Articoli

Sora-Lube, le voci dei protagonisti

, ,

Terminata 0-3 la sfida del PalaCoccia, tra la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e la Cucina Lube Civitanova, sono gli stessi protagonisti del parquet a dare lettura della gara.
Tre set sono bastati ai cucinieri per tornare nelle Marche con l’intera posta in palio, ma i bianconeri sono stati artefici di una buona prestazione e di una resistenza protratta quanto più possibile.

L’opposto di casa Bermudez commenta così a fine match:

“Credo che abbiamo disputato una bella partita, nonostante la sconfitta. Alla fine loro sono riusciti a vincere battendo molto bene. Abbiamo fatto un paio di errori in ricezione alla fine, e loro hanno bottino pieno. Penso però che stiamo giocando bene e, lavorando altrettanto bene in palestra, possiamo fare grandi cose. La sfida del prossimo venerdì sarà la più importante. Sora e Siena si rincorrono, quindi abbiamo l’obbligo di vincere per stare tranquilli nel proseguo del campionato”.

Coach Barbiero spiega:

“Oggi non ci abbiamo provato abbastanza. Diciamo che il nostro livello di prestazione è stato buono ma non ha avuto mai i picchi che avrebbero potuto concederci di vincere un set, avvicinarci o andare ai vantaggi, quindi sicuramente una partita discreta, però non si è mai accesa la scintilla del nostro gioco, merito anche della loro squadra, che non devo neanche descrivere, però ho visto i miei giocatori distesi, positivi.
Per noi questo finale di campionato è importante così come le prossime battaglie, e questi picchi che sono mancati oggi mi auguro di vederli prossimamente. Ora ci prepariamo lavorando bene in palestra e chiarendo ciò che non è venuto. Con tanta pazienza cerchiamo di trovare soluzioni, studiando gli incontri poi i protagonisti in campo, i giocatori, diranno la loro, ma credo non sia importante solo il match con Siena ma tutti, perché venerdì non verrà definitivamente stabilito chi retrocede e chi no. Sarà uno scontro diretto importantissimo, ma ci sono altre sei gare da giocare, e le nostre energie non devono terminare questo weekend. Poi dobbiamo continuare a lottare”.

Per i campioni del Civitanova fa il punto Sokolov:

“E’ una vittoria importante per la nostra testa perché è sempre bene andare a giocare le finali con un risultato positivo sulle spalle. Ora la classifica non la sto guardando tanto, ma siamo in crescita, stiamo spingendo tanto anche in sala pesi e pensiamo alla coppa. Forse non è stata una bellissima performance ma era importante fare risultato. Fino alla fine ci siamo impegnati dando tutto, Sora non ha mollato niente, ha battuto e murato veramente bene, giocando con efficienza anche in difesa. Siamo stati bravi, però, a tenerli sotto pressione”.

A lui si accoda Cester:

“Adesso siamo con la testa alle Final Four, quindi questa settimana dobbiamo lavorare molto pensando a fare bene contro Trento. Sora ha un bel ritmo di gioco, ha dei giocatori che sanno mettere in difficoltà l’avversario e, in alcuni momenti, non siamo stati lucidi abbastanza nel rispondere. Era comunque importante prendere 3 punti e lo abbiamo fatto”.

Chiude mister De Giorgi:

“Vittoria importante per il campionato. Siamo costretti tra Champions, Coppa Italia e Campionato, a cambiare continuamente la nostra prospettiva. Oggi i tre punti erano importanti per continuare sempre attaccati a questa classifica, corta in alto, e cercare di migliorare alcuni aspetti di gioco riguardo la qualità, anche con questa formazione, senza Juantorena. Noi abbiamo preparato la partita aspettandoci quello che Sora fa sempre, lottare e giocare su tutti i palloni, quindi è chiaro che, se permetti ad una squadra di entrare in fiducia, poi diventa pericolosa, e noi abbiamo cercato di evitarlo”.

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Al PalaCoccia, una Lube da bottino pieno

, ,

Al PalaCoccia di Veroli bottino pieno in tre set per la Cucine Lube Civitanova contro una Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che, nonostante la testa e la qualità messa in campo, non è riuscita a entrare completamente nel match.
Ha infastidito in battuta i suoi avversari, ha tenuto i set in equilibrio fino a oltre ogni loro metà, ma poi ha subìto l’alto livello di gioco che i ragazzi di Fefè De Giorgi riescono a esprimere su tutta la rete. Così l’MVP Leal e i suoi compagni hanno spaccato e chiuso ogni game del settimo turno del girone di ritorno della SuperLega Credem Banca.

“Sicuramente non abbiamo fatto la nostra miglior partita – commenta coach Mario Barbiero -. Avevamo davanti un avversario completo e compatto che non ci ha permesso di entrare nel match, però comunque la nostra qualità si è vista durante il match. Potevamo fare di più, ma non mi sento di criticare i ragazzi perché sono stati con la testa in campo, hanno ragionato in tutte le situazioni e quindi, credo vada bene così. Non abbiamo vinto neanche un set e per noi anche quelli sono importanti, ma adesso pensiamo alla prossima gara”.

“Volevamo portare a casa 3 punti prima di affrontare la Coppa Italia – spiega invece mister Ferdinando De Giorgi – e ci siamo riusciti. Credo che siamo stati abbastanza continui ed era importante cercare di non far galvanizzare Sora che è una squadra che, quando incomincia a giocare, è capace di grandi cose”.

Allo starting player coach Mario Barbiero si affida alla regia del polacco Kedzierski in diagonale con Petkovic, alla coppia di centrali Caneschi e Di Martino, ai posti 4 Fey e Joao Rafael, e al libero Federico Bonami in ricezione e Mauti in difesa.
Mister Fefè De Giorgi schiera propone invece la diagonale Bruno-Sokolov, Diamantini al centro assieme a Simon, la banda Kovar in coppia con Leal, e Balaso libero.

In avvio di gara, Lube subito alla conduzione 3-5 aiutata dai 3 errori locali. Kedzierski di seconda intenzione guadagna il cambio palla e poi va in battuta, nel frattempo sulla rete la prima linea sorana non lascia passare nulla con Joao Rafael a murare Sokolov e Caneschi imperioso su Leal per il sorpasso del 6-5. L’ace di Leal riporta i sui avanti di un break, ma dopo il time out discrezionale di coach Barbiero, la Globo aggancia nuovamente al 12-12 e, con il suo palleggiatore a segno dai nove metri e lo schiacciatore brasiliano a bloccare le intenzioni di Sokolov, è avanti 17-15. A spaccare il set in favore dei cucinieri, è il turno al servizio di Bruno che con 4 turni consecutivi guidati sulla rete da Simon, segna un gap incolmabile di 5 lunghezze al 18-22. Petkovic prova a interrompere la striscia positiva e a invertire la rotta, ma oramai il game è nel segno del centrale cubano che lo archivia 20-25.

Il secondo set si apre come il precedente, con il 3-5 rimesso in parità al 7-7 dall’ace di capitan Petkovic. L’altro servizio vincente di Fey mette Sora alla guida con il +2 tenuto stretto anche da Caneschi al 14-12. Lube al break point della nuova parità, 14-14, e poi, dopo la breve interruzione di Fey, al parziale positivo di 4-0 guadagnato a muro, per il vantaggio del 15-18. Di Bruno la battuta fortunosa che aiutata dal nastro fa salire il vantaggio al +4 del 16-20 e che Sora non riuscirà più a colmare per il 21-25 archiviato dal prepotente lungo linea di Sokolov.

È un copione scritto ed entrambi i sestetti lo rispettano, Civitanova nel terzo set con Cester in campo al posto di Diamantini, scappa 1-4 e la Globo rincorre benissimo per la parità del 7-7 stabilita dall’ace di Fey. Riparte subito la corsa Lube che dopo il break point di vantaggio si infrange nel primo tempo di Di Martino e la prima intenzione di Kupono Fey che valgono il 12-12. Questa volta è il turno dai nove metri di Kovar a rompere l’equilibrio con il +4 del 13-17 che in parte ha avuto una risposta da Petkovic in attacco e Marrazzo all’ace per il 16-18. Leal riporta i suoi sul +4 e Simon lo conferma al 17-21. È Sokolov a regalare ai suoi 5 palle match, Fey e Petkovic ne annullano 3 ma non bastano a Sora per tenere ancora la contesa aperta. 22-25 e 3-0 per Civitanova al PalaCoccia.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski 2, Petkovic 18, Caneschi 1, Di Martino 2, De Barros Ferreira 6, Fey 8, Bonami (L), Marrazzo 1, Esposito n.e., Rawiak n.e., Nielsen n.e., Mauti (L). I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 5; B/P 13; muri: 4.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno 3, Sokolov 14, Kovar 5, Leal 15, Diamantini 4, Balaso (L), D’Hulst, Simon 10, Cester 2, Massari n.e., Juantorena n.e., Sander n.e., Cantagalli, Marchisio (L) n.e.. I All.Ferdinando De Giorgio; II All. Marco Camperi. B/V 4; B/P 17; muri: 8.

PARZIALI: 20-25 (‘24); 21-25 (‘24); 22-25 (‘29).

ARBITRI: Umberto Zanussi, Gianluca Cappello.
TERZO ARBITRO: Mancini.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Arienzo.
SEGNAPUNTI: Tanzilli.

MVP: Yoandy Leal.

SPETTATORI: 878.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora vs Civitanova, sale l’attesa del match contro la big

, ,

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora al settimo turno del girone di ritorno della SuperLega Credem Banca, al PalaCoccia di Veroli domenica alle ore 18 arriva la Cucine Lube Civitanova.

“Con Civitanova sarà un match interessante – spiega il secondo allenatore Maurizio Colucci -, nel quale servirà assolutamente fare un’ottima partita in quanto il valore del nostro avversario è tantissimo.
Vogliamo lottare, giocare con responsabilità, e approfittare di una gara contro un avversario così forte. Un match dove avremo tutto da guadagnare.
Rispetto all’ultima gara con Milano però, dovremo migliorare in attacco e dare continuità al servizio. In campo dobbiamo mettere quello che sappiamo fare e giocare con più personalità, responsabilità e consapevolezza di quello che possiamo fare. In tutto l’arco della partita, bisogna saper soffrire, gestire al meglio le occasioni e le opportunità”.

Anche questo match dunque, regalerà tantissime emozioni sia dentro che fuori il campo da gioco dove Sora e Veroli si preparano ad accoglie i prestigiosi ospiti a partire da coach Fefè De Giorgi che dopo Bernardi, Giani, Velasco, Cantagalli, Sartoretti, aggiunge una preziosa presenza alla “Generazione di Fenomeni” passata per il PalaCoccia. Sotto la sua guida campioni mondiali quali il palleggiatore brasiliano Bruno, l’opposto bulgaro Sokolov, lo schiacciatore cubano con passaporto italiano Juantorena, l’altro nato a Cuba ma con nazionalità sportiva brasiliana Leal, o il centrale cubano Simon.
Una rosa ben abituata a giocare ogni tre giorni e lo fa per tutta la stagione impegnata tra Campionato Italiano, Coppe Italiane e quelle Europee. A Veroli arriva infatti dopo due settimane dal doppio impegno, in quest’ultima, proprio ieri sera tra le sue mura amiche, la sfida della prima giornata di ritorno della fase a pool della Champions League dove, dopo la vittoria netta contro i cechi del Karlovarsko, gongola a punteggio pieno (Pool B) e festeggia la conquista matematicamente del primo posto nel girone con due turni di anticipo, garantendosi così la qualificazione ai Quarti di finale della massima competizione europea.
Durante la scorsa settimana invece un doppio impegno contro lo stesso avversario, il Vero Volley Monza, uno valevole per la Final Four della Del Monte Coppa Italia SuperLega 2019 e l’altro per la sesta giornata del girone di ritorno.
Giovedì 24 gennaio, alla Lube sono serviti cinque set, più di due ore e mezzo di gioco e ben 6 match point annullati agli avversari, per batterli all’Eurosuole Forum e guadagnare il sudatissimo pass per l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno dove il 9 e 10 febbraio si terrà la Final Four della Del Monte Coppa Italia che in semifinale la vedrà in scena contro Trento. Domenica scorsa invece, match a senso unico, una gara ben diversa dalla maratona di tre giorni prima. Sempre tra le mura amiche, i cucinieri conquistano la vittoria per 3-0 in un game che ha sempre condotto.

Prestazione queste che dimostrano le qualità di una rosa completa fino alla panchina nonostante la pesante assenza Osmany Juantorena costretto a fermarsi durante la gara della Del Monte Coppa Italia, nel secondo set, a causa di un problema muscolare a livello dorso-lombare la cui entità, causa versamento, è di difficile valutazione, per cui non si conoscono neanche i tempi di recupero.

Con la vittoria contro Monza in campionato, Civitanova conferma il terzo posto in classifica a quota 44 punti dopo sedici gare vinte di cui quattro tie break, e tre perse nettamente con Perugia sia all’andata che al ritorno, e con Milano all’andata.
È a 4 lunghezze di distanza dalla prima Perugia, -3 dalla seconda Trento, e a +2 dalla quarta Modena. E dunque, nel pieno rispetto della classifica, nel girone di ritorno ha perso 3-1 in casa della Sir Safety, però ha accorciato le distanze sul Trentino vincendo lo scontro diretto alla BLM Group Arena per 3-1, mentre con Modena se la vedrà dopo Sora e dopo il week and di Coppa Italia, il 17 febbraio tra le sue mura amiche.

“Della Lube, temiamo sicuramente il livello di gioco – dichiara coach Mario Barbiero -. Riescono a esprimere un livelli di gioco altissimi su tutta la rete per cui, o noi facciamo una partita straordinaria in battuta, o diventa complicato gestire un trend così. Chiaramente però, stiamo studiando la partita, conosciamo bene gli avversari e abbiamo le nostre idee, le nostre convinzioni, i nostri metodi, e cercheremo di sfruttare il tutto il più possibile per evitare che il loro livello salga in maniera esponenziale.
Chiederò ai miei ragazzi di rimanere con i piedi per terra, essere tranquilli e pensare all’allenamento, perché la nostra squadra deve camminare con questo passo. E’ stata costruita e pensata per crescere durante la stagione, e possiamo esserne soddisfatti. Chiederò di provarci a tenere di più mentalmente in quanto questo è un piccolo neo nelle nostre prestazioni. Quando c’è da spingere infatti, nei momenti dove si necessita di esperienza, fatichiamo un pochino. Chiederò di credere di più nei loro mezzi e giocarsi il tutto per tutto”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Match Day: Sora vs Civitanova è presentato da Blu Motor

, ,

Il grande spettacolo offerto dalla SuperLega torna al PalaCoccia di Veroli. Domenica 3 febbraio, la nuovissima struttura ciociara ospiterà il big match tra i padroni di casa della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e gli ospiti della Cucine Lube Civitanova Marche.
Una gara di spessore e davvero molto difficile per i locali perché li vedrà impegnati a battagliare con una delle potenze mondiali della pallavolo, la terza – come l’ha definita coach Barbiero – costellata di ‘big’ del calibro di Juantorena, Leal, Sokolov, Bruno e chi più ne ha più ne metta.
Per l’occasione extralusso torna anche il ‘Match Day’ e ad illuminare ulteriormente una domenica già da ‘campioni’, è il nome di un partner commerciale dei bianconeri, ‘campione’ in altro settore.
Parliamo della concessionaria Blu Motor di Frosinone, al suo terzo anno di collaborazione con la realtà di patron Giannetti. L’azienda, con sede nel capoluogo, è molto conosciuta su tutto il territorio, grazie ad anni di professionalità nel mercato automobilistico dove si è posta come punto di riferimento per il territorio. La leadership di Blu Motor e l’eccellenza Argos viaggiano, dunque, di pari passo anche per questa stagione, più unite che mai negli obiettivi e nel perseguimento degli stessi.

“Per noi è un vero piacere essere vicino alla società Argos Volley – spiega Adolfo Palumbo, responsabile vendite della Blu Motor s.r.l. concessionaria Volkswagen di Frosinone -. In merito alla partita di domenica posso dire che conosciamo molto bene la forza del Civitanova ma siamo ottimisti e fiduciosi in quanto i nostri ragazzi daranno il massimo per poter portare a casa nuovi punti, importanti per confermare la permanenza nella massima categoria.
L’obiettivo comune alla società Argos è quello di fortificare il nostro rapporto e di poterci dare appuntamento il prossimo anno in serie A con ancora più determinazione e forza. Concludo augurando un In Bocca al Lupo ai ragazzi ed un buon divertimento a tutti coloro che saranno presenti alla partita”.

Il Match Day targato Blu Motor vedrà dunque un rappresentante della stessa, nella persona di Santino Di Prospero, presenziare al momento-partita in panchina, con gli atleti e lo staff tecnico della Globo e poi, a fine incontro, premiare, come da tradizione, l’Mvp.
Per conoscere meglio il fantastico mondo di cui ha parlato in intervista Adolfo Palumbo, nel piazzale antistante il palazzetto sarà allestita un’esposizione di vetture. Per la giornata, così come accade in vista di questi importanti appuntamenti che legano in maniera supplementare il club di patron Giannetti ai suoi sponsor cardine, gli stessi che contribuiscono alla vita in massima categoria della squadra volsca, sarà realizzata una t-shirt celebrativa. La ‘speciale’ maglietta non sarà solo indossata dai giovanissimi del servizio asciugatura, ma verrà regalata al pubblico presente con il consueto ‘lancio’ pre-gara ad opera dei benimini lirensi.
Insomma, una domenica tutta da vivere e che non lesinerà certo emozioni!

Cristina Lucarelli – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Coach Barbiero: “Con Milano un approccio notevole per un punto classifica guadagnato”

, ,

La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora è tornata in palestra per immergersi nella preparazione del prossimo match, quello che la vedrà impegnata domenica a partire dalle ore 18, al PalaCoccia di Veroli, contro la Cucine Lube Civitanova.
Prima di voltare completamente pagina però, coach Barbiero ci tiene ad analizzare quanto di buono fatto martedì sera nel posticipo della sesta giornata del girone di ritorno di SuperLega al PalaYamamay di Busto Arsizio, al cospetto della Revivre AxoPower Milano.

“È stata una partita dai due volti – spiega la guida tecnica sorana -. Mi è dispiaciuto per il risultato finale ma c’è da sottolineare che i primi due set sono stati giocati a livelli talmente tanto alti che per poter continuare su quel trend, c’è davvero bisogno di energie psicofisiche importanti. Non siamo stati bravi nella terza frazione di gioco nella quale Milano è cresciuta e, complice lo sforzo fatto nei precedenti, si è riequilibrata la situazione.
Partiamo dal concetto che Milano è la quinta forza del campionato, in corsa Play Off e che ha ottenuto risultati straordinari. Noi abbiamo avuto un approccio notevole, abbiamo giocato bene nei primi set, poi i nostri avversari hanno avuto la reazione giusta che gli ha consentito di risalire. Detto questo, posso sicuramente affermare che è stato sicuramente un punto classifica guadagnato.
Andare a Milano e prendere tre punti in casa di una squadra che non ha mai perso tra le proprie mura amiche se non con Perugia, mi sembra davvero eccessivo.
Bisogna rimanere con i piedi per terra, così da avere il piglio giusto per affrontare ogni gara. E’ chiaro però, che abbiamo avuto un impatto con il match straordinario e che, a quel punto, sembravamo noi i quinti in classifica e la Revivre quella in zona salvezza. Gli equilibri in campo e la qualità dei giocatori però, si sono riequilibrati. Nonostante tutto abbiamo giocato anche un discreto tie break facendo un quarto set a tratti anche buono, ma loro hanno tirato fuori tutta la qualità che hanno. Milano ha giocato al suo livello, lo stesso che le ha consentito di battere Modena e di essere in piena zona play off dietro le quattro big. Non ha fatto altro quindi, che risalire nel match con i propri giocatori, e a quel punto per noi è diventata difficile.
Stiamo crescendo, il nostro è un cammino lento verso la salvezza, quindi con tanta umiltà e piedi saldi a terra, cercheremo di preparare la prossima importante gara nel migliore dei modi, sperando che Civitanova abbia qualche pensiero in più rivolto verso la Coppa Italia ormai imminente (Final Four 9-10 febbraio), riuscendo così a giocarci anche quella gara aiutati dal fatture campo.
Del resto fino a ora l’abbiamo fatto sempre, quindi dobbiamo essere fiduciosi anche questa volta. La Lube è la terza squadra al mondo e credo questo sia abbastanza per capire chi avremo difronte.
Punteremo a momenti di attenzioni diverse da parte della rosa Lube che avrà nelle gambe e nella testa la Champions League e la Final Four di Coppa Italia, sperando che i giocatori optino per una distribuire delle loro energie fisiche e mentali, e non che mettano tutto in campo contro di noi perché, dovesse essere così, credo che la situazione si farebbe complicata. Se invece, abbassa la guardia come Modena, come Milano, come Perugia in casa nostra, magari potremmo dire ancora una volta la nostra.
Non abbiamo tutta la gara nella nostra testa e nelle nostre capacità, ma almeno una buona parte sappiamo giocarla ad altissimo livello.
L’assenza di Nielsen pesa nell’economia della squadra perché è un giocatore importante per il nostro sestetto, che ha sempre dato il suo contributo in maniera corposa al nostro gioco, ma purtroppo, fino ad ora abbiamo dovuto farne a meno. Martedì ha fatto qualche ingresso in campo ma non è stato tanto fortunato. Sicuramente lo aspettiamo, ma certo è che Kupono Fey, incaricato di sostituirlo, lo sta facendo egregiamente, anzi. Devo dire che anche lui è cresciuto molto e sta dando un contributo importante. E’ giovanissimo, ed essere catapultato in un campionato così duro non è facile. Viste le sue performance, credo che possiamo essere assolutamente soddisfatti. Ci manca un giocatore però, e quando manca dall’inizio della stagione si paga.
Abbiamo fatto fronte comune nello spogliatoio, la squadra è compatta e come sempre fatto fino a ora, tireremo avanti fino a fine campionato, con Nielsen sicuramente utilissimo nel proseguo”.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Buon San Valentino con Civitanova e Siena

, ,

Vuole celebrare l’amore l’Argos Volley, l’amore per la sua Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e per tutto il suo pubblico, e qual è il modo migliore se non vivendo il grande spettacolo della pallavolo di SuperLega?

Da oggi è disponibile “I Love Volley”, una iniziativa attraverso la quale la società di Patron Giannetti vuole festeggiare nel migliore dei modi San Valentino: acquistando un biglietto per la gara tra Sora e Civitanova in qualsiasi settore del PalaCoccia, in omaggio ticket d’ingresso per Sora vs Siena nello stesso settore.

Domenica 3 febbraio la Globo Banca Popolare del Frusinate ospiterà e sfiderà alle ore 18 presso il PalaCoccia di Veroli, i campioni della Cucine Lube.
I biglietti disponibili sono quelli della Tribuna Numerata Est (lato panchine), al prezzo di €35, e quelli della Tribuna Numerata Ovest al prezzo di €30, e tutto il settore non numerato – Tribuna Centrale Nord e Sud, e le Curve – al prezzo di €20.
Acquistando uno di questi titoli d’ingresso, subito in omaggio il grande spettacolo del big match con Siena in programma, sempre al PalaCoccia di Veroli, venerdì 8 febbraio alle ore 20:30.

La promozione è accessibile con acquisto diretto presso il botteghino del PalaGlobo “Luca Polsinelli in via Ruscitto a Sora, aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 20, o nel giorno della gara con Civitanova, domenica 3 febbraio, presso il PalaCoccia di Veroli dalle ore 10 alle 13, e dalle 15:30 in poi.

Per chi invece fosse impossibilitato dal recarsi in uno di questi punti vendita e/o preferisse l’acquisto online sul circuito www.liveticket.it o presso il punto vendita LiveTicket – Tabaccheria Carla Iaboni in via Campello 29, località Mole Bisleti, dal lunedì al sabato con orario 07.30/13.00 15.30/20.00, è sempre attivo il numero telefonico 346.9795712 per tutte le informazioni del caso.

Lo scontro diretto per la salvezza tra Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e l’Emma Villas Siena, è comunque acquistabile singolarmente con prezzi a partire da €8 nei settori non numerati – Tribuna Centrale Nord e Sud e le Curve, €20 nella Tribuna Numerata Est (lato panchine), e €10 in Tribuna Numerata Ovest.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Sora con tanta qualità in campo contro una Lube che consolida il terzo posto

, ,

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e Cucine Lube Civitanova sono scese in campo all’Eurosuole Forum per la settima di campionato, la prima con l’obiettivo di giocarsi tutte le chance con la serenità e la tranquillità di chi punta alla permanenza in SuperLega, mentre i padroni di casa miravano e hanno fatto centro, al bottino pieno per consolidare la loro terza posizione in classifica e non perdere contatto le prime due, Perugia e Modena.
Finisce 3-0 una partita combattuta e affrontata a visto aperto dai ragazzi di coach Barbiero che nel loro gioco hanno messo tanta qualità soprattutto nel primo e terzo set, e soprattutto negli agganci in rincorsa.
Con l’evidente qualità dei suoi giocatori invece, la Lube non è riuscita a dettare subito il suo gioco ma comunque l’ha fatto nei momenti più importanti e decisivi per la chiusura, alzando l’asticella dalla metà del secondo set in poi.

“Commentiamo un’altra sconfitta per 3-0 – dice a caldo coach Barbiero -, però oggi siamo stati un pochino più vivi e con un pizzico di tono in più avremmo anche magari, nel primo e terzo set, ottenuto qualcosina in più. La squadra oggi ha risposto con più attenzione: siamo stati più attenti a muro e abbiamo sbagliato meno quindi mi auguro che questo sia un punto di partenza perchè adesso ci aspetta un periodo di partite importanti dove dovremmo dire la nostra”.

Allo starting player mister Medei schiera un’altra formazione rispetto a quella della scorsa giornata contro Monza, confermando la diagonale Bruno-Sokolov, Simon al centro assieme Stankovic, la banda Juantorena in coppia con Massari, e Balaso libero.
Coach Mario Barbiero invece, come sempre si affida alla regia del polacco Kedzierski in diagonale con Petkovic, Caneschi e Di Martino al centro, Fey e Nielsen in posto 4, e libero Federico Bonami.

Il servizio di Massari apre la contesa che si avvia punto a punto con il regista brasiliano ad affidarsi fino al 3-2 solo a Juantorena, e da lì al 6-5 a Sokolov, mentre quello polacco spolvera subito tutte le sue bocche da fuoco. Dopo l’aggancio di Caneschi, Sora passa alla conduzione 8-9 e 10-12 con Petkovic in attacco e Fey a muro sull’opposto biancorosso. Sale bene la prima linea locale a bloccare le intenzioni avversarie per la nuova parità del 15-15 e, dopo il diagonale di Petkovic, arriva il primo break positivo che si traduce nel vantaggio del 18-16. È ancora il fuori mano serbo a rimette tutto in equilibrio 18-18, e l’ace di Juantorena a ridare corsa i suoi 21-19. I cucinieri tengono stretto il vantaggio fino al set ball, 24-21. Richiama il sestetto coach Barbiero e alla ripresa del gioco Sokolov batte out e poi dà la stessa traiettoria all’attacco da seconda linea per il 24-23. Allora è Medei a fermare tutto per un minuto e a indicare ai suoi la strategia per chiudere subito il set 25-23.

Civitanova con il piede sull’acceleratore per il 3-1 del secondo game, messo però subito a tacere dall’ace di Petkovic al 3-3 e quello di Di Martino al 6-6, con il video check chiamato dal primo arbitro, a confermarlo. Sull’11-10 la Lube alza l’asticella con Juantorena al servizio a destabilizzare la ricezione sorana per un periodo che accompagna la contesa al 15-10 con il massimo vantaggio, quello del +5, raggiunto fino a questo momento. Barbiero richiama i suoi ragazzi e poi manda in campo Joao Rafael per Nielsen. Con la prima intenzione di Di Martino e il muro a 3 su Sokolov, i bianconeri rosicchiano qualche lunghezza che assieme alla battuta vincente del brasiliano segnano sul tabellone il 19-17. Tutto si può ancora fare, il set è aperto a qualsiasi finale, ma Sora diventa fallosa più del suo avversario che con l’aiutino vola al 25-19 che lo porta avanti nel match 2-0.

La Globo torna in campo con Joao per Nielsen e ben concentrata sul game che le presenta l’ultima opportunità. Tiene bene il colpo fino al 5-5 con Caneschi a muro su Juantorena e Petkovic in attacco. Sokolov e Simon concedono un break ai loro compagni che la pipe di Fey e l’ace di Kedzierski annulla al 9-9, ma dopo il cambio palla ai nove metri è il turno di Bruno che con grande insidia riporta i suoi avanti 13-10. Richiede il time out discrezionale coach Barbiero ma la rotta del game prosegue nella stessa direzione anche con i nuovi innesti avversari, Diamentini per Stankovic e Leal per Massari, fino al 22-16 dell’altra interruzione del gioco. Sora non abbassa la testa e continua a fare il suo gioco con le bande in attacco e Petkovic ad autografare due ace per il 24-23 che fa scorrere un brivido nelle vene di tutto l’Eurosuole tranne che in quelle di Simon che chiude il suo primo tempo nei tre metri per il 25-23 chee vale bottino pieno.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 3-0

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno 2, Sokolov 17, Juantorena 15, Leal 1, Diamantini, Simon 7, Balaso (L), D’Hulst n.e., Cester n.e., Massari 6, Stankovic 4, Sander n.e., Cantagalli n.e., Marchisio (L) n.e.. I All.Giampaolo Medei; II All. Marco Camperi. B/V 3; B/P 14; muri: 7.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski 2, Petkovic 19, Caneschi 4, Di Martino 6, De Barros Ferreira 3, Nielsen 7, Bonami (L), Marrazzo, Esposito n.e., Rawiak, Fey 4, Mauti (L) n.e., Farina n.e.. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 5; B/P 13; muri: 5.

PARZIALI: 25-23 (‘29); 25-19 (‘26); 25-23 (‘29).

ARBITRI: Rossella Piana, Alessandro Oranelli.
TERZO ARBITRO: Mancini.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Ercolani.
SEGNAPUNTI: De Dato.

MVP: Bruno Mossa De Rezende.

SPETTATORI: 2.763.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Ultima tappa del tour de force, Civitanova

, ,

Per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora si chiude all’Eurosuole Forum di Civitanova, contro la Cucine Lube, il ciclo serrato che ha visto la SuperLega giocare cinque turni in quindici giorni. Cinque anche i punti che questo tour de force ha portato finora nelle tasche dei volsci, attualmente decimi in classifica seguiti da Vibo Valentia, Latina, Siena e Castellana Grotte che però ha disputato una gara in meno da recuperare ai primi di dicembre.
Dopo le vittorie su Siena al tie break e Padova per 3-0, l’altolà di Verona e Milano ha interrotto lo slancio positivo dei ragazzi di coach Barbiero che domenica alle ore 18 avranno il duro compito di affrontare uno dei top team della SuperLega in trasferta e farlo con l’atteggiamento giusto.

“Di tutto il precorso fatto fino a ora – spiega la guida tecnica sorana, Mario Barbiero -, porteremo con noi la qualità del gioco, l’intensità, la battuta e il muro espressi nelle ultime partite. Della gara con Milano invece, credo che dovremmo portarci poco. Ci sono state delle situazioni buone, ma tantissime in cui non siamo stati all’altezza. Preferisco più dei feedback dalle partire precedenti e cercare di trasmettere voglia di fare e tranquillità ai ragazzi perché ne hanno bisogno per potersi esprimere ai livelli a cui ci hanno abituato nelle prime giornate.
Milano ha giocato una buona partita, sono stati continui in tutti i fondamentali, anche se a volte ci hanno consentito di entrare. Sono stati bravi loro, ma noi abbiamo delle responsabilità. Le nostre percentuali non sono state all’altezza della partita che avevamo pensato. Complimenti a loro per la vittoria e un rammarico per noi per non aver saputo esprimere la pallavolo che abbiamo giocato negli ultimi periodi”.

Attualmente la Lube invece, è terza della classe a quota 13, pari merito con Trento, dietro alla prima Perugia a 18 punti e Modena con 17. Le ultime due settimane dei ragazzi di coach Medei, sono state segnate dagli incontri con Verona, Perugia, Trento e Monza nelle quali hanno continuato a macinare comunque punti come in avvio di campionato, lasciando indietro solamente 5 lunghezze complessive, 3 a Perugia, 1 a Trento e 1 a Monza. Nel loro mirino ora mettono Sora, arrivando al match dopo i cinque set sofferti e ricchi di capovolgimenti di fronti, contro il Vero Volley.

“Mi aspetto una partita combattuta – continua il coach bianconero. Loro giocheranno in casa, e con la qualità dei giocatori che hanno credo vorranno dettare subito il loro gioco. Noi cercheremo di fare quello che abbiamo fatto nelle partite precedenti. Cercheremo di affrontare tutto con la serenità d’animo di chi non ha nulla da perdere.
Ai miei giocatori chiedo tranquillità perché è la settima di campionato, dopo di che avremo a disposizione ancora 19 incontri al termine del torneo, la strada è ancora lunga. Abbiamo avuto un inizio positivo, potevamo anche far meglio ma l’avvio è positivo, quindi dovremmo mantenere la serenità e la tranquillità di chi, lavorando ogni giorno in palestra, vuole giocarsi tutte le chance per il nostro obiettivo fondamentale : la permanenza in SuperLega.
È ovvio che sarà una partita complicatissima, ma va affrontata a visto aperto, senza nulla da perdere e con la mente libera. Mi aspetto una squadra veloce, dinamica, senza grandi problematiche, perché il valore di Civitanova ci impone di arrivare al palazzetto con tanta umiltà ma altrettanta voglia di fare, e grande qualità nel gioco”.

Dopo la collezione di argenti della passata stagione, il collettivo di Giampaolo Medei, forte del lavoro in fase di mercato, lancia un segnale forte alle avversarie: Bruno Mossa De Rezende al palleggio, Yoandy Leal e Robertlandy Simon, rendono il team biancorosso ancor più solido. La società cuciniera, è tornata al libero italiano con l’ingaggio di Fabio Balaso, e si è fatta trovare pronta davanti all’infortunio del canadese Ryley Barnes aggregando al gruppo Brenden Sander, fratello minore dell’ex Lube, Taylor.
Fondamentali le conferme di Osmany Juantorena in banda, Tsvetan Sokolov opposto, Dragan Stankovic ed Enrico Cester al centro, reparto chiuso con il ritorno di Enrico Diamantini. Completano l’organico il regista della Nazionale Belga Stijn D’Hulst, lo schiacciatore Jacopo Massari che torna così in un top Club, l’opposto e figlio d’arte Diego Cantagalli, il secondo liberoAndrea Marchisio, altra conferma.

Appuntamento dunque domenica alle ore 18 sul parquet dell’Eurosuole Forum di Civitanova, per la sfida tra i padroni di casa della Cucine Lube e gli ospiti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Domani all’Eurosuole, test match con Civitanova

, ,

Si chiude all’Eurosuole Forum di Civitanova la quinta settimana di preparazione della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora. Domani alle ore 17, nel palazzo biancorosso, l’impegnativo test match con la Cucine Lube.

Terzo appuntamento di pre-season per i ragazzi dei coach Barbiero e Colucci dopo l’allenamento congiunto del PalaGlobo “Luca Polsinelli” con la Sieco Service Ortona e quello al PalaMalè di Viterbo con la Maurys Italiana Assicurazioni Tuscania. Una settimana fa, tra le mura amiche i padroni di casa sono stati bravi a recuperare lo svantaggio del primo set, a crescere nel corso del match, e a farlo proprio con entusiasmo e voglia di fare, in 4 game. Mercoledì negli ingranaggi di gioco e di squadra qualcosa è andato meglio rispetto all’esordio, ma la gara è stato dai due volti con Sora a intascare agevolmente i primi due set, a cedere il terzo ai vantaggi e poi a farsi portare al tie break da Tuscania che, invertendo la sua rotta, si è aggiudica il test match.

Alla quarta settimana di preparazione invece la Cucine Lube Civitanova, e a poco più di venti giorni dal via ufficiale della sua stagione che si aprirà nel week end del 7 e 8 ottobre al PalaEvangelisti di Perugia con la Final Four della Del Monte® Supercoppa 2018 in programma proprio dove si era conclusa la Finale Scudetto lo scorso maggio in favore dei perugini padroni di casa.

Gli uomini di mister Medei hanno già collezionato, nella pre-season, tre vittorie per 3-0, la scorsa settimana contro la Sieco Service Ortona e la Videx Grottazolina, mentre ieri con la Monini Spoleto.

Sia per Sora che per Civitanova dunque, quello di domani alle ore 17 all’Eurosuole sarà il primo test contro un avversario della stessa categoria.

La Globo Banca Popolare del Frusinate sarà in trasferta con tutta la sua rosa al completo dopo gli arrivi di qualche giorno fa di Fey e Petkovic, mentre la guida tecnica biancorossa avrà a disposizione Sokolov, Marchisio, Massari, Stankovic, Diamantini, Leal, Simon, Partenio, Balaso, con in aggiunta dal settore giovanile, Larizza e Ciccarelli. Fermo in infermeria, per il momento, Diego Cantagalli, alle prese con una sub-lussazione alla spalla sinistra.

Assenti giustificati Osmany Juantorena ed Enrico Cester impegnati con la Nazionale Italiana, e Bruno Rezende con quella del Brasile nei Mondiali in svolgimento tra Italia e Bulgaria.

È di pochi giorni fa invece la notizia dell’acquisto dello schiacciatore statunitense Brender Sander, fratello del più famoso Taylor che proprio la scorsa stagione ha vestito la maglia Lube. Fino a pochi giorni fa Brender ha fatto parte della Nazionale Usa assieme al sorano Fey ed ora arriva a completare il reparto schiacciatori dei cucinieri dopo il brutto infortunio alla caviglia che ha messo ai box Ryley Barnes.

Appuntamento dunque a domani alle ore 17 all’Eurosuole di Civitanova per il test match tra i padroni di casa della Cucine Lube e la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Carla de Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Contro Civitanova mente libera e tanta voglia di fare non bastano

, ,

La sfida ai Campioni d’Italia all’Eurosuole Forum di Civitanova è andata come doveva riservando poche sorprese, con la BioSì Indexa Sora cade 3-0 sul tricolore della Cucina Lube.

Mente libera e tanta voglia di fare non sono bastati agli uomini di coach Barbiero che pur provando a seguire le linee che la guida tecnica aveva dato loro durante tutta la settimana di preparazione al match, non sono riusciti a salire e a mantenere per tutta la durata il livello dell’avversario. Arginare il potenziale d’attacco della Lube, sia sulla rete che in battuta, non era semplice soprattutto contro delle bocche da fuoco con il braccio armato come Sokolov e soprattutto capita Stankovic, MVP dell’incontro.

In casa dei Campioni d’Italia era ipotizzabile un turnover e così è stato in parte, con coach Medei che è partito dal suo sestetto tipo per poi in corso d’opera utilizzare più panchina. La Lube in questo periodo ha bisogno di calibrare e dosare bene le forze, sta lavorando su un doppio fronte, sia per raccogliere punti in campionato che per prepararsi al meglio al Mondiale per Club in programma a dicembre, e lo scontro con Sora ha aperto una fase a ciclo intenso nella quale Sokolov e compagni giocheranno in media ogni tre giorni fino almeno a gennaio. Nel breve termine cinque le sfide che si concluderanno il 26 novembre con l’atteso duello al vertice con Perugia.

Alla fine applausi da tutto il pubblico presente, sia quello biancorosso locale che quello bianconero arrivato in pullman da Sora, spettatore di un non appassionante incontro. Sulla carta una partita dal destino già scritto, in campo una gara che voleva provare a cancellato la carta, che ha riscritto il suo percorso, anche se poi il risultato non è cambiato.

Allo starting player il tecnico dei marchigiani, Giampaolo Medei, non sacrifica il centrale e capitano Stankovic schierandolo in posto 3 con l’italiano Candellaro, per la diagonale di posto 4 sceglie Juantorena e Sander, mentre per quella palleggiatore opposto Christenson e Sokolov con Marchisio libero. Coach Mario Barbiero invece fa scendere in campo un 6+1 diverso dal solito solo in posto 4 con Fey e Rosso, Seganov in regia in diagonale con Petkovic, i centrali Caneschi e Mattei, e Santucci libero.

Rosso mette a segno il primo punto del match aprendo un apparente equilibrio interrotto dal break che porta i padroni di casa sul +3 del 6-3. Sora lavora bene sul cambio palla con Petkovic in attacco e Caneschi a muro, riuscendo però a ridurre il gap solo a metà set pareggiando i conti sul 15-15. Ferma il gioco coach Medei e alla ripresa delle ottime giocate di capitan Stankovic (5/5 pt/set) dal centro della rete e una serie di battute sbagliate nella metà campo ospite aiutano i biancorossi ad accumulare il nuovo vantaggio del 22-19. L’opposto volsco prova a suonare la carica ai suoi riconsegnandogli il servizio, ma l’ottima ricezione della Lube (88% di positività/set) consente a Christenson di utilizzare in scioltezza ancora il suo centro con Candellaro che chiude il primo set 25-21.

Stesso copione in avvio del secondo game con i padroni di casa avanti 6-3 e 7-5. Christenson di seconda intenzione manda Candellaro ai nove metri dove resterà per 6 turni che si traducono nel parziale positivo di 7-0 che segna sul tabellone il 14-5 figlio degli attacchi del capitano e i muri di Sokolov. Con Juantorena all’ace per il 17-7 Civitanova prova a scappare ancora, ma l’occhio lungo del mister sorano vede la pestata in battuta dell’”hombre de Cuba” e il video check la conferma invertendo la decisione arbitrale. Ancora l’occhio elettronico a dare ragione alla panchina sorana e a invertire la decisione del giudice di gara per un attacco out che vale il 18-9. Con gli ace di Rosso e Seganov, che la panchina Lube cerca di contrastare con l’inserimento di Grebennikov al posto del capitano per il giro dietro, la BioSì Indexa cerca di restare attaccata al set ma nonostante i pochi errori al servizio è in ricezione che cala in questo parziale che si chiude 25-16.

In vantaggio per 2 set a 0 Civitanova torna in campo con Kovar al posto di Sander mentre Sora, confermando lo stesso sestetto, cerca la reazione e va in vantaggio 3-4. Subito arriva la risposta locale con Kovar che non tarda a presentarsi per il 6-4. Dopo un breve punto a punto e l’inserimento di Duncan Thibault per far prendere fiato a Petkovic, un altro mini break positivo fa salire i biancorossi sull’11-7 guidati da Stankovic. I padroni di casa continuano a correre forte e gli ospiti a difendersi come possono non riuscendo ad essere per nulla incisivi in attacco. Finisce così la trasferta marchigiana con un 25-15 che in un’ora e dici minuti decreta il 3-0.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – BIOSÌ INDEXA SORA 3-0

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Christenson 1, Sokolov 14, Sander 5, Juantorena 6, Cester n.e., Candellaro 5, Grebennikov, Zhukouski n.e., Stankovic 14, Kovar 4, Casadei n.e., Milan, Marchisio (L). I All. Giampaolo Medei; II All. Marco Camperi. B/V 5; B/P 17; muri: 7.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 14, Petkovic 9, Rosso 6, Nielsen 1, Mattei 3, Caneschi n.e., Santucci (L), Marrazzo n.e., Duncan Thibault 1, Lucarelli n.e., Fey 5, Penning, Mauti. I All. Mario Barbiero; II All. Maurizio Colucci. B/V 1; B/P 14; muri: 5.

PARZIALI: 25-21 (‘26); 25-16 (‘23); 25-15 (‘21).

MVP: Dragan Stankovic.

ARBITRI: Omero Satanassi, Alessandro Cerra.

SPETTATORI: 2.437.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora