Sora vs Aversa, a vincere è il ricordo di Guido Celani.

,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è scasa in campo per la sua prima volta nella stagione. Dall’altra parte della rete, per un’amichevole di tutto rispetto, la Mobilya Volleyball Aversa del Direttore Sportivo Alberico Vitullo.

Il gioco ha entusiasmato il numeroso pubblico presente ma a vincere è stato il ricordo di Guido Celani, allenatore della provincia frusinate venuto a mancare un anno fa a causa di un attacco cardiaco.

Gli “Amici del Cuore”, associazione nata in memoria di coach Guido al fine di raccogliere fondi utili all’acquisto di defibrillatori, hanno organizzato “Pallavolando”,
una giornata di festa nella cittadina di Alatri che si è aperta con una tappa di Minivolley “Dietro le Mura”, è proseguita con la donazione di due defibrillatori all’Istituto Comprensivo “E. Danti” e al Liceo Statale “L. Pietrobono” di Alatri, e si è conclusa con un gran finale, quello dell’incontro tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Mobilya Volleyball Aversa presso il PalaSport di Alatri in via Madonna della Sanità. Molte le autorità locali presenti tra le quali la Presidentessa Fipav Frosinone Luciana Mantua, il vice Presidente della BCC – Banca Credito Cooperativo di Fiuggi e l’Amministrazione del Comune di Alatri nelle persone del Sindaco Giuseppe Morini e il signor Carlo Fantini Delegato alla Cultura.

“I ragazzi in campo li ho visti molto bene e sono riusciti a metterci tutto il lavoro fatto in questo mese – dichiara Coach Maurizio Colucci al termine della gara. Hanno rispettato le indicazioni date e questo è importante. C’è ancora tanto lavoro ma nel complesso sono soddisfatto. Mi dispiace un po’ per Buzzelli che non è riuscito a esprimersi come avrebbe voluto ma la ripresa dall’infortunio è evidentemente notevole e quindi tutto arriverà”.

“Questo è il momento in cui si sviluppa il lavoro fatto in palestra per questo le due formazioni non erano al top – dice invece il DS Alberico Vitullo. Noi avevamo due assenze molto importanti come del resto Sora, giocatori importanti che faranno la differenza nel campionato. E’ stato sicuramente un buon allenamento per tutti, mentre per me una grande emozione rincontrare le persone con le quali ho vissuto emozioni uniche e momenti bellissimi. Per la mia squadra è stato sicuramente stimolante sfidare una compagine di categoria superiore, un buon banco di prova e una buona tappa di avvicinamento al nostro campionato che avrà inizio tra due settimane”.

Al fischio d’inizio del signor Alessandro Noce coadiuvato da Marco De Orchi, la guida tecnica sorana schiera in campo Fabroni opposto a Buzzelli, la coppia di centrali Sperandio e Giglioli, i martelli Bacca e Mariani, e Santucci libero.
Coach Bosco risponde con Di Tommaso al palleggio in diagonale con Santangelo, Cittadino e Giacobelli in posto 3, Di Santi e Magnani a schiacciare e Battista libero.

Sora si aggiudica il primo set con il punteggio di 25-18 maturato dopo un avvio di gara equilibrato con Bacca in grande spolvero sulla rete e Sperandio a muro. Al technical time out Fabroni e compagni hanno accumulato un vantaggio di 3 lunghezze, 12-9, che diventano cinque sul 19-14 dopo il muro di Sperandio ai danni di Santangelo e la pipe di Mariano. Coach Bosco inserisce Gradi su Di Santi e con Cittadino che lavora bene a muro, gli avversari della Globo si riportano sotto 20-17. Ancora pericolosa la formazione sorana che vola sul 24-17 con un mini break positivo di 4-0 che neanche il doppio cambio della diagonale sannita con l’ingresso di Colarusso e Fasulo, riesce a interrompere. Dopo l’ace di Sperandio che vale il set ball, il lungo linea di Fasulo vorrebbe far rientrare i suoi nel set ma la battuta out di Magnani dichiara chiuso il parziale sul 25-18.

Pareggia i conti nel secondo game la Mobilya Aversa con un 21-25 che mette in mostra le ambizioni stagionali della compagine del DS Vitullo. Partono subito forte Di Tommaso e compagni con un 6-9 prontamente recuperato dal sestetto di coach Colucci per la parità del 10-10. Aversa scappa e Sora insegue bene per la nuova parità del 16-16. Coach Bosco concede campo al centrale Fabi che in battuta spiazza la ricezione avversaria tanto da regalare ai suoi il vantaggio del 16-20. Un colpo spettacolare di seconda intenzione di Fabroni fa segnare sul tabellone il 21-23 ma il muro granitico di Giacobelli rimette la contesa in parità chiudendo il secondo game sul 21-25.

Il gioco si fa duro nel terzo set con il livello che sale insieme alla sete agonistica di entrambe le squadre. Cambio di opposto tra le fila sannita con Fasulo al posto di Santangelo per un sestetto che nella prima parte del game viaggia con un passo di vantaggio. 10-12 allo stop obbligatorio ma subito dopo Mariano pareggia i conti 13-13. Due ace di Di Santi riportano avanti gli uomini in casacca blu ma lavora bene a muro ora la Globo con Sperandio e Fabroni che inchioda sulla rete il suo ex compagno di squadra Cittadino per il 19-19. 21-21 e Di Tommaso dai nove metri preme sull’acceleratore per il 21-23 che Giacobelli trasforma nel 23-25.

La Mobilya conduce per 2 set a 1 e Sora torna in campo con un nuovo assetto, coach Colucci propone la diagonale Marrazzo-Bacca, gli schiacciatori Lucarelli-Mariano, i centrali Festi-Giglioli e sempre Santucci libero. 5-3 per questa neo formazione che con Bacca e l’ace di Giglioli allunga 10-6. Dopo il time out discrezionale richiesto da mister Bosco, Di Tommaso e compagni lavorano bene per il nuovo aggancio del 14-13 mantenendo l’equilibrio fino al 20-19. 21-21 e Mariano a muro fa mettere la testa avanti ai suoi, 23-21. Bacca e Fasulo per il 24-23, ma è uno sprezzante Marrazzo a chiudere set e match con un colpo di seconda intenzione che senza paura segna il 25-23 e il 2-2 in fatto di conteggio set.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – MOBILYA VOLLEYBALL AVERSA 2-2

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Fabroni 5, Buzzelli 4, Rosso n.e., Mariano 16, Sperandio 6, Giglioli 7, Santucci (L), Marrazzo 1, Bacca 14, Lucarelli 2, Festi 4. Coach Maurizio Colucci. B/V 2, B/P 18, muri 12.

MOBILYA VOLLEYBALL AVERSA: Di Tommaso 4, Colarusso, Santangelo 6, Fasulo 4, Di Santi 10, Libraro n.e., Magnani 8, Gradi, Giacobelli 15, Fabi 2, Cittadino 6, Battista (L), Lombardi (L), De Caria (L) n.e.. Coach Pasquale Bosco. B/V 4, B/P 15, muri 9.

ARBITRI: Alessandro Noce, Marco De Orchi.

Domenica in campo con Aversa per gli “Amici del Cuore”

,

Conto alla rovescio in casa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora per la prima amichevole della nuova squadra di patron Giannetti.

L’occasione è quella offerta dagli “Amici del Cuore”, associazione nata in memoria di Guido Celani, allenatore della provincia frusinate venuto a mancare un anno fa a causa di un attacco cardiaco.
Come gran finale della manifestazione “Pallavolando”, gli organizzatori hanno invitato la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Mobilya Volleyball Aversa a ricordare coach Guido con la pallavolo che a lui piaceva tanto seguire. Per cui, domenica alle ore 17,30 presso il PalaSport di Alatri in via Madonna della Sanità, Fabroni e compagni sfideranno per la loro prima uscita stagionale, il club del Presidente Di Meo e del Direttore Sportivo Alberico Vitullo.

A mettere le x sul calendario sono sicuramente i tifosi e gli appassionati ma per il roster dei coach Soli e Colucci questo sarà di certo un ottimo allenamento congiunto contro una squadra di cui se ne conoscono direttamente molti dei valori in campo.
Tra le sue fila infatti oltre a quello del Ds, molti sono i nomi di giocatori passati per Sora prima di arrivare nel club normanno per disputare il campionato di Serie B1. L’ex di annata è il centrale Marco Cittadino che ha salutato la Globo pochi mesi fa dopo due intense stagioni. Poi ci sono anche Enrico Libraro, bomber volsco dal 2009 al 2012; Cesare Gradi che ha schiacciato al PalaGlobo due stagioni fa; e tanti altri buoni atleti che hanno calcato il rettangolo da gioco di via Ruscitto da validi avversari.

La festa domenica però non sarà rivolta a queste due squadre in campo, ma sarà vissuta da tutti i partecipanti in onore e in ricordo di un grande uomo e allenatore che purtroppo ha lasciato tutti molto presto. E proprio in memoria di Guido Celani che ad Alatri si è costituita l’associazione “Amici del Cuore” che ha il fine ultimo di raccogliere fondi utili all’acquisto di defibrillatori. Il primo passo importante, segno tangibile della volontà e della caparbietà delle persone che operano in memoria di Guido, verrà mosso proprio domenica quando saranno consegnati due defibrillatori a due istituti scolastici della cittadina, l’Istituto Comprensivo “E. Danti” e il Liceo Statale “L. Pietrobono”.
Giornata di festa dunque quella di domenica ad Alatri che si aprirà con una tappa di Minivolley “Dietro le Mura” alla quale oltre alle società della provincia potranno partecipare anche tutti i bimbi che vorranno, e si chiuderà con un gran finale quello dell’incontro tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Mobilya Volleyball Aversa.

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non poteva di certo mancare questo appuntamento importantissimo ma soprattutto non poteva non ricordare l’amico Guido Celani. Ed è per questo che invita tutti a “Pallavolando” dando appuntamento a domenica alle ore 17,30 presso il PalaSport di Alatri in via Madonna della Sanità per commemorare nel miglior modo possibile l’amato coach Guido Celani.

Colucci, Pozzi e Paone per una grande preparazione atletica.

,

Prosegue a gonfie vele la preparazione atletica della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che tra piscina, beach volley, sala pesi e rettangolo di gioco, sta cercando di raggiungere la migliore forma fisica per affrontare il prossimo campionato di Serie A2.

Il percorso di preparazione è iniziato lo scorso 2 settembre e a oggi grande e importante risulta il lavoro svolto, come spiega il preparatore atletico Andrea Pozzi:

“Di base siamo partiti da un buon livello sotto il punto di vista atletico e il gruppo è cresciuto in maniera esponenziale nell’arco delle settimane trascorse. Questo buon risultato si è potuto raggiungere grazie alla disponibilità degli atleti la quale permette loro di lavorare bene e dunque di migliorare giorno dopo giorno. La risposta dei ragazzi quindi ha superato le aspettative dello staff tecnico permettendoci di aumentare anche il carico di lavoro così da uscire dagli schemi prefissati e da modificare il planning in maniera positiva.
Proseguono le varie sedute di allenamento sulla sabbia e in piscina ma il grosso della variazione del lavoro si vede in sala pesi e in campo dove i ragazzi stanno lavorando più di quanto si ci aspettasse a questo punto della preparazione.
Finora comunque abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul potenziamento fisico soprattutto della forza, mentre dal punto di vista metabolico abbiamo curato molto la potenza aerobica sia attraverso lavori tecnici e aerobici, che attraverso l’utilizzo della palla.
Da questa settimana aggiungeremo in maniera progressiva i salti e faremo un grosso lavoro legato all’attacco dato che fino ad ora abbiamo curato molto la difesa e la ricezione. Ora è il momento di lavorare più sul muro e sull’attacco e quindi c’è bisogno di un certo tipo di struttura fisica per affrontare questi carichi di lavoro.
I ragazzi dunque dovranno lavorare ancora molto perché i grandi risultati sono figli di tante e grandi fatiche”.

Ad aiutare e a lavorare parallelamente con Andrea Pozzi c’è l’altro preparatore atletico, Giacomo Paone che proprio pochi giorni fa ha sostenuto l’esame abilitativo all’iscrizione al ROI – Registro Osteopati Italiani. Dopo la Laurea in Scienze Motorie infatti, e sei anni di studi presso CSOT – Centro Studi Osteopatia Tradizionale a Roma, si è abilitato e a gennaio discuterà un’ambiziosa tesi sperimentale sull’ “Utilizzo del kinesiotaping post trattamento osteopatico sugli atleti” e ritirerà il suo Diploma in Osteopatia. A Giacomo ovviamente le più vive congratulazioni da parte di tutta la società Argos Volley.

A guidare roster e staff tecnico però c’è coach Maurizio Colucci che terrà le redini in mano fino al rientro di mister Fabio Soli impegnato con la Nazionale Femminile durante questo week end a Napoli dove al PalaVesuvio di Ponticelli sabato 19 e domenica 20 settembre si giocheranno due match amichevoli con la Germania. Due test importanti, uno dei quali vinto per 3-0 dall’Italia, che serviranno a collaudare gli ultimi meccanismi di gioco e scegliere le quattordici atlete che prenderanno parte ai Campionati Europei in programma dal prossimo 26 settembre fino al 4 ottobre tra Belgio e Olanda.

Come Pozzi, anche coach Colucci è pienamente soddisfatto della risposta positiva del suo gruppo che lavora a testa bassa e, da vero team di livello quale è, porta risultati importanti.

“Il livello tecnico tattico dei ragazzi è molto buono – ribadisce l’allenatore -, quindi non possiamo che ritenerci soddisfatti. Mercoledì abbiamo iniziato a dare attenzione alla parte del gioco testandone diverse sfaccettature e capendo a quale di queste dedicare più o meno tempo e lavoro.
Sotto il punto di vista tattico abbiamo fatto finora poco ma dal punto di vista tecnico abbiamo lavorato molto soprattutto sulla sistemazione del muro, sulla ricezione, e nel fondamentale del palleggio. Da questa settimana invece inizieremo appunto a dedicarci meglio alle situazioni di gioco.
La risposta dei ragazzi è stata ottima. Tutti infatti hanno voglia di mettersi a disposizione e lavorare tanto, rispettando e superando anche quelle che erano le nostre aspettative, mettendo a frutto tutto quello che volevamo da loro”.

Sora si presenta.

,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è pronta a fare il debutto in società, due le uscite ufficiali in programma nei prossimi giorni.
Sabato sul palco di Santa Restituta a Sora, allestito in occasione della quinta edizione della Notte Bianca dello Sport, la squadra verrà presentata ufficialmente, mentre lunedì 14 settembre presso il pub Down Town si alzeranno i calici in onore della nuova stagione.

Il roster dell’Argos Volley targato 2015/2016, caro ai Patron Giannetti e al Presidente Vicini, farà la sua prima uscita pubblica, e quale occasione migliore se non nella “Notte Bianca dello Sport”. La quinta edizione dell’evento dall’alta rilevanza riconosciuta anche dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Frosinone, dalla Camera di Commercio e dal CONI che hanno concesso il loro prestigioso patrocinio, e che vede coinvolte quasi settanta associazioni sportive impegnate in altrettante specialità per un totale di oltre milleduecento associati, si terrà appunto domani, sabato 12 settembre nel centro storico della città di Sora che a partire dalle ore 17,00 ospiterà dimostrazioni, esibizioni e punti informativi.
La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non poteva di certo mancare alla kermesse e per questo, oltre ad accettare con piacere ed entusiasmo l’invito degli organizzatori, ha fatto coincidere la prima uscita pubblica della squadra, la sua presentazione ufficiale, con tale evento.

L’appuntamento è alle ore 21,00 in piazza Santa Restituta dove sul palco allestito per l’occasione l’Argos Volley ha in serbo di proporre tante sorprese e soprattutto tante novità riguardanti la stagione appena cominciata.

Il momento più atteso sarà sicuramente quello della presentazione del roster e dello staff della nuova Globo Banca Popolare del Frusinate Sora targata 2015/2016 con tutti i protagonisti, atleti e non, che rivolgeranno un saluto ai presenti.
Ma ci sarà anche spazio per il lancio della campagna abbonamenti con vantaggi tutti da scoprire, per le attività rivolte ai più piccoli con il minivolley e la scuola volley ma soprattutto con la presentazione della nuova edizione dell’ “Oasi dei Sapori Volley Cup”, il torneo provinciale interscolastico che interesserà le scuole Medie e le Superiori del territorio.

Contemporaneamente a questo spazio, la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora sarà presente per tutta la durata della Notte Bianca dello Sport, sempre in piazza Santa Restituta con lo stand dove sarà possibile avere tutte le informazioni sulla stagione oltre a poter sottoscrive abbonamenti e pre-iscrizioni ai vari corsi, e fare le foto con i propri beniamini. Immancabile anche il campo da pallavolo che sarà a disposizione di quanti vogliano provare a dilettarsi nel volley o solo per scattare una foto con il proprio beniamino.
Il prossimo lunedì 14 settembre invece, a partire dalle ore 20,30, la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora sarà ospite del rinomato Down Town Pub dove è in programma la nona edizione dell’Oktoberfest.

Il famoso locale sorano di via Agnone Maggiore come ogni anno in questo periodo, parallelamente alla festa popolare di Monaco di Baviera, organizza l’Oktoberfest dando vita a una undici giorni davvero intensa tra musica, balli, piatti tipici bavaresi e ovviamente tanta buona birra.
Il titolare del pub, Marco Farina, ha inaugurato la kermesse lo scorso giovedì 10 settembre con la classica apertura della botte dando poi il via a una serie di concerti per tutti i gusti. Per la serata di lunedì, quella durante la quale si esibiranni i Musicisti del Basso Lazio – MBL, la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora sarà l’ospite d’onore. Gli atleti assieme allo staff tecnico e dirigenziale dell’Argos Volley arriveranno al PalaTenda di via Agnone Maggiore attorno alle ore 20,30 per assaporare le delizie bavaresi della cucina del Down Town Pub e per brindare alla ottava edizione della classica festa d’ottobre e al nuovo campionato 2016-2016

Dall’Olanda arriva Sjoerd Hoogendoorn.

,

Si chiama Sjoerd Hoogendoorn ed è lui il nuovo opposto della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.
Questa era la notizia che si aspettava da un momento all’altro ed è arrivata direttamente dall’Olanda così da riempire l’ultimo posto rimasto vacante alla corte di coach Soli.
Il vertice societario dell’Argos Volley si è preso più tempo per la ricerca rispetto alla regolare chiusura del mercato, ma entro i termini utili per affrontare il settantunesimo Campiono Italiano di Serie A2 ha aggiunto l’importante tassello mancante.

Nato nei Paesi Bassi il 17 febbraio del 1991, Hoogendoorn è un opposto mancino di due metri per 88 chilogrammi di peso, a muro tocca i 332 centimetri mentre in attacco arriva a 354.
Le sue caratteristiche di gioco lo rendono un atleta tecnicamente evoluto: è un’attaccante di palla rapida, ha un’ottima battuta, ed è composto a muro, insomma il giocatore ideale per la nuova tipologia di squadra targata Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Un atleta che in un ambiente come quello creato al palaGlobo, ovvero all’interno di un vero gruppo di lavoro, può fare molto. Prima di vederlo accanto ai suoi nuovi compagni e di averlo agli ordini dei coach Soli e Colucci però, bisognerà attendere il termine dei suoi impegni Europei con la Nazionale Olandese.

Lo staff tecnico lo ritiene assolutamente un ragazzo interessante che arriva a Sora dopo un’esperienza biennale nel campionato Finlandese con la maglia del VaLePa Sastamala. Coach Soli lo ha visto giocare e dunque affrontato da avversario due stagioni fa quando era sulla panchina del Fenerbahce e lo ricorda con piacere.

Sjoerd attraverso il suo procuratore fa sapere che è molto entusiasta di venire in Italia e promette di dare tanto alla sua nuova squadra, e il suo procuratore ne è certo di questo in quanto per un atleta come lui è molto importante fare bene e mettersi in mostra all’esordio nel nostro torneo. Questo suo obiettivo dimostra anche quanto appeal abbia il campionato italiano all’estero e quanto faccia gola parteciparvi indossando la maglia sorana.
Hoogendoorn ha voluto fortemente l’Italia. Ha ricevuto offerte importanti in giro per l’Europa ma ha voluto a tutti i costi venire nel bel paese e più precisamente alla Globo, e già solo per questo l’Argos Volley è onorata di averlo nel roster.

Da parte sua anche Sora ha cercato molto una figura come quella di Hoogendoorn e tra tutto ciò che il mercato offriva, questo atleta è sicuramente la miglior opzione e il vertice societario si è guardato bene dal farsela sfuggire.

Hoogendoorn è cresciuto nella cittadina di Nieuwegein dove ha iniziato a giocare a pallavolo all’età di sei anni. L’esordio nel volley che conta lo ha fatto nel 2009 nel club olandese Dynamo Apeldoorn tra le cui fila è rimasto fino al 2013.
Nel frattempo, all’età di diciassette anni è stato chiamato nella sua Nazionale a disputare i tornei di categoria diventando nel 2010 capitano della squadra Juniores che ha preso parte ai Campionati Europei nella cittadina bielorussa di Babruysk dove è stato premiato come “Beat Scorer”. Nel 2011 è passato nella formazione seniores allenata da coach Edwine Benne dove in questo momento ricopre il ruolo di secondo opposto.

Nelle quattro stagioni nella Dynamo Apeldoorn invece ha vinto il Campionato nel 2010, la Supercoppa nello stesso anno e due volte la Coppa Nazionale (2010 e 2011).

Nel 2013 Sjoerd si è trasferito in Finlandia dove ha proseguito la sua carriera nella rosa del VaLePa Sastamala. La stagione è partita nel migliore dei modi per l’opposto olandese ma a gennaio 2014, durante un incontro di Cev proprio contro i turchi del Fenerbahce, un infortunio al tendine d’Achille lo ha tenuto lontano dal campo fino al settembre successivo. Si è riscatta alla grande nella nuova stagione finlandese, quella passata, vincendo il campionato.

Calaach Soli: “Un gruppo dalla buona attitudine al lavoro”.

,

Si sono scaldati in fretta i motori della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora con coach Fabio Soli che dopo la prima settimana di preparazione atletica è già soddisfatto del suo team e del lavoro che sta svolgendo.

A causa dei suoi impegni con la Nazionale Italiana Femminile non ha potuto seguire i suoi ragazzi da vicino ogni giorno, ma grazie al prezioso aiuto del suo Staff Tecnico e all’ottima pianificazione delle attività da svolgere, procede tutto nel migliore dei modi.

Terminato il collegiale al Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma protrattosi dal 24 agosto al 4 settembre, coach Soli ha trascorso il week and al PalaGlobo “Luca Polsinelli” prima di radunarsi nuovamente lunedì con mister Marco Bonitta e le sue azzurre. La preparazione ai Campionati Europei lo porterà martedì 8 settembre a trasferirsi a Firenze dove l’Italia disputerà il giorno seguente alle ore 20,00 un match amichevole contro l’Azerbaijan nel suggestivo scenario di Piazza Santa Croce. Incontro speciale che vedrà per la prima volta anche la Nazionale Femminile giocare all’aperto in una location assolutamente inusuale e affascinante dopo le positive esperienze della Maschile che ha giocato nelle ultime due edizioni della World League nel centrale del Parco del Foro Italico.

Prima di congedarsi dai suoi ragazzi sorani, mister Soli trova il tempo di raccontare i primi giorni di lavoro della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

“La preparazione è iniziata molto bene e ho notato che i ragazzi sono riusciti a sostenere una mole di lavoro di gran lunga superiore a quella che pensavo fossero in grado di reggere dopo qualche mese di stop. La caratteristica principale di questo gruppo, quella che più mi è saltata agli occhi in questi giorni, è sicuramente la buona attitudine al lavoro. Spero che i ragazzi la mantengano sempre e in maniera continuativa perché è una delle caratteristiche che abbiamo cercato e preteso nel nostro mercato. Volevamo infatti gente disposta a lavorare e propensa al sacrificio, peculiarità alla base del campionato di Serie A2 che quest’anno si presenta ancora più duro da affrontare, ma noi ce la metteremo tutta per raggiungere un risultato importante. Ecco perché non possiamo prescindere da questa caratteristica, con il gruppo che mi sembra ben predisposto in tal senso. Sono molto fiducioso.
Andando avanti con la preparazione vedremo se con l’aumentare del carico di lavoro questa caratteristica continuerà a essere propria dei ragazzi e per questo confido molto anche nel mio staff che sarà sicuramente in grado di alimentarla e mantenerla.

Sono soddisfatto e contento dello staff tecnico che Adi Lami assieme ai fratelli Giannetti sono riusciti a mettere insieme, è un ottimo mix tra persone di Sora e professionisti di grande esperienza che stanno facendo la differenza con dei risultati già visibili sul campo coinvolgendo a pieno tutti i ragazzi.
Per quanto riguarda i miei impegni con la Nazionale invece cercherò di conciliarli al meglio. Non appena mi sarà possibile passerò a Sora come ho fatto in questo fine settimana e come farò anche nel prossimo week-end durante il quale sfrutterò l’ultima pausa prima degli Europei. Riuscirò a tornare per stabilirmi definitivamente tre settimane prima del campionato, periodo molto importante che lo scorso anno, arrivando proprio a ridosso della regoular season, non ho avuto a disposizione per lavorare in maniera molto più precisa e mirata su alcune cose. Nel frattempo Maurizio Colucci continuerà con tutto il dettame tecnico che non si discosta molto da quello dello scorso anno in quanto non ci sono grandi cambiamenti per quanto concerne le fasi tecnico tattiche della squadra e lui sa perfettamente come a me piace che venga sviluppato il lavoro. Ovviamente Maurizio ha anche grande autonomia in tutto ciò che si fa in palestra data anche la sua ottima esperienza con squadre di alto livello. Mi fido ciecamente di lui e poi so che ci sarà Andrea Pozzi a dargli una grande mano più spesso rispetto all’impegno di un preparatore atletico normale.

Un’altra nota positiva e che in palestra siamo in tanti quindi riusciamo a mantenere veramente un ottimo ritmo grazie anche alla grande disponibilità dei ragazzi, e questo mi piace molto, mi fa aumentare la voglia di allenare e non fa altro che produrre qualcosa di importante per poter ottenere risultati”.

E’ tutto pronto, non resta che il raduno.

,

È tutto pronto in casa Argos Volley per accogliere come si deve la nuova Globo Banca Popolare del Frusinate Sora targata 2015/2016.

Il General Manager Adi Lami assieme a tutti gli altri dirigenti della società volsca hanno organizzato e predisposto ogni cosa affinché tutto il team possa avere solo un’unica preoccupazione, quella di iniziare a lavorare per la nuova stagione sportiva.

In questi giorni gli atleti stanno cominciando ad arrivare a Sora, a sistemarsi nei loro appartamenti, a prendere confidenza con i luoghi che diventeranno centro della loro vita per molti mesi, e domenica avranno modo di conoscere tutte le persone con le quali condivideranno la quotidianità.

È fissato per quel giorno infatti il raduno che a partire dalle ore 17,30 presso la sala conferenze degli stabilimenti Globo S.P.A. vedrà il vertice societario dare il benvenuto ai nuovi arrivati. Il giorno seguente gli atleti saranno chiamati a sottoporsi alle visite mediche presso la Casa di Cura Privata Villa Gioia.
Il sudore invece comincerà a grondare sulle fronti dei giocatori a partire da martedì 1 settembre quando il trio Soli-Colucci-Pozzi schiacceranno il pulsante Start.

“Questo raduno sarà il primo appuntamento importante della stagione – spiega il GM Adi Lami. L’incontro che apre ufficialmente l’anno sportivo si svolgerà nei locali del nostro main sponsor Globo Spa e volutamente a porte chiuse affinché si possa riuscire in pieno a colpire gli obiettivi e gli scopi che l’evento si propone per come la società lo ha concepito. Primo fra tutti quello di presentare e far conoscere ogni singola persona appartenete all’Argos Volley ai nuovi arrivati in modo tale che questi riescano fin da subito ad associare nomi, volti e mansioni, così da sapere sempre a chi rivolgersi in base a ogni loro esigenza. La conoscenza ovviamente sarà reciproca con gli atleti che diranno la loro per rompere il ghiaccio.
Questa decisione di rendere privato l’evento però non deve essere vista come discriminante in quanto in programma ci sono date nelle quali la squadra farà uscite pubbliche come ad esempio durante la “Notte Bianca dello Sport”.
Nella stessa giornata di domenica abbiamo accettato l’invito del nostro gruppo di tifosi, i Guerrieri Volsci, che alle ore 19,00 presso il PalaGlobo “Luca Polsinelli” daranno il benvenuto a loro modo alla squadra e allo staff. Un incontro da loro fortemente voluto e organizzato che la società è lieta di onorare. Dopo aver passato un po’ di tempo in compagnia dei “guerriri”, squadra e staff si trasferiranno all’agriturismo Oasi dei Sapori in località Colle le Vicenne a Posta Fibreno per una cena di indubbia qualità presso una splendida struttura che fin dalla sua nascita accoglie e ospita la Globo e tutte le squadre del Campionato di Serie A2 oltre ovviamente a un vasto pubblica che apprezza la cucina biologica e a chilometro zero”.

“Nella mattinata di lunedì 31 agosto invece, gli atleti saranno chiamati a sottoporsi alle visite mediche e, per garantire loro competenza e professionalità in campo sanitario, la società Argos Volley anche quest’anno scenderà in campo al fianco della Casa di Cura Privata Villa Gioia. All’interno della struttura di viale San Domenico, il dottor Giovanni Donarelli si occuperà di effettuare le visite mediche sportive e il tutto i svolgerà attraverso l’organizzazione e la gestione decisa dal Dottor Elvio Quaglieri, specialista da anni a capo dello staff medico societario”.

“Martedì primo settembre si comincerà a lavorare davvero al PalaGlobo “Luca Polsinelli”, al mattino nella nuova sala pesi allestita all’interno della struttura di via Ruscitto, e al pomeriggio sul taraflex. Nella mattinata di mercoledì invece coach Pozzi farà allenare gli atleti presso la piscina olimpionica di San Donato Valle di Comino, bella, accogliente e ben organizzata struttura sempre pronta ad accoglierci nei periodi pre-campionato. Nel pomeriggio invece altro spostamento con direzione Frosinone dove il preparatore atletico ha strutturato il lavoro sul campo da beach volley della Eleven Sport, società cooperativa sportiva unica nel suo genere nella provincia per livello e qualità ma soprattutto per la grande disponibilità dimostrata nell’ospitarci durante le prime settimane di preparazione”.

L’Argos Volley da appuntamento al suo team il 30 agosto

,

Come in ogni stagione che si rispetti anche quest’anno la sala conferenze degli stabilimenti Globo S.P.A. è pronta ad accogliere la nuova Globo Banca Popolare del Frusinate Sora targata 2015-2016.

Domenica 30 agosto alle ore 17,30 i Patron Giannetti assieme al vertice societario daranno il benvenuto ai nuovi arrivati in un raduno privato che convoca tutti i partecipanti alla nuova avventura sportiva, dai dirigenti allo staff tecnico, societario e medico, fino ai collaboratori volontari che vivono attivamente la loro passione al fianco dei propri beniamini. Niente pubblico dunque nel primo appuntamento che farà assaporare al team l’aria di casa Globo.

In questi giorni la macchina organizzatrice si sta muovendo tanto per preparare la giusta accoglienza ai nuovi componenti della squadra, si prepara tutto nel dettaglio per partire con il piede giusto e immergersi subito nella nuova stagione sportiva già dal giorno seguente. Lunedì 31 agosto infatti, gli atleti saranno già chiamati a sottoporsi alle visite mediche e, per garantire loro competenza e professionalità in campo sanitario, la società Argos Volley anche quest’anno scenderà in campo al fianco della Casa di Cura Privata Villa Gioia.
Il sudore invece comincerà a grondare sulle fronti dei giocatori a partire da martedì 1 settembre quando il trio Soli-Colucci-Pozzi schiacceranno il pulsante Start.

Gli atleti che vestiranno la maglia volsca in questa stagione 2015-2016 stanno cominciando a preparare le valige e a inserire Sora nella destinazione dei loro navigatori, mentre i tifosi aspettano con curiosità di vederli girare nella cittadina.

Come di consueto questo Raduno sarà il primo momento utile a tutti i nuovi arrivati nella grande famiglia sorana per conoscere la società, la quale attraverso le sue più importanti voci racconterà del percorso storico che ha sportivamente vissuto e farà un excursus presentativo dell’intero organigramma, dal vertice societario alla proprietà fino ai vari staff collaborativi.
Sarà anche il momento nel quale si cominceranno a impartire le prime disposizioni attraverso il dettagliato planning sportivo che scandirà le prime settimane di lavoro e quindi preparazione atletica al campionato oltre che ovviamente la lettura dei vari regolamenti interni.

Data l’importanza che il direttivo societario attribuisce a questo evento, il Raduno si svolgerà a porte chiuse in modo da essere una privata riunione familiare dove gettare le basi più importanti per vivere e affrontare un anno insieme tra persone che non si conoscono o quasi in questo caso, unite dal destino e soprattutto da un obiettivo comune, quello che vuole raggiungere la società.

Arriva il nuovo Preparatore Atletico, è Andrea Pozzi.

,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora arricchisce il suo staff tecnico con un professionista del settore che aggiungerà valore all’entourage di coach Fabio Soli, il nuovo volto è quello del preparatore atletico Andrea Pozzi.

Per questa stagione 2015/2016 la carriera di Pozzi si vedrà investita di un doppio ruolo che riuscirà a far convivere tranquillamente grazie alla sua grande voglia di lavorare, alla sua passione per quello che fa, al metodo di lavoro acquisito nel tempo, e all’esperienza vissuta negli anni sui campi e nelle palestre del volley che conta. Andrea sarà il preparatore atletico dei ragazzi della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e il primo allenatore di quelli dell’Hydra Volley Latina in Serie B1, squadra della quale ha preso la guida tecnica lo scorso anno a stagione inoltrata e dove appunto è stato riconfermato.

La prima cosa che Pozzi ci tiene a spiegare è proprio come dividerà il tempo e gestirà il lavoro tra i due impegni:

“Nella fase iniziale di stagione, che è poi quella più complicata della preparazione perché mossa da grandi ritmi di lavoro, assieme a coach Fabio Soli abbiamo deciso di sviluppare il lavoro nei week end. Chiederemo quindi ai ragazzi di allenarsi il sabato e la domenica, giorni in cui Fabio riuscirà a rientrare più di qualche volta dai suoi impegni con la Nazionale e io a dividere e conciliare i miei doveri con l’Hydra. Durante l’anno poi sarà più semplice anche grazie all’aiuto di un’altra persona fidata che entrerà nello staff tecnico, oltre alla mia presenza che sarà più costante in orari e giorni alternati a quelli di Latina”.

Laureato in Scienze Motorie e con un master di II livello, Andrea è stato anche docente Federale nei primi anni del 2000, ma è nel 1996 che è iniziata la sua carriera nel volley come assistente allenatore all’Auselda Roma. Dopo la trafila nelle giovanili della Piaggio Roma Volley e qualche anno come allenatore a Frascati e nel Cus Roma, è arrivata la chiamata della Serie A1 di Latina dove ha cominciato la sua attività di preparatore restando nel club dal 2002 al 2005. È stata poi la volta di Vibo Valentia fino al 2007 anno in cui Pozzi è diventato un fedelissimo compagno di lavoro di coach Mauro Berruto il quale l’ha tenuto al suo fianco in ogni sua esperienza, in un percorso lavorativo che è durato ben 7 anni, iniziato in Grecia nel Panatinaikos, proseguito alla Gabeca, passato anche per la Lube Banca Marche Macerata e nella Nazionale Finalndese, per culminare con l’esperienza azzurra nella Nazionale Italiana dal 2011 fino a Mondiale 2014 periodo nel quale ha dovuto conciliare anche gli impegni in Polonia con lo Jastrzębski Wegiel condivisi con coach Lorenzo Bernardi dal 2011 al 2013.

Nel frattempo ha avuto anche momenti per scrive “Il grade libro della pallavolo” pubblicato nel 2005 e incentrato sui fondamentali, ruoli, sistemi di gioco, preparazione fisica e analisi della gara della pallavolo, testo utilizzato per un periodo anche dalla Fipav Lazio nel corso allenatori secondo grado.
D’obbligo dunque la domanda sul motivo per il quale abbia scelto la pallavolo per esercitare la sua professione:

“Da atleta ho fatto un po’ tutti gli sport ma negli ultimi anni solo pallavolo, e mentre studiavo all’università è arrivata la chiamata dell’Auselda Roma e da questa ho deciso di far partire dal volley il mio futuro. Impegnato da sempre su due fronti cercherò di conciliare tutto. Ovviamente ognuno dei ruoli influenza l’altro, per questo sono un preparatore un po’ anomalo ed emerge molto nel mio modo di lavorare soprattutto nella preparazione atletica dove inserisco molto la palla sia nella parte tecnica che nel riscaldamento”.

Data la tua quasi ventennale esperienza, ci sono differenze tra allenare una squadra che affronta un campionato e una che deve essere preparata per una competizione Mondiale o un Europeo?

“Sicuramente ci sono grandi differenze, ma quello che cercherò di fare sia con il team di Serie A2 che con quello di B1 sarà di dare loro una organizzazione che sia il più vicino possibile all’alto livello, a quello di una Superlega o di una Nazionale. E questo potrà essere possibile con l’aiuto e la collaborazione di un valido staff tecnico e dei giocatori professionisti”.

Quanto è importante il ruolo del preparatore atletico?

“Negli sport moderni molto in quanto attualmente lo sport è diventato molto fisico e gli sportivi di conseguenza molto più prestanti. Per cui il concetto di preparazione fisica e sviluppo della performance è diventato fondamentale. Con il mio lavoro cercherò di dare agli atleti le condizioni migliori al fine di avere meno infortuni possibili facilitando anche il lavoro dell’allenatore perché poi è lo sviluppo dell’allenamento tecnico che fa sì che la squadra sia più o meno forte. Tra i ragazzi conosco già qualcuno come Mattia Rosso col quale ho collaborato in Nazionale e posso dire che è un gran bell’atleta. È una squadra mediamente giovane ma ben messa fisicamente, cosa che sicuramente faciliterà molto il mio lavoro. Chiaramente manca ancora l’opposto che, per caratteristiche del suo ruolo, potrebbe far fare il salto di qualità al Sora anche dal punto di vista fisico”.

Andrea Pozzi è sicuramente salito agli onori della cronaca per la qualità e professionalità del suo lavoro, ma anche per il gesto fatto sul podio Olimpico di Londra nel 2012 dove furtivamente apparve tra le mani di capitan Savani la maglia di Vigor Bovolenta e nelle sue quella con la scritta Rondo che stava per Rondoni se solo non lo avesse tradito il pennarello che non gli ha permesso di scrivere per intero il nome.

Con Roberto Rondoni ho condiviso tantissimi anni di allenamento e ho imparato molto. Ho vissuto con lui momenti belli e gli sono stato accanto anche nei suoi più brutti e sul podio di Londra 2012 ho sentito l’esigenza di manifestargli tutto il mio affetto. In più da quest’anno avrò anche la fortuna di allenare suo figlio e questo sarà uno splendido modo di portare avanti il rapporto di stima e amicizia che ci lega da tanto e continuerà a farlo”.

“La cosa molto importante che ancora non abbiamo detto però, – chiude Andrea Pozzi -, alla quale tengo molto avendo tra l’altro uno spirito patriottico, è che sono contento di entrare a far parte della Globo, esaltato di questa scelta, e l’idea di lavorare con Soli mi piace tanto”.

Matteo Sperandio, giovane esperto assetato di futuro.

,

Matteo Sperandio è uno tra gli atleti che la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ha riconfermato tra le sue fila per affrontare il prossimo campionato 2015/2016.

Arrivato a Sora lo scorso anno dopo aver vestito la maglia della Materdomini.it Castellana Grotte, Matteo ha decisamente vinto e convito dando sempre prova delle sue grandi doti atletico, tecniche, umane e relazionali. Un giocatore che non si è mai risparmiato in campo sia negli allenamenti che durante le gare, ma anche nello spogliatoio e soprattutto tra gli spalti del PalaGlobo dove è solito andare per scambiare due chiacchiere con il suo pubblico. Sono stati proprio loro, i “Globo Boys-Guerrieri Volsci” a dargli il primo grande ben ritrovato non appena diffusa la notizia della sua riconferma.

“La riconferma mi riempie di orgoglio e soddisfazione – dichiara Matteo Sperandio -, perché vuol dire che lo scorso anno sono riuscito a impormi sul piano del gioco. Spero al contempo di aver trasmesso al pubblico la mia grande voglia di vincere, aiutare i miei compagni, e far parte di questo club. Contestualmente però la riconferma mi fa sentire sulle spalle una buona dose di pressione che mi porta a pensare sempre più che è arrivato il tempo di svestire i panni del giovane giocatore”.

Nonostante la giovane età infatti, ventitré anni, il centrale di Treviso che ha mosso i suoi primi passi pallavolistici importanti nel 2008 nel settore giovanile della Sisley Treviso, ha già maturato tanta esperienza su campi e nel volley che conta. A soli 18 anni e dall’alto dei suoi 200 centimetri ha vissuto la su prima esperienza in Serie A2 con il Club Italia Aeronautica Militare proseguendola poi nel Caffè Aiello Corigliano sia nella stagione successiva, la 2011/2012 che in quella 2012/2013. Prima di approdare a Sora, Sperandio ha ricoperto il posto 3 della Materdomini.it Castellana Grotte chiudendo così quattro campionati di cadetteria a livelli sempre crescenti.
Tutte annate buone queste per Matteo che, con la chiamata dell’Argos Volley e ora con la riconferma si consacra professionista della serie, pur essendo ovviamente sempre assetato di futuro.

“Ogni anno punto sempre a migliorare il mio gioco sotto tutti i punti di vista – continua Matteo -, e la conseguenza diretta è quella di alzare contestualmente anche l’asticella degli obiettivi. Ovviamente il mio lavoro è rivolto a garantire sempre più rendimento alla mia squadra e in prospettiva futura anche all’obiettivo di arrivare un giorno a giocare nel massimo campionato d’Italia, quello di SuperLega”.

“Spera” è ancora applaudito dal pubblico sorano per le sue magnifiche gesta che lo hanno eletto seconda forza in campo nelle statiche stagionali di Lega del ruolo, 222 i punti totali realizzati in 100 set disputati di cui 20 ace e ben 81 muri con il 61% di perfezione in attacco.

“Il bilancio della stagione trascorsa in maglia sorana è sicuramente positivo, con un crescendo nella seconda metà della stagione. Nella prima parte purtroppo ho avuto dei passaggi a vuoto a causa degli infortuni che non hanno permesso di esprimermi al massimo della mie possibilità, ma poi per fortuna ne sono uscito bene grazie all’ottimo lavoro dello staff medico e ai miei compagni che mi hanno sempre sostenuto e aiutato”.

A Matteo chiediamo cosa lo incuriosisca di più della prossima stagione sorana:

“Della prossima annata sportiva mi incuriosisce un po’ tutto perché la voglia di viverla è tanta. Sono curioso di vedere come riusciremo a creare un altro grande gruppo che credo sia la base dalla quale partire per raggiungere i nostri obiettivi.
La squadra ha il giusto mix di atleti esperti e giovani talentuosi. I vari Fabroni, Rosso, Giglioli e Santucci sono i più esperti e daranno una grossa mano sul campo, ma sono convinto che anche noi ragazzi più giovani e con meno pallavolo vissuta sulle spalle sapremo dire la nostra.
Il campionato che ci aspetta sarà molto duro, guardando i roster della serie A2 il livello medio delle squadre credo si sia alzato rispetto all’anno scorso. Da temere sicuramente Vibo Valentia, Ortona e la neopromossa Chiusi che sulla carta insieme a noi sono sicuramente le squadre più attrezzate, ma sappiamo bene come il nostro sia un campionato strano, articolato e difficile, dove nessuna partita è mai vinta o persa in partenza”.