Articoli

Domani al PalaCoccia arriva Modena

, ,

Il 2020 pallavolistico del PalaCoccia si apre con ospiti d’onore, domani alle ore 18 a brillare sotto i riflettori dell’impianto verolano assieme alla Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, ci sarà la Leo Shoes Modena della Presidentessa Pedrini, di coach Andrea Giani e dei vari Zaytsev, Rossini, Christenson, Mazzone, Anderson, Bednorz, e così via. Un bell’appuntamento di SuperLega Credem Banca per tutti gli appassionati del grande volley di Serie A.

Modena arriva a Veroli dopo aver messo nel dimenticatoio il ricordo di un brutto fine anno, quello di tre gare perse in quattro incontri disputati. Il primo match del nuovo anno infatti, giovedì scorso al PalaPanini contro Piacenza, i gialloblu l’hanno giocato alla “Modena maniera” archiviandolo in tre set.
Torna così alla vittoria la Leo Shoes pur senza Holt vittima di una sindrome influenzale ma ben sostituito da Bossi, e tutta la fiducia ritrovata la metterà sicuramente in campo anche domenica al PalaCoccia.

“Con la vittoria contro Piacenza abbiamo iniziato questo nuovo anno col piede giusto – commenta il centrale, ex sorano, Daniele Mazzone -. Stiamo lavorando tanto per alzare il nostro livello di gioco e ci prepariamo alla trasferta verolana con Sora con grande attenzione. Sappiamo che incontreremo una squadra che, come noi, vuole assolutamente vincere, siamo pronti alla sfida”.

Anche la Globo però, saprà farsi trovare agguerrita: la vittoria sfuggita mercoledì sera a Ravenna grida vendetta.

“Il match con la Consar ci ha dato dei segnali positivi – spiega coach Ottavio Conte -, in particolare nei fondamentali di battuta e attacco, su cui tanto avevamo lavorato. Abbiamo raccolto sicuramente meno di quello che meritavamo perché purtroppo siamo stati poco lucidi nei momenti finali di alcune frazioni. Domenica a Veroli arriverà la corazzata Modena, una squadra fortissima, costruita per vincere. Vista la nostra buona prova di Ravenna affronteremo il sestetto di coach Giani consapevoli di poterlo mettere in difficoltà e cercheremo con tutte le nostre forze di strappare qualche punto”.

In chiave classifica, dove i modenesi occupano il terzo gradino del podio a quota 31 punti, -2 dalla seconda Perugia e a 8 di distanza dalla capolista Civitanova mentre i sorani la chiudono con 5 lunghezze, il finale sembra scontato, ma nulla è scritto nella roccia. La gara è ancora da giocare e come ci ha insegnato lo scontro tra i club dello scorso anno (vedi articolo 26 dic.’19) sempre al PalaCoccia, nulla è scontato e ogni occasione può essere quella giusta per scrivere a referto e non solo, una bella storia.

A oggi Modena Volley ha ceduto il passo pienamente solo a Perugia, Civitanova, Padova e a Verona al tie break, mettendo in cassa dieci vittorie da 3 punti.
Sora invece ha fatto bottino pieno al PalaCalafiore di Reggio Calabria contro Vibo Valentia, e a portato a casa un punto da Ravenna, tra le sue mura amiche invece ha gioito per la lunghezza strappata a Piacenza.

Domani nella testa dei modenesi ci sarà una doppia sfida, quella in campo con Sora e quella a distanza con le altre inseguitri della Lube, Perugia che la precede, ma anche con Trento e Milano che a quota 30 punti le respirano sul collo. L’obiettivo contro la Globo dunque è di non perdere terreno, per questo non potrà permettersi di sottovalutare il suo avversario di giornata.

Appuntamento dunque domani alle ore 18 al PalaCoccia, per il match tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Leo Shoes Modena.
Biglietti in vendita sul circuito online www.liveticket.it, oppure domani al botteghino del PalaCoccia dalle ore 10:30 alle 13 e dalle 15 in poi.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora ospita Trento per l’ultima del girone d’andata

, ,

Settimana di lavoro importante per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che vede già troppo vicino il giro di boa al varco del quale, con la faccia fatta a scacchi dalla rete, l’aspetta l’Itas Trentino. Domenica al PalaCoccia di Veroli infatti, alle ore 18, arriva il roster di coach Lorenzetti, l’altro best in class della SuperLega, il quarto della classe a quota 21 punti guadagnati in 7 gare vinte e 3 perse di cui 1 al tie break, quello che questa sera esordirà nella Pool A della Champions League 2020.

L’ultima giornata del girone d’andata, la tredicesima, in realtà è in programma la prossima domenica 22 dicembre, ma Sora quel match lo ha già anticipato lo scorso 23 ottobre per permettere alla Cucine Lube Civitanova di esordire, anche lei, in Champions. Per questo domenica la Globo chiuderà con l’Itas la prima parte del suo campionato.

A metà del percorso, la lotta per il suo obiettivo salvezza è ancora tutta da mettere in opera e soprattutto in campo dove attualmente ha conquistato una vittoria piena in trasferta a Vibo Valentia, e un punto tra le mura amiche verolane contro Piacenza. Questo non è bastato per uscire dalla zona rossa che occupa assieme alla Tonno Callipo, che però ha 3 lunghezze di vantaggio, come anche l’undicesima Latina.
Testa a Trento dunque, e poi un grande punto sulla metà della stagione regolare che oramai è andata, e di nuovo sotto per dare un indirizzo diverso e nuovo al girone di ritorno che partirà il giorno di Santo Stefano proprio al PalaCoccia contro Verona.

“La dodicesima giornata ci vedrà impegnati contro l’Itas Trentino – commenta il terzo allenatore Ottavio Conte -. L’avversario non sembra quello ideale per riscattare la sconfitta patita a Busto Arsizio per mano di Monza, vista la caratura tecnica degli uomini di Lorenzetti.
Nelle passate settimane avevamo auspicato un miglioramento nella fase break e in particolare nel fondamentale della battuta. Questo miglioramento è arrivato ma per incrementare le percentuali relative a questa fase, abbiamo bisogno ora di un piccolo passo in avanti nella finalizzazione del gioco.
Certo con Trento non sarà un compito semplice, ma cercheremo di sviluppare il nostro gioco nel miglior modo a noi possibile, senza timori reverenziali”

Poche le operazioni di mercato operate da Trento in estate, e tutte mirate a rinforzare soprattutto la panchina. La dirigenza ha confermato tutti i pezzi pregiati della propria rosa, inserendo alternative importanti su palla alta come Cebulj e Djuric (un ritorno, il
suo) e scommettendo sui margini di crescita del cubano Sosa Sierra.
I punti di riferimento del gioco impostato da Giannelli sono dunque ancora una
volta Kovacevic (MVP europeo), Russell, e le combinazioni da innescare in
velocità con Vettori e Lisinac, supportate dall’equilibrio garantito in seconda
linea da Grebennikov.

Nella scorsa stagione il cammino internazionale Trentino, fu perfetto, solo vittorie fra Mondiale per Club e CEV Cup. Il 2 dicembre di un anno fa, a Czestochowa, il Trentino Volley torna a essere Campione del Mondo grazie al sorprendente 3-1 imposto alla Cucine Lube Civitanova che gli valse il quinto titolo mondiale di sempre. Per quanto riguarda la Coppa CEV invece, con il secondo posto in classifica al termine della regular season, ottenne la qualificazione alla Finale della manifestazione continentale per la terza volta negli ultimi cinque anni, e l’unico trofeo che allora ancora mancava nella bacheca, non sfugge al Golden Set. Dopo aver regolato nell’ordine Losanna ai sedicesimi, Haching agli ottavi, Amriswil ai quarti, Olympiacos in semifinale, i gialloblù superano anche i turchi del Galatasaray con un 3-0 piuttosto semplice a Trento e un più sofferto 3-2 a Istanbul, il 26 marzo, nella serata che assegna il titolo. In questo caso è Kovacevic a trascinare la squadra alla rimonta (da 0-2 a 3-2) che interrompe la maledizione legata alla CEV Cup.

E in questa stagione 2019/2020, con il ritorno in CEV Champions League, già vinta tre volte, l’asticella si è alzata. L’obiettivo di coach Lorenzetti è quello di far compiere un ulteriore salto di qualità a un gruppo che si conosce già molto bene e che assieme si trova a meraviglia.
Così stasera, la Trentino Itas ospiterà alla BLM Group Arena i turchi, del Fenerbahçe. Il roster del Presidente Mosna, arriva al match dopo il turno di riposo in Campionato, ha potuto ricaricare le batterie dopo la sconfitta subita per mano dalla Sir Safety Conad Perugia, che l’ha condannata al 4° posto nella classifica di SuperLega. É quindi pronta a ripartire con buoni propositi, e andrà a caccia della sua quinta finale continentale negli ultimi sei anni.

A Veroli dunque, Trento arriverà con tanta voglia e determinazione, sia per riscattarsi dell’inciampo del turno precedente, ma soprattutto per fare punti utili a risalire la vetta della classifica.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Altro giro altra campanella, visita al Liceo Classico “Simoncelli”

, ,

Altro giro altra campanella per i giovani atleti della Globo Banca Popolare del Frusinate ancora in visita presso l’I.I.S. Simoncelli di Sora, questa volta nel plesso del Liceo Classico.

A farsi conoscere e a conoscere gli studenti al primo biennio dell’istituto superiore, c’erano Manuel Alfieri, Kupono Fey, Nunzio Meglio e Simone Scopelliti, accompagnati come da consuetudine, dal loro coach Ottavio Conte.

Una mattinata ricca di emozioni e di divertimento per gli atleti in maglia bianconera che hanno soddisfatto le curiosità dei giovanissimi del plesso sorano. Numerose le domande sulla loro vita da sportivi ma anche, e soprattutto, riguardo il loro passato nel volley e i sacrifici che sono chiamati a fare, in giovane età, per portare avanti la loro passione e onorare la casacca della propria squadra.
Tanto l’interesse anche per quanto riguarda le pratiche da eseguire per imparare i fondamentali della pallavolo che gli alunni hanno poi avuto modo di provare con i propri beniamini.
Ad accogliere la rappresentativa volsca, il professore Carlo Cupini, “Ambasciatore del Volley” per l’istituto scolastico. Con la partecipazione dei ragazzi al tanto ambito torneo “Oasi dei Sapori Volley Cup” infatti, per loro e per i loro accompagnatori, anche la possibilità di fruire di uno sconto in occasione di tutte partite casalinghe della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

“Questo incontro con alcuni alunni e insegnanti del Liceo Classico Simoncelli di Sora – dice un entusiasta coach Ottavio Conte -, ha sempre un sapore particolare dato il rapporto che lega la società sportiva a questa scuola.
Storicamente infatti, l’istituto ha sempre partecipato a tutte le edizioni del nostro torneo interscolastico “Oasi dei Sapori Volley Cup”, ed è sempre stato molto vicino alla società e a tutte le sue iniziative grazie soprattutto al professore Carlo Cupini, ora ambasciatore del Volley.
La mattinata si è svolta come sempre in allegria e spensieratezza per i ragazzi che hanno potuto fare domande ai giocatori presenti al fine di comprendere meglio le regole del gioco, le caratteristiche tecniche dei fondamentali della pallavolo ma anche le abitudini sportive, di vita e alimentazione dei ragazzi”.

Alle sue parole fanno eco quelle di Simone Scopelliti, centrale della Globo Banca Popolare del Frusiante Sora:

“Trovo sia stato un incontro molto produttivo. Giornate simili andrebbero ripetute perché soprattutto in una città come Sora, che ha la fortuna di avere la pallavolo come punto forte, penso sia importante spingere per far arrivare questo sport ai più giovani. Credo che il coinvolgimento nello sport sia essenziale. Partire da questi eventi, anche nelle scuole, per creare poi qualcosa di importante, anche per il futuro. Mi piacciono questi incontri, e spero di farne ancora tanti altri perché penso possano anche essere una buona arma per avvicinare i ragazzi alla pallavolo e magari, farli venire al palazzetto a sostenerci perché ne abbiamo tanto bisogno”.

Anche il professore Carlo Cupini si è detto molto soddisfatto della mattinata:

“E’ stato sicuramente un incontro molto bello. I ragazzi hanno avuto modo di conoscere da vicino campioni dello sport. C’era già attesa in questi giorni per questo evento, sicuramente positivo e bello. Credo infatti che ogni ragazzo avrà un ricordo importante di questa mattinata. Anche questo serve a dare maggior importanza allo sport e avvicinare i ragazzi alla pallavolo. Come docente, sono assolutamente contento che questo incontro si ripeta di anno in anno, e per questo ringrazio di vero cuore l’Argos Volley”.

Domani al PalaCoccia il primo incontro tra Sora e Piacenza

, ,

Riflettori ancora accesi al PalaCoccia di Veroli per illuminare la decima giornata di SuperLega, quella che porterà tra le mura amiche della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, la Gas Sales Piacenza.
Domenica alle ore 18 coach Colucci e i suoi ragazzi ci riproveranno di nuovo a mettere in scena la partita perfetta, quella che possa far vivere la prima gioia casalinga, ma che soprattutto possa far muovere il club in classifica.

Come in tutte le dieci gare disputate in sei settimane, non sarà semplice perché l’obiettivo comune, sia per le top player, che per chi lotta per un posto play off o per uno salvezza, è vincere. Ogni match ha la sua storia, e il fatto di avere un campionato a 13 squadre con le prime otto, al termine del girone d’andata a staccare il pass per i quarti di Coppa Italia, e al termine della regular season quello per i play off scudetto, mentre due destinate alla retrocessione, rende ognuno di questi la gara della vita. Insomma, tutti lottano per qualcosa di importante e Sora ha bisogno di dire la sua a voce più alta nelle battaglie che restano.

Con la sola bellissima vittoria al PalaCalafiore di Reggio Calabria, dove con un netto 3-0 ha liquidato la Tonno Callipo Vibo Valentia, Sora aspetta in campo affamata la Gas Sales Piacenza che arriverà viaggiando sulle ali di un entusiasmo agonistico molto forte, sia per il risultato raggiunto giovedì nel posticipo della nona giornata, che per quello storico della passata stagione.
La nuova società emiliana fondata nell’estate 2018 infatti, ha iniziato il suo viaggio nella pallavolo direttamente dalla Serie A2 acquistando il titolo dal Volley Aversa, e in appena una stagione sbaraglia tutti i campi conquistando la promozione nella categoria superiore battendo, in gara 3 di Finale Play Off Promozione, Bergamo per 3-2 al PalaBanca.
È dunque la tredicesima squadra ad avere diritto a iscriversi alla regular season di SuperLega 2019/20, e per la società della presidentessa Elisabetta Curti è l’esordio assoluto al secondo anno di vita, mentre la Città di Piacenza ritrova il massimo campionato ad appena un anno di distanza dall’ultima partecipazione.

“Dopo le sconfitte con Milano e Perugia – spiega coach Ottavio Conte -,siamo chiamati all’immediato riscatto con Piacenza. Gli uomini di Gardini non hanno avuto un inizio di stagione brillante ma la classifica non rende sicuramente giustizia al roster di cui il coach dispone e di cui fanno parte giocatori di esperienza, caratteristica che permette alla squadra di affrontare i momenti di difficoltà con maturità e determinazione. Per questo verranno a Veroli per acquisire punti necessari per raggiungere posizioni di classifica più consone al blasone della società.
Per quanto ci riguarda dovremo cercare la partita perfetta e fare in modo che si traduca in risultato necessario per abbandonare il fondo della classifica.
Cercheremo di farlo consolidando la fase di cambio palla e migliorando notevolmente la fase break. In particolare mi auguro un miglioramento della continuità in battuta che farebbe crescere la possibilità di vittoria in maniera esponenziale. In palestra abbiamo lavorato anche in questa direzione”.

Piacenza, pur essendo l’unica formazione della SuperLega a non avere ancora vinto una gara da 3 punti, è comunque una lottatrice con il vizietto del tie break. Nelle sue casse ha racimolato ben 7 punti classifica arrivando al quinto set per quattro volte in otto gare, 3 delle quali vinte. Al suo cospetto, dopo ore di gioco, si sono arrese Vibo Valentia, Monza e Padova, mentre ha ceduto il passo alla sola Verona.
Per il resto, tranne un set strappato a Trento, Civitanova, Modena e Perugia non le hanno concesso diritto di replica.

All’Esordio assoluto nel Campionato di SuperLega, la Gas Sales Piacenza della presidente Elisabetta Curti, si è presentata con un cambio in panchina, coach Massimo Botti, che lo scorso anno aveva guidato la cavalcata piacentina, ora coadiuva Andrea Gardini, rientrato in Italia dopo la lunga esperienza in Polonia.
Del roster otto su quattordici i nuovo innesti. Accanto a capitan Fei, che due settimane fa ha stabilito il nuovo record di punti nel campionato di SuperLega toccando quota 9694 in 708 partite ufficiali strappandolo di mano a Hristo Zlatanov – suo attuale direttore generale fermo a 9688, nel ruolo di opposto c’è l’azzurro Gabriele Nelli rientrato in campo proprio giovedì scorso contro Padova dopo uno stop di venti giorni.
Al palleggio, direttamente dall’Argentina, Maximiliano Cavanna, già conoscitore del torneo italiano, affiancato dal veterano riconfermato Matteo Paris.
Al centro, assieme ai vincitori della promozione Alessandro Tondo e Riccardo Coppelli, Dragan Stankovic e Petar Krsmanovic, fresco campione d’Europa con la sua nazionale.
Per la batteria degli schiacciatori, accanto a Igor Yudin, l’arrivo di Dick Kooy, Alexander Berger e Iacopo Botto.
Fiducia rinnovata per il libero Fabio Fanuli, affiancato dal giovane Leonardo Scanferla.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Volley & Scuola, prima campanella dell’anno

, ,

Prima campanella dell’anno per i ragazzi della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che hanno ripreso il viaggio itinerante tra le scuole del comprensorio.
Per Manuel Alfieri, Kupono Fey, Alessandro Sorgente e Nunzio Meglio, si sono aperte le porte l’I.I.S. Simoncelli di Sora, nella sezione del Liceo Linguistico e delle Scienze Umane “V. Gioberti”. Insieme a loro, coach Ottavio Conte, fautore del progetto per la stagione 2019/2020.

Tanto l’interesse degli alunni del Gioberti nei confronti dei ragazzi della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, della vita e delle abitudini di un atleta professionista, ma anche di hobby e passioni esterne al mondo del volley. Altrettante le curiosità per quanto riguarda il loro passato, le scelte che li hanno portati a essere gli atleti che sono oggi e, soprattutto, a vestire la maglia bianconera nel campionato più bello del mondo.
Dopo le numerose domande, ai quali Fey e compagni hanno risposto in maniera più che esaustiva, è arrivato il momento più atteso, la possibilità per i giovani alunni, di scambiare qualche passaggio con i propri beniamini che durante la stagione saranno impegnati nel campionato di SuperLega e si troveranno a fronteggiare i giocatori più forti del mondo.

“E’ andata molto bene la nostra prima visita stagionale – racconta coach Ottavio Conte. I ragazzi e le ragazze dell’istituto hanno partecipato facendo domande e interessandosi molto alla vita degli atleti presenti. Per dar loro la possibilità di essere più partecipi, ed avere un contatto ancora più ravvicinato con i nostri ragazzi, li abbiamo divisi in due gruppi, dandola possibilità a entrambi di fare qualche esercizio di pallavolo che è stato molto gradito dagli alunni e soddisfacente per gli atleti nel vedere la grande partecipazione”.

Alle sue parole fanno eco quelle del palleggiatore bianconero Manuel Alfieri:

“è stato molto bello condividere la nostra vita e la passione per la pallavolo con i ragazzi che devo dire hanno dimostrato molto interesse ed entusiasmo.
Ci hanno fatto domande molto interessanti e ci siamo aperti molto e in alcune che non ci aspettavamo. Ho visto grande partecipazione e credo che questo sia l’importante perché significa che abbiamo percorso la strada giusta per arrivare all’interesse degli alunni.
Ci siamo divertiti molto anche scambiando qualche passaggio, e abbiamo visto che hanno voglia di fare. Speriamo di ritrovarli al palazzetto nel maggior numero possibile, perché li ho visti davvero interessati a quello che avevamo da dirgli.”.

Anche la docente Barbara Fantauzzi, ambasciatrice del volley per il Liceo Linguistico e delle Scienze Umane “V. GIoberti”, ha dichiarato soddisfatta:

“Ringrazio l’Argos Volley per aver dato alla nostra scuola la possibilità di far conoscere ai ragazzi una realtà sportiva davvero importante, ma soprattutto di avvicinarli a uno sport e avere un confronto con degli atleti che hanno uno stile di vita corretto da prendere a esempio. Sono sicura che da questo incontro i ragazzi hanno ricevuto un messaggio positivo e, magari, possa aiutarli a trovare un punto di riferimento e dei valori che purtroppo oggi mancano, come l’amore per lo sport, il senso di responsabilità e di uno stile di vita corretto. Vi ringrazio molto per l’opportunità che ci avete dato anche per quanto riguarda il progetto Oasi dei Sapori Volley Cup, perchè anche negli anni passati la risposta dei nostri ragazzi è stata positiva, e questo mi lascia ben sperare”.

Roberta Velocci

Cambio di divisa e subito in campo con Padova

, ,

Torna da Modena la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, cambia la divisa e già è pronta con la faccia fatta a scacchi dalla rete per affrontare la Kioene Padova.
Se ieri sera infatti, al PalaPanini è andata in scena la terza giornata del girone d’andata, domenica al PalaCoccia alle ore 18, è già tempo della quarta di SuperLega.

Il calendario continua impetuoso a mettere coach Colucci e i suoi ragazzi davanti a impegni molto grandi con appuntamenti con squadre e club che hanno obiettivi stagionali diversi da quelli di Sora con l’asticella puntata più in alto.

La Kioene Padova targata 2019/2020 infatti, è partita alla ricerca di conferme dopo aver centrato l’obiettivo Play Off Scudetto nella scorsa stagione e lo ha fatto con il piede giusto, arrendendosi in trasferta a Modena ma vincendo nettamente 3-0 nel suo palazzo contro Vibo Valentia. Mette in cassaforte i primi tre punti della stagione guadagnati in campo con tanta concentrazione e buon gioco che gli hanno permesso, nonostante un grande equilibrio tra i due sestetti, di limitare al massimo gli errori, e la differenza per chiudere i parziali (26-24, 25-23, 25-23) è stata proprio lì.

Nella III giornata, quella disputata appunto ieri sera, Padova ha osservato il suo turno di riposo, per cui ha avuto due settimane per prepararsi a questo match e lo ha fatto anche allenandosi con la Calzedonia Verona in una amichevole che però ha avuto tutt’altra storia rispetto alla gara con Vibo Valentia, terminata 3-1 per gli scaligeri.

“Padova è una squadra ben attrezzata in tutti i reparti con una diagonale palleggiatore-opposto di primissimo livello – spiega Ottavio Conte terzo allenatore sulla panchina sorana -. Travica ed Hernandez infatti, sono due ottimi giocatori, ed è proprio dal cubano che arriveranno i pericoli più grandi sia in battuta che in attacco. La Kione è reduce dalla brillante vittoria contro Vibo Valentia, frutto di una grande prestazione corale degli uomini di Baldovin. Per contrastarli dobbiamo cercare di fare molto bene in battuta e sull’intera fase break che, come abbiamo visto nelle gare precedenti, nei momenti in cui funziona bene ci permette di fare il salto di qualità ed essere competitivi. In palestra stiamo lavorando duro in questa direzione e speriamo di raccoglierne subito i frutti”.

Sul fronte avversario l’opposto Hernandez dice:

“Abbiamo voglia di ottenere i primi punti in trasferta e la gara con Sora potrebbe essere importante per la classifica e per il morale. Dobbiamo stare attenti però al loro gioco, sono una squadra “guerriera” soprattutto tra le mura amiche. In settimana abbiamo sfruttato il turno di riposo e il coach, che ha preparato la sfida nei minimi particolari, si aspetta molto da noi, e quindi faremo il massimo per ottenere la vittoria”.

Il gruppo patavino può contare su 8 conferme importanti: quella del regista Travica, dello schiacciatore Randazzo, della “sorpresa” della scorsa stagione, il libero Danani e la coppia di centrali Polo-Volpato, primi per numero di punti realizzati tra i centrali italiani nella passata Regular Season ma che in questa, a oggi, devono fare i conti anche con Edoardo Caneschi primo in classifica per muri vincenti, ben 11 in 3 gare disputate.

Per ritagliarsi uno spazio da protagonista anche in questa stagione, la società ha inserito due pedine di peso, l’opposto cubano Hernandez, arrivato dall’Emma Villas Siena come anche lo schiacciatore giapponese Ishikawa, secondo atleta nipponico nella storia di questa squadra dopo Yu Koshikawa a Padova dal 2009 al 2012.
Curiosità: contando il capitano Dragan Travica, anagraficamente nato a Zagabria ma in realtà cresciuto a Padova, sono ben 9 gli atleti veneti sui 14 in rosa. Un gruppo a trazione “veneta” con 5 dei 9 giocatori nati e cresciuti pallavolisticamente nel vivaio padovano, promossi in questi anni dal settore giovanile alla prima squadra, e sono Bassanello, Bottolo, Canella, Casaro e Fusaro.
A coordinare il gruppo coach Valerio Baldovin, alla sua settima stagione alla guida della prima squadra e detentore di un record personale, da quando è nata la SuperLega è l’unico allenatore rimasto sempre al timone della stessa squadra.

Appuntamento dunque, per la gara tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Kioene Padova, al PalaCoccia di Veroli, domenica alle ore 18.
Biglietti in vendita su www.liveticket.it, ma anche al PalaGlobo “Luca Polsinelli” di Sora oggi dalle ore 16 alle 19, e al botteghino del PalaCoccia per tutta la giornata di domenica, con ingresso a partire da €10.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

“Carnevale del Liri”, Petkovic e Duncan Thibault all’anteprima dei carri allegorici

, ,

Prosegue l’impegno dell’Argos Volley come partner ufficiale del Carnevale del Liri 2018 e, nella serata di giovedì 8 febbraio, è andata a fare visita alla costruzione di due carri allegorici, quello dell’Associazione Culturale “Via Napoli” di Sora, e quello degli Amici del Carnevale di Broccostella.

Grande entusiasmo da parte delle varie associazioni che hanno aperto le porte dei propri stabilimenti a Dusan Petkovic e Alex Duncan-Thibault, giocatori della BioSì Indexa Sora, e a una rappresentanza dello staff dirigenziale del club bianconero, mostrando loro i retroscena e le curiosità dei carri che sfileranno durante la parata di martedì 13 febbraio. Durante l’incontro poi, i due atleti, nuovi a questa tradizione volsca, hanno anche avuto modo di scoprire, dalle parole dei vari carristi, quanto sia duro il lavoro per la realizzazione che li vede impegnati praticamente durante tutto l’anno con tutte le proprie forze per mantenere alto il livello della manifestazione.

A esprimere la propria felicità per questa partnership tra Argos Volley e Carnevale del Liri, il carrista Nevio Conte, che a nome di tutta l’Associazione Culturale Via Napoli dice:

“Questo è un evento a cui noi teniamo particolarmente, sperando di poter continuare anche nei prossimi anni. E’ una bella manifestazione che ormai Sora è abituata a vivere, e ci fa piacere che la Biosì Indexa partecipi al nostro fianco quest’anno. Penso che questo sia un ottimo connubio perchè tanto lo sport quanto il tempo libero vanno d’accordo, e l’entusiasmo che la Pallavolo ha donato alla città penso sia la cosa più azzeccata per questo Carnevale”.

Oroglio e gratificazione anche nelle parole di Luciano Parravano, presidente dell’associazione Amici del Carnevale di Broccostella:

“Quest’anno abbiamo voluto ironizzare su un tema attualissimo, la politica. Il titolo del nostro carro è “Quattro marzo, carote per tutti”. Non potevamo scegliere di meglio vista la vicinanza con le prossime elezioni. Il Volley, e lo sport tutto, per noi sono importantissimi. Come associazione, nel periodo estivo ci occupiamo anche di attività sportive, quindi per noi è fondamentale perché simbolo di aggregazione e unione. Tra l’altro abbiamo questa importantissima realtà, l’Argos Volley, con questi ragazzi che migliorano giorno dopo giorno. Noi, anche se non siamo proprio sorani al 100%, tifiamo la BioSì Indexa. Forza Sora”.

Sul versante Argos Volley, entusuasta anche Duncan Thibault che non aveva mai visto niente di simile prima nella sua vita:

“Sono molto contento per questa visita perchè ci sono strutture veramente grandi qui, che abbiamo potuto vedere. Per me era la prima volta, non ho mai partecipato a un dietro le quinte di questo genere e vedere quanto c’è dietro alle realizzazioni ti fa capire meglio tante cose. I carristi stanno lavorando molto, e per questo sarà sicuramente una bella giornata”.

Continua la preparazione ed entra nel vivo il lavoro del Team Manager Roberto Conte

, ,

Dopo gli ottimi risultati racimolati prima sul parquet di Alatri contro la Sigma Aversa e poi su quello del PalaGlobo “Luca Polsinelli” contro la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania, gli uomini della BioSì Indexa Sora tornano in palestra per prepararsi a un altro intenso weekend di gioco.

Dalle amichevoli pre-campionato infatti sono emersi segnali più che positivi per coach Bagnoli, il quale sabato e domenica avrà ancora modo di testare la sua rosa in un appassionante quadrangolare, l’apripista per eccellenza, il Memorial Nonno Gino. Al contempo però bisogna continuare con gli allenamenti che si fanno sempre più tecnici ora che ci si affaccia alla sesta settimana.

“Siamo all’inizio della sesta settimana di lavoro. Per gli atleti c’è sicuramente un po’ di stanchezza dovuta ai carichi a cui lo staff tecnico li sta sottoponendo; ovvio che sia così in questo periodo dove si sta mettendo la benzina necessaria nel motore per arrivare pronti ai nastri di partenza e in forma fino al termine della stagione. I ragazzi sono consapevoli di ciò e vedo in loro una gran voglia di lavorare e la giusta carica per la stagio SuperLega alle porte”.

A spiegarlo è il nuovo Team Manager della formazione volsca, Roberto Conte, subentrato quest’anno ad Alessandro Tiberia, ora dirigente del Settore Giovanile dell’Argos Volley. Roberto non è certo un volto nuovo della pallavolo targata Giannetti essendosi avvicinato alla società circa nove anni fa, quando l’allora Globo Sora disputava il campionato di B2 presso il pallone tensostatico di via Sferracavallo. È in quell’occasione che Conte conobbe il presidente Enrico Vicini iniziando così una fitta collaborazione con il club volsco. Anni di gavetta, gli incarichi con le giovanili ed ora la prima squadra.

“Mi preme ringraziare la Famiglia Giannetti e l’Argos Volley per l’importante incarico che per questa stagione sarò chiamato a ricoprire – ci tiene a sottolineare Conte. Un grandissimo onore aver ricevuto “una chiamata” così importante in un anno epico come questo con lo storico esordio in massima categoria. Poter rappresentare nei palazzetti più belli e quotati d’Italia la squadra della mia città è per me motivo di responsabilità prima di tutto e di grande orgoglio. Dopo un primo periodo di ambientamento al nuovo ruolo, come penso sia giusto che sia, ora il tutto si va delineando e anche io sono pronto per fare la mia parte in A1 ”.

Ma di cosa si occupa un Team Manager, nello specifico, durante la stagione agonistica?

“Sostanzialmente è la figura di raccordo tra la squadra/staff tecnico e la società. Tanta passione e la capacità di risoluzione delle varie problematiche che quotidianamente si presentano sono alla base di un buon operato. Giusto per citarne alcune, durante la stagione si passa dall’elaborare le varie comunicazioni che riguardano gli appuntamenti settimanali quali allenamenti, eventi extra sportivi e interviste, a fare in modo che chi vada in campo, che sia allenamento o partita ufficiale, riesca a svolgere il proprio lavoro nel modo più professionale e tranquillo possibile, in maniera tale da poter raggiungere il miglior risultato”.

E in questo periodo di ritiro, come cambia il lavoro da svolgere?

“Diciamo che sono entrato quasi totalmente a regime. La preparazione è oramai nel vivo e con sé anche le amichevoli pre-campionato. Nel primo periodo è stato svolto un lavoro dedicato soprattutto all’organizzazione logistica dei ragazzi. La mole di lavoro importante stava fondamentalmente nel far ripartire tutta la macchina. Una macchina che oramai viaggia spedita verso l’esordio stagionale sul tricolore di Modena”.

Vitale, per l’incarico che Roberto Conte ricopre, è il rapporto proprio con la squadra e con il resto dello staff tecnico:

“Fortunatamente ho un buon rapporto con tutti e cerco sempre di essere disponibile per andare incontro alle esigenze della squadra. Con alcuni atleti ci conosciamo da più tempo, avendo tra le altre cose condiviso l’emozionante stagione passata. I nuovi arrivati sono qui da poco più di un mese, ma giorno dopo giorno ci si conosce sempre meglio e sono convinto che riusciremo a creare un bel gruppo coeso. Per quanto concerne lo staff, fatta eccezione per mister Bagnoli al primo anno con noi e che ho avuto il piacere di conoscere di persona negli ultimi mesi ma che di certo non ha bisogno di presentazioni, il resto dei ragazzi sono praticamente degli amici, ci conosciamo da una vita. Sono contento di poter condividere con questo staff tecnico di primissimo livello l’emozionante e magnifico percorso che si avvicina”.

Per chi volesse assistere dal vivo all’operato di Roberto Conte, coach Bagnoli e di tutta la BioSì Indexa Sora, questa settimana l’allenamento tecnico pomeridiano è previsto da martedì a venerdì e aperto al pubblico, con i seguenti orari: martedì e mercoledì 17:30; giovedì 17:45, venerdì 17:00.

Pausa natalizia per il settore giovanile.

Il Settore giovanile dell’Argos Volley continua il proprio cammino all’interno dei rispettivi campionati provinciali e interprovinciali prendendosi solamente una piccola pausa durante le festività natalizie.

Gli atleti dei coach Vittorio Giacchetti e Salvatore Pica infatti, continuano ad allenarsi regolarmente e a scendere in campo con grinta e voglia di vincere cercando di fare del proprio meglio per regalarsi, partita dopo partita, piccole ma grandi soddisfazioni.

Prosegue a gonfie vele il percorso delle ragazze Biosì nel torneo Under 14 guidate da mister Pica al primo posto della classifica. Le quote rosa hanno messo a segno un’altra bella vittoria tra le mura amiche del PalaGlobo “Luca Polsinelli” battendo al tie break le pari età della GLM Boville Volley. Cedono due set dunque le piccole sorane ma non il primato ancora ben saldo tra le loro mani.

E’ tie-break casalingo anche per l’Under 17 maschile di coach Vittorio Giacchetti che, nonostante mostri grinta e voglia di arrivare alla vittoria, cede negli ultimi scambi del match alla Pallavolo Anagni, riuscendo però a conquistare un punto importante per il morale.
Nella gara successiva però, in trasferta contro la Pallavolo Ripi, lo stesso sestetto è riuscito a imporsi con un netto 3-0 portando a casa altri tre ottimi punti.
Non riescono invece a uscire vincitori dal match del 17 dicembre contro l’A.S.D. Castro dei Volsci di coach Fabio Corsetti il quale mette a referto un 3-0 inn proprio favore. Questa è la terza sfida stagionale per le due guide tecniche, Giacchetti e Corsetti infatti si erano già incontrati nella prima giornata del girone d’andata del Campionato Under 17 e nel Campionato under 14 maschile provinciale.

E’ anche tempo di derby per i giovani atleti del settore giovanile dell’Argos Volley.
Nella giornata di mercoledì 16 dicembre è toccato alle ragazze dell’Under 16 di Salvatore Pica battersi con le cugine dell’Olimpia Volley Sora inciampando però nel loro rettangolo di gioco per 3-0.
Cambiano gli attori protagonisti ma non il risultato perchè anche i ragazzi dell’Under 15 maschile, sfidando i pari età dell’Olimpia Volley Sora, ne sono usciti a mani vuote dopo il 3-0. Pochi giorni dopo hanno avuto occasione di riscatto ospitando al PalaGlobo i ragazzi della Serapo Gaeta Volley ma i pontini il 23 dicembre hanno avuto la meglio chiudendo la pratica in tre set.

Nella giornata di sabato 19 dicembre invece, i piccoli allievi del minivolley dei coach Giacchetti e Colucci, assieme a quelli della Pallavolo Casalvieri di coach Pica, hanno svolto un allenamento “congiunto” per salutarsi festeggiando in occasione della pausa natalizia.
Nel pomeriggio all’insegna dello sport e del divertimento sui quattro campi allestiti al PalaGlobo “Luca Polsinelli” si sono sfidati tutti i piccoli campioncini supportati da tutto il settore giovanile targato Argos Volley. Al termine dell’evento i saluti e gli auguri da parte della società ai più piccoli che hanno ricevuto un dono di “Buon Natale” mentre le atlete della terza divisione insieme al loro coach Salvatore Pica e ai dirigenti del settore giovanile Roberto Conte e Samuel Bottini hanno partecipato alla manifestazione indetta dal comune di Sora, “Mille luci per la Pace”.

Insomma, bilancio positivo in termini di lavoro e di esperienze per gli atleti del settore giovanile dell’Argos Volley che possono riposare serenamente durante questa sosta natalizia per poi tornare in palestra e in campo più forti di prima e pronti a dare del filo da torcere ai pari età provinciali proseguendo nel loro cammino nei vari tornei.