaglione.
SEGNA PUNTI: De Crescenzo.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Il derby, l’opportunità che Sora non vuole mancare

, ,

Ha riposato mercoledì sera la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, in programma c’era la sesta giornata del girone di ritorno con l’Argos Volley a rispettare il suo turno di stop così come previsto dal calendario della SuperLega Credem Banca.
Tutti a fare zapping allora, su due campi, quello del PalaMaiata di Vibo Valentia dove nella sera dedicata alla grande festa per il ritorno definitivo a casa, la Tonno Callipo Calabria non sfigura di fronte alla Sir Safety Conad Perugia che comunque si impone in quatto set guadagnando tutta la posta in palio. E quello del Pala De Andrè di Ravenna sul quale la Consar di coach Bonitta sfrutta nel migliore dei modi il doppio turno casalingo per conquistare sei punti con i quali candidarsi per un posto Play Off battendo nel secondo, e non senza fatica e patemi, la Top Volley che si spegne alla distanza.

Situazione di bassa classifica dunque, che resta invariata con Sora, ultima a quota 5 punti, che vede ancora Cisterna 4 lunghezze più avanti, e Vibo al primo posto utile per la salvezza con un bottino di 12. E domenica alle ore 18 c’è il derby, la Globo affronterà al palazzetto dello sport di Cisterna la Top Volley. E poi Vibo e Cisterna, nell’undicesima giornata in programma domenica 15 marzo, se la vedranno tra di loro.
Prima però i pontini riceveranno tra le mura amiche Padova, Verona e Milano, e dovranno andare in trasferta a Trento e Piacenza.
Alla Tonno Callipo invece tocca ospitare Padova, Milano e Modena, e mettersi in viaggio per affrontare Verona, Civitanova, Ravenna e Monza.
Sora, per questo finale di stagione, deve ancora aprire le porte del PalaCoccia a Perugia, Monza e Civitanova, mentre sarà ospitata sui campi di Milano, Piacenza e Trento.

Inutile però guardare troppo lontano se prima non si affronta il derby laziale con positività. Fino a qualche giorno fa, ovvero prima di domenica 2 febbraio, la situazione era “una stagione in due match”. Ora il primo è andato, quello con Vibo, non lasciando nulla nelle casse sorane, domenica alle ore 18 al Palazzetto di Cisterna la seconda possibilità per la Globo almeno di muoversi dallo stallo in cui versa.

“La sconfitta subita in casa con Vibo – commenta coach Maurizio Colucci -, è stata dura da digerire, per fortuna abbiamo l’opportunità di cercare un pronto riscatto con Cisterna, terza squadra coinvolta nella lotta per la permanenza in SuperLega. Per fare bene però, dovremo migliorare in molti fondamentali, specialmente in quello della battuta nel quale avevamo ben figurato nelle ultime uscite pre-Vibo.
Di fronte troveremo una squadra determinata a colmare il divario che li divide dalla Tonno Callipo, e dunque dalla posizione utile per confermare la serie, ma noi cercheremo di impedirglielo provando a rimanere attaccati al treno salvezza”.

La Top Volley tra le mura amiche è pericolosissima, eccetto 3 dei suoi 9 punti conquistati in trasferta a Veroli contro Sora infatti, gli altri 6 è lì che li ha guadagnati nei tie break vinti con Monza e Piacenza e in quelli persi con Perugia e Vibo.
Dal 22 dicembre però, Cisterna non vince più, è a bocca asciutta da tutto il girone di ritorno.
Il suo capitano, Daniele Sottile, individua nella mancanza di continuità il problema della sua squadra:

“Giocare bene un set o due – dice al termine del match ravennate -, non ti porta a conquistare le vittorie, è un problema di continuità perché lavoriamo tanto ma portiamo a casa troppo poco. Non dobbiamo mollare perché se arriva una vittoria ci possiamo sbloccare. Il nostro campionato è stato ricco di occasioni sprecate. Anche pesanti, ma non c’è voglia di mollare nulla e ci proveremo fino alla fine” .

L’appuntamento dunque, per lo scontro diretto tra la Top Volley e la Globo Banca Popolare del Frusinate valido per la settima giornata del girone di ritorno, è per domenica 9 febbraio alle ore 18 al Palazzetto dello Sport di Cisterna.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora-Vibo, le voci dei protagonisti

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non riesce a replicare la bella prestazione messa in campo in terra Calabrese contro la Tonno Callipo nel girone d’andata, e questa volta è Vibo Valentia ad aggiudicarsi lo scontro diretto in 3 set. Troppo altalenanti gli uomini della coppia Colucci-Roscini che non riescono a sfruttare importanti break guadagnati nel corso dei primi due set lasciandosi sorpassare da Rizzo e compagni che portano a casa l’intera posta in palio.

A tal proposito, il centrale Di Martino ha dichiarato

“Questa sconfitta è parecchio pesante in chiave classifica. Avevamo voglia di vincere, non è stato così. Siamo dispiaciuti ma ancora non è detta l’ultima parola. Domenica ci aspetta una partita importante, che dobbiamo e vogliamo vincere. Da domani torneremo in palestra a lavorare meglio di quanto abbiamo fatto fino ad ora. Dobbiamo aggiustare delle cose, come il servizio e la fase muro-difesa che faticano ad andare bene. Siamo giovani, e giocare partite come questa ci fa bene perchè per sono come delle finali e l’adrenalina è a mille. Siamo entrati in campo con concentrazione, ma purtroppo non è bastato e dall’altra parte hanno portato a casa la vittoria. Crediamo ancora nella salvezza, nel nostro miglioramento di squadra che porterà risultati”.

Dall’altra parte della rete, a parlare per i vibonesi è il Team Manager, Giuseppe Defina

“Per noi è molto importante questa vittoria. Vincere una partita come questa, fuori casa, come è stato per loro a Vibo, ha un peso maggiore. Considerando gli scontri diretti abbiamo pareggiato la situazione, oltre ad aver messo punti in classifica. Siamo venuti consapevoli di affrontare una squadra battagliera che ha necessità di punti, e lo ha dimostrato durante tutta la partita. Siamo stati bravi a restare sempre attaccati al match e, nei momenti determinanti, a riuscire a chiudere i giochi. Era importante continuare con il nostro gioco, anche quando loro si rifacevano sotto, ed è andata bene”.

Alle sue parole fanno eco quelle del centrale Marco Vitelli

“Sicuramente erano tre punti che aspettavamo da molto tempo. Era importante vincere per la classifica e per dare morale alla squadra, sperando di riuscire a fare bene anche in altri scontri diretti importanti in chiave salvezza. Questa vittoria ci da tanta carica. Sapevamo fosse una partita fondamentale in classifica che non potevamo sbagliare. Per fortuna siamo riusciti a rimanere concentrati con il cambio palla e l’abbiamo portata a casa”.

Roberta Velocci- Ufficio Stampa Argos Volley

Lo scontro diretto se lo aggiudica Vibo Valentia

, ,

Una stagione in due match, era questa la cinica e brutale realtà per Sora legata all’esito delle gare con Vibo Valentia e con Cisterna, e il primo e importantissimo passo è stato steccato. Al PalaCoccia finisce 0-3 lo scontro diretto tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.
Tre dunque i punti conquistati dai vibonesi che hanno dimostrato di volere restare in SuperLega, e la prima vittoria per la lotta alla salvezza l’hanno compiuta con la certezza di aver creato una importante distanza classifica da Sora.

I ragazzi di coach Colucci hanno aggredito per primi, ma quelli di Cichello hanno sempre mantenuto la lucidità con la bravura di essere incisivi nei momenti cruciali. L’altra arma in più, quella che ha creato scompiglio nella metà campo avversaria, è stata la battuta (5 ace di Drame Neto), mentre gli addetti ai lavori hanno premiato la prestazione di Carle.

“È un vero peccato aver perso in maniera netta uno scontro diretto – commenta rammaricato coach Roscini -. Onore agli avversari che sono stati bravi soprattutto nei momenti più delicati dei set. Sia nel primo che nel secondo infatti, siamo partiti avanti, ma loro sono sempre stati bravi a rimanere tranquilli e tornare sotto nel punteggio. Hanno avuto regolarità in battuta mettendoci in difficoltà nella situazioni di cambio palla. In generale hanno sicuramente fatto una partita più precisa. Noi siamo mancati in alcuni momenti, e loro hanno trovato quei break che gli hanno consentito di andare a chiudere i set con un bel vantaggio”.

“Complimenti alla mia squadra – dice invece mister Cichello -, ha giocato una gara che sapevamo essere molto difficile, contro una diretta concorrente. Sono scesi in campo con una determinazione pazzesca, anche se, lo sapevamo, in qualche situazione abbiamo sofferto. Complimenti a noi, per il gioco espresso”.

Allo starting player coach Colucci mostra al suo pubblico il suo sestetto tipo, quello formato dalla diagonale Radke-Miskevich, dai centrali Di Martino e Caneschi, i martelli Joao Rafael e Grozdanov, i liberi Sorgente e Mauti, il primo nella fase di ricezione e l’altro in difesa.
Mister Cichello risponde all’offensiva con la regia di Baranowicz opposto a Drame Neto, Carle e Defalco in posto 4, Mengozzi e Chinenyeze al centro della rete, e Rizzo in seconda linea.

Gas a martello per la Globo che apre il match di precisione al servizio con Di Martino e a muro con Radke, per il 5-1 che la Tonno Callipo pareggia subito 6-6, sbloccando dal centro. Dopo il time out discrezionale di coach Colucci, si infiamma il gioco in entrambe le metà campo per un punto a punto che al 13-14 viene messo in discussione dall’ace di Drame Neto che porta i suoi sul +4 del 13-17. Lotta Sora ma non riuscendo ad andare oltre il cambio palla, porta con se lo svantaggio fino alla fine del set chiuso da Mengozzi sul 21-25.

La partenza è sempre targata Sora, anche quella del secondo set con il vantaggio del 3-0 che i ragazzi di coach Colucci mantengono vivo fino al 9-6. Nonostante costretto agli straordinari, Baranowicz riesce a far salire in cattedra i suoi attaccanti che lo ripagano finalizzando la parità del 10-10 che dura fino al 13-13. L’invasione locale a rete, consegna il servizio nella mani di Drame Neto che continua bombardare la ricezione avversaria per 5 turni che segnano un solco profondo 13-18. Di Martino, a muro e in attacco, rosicchia lunghezze che al 19-22 sembrano ancora tenere aperti i giochi. Ma Sora non riesce a spingere oltre, con Vibo che ne approfitta per mettere al sicuro il set 19-25 e il primo punto in palio del match.

Nel terzo game, ad andare avanti per prima è Vibo con l’1-3 invertito subito da Grozdanov 4-3. Sora soffre nuovamente la battuta di Drame Neto che con 2 ace rimette i suoi avanti di 3 lunghezze, ma poi ricostruisce bene per l’11-11. Al suono di “picchia duro” della Fossa Giallorossa, Defalco all’ace per il +3 dell’11-14 ben ricorso e ricucito dai volsci, e ancora un turno lungo 5 servizi di Drame Neto per lo strappo del 14-19. Il divario è profondo, man mano che il tabellone scorre le teste calano fino al 20-25 che fa esultare la Tonno Callipo.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 0-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Radke 2, Miskevich 9, Caneschi 2, Di Martino 7, Joao Rafael 14, Grozdanov 11, Sorgente (L), Mauti (L), Alfieri, Van Tilburg n.e., Scopelliti 1, Fey, Battaglia n.e.. I All. Colucci; II All. Roscini; III All. Conte. B/V 2; B/P 13; muri: 6.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Baranowicz 2, Hirsch n.e., Ngapeth n.e., Defalco 9, Mengozzi , Chinenyeze 10, Rizzo (L), Marsili n.e., Drame Neto 10, Carle 17, Vitelli, Pierotti n.e., Sardanelli (L) n.e.. I All. Juan Manuel Cichello; II All. Giancarlo D’Amico. B/V 7; B/P 9; muri: 8.

PARZIALI: 21-25 (‘26); 19-25 (‘26); 20-25 (‘30).

I ARBITRO: Sobrero.
II ARBITRO: Lot.
III ARBITRO: Mannarino.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Gasparrini.
SEGNAPUNTI: Rossi.

MVP: Carle.

SPETTATORI: 519.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Una stagione in due match, il primo è con Vibo Valentia

, ,

Domenica alle ore 18 tutti al PalaCoccia di Veroli, è di questo che ha bisogno la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora per affrontare al meglio la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia e per caricarsi per il derby in trasferta della prossima settimana.

Una stagione in due match, è questa la cinica e brutale realtà per Sora legata all’esito delle gare con Vibo Valentia e con Cisterna. Sei punti in palio che servirebbero tutti perché si tradurrebbero nell’allungo decisivo, ma non definitivo, verso la salvezza. Confermare la serie è l’unica cosa che l’Argos Volley vorrebbe, e per restare in SuperLega tutto passa attraverso l’esito di questi due scontri diretti.
È una corsa a tre, nella quale però la Tonno Callipo e la Top Volley hanno un bel vantaggio sia classifica, rispetto alla Globo attualmente in coda con 5 punti totali contro i loro 9, che del numero di gare ancora a disposizione, 10 quelle dei calabrasi, 9 dei pontini e solo 8 quelle dei Sorani.
Al termine della regular season, il 29 marzo, due club retrocederanno in Serie A2 e una delle tre si salverà. Nessuna altra squadra oramai può entrare nella lotta, la spaccatura di classifica è troppo profonda, tra la coppia Cisterna-Vibo e l’altro blocco a pari merito che occupa le posizioni dal settimo al decimo posto, ci sono 9 lunghezze di differenza, un gap sicuramente incolmabile.

“Una partita che peserà molto – commenta il libero Alessandro Sorgente -, nella quale entrambe abbiamo l’obbligo di fare punti, e noi più di loro.
Vibo non viene da un buon periodo, non ha gran ritmo di gioco nelle gambe, e questa gara è stata preceduta dalla brutta sconfitta con Piacenza in casa, con parziali abbastanza netti. Sono certo che saranno agguerriti e verranno a caccia di punti salvezza.
Noi abbiamo il dovere di fare di tutto per agganciarli e continuare a sperare. Sarà un match molto battagliato, giocato con attenzione e determinazione, sentito anche a livello di nervi. Ci stiamo preparando molto bene e siamo fiduciosi.
Il nostro gioco è diventato più fluido e abbiamo trovato quel pizzico di spregiudicatezza in più. Giocheremo in casa, davanti al nostro pubblico, i presupposti per fare bene ci sono tutti, poi sarà il campo a dare il proprio verdetto”.

Anche se il lavoro che lo staff tecnico sorano sta portando avanti punta alla migliore preparazione di entrambe le gare e non solo, ai ragazzi chiedono di affrontare un passo per volta, così, subito dopo la gara patavina, in questa settimana testa e corpo sono proiettati e concentrati su la Tonno Callipo.
Un club, quello del presidente Callipo, sicuramente attualmente posizionato meglio in classifica rispetto ai volsci, ma con una situazione mentale un pochino più fragile e ingarbugliata. Oltre ai mancati risultati infatti, i pensieri che l’hanno attanagliata sono stati quelli causati da problematiche logistiche, che proprio nelle ultime ore pare si siano risolti, che però non gli hanno consentito di poter avere a disposizione un campo da gioco idoneo obbligandola al rinvio della gara dello scorso 16 gennaio contro Padova e dunque, a restare dal 22 dicembre al 26 gennaio lontana dal proprio rettangolo.

Domenica scorsa, al PalaCalaFiore di Reggio Calabria ha potuto ricevere la Gas Sales Piacenza che però in tre set veloci ha archiviato la pratica e portato via 3 ottimi punti.
Coach Juan Manuel Cichello evidenzia la grande responsabilità del suo sestetto per come è andata la gara, il gioco di squadra non gli è piaciuto a tal punto da chiede scusa a società e tifosi per quanto poco si è lottato in campo. E ora Baranowicz e compagni dovranno andare al PalaCoccia di Veroli, un ambiente oramai a loro conosciuto data l’alta frequentazione anche in pre-season, ma con difronte una squadra dagli stessi obiettivi, con nella testa e nelle vene la stessa forza e passione ad alimentare il desiderio di vittoria. Importante sarà soprattutto la testa, e come verrà utilizzata per gestire il carattere, le opportunità e i pericoli.

Sora e Vibo si conoscono oramai da tanti anni, dal 2014 a oggi, solo di gare ufficiali i precedenti sono 21 di cui 15 vinti da Sora – tra cui i due incontri dello scorso anno e quello del girone d’andata -, ai quali però vanno sommate tutte le amichevoli pre season.
Rispetto alla Globo però, la Tonno Callipo è riuscita in questo campionato, nel girone d’andata, a vincere in 3 set con Verona, e a portare altre 4 squadre al tie break, con Monza e Cisterna quelli che ha vinto, a Piacenza e con Ravenna quelli dai quali ha strappato un punto.

Appuntamento dunque domani alle ore 18 al PalaCoccia, per il match tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.
Biglietti in vendita sul circuito online www.liveticket.it, oppure domenica al botteghino del PalaCoccia dalle ore 10:30 alle 13 e dalle 15 in poi.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora-Vibo sarà Polsinelli Match Day

, ,

Con l’arrivo in famiglia della Polsinelli Srl, e dunque con il nuovo sodalizio sancito a inizio stagione, si è arricchita sempre di più l’Argos Volley, sia di valore umano che imprenditoriale.

L’azienda costruisce e vende in tutto il mondo attrezzature per l’enologia, la birrificazione e l’olearia. È cresciuta tanto grazie al suo portale di e-commerce specializzato, ma soprattutto perché ha saputo abbinare alla cura dei propri clienti, l’uso di tecnologie e una costante attenzione all’innovazione per la costruzione dei propri prodotti, distinguendosi sul mercato in quanto in grado di coniugare passione ed esperienza, rappresentando un punto fermo importante sia per i clienti, che per i fornitori, che per gli esperti del settore.

Polsinelli in estate ha deciso di camminare al fianco della società di patron Giannetti sposandone la causa e abbracciandone tutti i progetti, e l’Argos Volley ne è stata davvero felice della decisione importante presa dal signor Daniele Polsinelli, e soprattutto onorata di poter vantare l’appoggio di un partner di tale calibro.

“È importantissimo per noi – commenta Patron Gino Giannetti -, che un’azienda fiorente del nostro territorio scelga di unirsi e legarsi a tutto ciò che siamo e che cammini con noi verso gli obiettivi sportivi e sociali prefissati. Polsinelli Enologia è un partner importante, e la squadra ha il compito di portare in giro per tutta l’Italia il suo brand presente in una posizione di rilievo sul fronte della maglia ufficiale da gara”.

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora dunque, in questa stagione 2019/2020 si sta vestendo in tutti i sensi, di un nuovo brand.

“Ho sempre seguito lo sport – spiega Daniele Polsinelli, l’Amministratore Unico della Polsinelli Enologia srl -, sia praticandolo che sponsorizzandolo e quindi legando l’azienda a diverse realtà del nostro territorio. In principio il sostegno è andato a società sportive di carattere provinciale, poi, con il crescere dell’azienda abbiamo potuto abbracciare anche quelle a caratura nazionale come il Frosinone Calcio e l’Argos Volley. Punto fermo da 26 anni una nostra squadra ciclistica amatoriale. Ci piace essere accanto alle realtà più valide del territorio sostenendole nei loro progetti, e quelli che porta avanti la società di Patron Giannetti, ben si sposano con la nostra filosofia aziendale perché hanno lo stesso occhio di riguardo per il territorio. Il club infatti, come la Polsinelli Enologia, si avvale di collaboratori, di forza lavoro, del nostro interland trasformando, attraverso l’esperienza, le competenze di ognuno in professionalità specifiche. La solidità della società pallavolistica che da decenni opera sul territorio con la stessa trasparenza e affidabilità, la conoscenza personale che ho con il vertice societario, in primis con la famiglia Giannetti senza dimenticare il presidente Vicini, sono le fondamentali motivazioni che mi hanno portato a scegliere di associare la Polsinelli Srl alla prima squadra dell’Argos Volley diventandone sponsor di maglia”.

Domenica dunque, l’importantissima gara in chiave salvezza tra Sora e Vibo Valentia in scena al PalaCoccia di Veroli alle ore 18, verrà presentata dalla Polsinelli Srl. In campo e attorno all’evento stesso, tutto parlerà di Polsinelli, dai numerosi gadget per il pubblico regalati direttamente dagli atleti, all’abbigliamento brendizzato dei moppers, dai point informativi ai led, dalla panchina dove siederà il signor Daniele Polsinelli al backdrop della sala stampa, dalle locandine pubblicitarie dell’evento alla premiazione dell’MVP.

Polsinelli, oltre a darvi appuntamento domenica al PalaCoccia e su tutti i campi della SuperLega Credem Banca 2019/2020, vi aspetta ai numerosi corsi che organizza come quelli per “Produzione Birra Artigianale” e “Come fare il vino buono a casa”.
Inoltre, l’azienda è presente a molti eventi di caratura internazionale come il Kombucha Summit a Berlino; il BrauBeviale presso l’Exhibition Centre di Norimberga; al SIMEI di Milano; BBTech Expo – Beer Attraction alla fiera di Rimini; in Francia al Salon Du Brasseur; o a Martigny in Svizzera per Agrovina.
Tutte le informazioni in merito potete trovarle su www.polsinelli.it nella sezione eventi.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora